DrivingItalia simulatori di guida Jump to content

Parte 1 Simracing Academy: dinamica veicolo ed iscrizioni aperte

Aspiranti simdrivers, benvenuti nella prima parte della Simracing Academy, la scuola per comprendere i concetti fondamentali per progredire dal livello di principianti a quello di esperti della guida simulata. L'Academy è utile anche ai piloti con una certa esperienza, per approfondire ed effettuare test pratici
Parte 1 Simracing Academy: dinamica veicolo

Automobilista 2: server attivo, pronti per gare e tornei?

Abbiamo attivato un server dedicato, per iniziare a fare test online con qualche gara, per verificare cosi l'interesse per un bel campionato con il sim by Reiza...
Automobilista 2: server by DrivingItalia

Simracing.GP: gare gratuite e tornei by DrivingItalia

Prosegue la collaborazione di DrivingItalia nel programma del nuovo sistema Simracing.GP, una piattaforma online per il simracing eSport, per ora dedicata ad Assetto Corsa, ma con grandi prospettive...
Gare gratuite e tornei by DrivingItalia
  • News

    News - articles

    rFactor 2: disponibile la nuova build 1121

    E' disponibile da qualche minuto la nuova build di rFactor 2 (1121).
    La nuova build porta un sacco di miglioramenti per quanto riguarda la UI, il multiplayer e il modding. Proprio per quanto riguarda il supporto al modding gli sviluppatori hanno rilasciato i primi plugin per 3DS Max 2021, il Material Editor e il Maps Converter Tool. Disponibili anche la nuova documentazione riguardo il modding e la pista di Loch Drummond in modalità "dev".
    Ecco di seguito il changelog completo. Commenti nel topic dedicato
    Old UI (opt-out)
    Client build ID: 5504070 Dedicated server build ID: 5504080 New UI (public_beta)
    Client build ID: 5503999 User Interface
    Added key binding for hide cursor. This is useful when running the in-game overlays and doing a broadcast to a capture card that insists on showing your cursor otherwise. All replay controls can now be custom assigned in the controller tab. By default all replay controls are mapped to the same defaults unless re-assigned. Added first time start up wizard. For now only has name and nickname fields. This will be extended. Added player area in the main UI. For now only has name and nickname fields. In showroom we now check for upgrades on page load and do not show info if there aren’t any. Disabled select button in list layout for category items. When switching from grid or thumbnail layout to the list layout, and having a “category” item selected, the select button would be available and would glitch things when clicked. Clear car configuration info when viewing a “category” item. Updated the pop-up layout and styling. Renamed event screen “Drive” button to “Passenger” when in multiplayer spectator mode. Made transitioning to packages area page smoother: Get packages after the page has loaded to avoid blocking. Show a pop-up message while getting packages. Use a dark grey background during switching to the page. Enabled a chat message for single player admin commands. Fixed a game crash when switching sessions. Fix accessing garage data properties if data is not available. All controller profiles are updated. This fixes various issues when using ‘Detect’ on first time hardware setup. We have new controller profiles for: Simucube 2 Sport; Simucube 2 Pro; Simucube 2 Ultimate; Logitech G923 PlayStation 4 and PC; Logitech G923 XBox One and PC; VRS OSW; XBOX One Controller For Windows. Added “PlayerFileOverrides” to various profiles to ensure proper driver aids are enabled/disabled on first time wheel detect. Added use thread “true” for all profiles. Ensured that the “920 workaround” is set to “false” on all non-Logitech profiles. Fixed profile naming and removed redundant profiles. Fixed stuck ‘look left’ on TS-XW profile. Thrustmaster F1 wheel Integral profiles: Fixed all mapping conflicts: T-GT, TS-PC, T500 RS, TS-XW. Thrustmaster Racing wheel profiles: Fixed all mapping conflicts: T-GT, TS-PC, T500 RS. Thrustmaster F1 wheel Integral profiles: Fixed all mapping conflicts: T-GT, TS-PC, T500 RS, TS-XW. Thrustmaster Racing wheel profiles: Fixed all mapping conflicts: T-GT, TS-PC, T500 RS. Added correct max torque to Fanatec CSW v1, v2, V2.5 and Direct Drive profiles. Modding Support
    Published a ton of new information about modding for rFactor 2 on the documentation website. Large update to modding documentation, will full documentation on PBR material system, dedicated Development Tools section and more. First official release of 3ds Max 2021 Plugins. First official release of Material Editor. First official release of Maps Converter Tool. Added Loch Drummond (PBR Track) to ModDev. Added ability to disable auto albedo correction on pre PBR shaders. Added ability to choose cube Fresnel default settings on pre PBR car body shader. Corrected Deformable Tire shader naming in Max Plugins. Exposed Atmospherics section in Wet file to configure Haze and other settings.. Updated ModDev to use main game HUD. Added ability to save preset positions in the Scene Viewer. Graphics
    Added new pit exit marshal textures, thanks to Alessandro Micali! Small refactor of glare settings in PostFX Many other minor tweaks to various shaders and settings. Multiplayer
    Significantly improved logging for multiplayer sessions. Fixed race conditions in our low level socket node list. Increased the size of an internal array to accommodate all possible cars in a session. Fixed an issue where not just the server would send out node reordering messages. Changed some very “spammy” log messages. Fixed several crashes where some code would reference invalid data. Added descriptive names to all threads. Improved the handling of an application crash to ensure logs get flushed. Broadcast Overlays
    Made qualifying box sector colors correspond to best lap sectors instead of absolute best sectors. Added fallback for drivers with no last name set. Added drop-down in control panel to select overlay configuration. Made replay transition follow the configured series color. Added an option to show more data in tower field 4 (gap to next, number of pit stops). Added an option to automatically enable race update box when timing box is enabled. Fixed pit timer getting stuck after leaving pit lane. Fixed displaying of gaps to leader/fastest lap time in tower and banner. Extended field 2 data with manufacturer and team logo. Added turning lap time green or purple in the qualifying box after the lap. Added option to minimize boxes in the control panel. Fixed starting order not working with multiple events. Fixed replay jumping to wrong time. Cleaned up the CSS to make it easier to make changes in the custom.css. Added a replay marker button to mark replay events. Updated team name and car number to use the entries from the .VEH file. Added mixed/overall standings option. Added an option to toggle between driver name, team name and description. Made b-roll a standalone element. Added option to condense tower by hiding field 2 or 3. Fixed schedule slide date comparing. Added an option to start the overlay in multi-class or single-class mode. Updated banner behavior based on the selected car class (or mixed/multi-class mode). Rearranged control panel. Known issue: tower animation flickers when swapping pages.

    Inside Ride 4 Episodio 5: personalizzazione del pilota e delle moto

    Eccoci tornati con un nuovo episodio di Inside Ride 4, la serie di Milestone che ci porta nel dietro le quinte del nuovo titolo a due ruote in arrivo ad ottobre.
    In questo quinto episodio Milestone ci mostra alcuni degli aspetti della personalizzazione presente in Ride 4: in questo nuovo titolo l'editor, una delle feature fondamentali di Ride, è stata portata ad un nuovo livello. L'editor delle livree, già presente in Ride 3, è stato migliorato con nuove funzionalità, che permetteranno ai giocatori di ricreare fedelmente alcune delle livree più iconiche del mondo a due ruote, con la possibilità di controllare e personalizzare ogni aspetto della livrea. 
    Anche per quanto riguarda la personalizzazione del pilota ci sono novità: il modello 3D del pilota è stato rifatto da zero, usando scansioni 3D per una maggiore accuratezza nei movimenti e nelle proporzioni. Inoltre ogni singolo elemento di personalizzazione, come guanti, tute e stivali sono stati completamente ridisegnati da zero. I costruttori hanno aiutato nell'aggiornamento del "catalogo" e in Ride 4 vedremo il debutto di nuovi marchi.
    Il meglio però arriva con le moto: tutti gli elementi 3D delle moto sono stati completamente rifatti: scarichi e cerchioni sono stati rimodellati da zero e adesso presentano un livello di dettaglio 4 volte maggiore di quello in Ride 3.
    Per tutte queste ragioni il team di Milestone è sicura di aver portato l'editor più completo mai fatto. Anche per questo episodio è tutto. Ride 4 verrà rilasciato per PC, Xbox One e PS4 l'8 Ottobre 2020. Commenti nel topic dedicato
     

    Le Mans Esports Series: dal 15 al 18 Settembre le finalissime online

    La pandemia globale del Covid-19 non solo ha costretto la 24 Ore di Le Mans del 2020 a svolgersi a porte chiuse, ma ha anche spostato online la finale della Le Mans Esports Series. Tuttavia, i quattro giorni di gara, dal 15 al 18 settembre, promettono di essere intensi quanto lo scorso anno, quando si è svolta la finale sul circuito di Le Mans.
    Tutto cambia per la stagione 2 della Le Mans Esports Series: la competizione raggiungerà il suo apice online a Le Mans come l'anno scorso. La Super Finale si disputerà in quattro sequenze, con uno sbalorditivo premio di $ 150.000 da dividere tra le squadre Pro e Pro-Am. Queste quattro sequenze sono programmate alle 16:00 CET dal 15 al 18 settembre in vista dell'88a 24 Ore di Le Mans.
    Il formato di ogni sequenza sarà due sprint di 60 minuti seguiti da una gara di durata di due ore e ciascun periodo sarà dedicato a un periodo specifico nella storia della gara: pre-1970, anni '70 e '80, anni '90 e 2000, e infine dopo il 2010 il 18 settembre. Con due squadre eliminate in ogni fase in entrambe le categorie Pro e Pro-Am, le tre migliori squadre si daranno battaglia nel round finale venerdì 18 settembre. Le gare copriranno una varietà di circuiti tra cui la Bugatti, Le Mans prima dell'introduzione delle chicane Mulsanne Straight, l'attuale Le Mans, Silverstone, COTA, Monza, Spa e Nürburgring.
    La Super Finale sarà trasmessa in diretta sulle pagine Twitch e Facebook della Le Mans Esports Series e su Motorsport.tv. Per ulteriori informazioni sul campionato e le regole della Super Finale, vai su www.lemansesports.com
     

    F1 2020 - Guida al circuito: Monza

    Il grande momento è finalmente arrivato: questo fine settimana il Mondiale di F1 2020 farà tappa per la prima volta nel nostro Paese per dare vita al classicissimo Gran Premio d’Italia. Il circuito prescelto? Ebbene sì, il mitico Tempio della Velocità brianzolo: l’Autodromo Nazionale di Monza!
    Una pista storica entrata nell’immaginario collettivo come una delle più belle al mondo, la terza più antica dopo quella di Indianapolis e quella inglese di Brooklands, oggi in disuso perché chiusa già nel 1945. Una pista che è anche la più veloce del Mondiale, dove nel 2018 il finlandese Kimi Raikkonen ha stabilito il nuovo primato assoluto della massima serie automobilistica, fermando il cronometro sull’1’19’’119 con una media oraria di 263,587 km/h.

    AUTODROMO DI MONZA: LE ORIGINI
    La storia dell’Autodromo Nazionale di Monza inizia nel lontano 1922, quando l’Automobile Club di Milano decise di dar vita al progetto di un circuito permanente all’interno del Parco Reale di Monza: una mossa voluta non solo per dar spazio al motorsport in Italia, ma anche per il fatto che le corse portavano tanta pubblicità alle case automobilistiche.
    Con i lavori iniziati il 15 maggio, il circuito fu completato in soli 110 giorni e il primo giro di pista completo avvenne il 28 luglio da parte di Pietro Bordino e Felice Nazzaro su una Fiat 570. Benchè i disegni originari volevano una pista lunga 14 km a forma di “otto”, l’Autodromo di Monza assunse un layout a doppio anello, con una pista stradale di 5.500 metri a sette curve e un anello ad alta velocità di forma ovale con due sopraelevate lungo 4.500 metri.
    Il circuito si dimostrò subito estremamente veloce, al punto da mietere vittime già nei primi anni di attività. Per ovviare a questo problema prese vita prima, nel 1935, il “circuito Florio”, che univa i due tracciati originari con una serie di chicanes che rallentavano il ritmo, e poi, nel 1939, una serie di modifiche per rendere più sicuro l’impianto brianzolo. L’anello ad alta velocità fu demolito, mentre la pista stradale ottenne un nuovo “rettifilo centrale” dove si immetteva la curva del Vialone, che poi avrebbe portato a due inedite curve a gomito chiamate “curve di Vedano” e conosciute anche come “curve in porfido”, per via del fondo lastricato che le caratterizzava a livello della “sopraelevata Sud”.

    AUTODROMO DI MONZA: RITORNA L’ANELLO DI VELOCITÀ
    Dopo la Seconda Guerra Mondiale la volontà dei proprietari dell’Autodromo di Monza fu quella di ripristinare il decaduto anello ad alta velocità, in modo da supportare i vari tentativi di record effettuati dalle case automobilistiche. Il progetto seguì lo stesso layout del precedente nella parte Nord, mentre in quella a Sud fu necessario arretrare di 300 metri la sopraelevata, oltre a riprogettare le ultime curve della pista stradale.
    Al posto delle curve di Vedano fu introdotto un unico curvone con sviluppo di 180 gradi, chiamato “Parabolica”, mentre l’ultima curva dell’anello ottenne un’elevata inclinazione trasversale fino all’80% rispetto al piano orizzontale, con 14 torrette di segnalazione disseminate lungo l’intero tracciato destinate ai commissari, ai tecnici Radiotelevisivi, a giornalisti e fotografi.
    Il nuovo impianto fu inaugurato nel 1955, ma subito ci si rese conto che i due tratti sopraelevati creavano delle sollecitazioni fisiche eccessive ai piloti e diversi guasti meccanici alle vetture. Questo portò in pochi anni alla dismissione definitiva dell’anello ad alta velocità, tolto dal calendario iridato per la precisione nel 1961 dopo la morte del ferrarista Wolfgang von Trips.

    AUTODROMO DI MONZA: FOCUS SULLA SICUREZZA
    Il tedesco non fu il solo a perire sul circuito brianzolo: pochi anni prima era toccato al celebre Alberto Ascari, in cui onore la curva del Vialone fu ribattezzata “curva Ascari”, mentre poco tempo dopo fu il turno dell’austriaco Jochen Rindt, poi diventato l’unico Campione del Mondo postumo nella storia del Campionato di Formula 1.
    Il progressivo aumentare della velocità media sui quasi 6 km di asfalto all’interno del Parco di Monza portò a diverse modifiche strutturali a partire dagli anni ‘70, in modo da rendere meno pericolosi i Gran Premi. Alle prime chicane provvisorie arrivarono, nel 1976, tre distinte varianti a livello della parte finale del rettilineo dei box, della curva della Roggia e della curva Ascari.
    Ulteriori interventi per migliorare la sicurezza furono attuati nel 1994, nel 1995 e nel 2000: fu rivista innanzitutto la variante Goodyear (la prima al termine del rettilineo principale), seguita da quella della Roggia assieme alla curva Grande e alle due Lesmo. L’ultimo intervento è datato 2014, quando vennero asfaltate le vie di fuga della Parabolica, al fine di dar maggior spazio di manovra ai piloti di Formula 1.

    AUTODROMO DI MONZA: COME SI AFFRONTA UN GIRO DI PISTA
    Oggi il Monza Eni Circuit è lungo 5.793 metri e presenta 11 curve, la prima delle quali è la variante Goodyear (o del rettifilo) posizionata al termine del rettilineo principale. Qui le monoposto di Formula 1 raggiungono una velocità massima di 360 km/h, che si riduce a soli 70 km/h quando i piloti arrivano alla staccata in prossimità del cartello dei 100 metri.
    Una volta affrontata la chicane destra-sinistra, ci si lancia verso il curvone Biassono, conosciuto anche come Curva Grande o Curvone: si tratta di una lunga curva a destra ad ampio raggio, da percorrere in pieno fino alla Seconda Variante, o Variante della Roggia. Qui si arriva a oltre 320 km/h e si deve staccare al cartello dei 100 metri, per affrontare un sinistra-destra molto tecnico che porta nel secondo settore, contraddistinto innanzitutto dalle due curve di Lesmo.

    La prima, Lesmo 1, è una curva a destra da percorrere in quarta marcia senza quasi toccare i freni, mentre la seconda, Lesmo 2, richiede una leggera frenata al cartello dei 50 metri per indirizzare la vettura verso il Serraglio, curva in discesa con una piccola piega a sinistra che permette l’utilizzo del DRS al fine di tentare il sorpasso in vista della variante Ascari.
    Qui si arriva a quasi 340 km/h e si deve staccare molto tardi per portare quanta più velocità possibile nella successione di curve sinistra-destra-sinistra, che immettono nel rettilineo opposto a quello dei box. L’ultimo ostacolo da affrontare prima della bandiera a scacchi è la Parabolica: si stacca al cartello dei 100 metri, si scala fino alla quarta marcia e si decelera dai 340 ai 190 km/h, per poi toccare l’apice in entrata e lasciare scorrere in uscita verso l’esterno, in modo da imboccare il rettilineo successivo alla massima velocità.

    AUTODROMO DI MONZA: LA VELOCITÀ È TUTTO
    Come è stato per Spa-Francorchamps, anche l’Autodromo di Monza richiede un setup particolarmente scarico a livello di carico aerodinamico, in modo da massimizzare la velocità di punta in ogni settore di pista. Ogni cavallo di motore è fondamentale per centrare il tempo sui 5.793 metri della pista brianzola, visto che 10 cavalli, secondo le simulazioni, equivalgono a circa due decimi di secondo al giro.
    Gli alettoni delle monoposto di Formula 1, quindi, verranno settati su inclinazioni parecchio scariche in vista della gara di domenica, mentre le Power Unit dovranno generare il massimo potenziale a loro disposizione mantenendo, allo stesso tempo, la massima efficienza possibile. In questo senso la MGU-H dovrà essere in grado di generare gran parte dell’energia elettrica necessaria ad affrontare l’intero GP, visto che la MGU-K è in grado di recuperare solamente 650 kJ al giro contro i 3305 kJ della componente gemella. Il cui contributo equivale a 3,5 secondi per giro con un aumento di velocità fino a 20 km/h.

    Anche l’impianto frenante dovrà essere parecchio efficiente, viste le diverse staccate da affrontare per decelerazioni davvero... al limite. I tecnici della Brembo, in questo caso, hanno valutato Monza come una pista molto impegnativa con valore 8 su una scala da 1 a 10… il che significa che dischi e pastiglie andranno incontro a sollecitazioni per le quali la loro ventilazione dovrà essere davvero ottimale.
    Le gomme, infine, dovranno ottenere la giusta temperatura di esercizio senza andare in surriscaldamento, un problema particolarmente difficile da affrontare per Pirelli e per i vari team a causa delle sollecitazioni longitudinali in frenata e laterali in trazione a cui sono sottoposte. Per il Tempio della Velocità, la Casa della P lunga metterà a disposizione le mescole C2, C3 e C4, vale a dire le P Zero White hard, P Zero Yellow medium e P Zero Red soft

    AUTODROMO DI MONZA: LA HALL OF FAME DEL GRAN PREMIO D’ITALIA
    Il Monza Eni Circuit è stato la sede privilegiata del Gran Premio d’Italia per 85 edizioni delle 90 totali disputate: le altre cinque sono state disputate a Montichiari (1921), Livorno (1937), Milano (1947), Torino (1948) e Imola (1980). L’albo d’oro della Formula 1 vede attualmente Michael Schumacher come il Re incontrastato del Tempio della Velocità, grazie alle sue cinque vittorie ottenute nel 1996, nel 1998, nel 2000, nel 2003 e nel 2006… a parimerito con Lewis Hamilton, trionfante nel 2012, nel 2014, nel 2015, nel 2017 e nel 2018.
    Il pilota della Mercedes è anche il più veloce sui 5.793 metri della pista brianzola, grazie alle sue sei pole position e i suoi sei giri veloci in gara con i quali ha battuto nientemeno che Juan Manuel Fangio e Ayrton Senna. Hamilton e Schumacher, inoltre, condividono il numero di podi ottenuti in carriera (otto per ciascuno), mentre la Ferrari è certamente il Costruttore (e il motorista) più vincente e veloce di tutta la storia di Monza, grazie alle sue 20 vittorie, 21 pole position, 70 podi e 19 giri veloci.
    A questo punto, non ci resta che augurarvi buona visione per il video qua sotto: è arrivato il momento di scoprire tutti i segreti del Tempio della Velocità brianzolo, grazie alla video-guida di Esteban Gutierrez girata al volante della Mercedes W11 EQ Power+ con il videogioco ufficiale della Codemasters F1 2020!
     

    iRacing: in arrivo la Corvette C8.R nella prossima build!

    Come un fulmine a ciel sereno è arrivato l'annuncio da parte di Corvette tramite il loro account Twitter: la nuovissima C8.R arriverà su iRacing con la build della Stagione 4, che verrà rilasciata questo mese.
    L'annuncio, confermato anche da Steve Myers di iRacing, ha colto praticamente tutti di sorpresa, dato che per molto tempo si è parlato di attriti tra il costruttore americano e la stessa iRacing a causa delle scansioni troppo approfondite del team di Dave Kaemmer. Evidentemente non è più così e iRacing ha messo così a segno un altro colpo grosso dopo aver annunciato la nuova LMP2 e una McLaren MP4-30 totalmente rivisitata con 3 mescole diverse.
     

    Drift21: nuovo update disponibile - BMW E46 e motore V8 disponibili

    Torna ad aggiornarsi il simulatore di rally targato ECC Games SA, e lo fa portando due nuove aggiunte di spessore: la BMW E46 e i motori V8.
    Oltre ad aver aggiunto questi due contenuti l'aggiornamento porta dei fix per alcuni problemi segnalati dalla community. Ma non è tutto per questo mese: gli sviluppatori hanno intenzione di rilasciare un nuovo circuito e stanno lavorando duramente per aggiungere una modalità multiplayer.
    Ecco di seguito il changelog completo. Commenti nel topic dedicato
    Changelog

    New content
    Added new car - BMW E46 Added multiple BMW E46 presets for Quick Race mode Added tuning car parts for BMW E46 Added new engine - V8 Added multiple tuning parts for V8 engine Added parts crucial for V8 engine and previously released cars
    Fixes & changes
    Fixed an issue with Subaru BRZ suspension parts being incorrectly assigned in the dyno Fixed an issue with roll cage clipping through the car seat in Mazda RX8 Small changes to Mazda MX5 headlights Small changes to cameras in Subaru BRZ

    Project CARS 3: scopriamo tutti i potenziamenti del gioco

    Casey Ringley, Vehicle Technical Art and Handling, ci offre uno sguardo da vicino sui potenziamenti in Project CARS 3.

    Gli aggiornamenti delle parti delle prestazioni in Project CARS 3 funzionano direttamente con il motore fisico e ciò ha ovvie conseguenze su come si deve scegliere di aggiornare l'auto. In primo luogo, perché il potere senza controllo può essere molto divertente, ma è anche il modo più veloce per fare un incidente, e in secondo luogo (e soprattutto), perché ci sono diversi "tipi" di guadagni di potenza da ottenere nel gioco.
    In attesa della nostra recensione approfondita, correte qui per saperne di più.
     

    505 Games lancia gli sconti estivi, da oggi alle ore 19 fino al 8 Settembre

    505 Games ha deciso di accompagnare la fine dell’estate con incredibili sconti su alcuni dei suoi titoli più grandi e adorati da critica e fan, tramite dei saldi dedicati su Steam: https://store.steampowered.com/publisher/505Games
    Da giovedì 3 settembre (alle ore 19:00), fino a martedì 8 settembre (alle ore 19:00), i giocatori potranno ampliare la propria libreria Steam risparmiando fino all’85% su una selezione di giochi, espansioni, bundle e bonus pack pubblicati da 505 Games su Steam. Gli utenti potranno accaparrarsi alcuni dei titoli più bramati ad una frazione del prezzo di listino, non mancano naturalmente i titoli racing targati Kunos Simulazioni.
    Assetto Corsa Competizione – 50%
    Assetto Corsa Competizione - Intercontinental GT Pack - 25%
    Assetto Corsa -75%
    Drift21 – 33%


    AC Competizione Vs reality: video con la McLaren 720S GT3 di Baldwin

    Il video qui sotto ci presenta il confronto diretto fra la realtà della pista di Brands Hatch, a bordo della McLaren 720S GT3 guidata da James Baldwin e la controparte virtuale in Assetto Corsa Competizione, con alla guida lo stesso pilota britannico, vincitore del torneo World's Fastest Gamer.
    Jump onboard and compare the Jenson Team Rocket RJN's McLaren 720S in both the real and virtual World of Assetto Corsa Competizione. James Baldwin, the World's Fastest Gamer, took Pole Position at the famous Brands Hatch GP circuit in real life and here drives the car in both the simulated world of ACC and in the real GT3 car.
     
  • Who's Online   11 Members, 0 Anonymous, 111 Guests (See full list)

    • Lele "NightRider" Albanes
    • Artisan PvP
    • Peach
    • TontonAlbert31
    • Gabriele Romano
    • maxcoslo
    • AyrtonForever
    • umby4u
    • Gambero
    • Akrapovic
    • BradR


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.