Jump to content

Benvenuto nel Simracing: registrati subito!

Dal 1999, la più seguita community di appassionati di simulatori di guida

  • News

    News - articles

    Pinned / Featured

    3DRAP sponsor dei campionati online DrivingItalia, iscriviti subito !

    E' tutto pronto ormai per l'accensione dei motori dei nuovi campionati online di DrivingItalia della stagione Gennaio - Aprile 2020, che vedete presentati nel trailer qui sotto. Sono già tantissimi i piloti partecipanti, ma è ancora possibile iscriversi alla GT Series Season 2 con Assetto Corsa Competizione, per tutti gli appassionati delle possenti GT3, al Formula 3 Challenge, con Assetto Corsa, per i fans delle monoposto ed al Audi TT Endurance Cup, sempre con Assetto Corsa, particolarmente adatto anche ai piloti principianti.
    Ricordate che è possibile partecipare a tutti i campionati online di DrivingItalia anche dai Driving Simulation Center (a Firenze, Lanciano, Novara, Sciacca e Torino), senza nessun costo di iscrizione, con il supporto di simulatori dinamici e professionisti dedicati e persino con il posto garantito in gara, senza dover effettuare prequalifica.
    Senza dimenticare il campionato Road to Glory che si svolgerà, in esclusiva, proprio nei Driving Simulation Center, con in palio spettacolari test in pista con vettura da corsa all'Autodromo del Mugello!

    Inoltre annunciamo che 3DRap, nota azienda campana specializzata nella realizzazione di componentistica ed accessori  di alto livello per il simracing, è il nuovo partner e sponsor dei tre campionati online di DrivingItalia! A fine tornei quindi, i primi tre piloti della classifica finale del GT Series, Formula 3 ed Audi Cup, vinceranno la seguente scontistica, da poter utilizzare a piacere per l'acquisto di un prodotto by 3DRap:
    Al primo classificato: 1° premio buono sconto 50%
    Al secondo classificato: 2° premio buono sconto 35%
    Al terzo classificato: 3° premio buono sconto 15%
     
    Cosi avete un motivo in più per allenarvi... 😉 
     
    • By VELOCIPEDE
    • 200 views
    • 0 comments

    AC Competizione: Liqui-Moly Bathurst 12 Hour [for fun]

    Per festeggiare il prossimo arrivo del nuovo Intercontinental GT Challenge DLC per Assetto Corsa Competizione, che include lo spettacolare tracciato di Bathurst, vi proponiamo l'evento singolo for fun della Liqui-Moly Bathurst 12 Hour, gara simulazione della 12 ore di Bathurst reale che si svolge nel weekend del 1/2 Febbraio.
    Il regolamento generale da seguire è quello della GT Series Season 2, con le seguenti specifiche di gara:
    data lunedi 3 febbraio 2020 (provvisoria) gara per singolo pilota posti disponibili 40 gara 45 minuti con tempo accelerato x8  per iscrivervi rispondete in questo topic del forum indicando il nome e cognome NOTA: la data fissata per la gara (3 febbraio) potrebbe essere spostata al 17 febbraio (o oltre) nel caso di mancata disponibilità del circuito (al momento non è nota la data di rilascio)


    Pinned / Featured

    Torneo DSC Road to Glory dal 21 Febbraio: per vincere il MUGELLO!

    Driving Simulation Center annuncia la seconda edizione del campionato Road to Glory, un torneo di sei gare, riservato ai piloti che correranno dai vari DSC e dai centri affiliati, che mette in palio tre turni in pista con vettura da corsa da oltre 200 cavalli all'Autodromo del Mugello!
    Il Road to Glory 2020 partirà a fine Febbraio, con il seguente calendario, che prevede vetture e circuiti molto diversi fra loro ed un regolamento specifico, cosi da dare a tutti i piloti pari opportunità:
    1) venerdi 21 febbraio: Ferrari 488 GT3 - Autodromo del Mugello
    2) venerdi 6 marzo: Lamborghini Huracan GT3 - Nurburgring GP
    3) venerdi 20 marzo: Alfa Romeo 155 DTM - Imola
    4) venerdi 3 aprile: BMW M3 Gruppo A - Laguna Seca
    5) venerdi 17 aprile: Formula 3 2019 - Silverstone
    6) venerdi 8 maggio: Formula 1 2019 - Spa Francorchamps
    Potete scaricare da questo link il regolamento completo del campionato che, come vedrete, offre davvero a tutti la possibilità di vincere, premiando anche i piloti più corretti e costanti!
    Il costo di iscrizione al Road to Glory, per tutte le sei gare, è di soli 25 Euro, entro il 15 Febbraio, quindi correte subito nel Driving Simulation Center più vicino per prenotare il vostro simulatore ed iniziare ad allenarvi:
    - a LANCIANO Corso Bandiera 102 - tel. 380 4116922
    - a TORINO Via Rivalta 34 - tel. 375 6393927
    - a SCIACCA Via Alcide de Gasperi 187 - tel. 339 789 9786
    - a FIRENZE Via Pratese 20A - tel. 348 5690320
    - a NOVARA Corso XXIII Marzo, 102 - tel. 335 665 9816

    Assetto Corsa Competizione: in arrivo anche Suzuka, prime immagini

    Con un post su Facebook apparso da qualche minuto, la Kunos Simulazioni conferma il prossimo arrivo del tracciato giapponese di Suzuka per il suo Assetto Corsa Competizione. La pista sarà parte del Intercontinental GT pack, primo DLC dedicato al simulatore ufficiale del campionato GT World Challenge (noto anche nel 2019 come campionato Blancpain GT).
    Il circuito di Suzuka è un autodromo giapponese, tra i più importanti ed originali al mondo, grazie ad alcune caratteristiche che l'hanno reso inconfondibile. È stata la sede del Gran Premio del Giappone di Formula 1 dal 1987 al 2006. Nei campionati 2007 e 2008 è stato sostituito in questo ruolo dal rinnovato circuito del Fuji, per tornare poi in calendario dal 2009.
    Costruito all'interno di un parco giochi dalla Honda nelle vicinanze della città di Suzuka in Giappone come tracciato da utilizzare nei test, Suzuka è diventato, negli anni 1980, un appuntamento fisso per la Formula 1 ed in seguito per il motomondiale dove ha ospitato varie edizioni del Gran Premio motociclistico del Giappone.
    Lungo 5 807 metri, il tracciato giapponese è uno dei più spettacolari e tecnici grazie alla varietà delle sue curve (si passa da tornanti come l'Hairpin a curvoni veloci come la curva 15 chiamata 130R), infatti è sempre stato amato dai piloti che vi hanno corso. Questa pista è inoltre l'unica nella storia della Formula 1 ad avere una conformazione ad 8, ovvero con un sottopasso e relativo cavalcavia. Nonostante la bellezza del tracciato, a Suzuka è sempre stato problematico compiere sorpassi.
    Grazie alla sua posizione nel calendario, storicamente posta a fine Campionato, Suzuka è stata spesso determinante al fine dell'assegnazione del titolo di Formula 1. L'edizione 1987, ricordata anche per il ritorno alla vittoria della Ferrari dopo un lungo digiuno, laureò per la terza volta campione del mondo Nelson Piquet, agevolato nell'impresa dall'incidente che mise k.o. nelle prove il suo compagno di squadra Nigel Mansell, unico altro contendente.
    Nel triennio 1988-90 la lotta fu tra i grandi rivali Ayrton Senna e Alain Prost, i cui duelli infiammavano la Formula Uno di quegli anni. Il 1988 vide il primo trionfo iridato del brasiliano ai danni del francese, entrambi su McLaren. Nel 1989, all'ultima variante, un tentativo di sorpasso di Senna sul compagno di squadra Prost si risolse in un discusso incidente. Mentre il francese scendeva dalla sua vettura, ritirandosi, il brasiliano si faceva spingere dai commissari, e ripartiva tagliando la chicane. Fermatosi ai box per cambiare il musetto danneggiato, Senna tornava in pista e, negli ultimi giri, sorpassava Alessandro Nannini, che aveva preso la leadership della gara, e andava a vincere. I commissari, però, nel dopo gara, squalificheranno il brasiliano, reo di aver tagliato la chicane, consegnando così il titolo al compagno Prost. L'anno seguente Senna, tentando di superare Prost (passato nel frattempo alla Ferrari) alla prima curva, lo speronò causando il ritiro di entrambi; quell'incidente valse al brasiliano il secondo titolo mondiale.
    Ancora a Suzuka Senna vinse il suo terzo titolo nel 1991, quando riuscì a piegare le velleità stavolta di Nigel Mansell, uscito di pista nei primi giri.
    Suzuka tornò ad essere determinante nell'edizione 1996, con un duello tutto in casa Williams: Damon Hill vince il Gran Premio e si aggiudica quel Mondiale, sconfiggendo il compagno di squadra Jacques Villeneuve, costretto al ritiro per il distacco di una ruota. Le edizioni 1998 e 1999, invece, sancirono la vittoria iridata del finlandese Mika Häkkinen ai danni dei ferraristi Michael Schumacher e Eddie Irvine.
    Il circuito di Suzuka fu pure teatro, nel 2000, del ritorno alla vittoria, nel Campionato del Mondo Piloti, della Ferrari, grazie a Michael Schumacher, quest'ultimo al suo terzo alloro iridato. Infine, l'ultima volta che questa pista assegnò il titolo fu nel Campionato 2003, con lo stesso Schumacher che lo vinse, per la sesta volta, al termine di una gara piuttosto difficile e fortunosa.
    Alla fine del 2006, il circuito fu momentaneamente abbandonato in favore del rinnovato Circuito del Fuji; nel 2009 Suzuka è tornato ad ospitare il Gran Premio del Giappone a seguito del ritiro del Fuji.
    Suzuka tornò ad essere decisiva nel 2011, Button vinse ma Vettel giunse terzo e si riconfermò campione del mondo.
    Il circuito, nel 2014, viene particolarmente ricordato in seguito all'incidente del pilota francese della Manor Racing, Jules Bianchi; primo incidente fatale dopo il Gran Premio Di San Marino del 1994, dove morirono Ayrton Senna e Roland Ratzenberger.
    Fonte Wikipedia



    • By VELOCIPEDE
    • 21 views
    • 0 comments

    Dirt Rally 2.0: nuova patch in arrivo domani

    Con un post sul forum PJ Tierney, social media manager di Codemasters, ha rilasciato il changelog della patch che porterà il gioco alla versione 1.12 in arrivo domani per DIRT Rally 2.0
    Dal changelog, oltre ad aggiornamenti e fix vari, apprendiamo che sono in arrivo 3 nuove auto: Mini Cooper SX1, Renault Clio R.S. RX e Ford Fiesta Rallycross (STARD). Queste auto verranno rese disponibili il 28 Gennaio come parte della Stagione 4.
    Ecco di seguito il changelog. Per i commenti fate riferimento al topic dedicato
     

    [Parte 4] Guida al setup nel simracing: le barre anti-rollio

    Piloti, eccoci di nuovo al nostro appuntamento settimanale che copre le varie fasi della procedura di setup di una vettura da corsa nel mondo del simracing! Dopo aver esaminato approfonditamente tutti gli aspetti che influenzano le gomme e la loro geometria, oggi andremo a toccare per la prima volta una delle componenti che influenzano il comportamento delle sospensioni: le barre anti-rollio.
    Chiamata anche “anti-roll bar”, consiste in una grande molla a torsione a forma di “C” che connette le sospensioni da una parte all'altra di un'automobile, ovviamente sullo stesso asse. Il loro compito è semplice: limitare il rollio della vettura in curva, trasferendo parte della forza della sospensione non in compressione a quella in esercizio, per una migliore stabilità che permette l'utilizzo di molle più morbide senza compromettere il comfort di marcia.

    BARRE ANTI-ROLLIO: COME INFLUENZANO IL BILANCIAMENTO
    Su una vettura da corsa, solitamente, le barre anti-rollio sono due: una all'anteriore e una al posteriore, che vanno a modificare quanto rollio, cioè quanto movimento laterale, la macchina incontrerà durante la percorrenza di una curva. In questo modo gli anti-roll bar andranno ad alterare il bilanciamento complessivo tra i cordoli, generando più grip all'avantreno o al retrotreno.
    Repetita juvant! Quando le gomme anteriori hanno più grip di quelle posteriori, la nostra vettura genererà sovrasterzo, mentre al contrario, sempre guidando al limite delle prestazioni disponibili, quando le gomme anteriori hanno a disposizione meno aderenza di quelle posteriori dovremo affrontare una buona dose di sottosterzo. Per opporci a queste situazioni, potremo andare a toccare la pressione o la geometria degli pneumatici... oppure la durezza delle sospensioni, ed in particolar modo il comportamento delle barre anti-rollio!

    Modificare gli anti-roll bar al fine di migliorare entrata, percorrenza ed uscita da una curva comporterà, quindi, un significativo impatto sul bilanciamento generale della nostra vettura: per questo motivo, se quando abbiamo parlato di sospensioni avete pensato alle molle e agli ammortizzatori... date prima una chance anche alle componenti che stiamo trattando in questa puntata, perchè potrebbero aiutarvi a trovare del tempo prezioso in pista.
    BARRA ANTI-ROLLIO ANTERIORE: LA CURA PER L'ENTRATA IN CURVA
    Dal momento che le gomme anteriori sono sottoposte a un carico maggiore rispetto a quelle posteriori durante l'inserimento in curva, la barra anti-rollio anteriore è la componente ideale da andare a modificare per migliorare questa fase di azione in pista.
    Se la vostra auto da corsa soffre di sottosterzo, potete facilmente ammorbidire la barra anti-rollio anteriore per portare più grip all'avantreno ed essere più precisi in inserimento. Al contrario, se avete tra le mani una macchina molto nervosa che tende al sovrasterzo e a chiudere troppo in anticipo la curva durante l'inserimento, indurire l'anti-roll bar anteriore toglierà grip e aumenterà il sottosterzo, limitando le perdite di aderenza al posteriore.

    BARRA ANTI-ROLLIO POSTERIORE: PER MIGLIORARE PERCORRENZA E USCITA
    Una volta trovata la cura per l'entrata in curva, è il momento di trovare la soluzione ad alcuni problemi che possiamo avere a che fare durante la percorrenza e, soprattutto, quando è il momento di accelerare in uscita verso il rettilineo successivo. In questa fase la distribuzione dei pesi della nostra vettura, infatti, si sposta al posteriore, così come il bilanciamento del grip disponibile: in questo contesto entra in gioco la barra anti-rollio posteriore, che può aiutarci considerevolmente ad essere ancora più competitivi tra i cordoli.
    Se nel momento di riprendere il gas in mano la nostra auto da corsa soffre di sottosterzo e ci vuole portare nella ghiaia, andremo ad indurire l'anti roll-bar posteriore, che toglierà grip e genererà, al contrario, quella giusta quantità di sovrasterzo per rimanere in traiettoria. Se, invece, in uscita di curva sentiamo che la nostra macchina vuole andare in sovrasterzo portandoci in testacoda, allora la modifica da effettuare sarà quella di ammorbidire la barra anti-rollio posteriore, per generare del sottosterzo.

    CONCLUSIONI
    Da quando abbiamo iniziato questa speciale guida a puntate sul come affrontare il processo di setup di un'auto da corsa, le modifiche che vi abbiamo spiegato nei dettagli hanno preso in considerazione alcuni aspetti che, in linea generale, non hanno stravolto l'assetto della nostra macchina... ma che, con tutta probabilità, vi hanno aiutato a sentirvi più a vostro agio fra i cordoli.
    Combattere con una vettura che non ne vuole sapere di rimanere in pista può essere frustrante, per cui trovare la giusta pressione delle gomme (a seconda della loro finestra di utilizzo che richiede un'analisi delle temperature) e la loro corretta geometria sono stati i primi passi per renderla “più docile” e maggiormente incline ad andare alla ricerca della prestazione. Con le ultime modifiche proposte in questa puntata sulle barre anti-rollio, infine, potremo andare ad alterare significativamente il suo bilanciamento, in modo da correggere il possibile sovrasterzo (o sottosterzo) che possiamo provare nell'affrontare le curve. Per un miglioramento ancora più consistente, però, dovete aspettare la prossima puntata, che tratterà di...

    • By Giulio Scrinzi
    • 198 views
    • 1 comment

    iRacing: stasera la finale del trofeo GT ACI Esport

    Da non perdere questa sera la finalissima su iRacing del trofeo GT targato ACI Sport, sul tracciato di Monza. Sarà possibile seguirla grazie alla diretta curata da Simracingleague, con il commento di Giancarlo Granalli e Marco Barbanera. In palio non solo il poter essere premiati il prossimo febbraio durante la cerimonia dei Campioni ACI 2019, ma anche i due biglietti per la Formula 1 a Monza e, soprattutto, fama e gloria!
     
    Featured

    Virtual Race Car Engineer 2020: un ingegnere per l'assetto! Approfitta dello sconto 25% by DrivingItalia!

    Dopo il successo del già noto ed apprezzato Setup Developer Tool, Tim McArthur ritorna con il suo ingegnere di pista virtuale, questa volta con un programma molto più completo e professionale, aggiornato proprio all'annata attuale: Virtual Race Car Engineer 2020. Si tratta di un vero e proprio ingegnere di pista digitale che, in base alle risposte che noi daremo alle sue domande, tramite il software provvederà a fornirci indicazioni precise su come modificare l'assetto in maniera consona, così da farci sentire a nostro agio con qualsiasi vettura e, naturalmente, migliorare le nostre performance.
    Potete leggere la nostra recensione dell'edizione 2018 di Virtual Race Car Engineer, per rendervi conto della validità di un programma che si è costantemente migliorato nel corso del tempo e viene sempre aggiornato. Virtual Race Car Engineer 2020 sarà disponibile dal 20 Gennaio sul sito ufficiale e dal 27 Gennaio anche su Steam.
    Inoltre Tim McArthur ha deciso di fare un bel regalo esclusivo a tutti gli utenti di DrivingItalia.NET: dirigendovi a questo link dedicato (come coupon code "drivingitalia"), potrete acquistare Virtual Race Car Engineer 2020 con lo sconto del 25%, quindi a soli 14,99 dollari, meno di 14 euro !
    Per tutti i dettagli, immagini e commenti, fate riferimento a questo topic del forum, qui di seguito alcuni screens ed un video di anteprima del software in uso.






    • By VELOCIPEDE
    • 2,541 views
    • 1 comment

    Precision Sim Engineering GPX Steering Wheel

    Dopo l'AccuForce DuraMold Steering Wheel che vi abbiamo mostrato in questi giorni, oggi vogliamo rendervi partecipi della visione di un altro volante che riteniamo meriti l'attenzione di molti appassionati.
    Stiamo parlando di Precision Sim Engineering, un gruppo di appassionati che creano prodotti personalizzati per i simdrivers di tutto il mondo. Lavorano con piloti professionisti e giocatori per offrire esperienze coinvolgenti nel motorsport virtuale. 
    Il modello GPX è il loro fiore all'occhiello. Si tratta di un volante in stile formula caratterizzato da ben 9 quadranti rotanti e 12 pulsanti di alta qualità, con i quali avere il controllo completo della tua configurazione, giro dopo giro. Presenta inoltre un display LCD a colori e impugnature in poliuretano a lunga durata. Volendo, potete optare per la versione a doppia frizione con un punto di presa regolabile aggiungendo alla cifra base di 2400 sterline altre 250 sterline.
    Caratteristiche:
    Diametro 290mm  Impugnature in poliuretano stampato ad iniezione 9 controlli rotativi  12 pulsanti di alta qualità  Comandi del cambio magnetici PSE con paddle in fibra di carbonio Pagaie a doppia frizione opzionali con punta regolabile Display dati LCD a colori Cavo USB a spirale sostituibile di livello industriale Il volante è compatibile con le seguenti basi:
    Qualsiasi raccordo a sgancio rapido da 50,8 mm (non incluso) Simucube SC2 + SC1 SimSteering OSW Accuforce (rilascio rapido Accuforce non incluso) Fanatec Podium e CSW 2.5 tramite Fanatec Podium Hub (non incluso)
    • By survivor91
    • 270 views
    • 1 comment

    Toyota Racing Series: prima gara, Igor Fraga subito a podio!

    Il campione 2018 della GT Sport Nations Cup Igor Fraga ha iniziato la sua stagione 2020 con un podio impressionante nell'impegnativa Toyota Racing Series, categoria di Formula 3 che assegna punti Super Licensa (anche per la Formula 1) ai primi cinque classificati. La TRS si corre con un telaio FT-60 F3 prodotto da Tatuus, con un motore Toyota turbo compresso da 270 CV, quindi un'accoppiata che dovrebbe essere familiare a Fraga, dopo la sua esperienza del 2019 in Formula Regional Europe, mentre i circuiti sono meno noti al campione brasiliano, visto che si tratta di tracciati all'interno dei confini della Nuova Zelanda, con cinque gare in cinque fine settimana consecutivi.
    Il primo evento questo fine settimana si svolge presso l'Highlands Motorsport Park di Cromwell. Dopo una buona qualifica, con la sua M2 Competition #17 al quarto posto della griglia, due caselle dietro il compagno di squadra Liam Lawson, campione TRS del 2019, Fraga si comporta egregiamente in gara e guadagna la terza posizione, dietro Collet e Lawson. A fine gara, un reclamo della M2 Competition ha causato a Collet una penalità di 5 secondi, che quindi ha promosso Lawson e Fraga ad una doppietta proprio per M2. Secondo posto finale quindi per il campione GT Sport!
    L'azione in pista riprende domenica con altre due gare: una di 15 giri, seguita da una gara più lunga, che sarà possibile seguire entrambe in streaming live. Il simracing ormai fa "paura"....

    • By VELOCIPEDE
    • 187 views
    • 0 comments
  • Who's Online   33 Members, 0 Anonymous, 432 Guests (See full list)

    • Matteo Gelati
    • Hotfire475
    • Artisan PvP
    • Jarda11
    • Luca782005
    • fenrir
    • rubbon
    • juri
    • pct
    • CarminerRock97
    • maxcoslo
    • Desmogiu
    • Claudio Marche
    • sergio prandelli
    • skerp
    • giustino76
    • Alfred ita
    • CiccioFritz
    • mupazza
    • Zio Ark
    • dream092
    • Ugo Pupazzi
    • luciano
    • Sibert
    • VELOCIPEDE
    • Gianluca Coppi
    • GiuseppeMBG
    • Cip060
    • Gambero
    • iMSpeeDy_EU
    • peppestrong
    • acavalla7
    • Franco Ferioli


  • www.TuttiAutoPezzi.it


    www.Auto-Doc.IT


  • su questo sito
  • Categories

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.