Jump to content

Benvenuto nel Simracing Esport: registrati subito!

Dal 1999, la più importante e seguita community di appassionati di simulatori di guida

  • Sign in to follow this  

    (0 reviews)

    F1 2017 Codemasters: la recensione di DrivingItalia

    • VELOCIPEDE
    • By VELOCIPEDE
    • 4 comments
    • 2,017 views

    Dopo il pessimo F1 2015 e la buona ripartenza dell'edizione 2016, la Codemasters torna anche quest'anno nei circuiti del mondiale di Formula 1, presentando il nuovo F1 2017. Con il nuovo racing game con licenza ufficiale FIA per la massima categoria dell'automobilismo, la Codemasters dimostra di aver capito gli errori del passato: F1 2017 ci offre nuovamente la modalità Carriera, inserendo persino le monoposto storiche con la divertente modalità Campionati, implementa vari particolari di strategia persino tecnici, che saranno certamente molto apprezzati dai veri amanti della Formula 1, ci mette a disposizione una guidabilità, una fisica ed una dinamica delle vetture non simulative al 100% (ricordiamoci che il gioco vuole vendere milioni di copie...), ma comunque ben rese ed apprezzabili anche dagli appassionati dei simulatori puri. Infine riesce, nel complesso, a far vivere al giocatore il clima frenetico ed unico delle gare di Formula 1, con un elevato grado di divertimento.

    Non mi dilungo in questa sede con una classica recensione che illustra il gioco (ne trovate se volete già decine nel web), ma vorrei focalizzare l'attenzione su alcuni punti in particolare dell'ultima fatica Codemasters che, come ho accennato, merita secondo me di essere guidata anche dagli appassionati dei vari Assetto Corsa, rFactor 2 o iRacing, a condizione ovviamente di apprezzare la Formula 1 e le sue innumerevoli sfaccettature.

    Le vecchie glorie del passato...

    "Dopo un anno di grande successo con l'acclamatissimo F1 2016, siamo lieti di annunciare F1 2017 e di reintrodurre le vetture classiche F1 nella serie. I Classici sono stati accolti incredibilmente bene quando li abbiamo inclusi in F1 2013 e in F1 2017 torneranno più in forma che mai. Non è stato facile decidere le 12 auto definitive ma siamo orgogliosi della nostra selezione che comprende alcune delle auto più iconiche preferite dai fan degli ultimi 30 anni".

    Cosi dichiarava Paul Jeal, Game Director di Codemasters, al lancio del gioco. Non solo guidare monoposto storiche è sempre un piacere per un vero appassionato, ma la casa inglese ha trovato un modo intelligente e divertente per sfruttare al meglio bolidi come la Ferrari 412 T2 (1995), la Williams FW18 (1996) o la scorbutica McLaren MP4/6. La modalità Campionati, che implementa appunto queste auto, ci offre vari tornei nei quali gareggiare, per un totale di venti competizioni differenti che si sbloccano man mano, ottenendo una quantità sempre maggiore delle classiche "stelle", da intendersi come "punti esperienza" per il giocatore, con l'aggiunta di varie sfide singole e prove di abilità.

    Si tratta globalmente di un sistema geniale e divertente che riesce a sfruttare al meglio le vetture storiche, che altrimenti sarebbero rimaste probabilmente in garage dopo qualche giro di prova. In questo modo invece, non solo potremo provare le emozioni in pista con monoposto decisamente più cattive, scorbutiche e "da guidare" di quelle attuali, ci divertiremo parecchio con le varie sfide proposte, ben calibrate e progressive, oltre che divertenti e potremo accumulare preziosi punti di esperienza.

    F1_2017_July_Classic_Cars_013.jpgF1_2017_July_Classic_Cars_008-1024x576.jpg

    F1_2017_July_Classic_Cars_007-1024x576.jpgF1_2017_July_Classic_Cars_012-1.jpg

    Quella del pilota? Una vitaccia...

    La Codemasters ha voluto curare in modo particolare la modalità Carriera di questo F1 2017 e possiamo affermare tranquillamente che si tratta di un lavoro complessivo decisamente eccelso. Anche quest'anno non abbiamo nessun vincolo per la scelta iniziale del team per la nostra carriera, ma le richieste prestazionali della scuderia nei nostri confronti saranno molto diverse, con i team meno blasonati, che si accontenteranno per esempio del confronto con il nostro compagno di squadra e dell'ottenimento di qualche punticino. E' molto importante anche nella carriera l'ottenimento dei punti esperienza, per esempio andando in pista in tutte le sessioni di un Gran Premio, oppure completando piccole sfide focalizzate sullo sviluppo della monoposto, perchè queste esperienze risultano fondamentali e necessarie per sviluppare la vettura e far crescere il team.

    F1_2017_July_2017_Cars_007-1.jpgF1_2017_July_2017_Cars_023.jpg

    F1_2017_July_2017_Cars_008-1024x551.jpgF1_2017_July_2017_Cars_020-1024x551.jpg

    ...e quella dell'ingegnere non è da meno!

    L'implementazione dell’evoluzione tecnica della monoposto durante la Carriera, già vista nel 2016, è stata decisamente migliorata ed ampliata, con contenuti vari ed interessanti. Quasi come nei giochi di ruolo, F1 2017 ci offre un percorso di migliorie (diviso in quattro aree: motopropulsore, telaio, resistenza e aerodinamica) che rendono più performante la vettura nel corso del mondiale, con scelte di sviluppo anche molto significative, in grado di cambiare le sorti della stagione, che devono essere fatte proprio dal giocatore.

    Possiamo perciò aggiungere componenti alla Power Unity, che si deterioreranno andando avanti con il mondiale, sviluppare ogni singolo componente, ricordandoci che dopo un tot di sostituzioni si va incontro alla classica penalità. Tutte le regole tecniche e sportive della moderna Formula 1 sono state inserite opportunamente da Codemasters: se ad esempio un componente si danneggia in qualifica avremo il tipico arretramento sulla griglia di partenza! Nell'insieme, sviluppare una nuova auto sarà molto più complicato rispetto a F1 2016, anche perchè ci sarà bisogno di più risorse. Non bisogna avere fretta, ma ragionare anche a lungo termine, del resto la Carriera può arrivare fino alle 10 stagioni.

    Lee Mather, Creative Director di Codemasters: "La modalità carriera è stata una grande novità l'anno scorso e l'abbiamo resa ancora più profonda e immersiva in F1 2017. Abbiamo introdotto degli avatar femminili per i piloti, nuovi paddock, nuovi personaggi e abbiamo rafforzato e aumentato gli obiettivi del team. Crediamo che tutto questo, insieme alla reintroduzione delle auto iconiche, renda F1 2017 l'esperienza definitiva".

    Proprio ambienti particolari come il paddock e l'hospitality, citati da Lee, che fungono da menu opzioni nei quali effettuare varie scelte, sono decisamente affascinanti, trasportano il giocatore all'interno dell'atmosfera tipica della Formula 1 e contribuiscono in maniera importante a farlo sentire parte di una vera e propria avventura motoristica. L'avrete capito: F1 2017 non è solo guidare, ma richiede anche un'attenta gestione, strategia, organizzazione dello sviluppo e cosi via. Paradossalmente, se entrerete davvero nel "mondo F1" proposto da Codemasters, vi troverete spesso, con un team minore, ad alzare il piede per preservare la vettura e non correre troppi rischi inutili!

    F1_2017_July_Career_Characters_002.jpgF1_2017_July_Career_Characters_003-1024x576.jpgF1_2017_July_Career_Characters_005-1024x576.jpg

    Con un Greco al volante...

    Per quei pochi che non lo conoscono, mi riferisco a David Greco, famosissimo e velocissimo pilota virtuale italiano, con tantissima esperienza nel simracing, vincitore di numerosi titoli virtuali, non per niente da qualche anno assunto in Codemasters proprio come car handling designer dei titoli F1. Il nostro amico David aveva messo le mani già sul precedente F1 2015 e poi sul 2016, ascoltato però solo in parte dalla Codemasters, perchè, pur evidenziandosi soprattutto l'anno scorso importanti passi in avanti sotto il profilo della guida e del realismo, la casa inglese non si era voluta evidentemente sbilanciare troppo verso la realtà della guida di una Formula 1, prediligendo l'aspetto arcade e giochereccio. Nel 2017 le cose sono in parte cambiate.

    Lee Mather, Creative Director di Codemasters: "Sappiamo che i nostri fan sono felici di poter gareggiare con le auto classiche ma siamo consapevoli che vogliono anche vedere le nuove vetture in azione. Le auto del 2017 presentano una sfida unica in quanto sono incredibilmente veloci ma più larghe e più pesanti di prima, per cui abbiamo dovuto ricostruire completamente il sistema fisico per perfezionare l'equilibrio tra aerodinamica e pneumatici."

    Non illudiamoci però: come ho già scritto, F1 2017 non è un simulatore a livello di un Assetto Corsa, rFactor 2 o iRacing, ma il lavoro di sviluppo e miglioramento della fisica, del comportamento della vettura, delle reazioni, della dinamica del veicolo, risultano evidenti sin dai primi giri, a condizione ovviamente di non utilizzare i vari aiuti disponibili, con i quali F1 2017 è il più classico degli arcade. Diciamo che F1 2017, pur non essendo un simulatore puro, risulta essere sempre più che credibile, restituendo al pilota bellissime sensazioni, grandi emozioni e tutta la frenesia della guida e del controllo di una monoposto da 900 cavalli.

    In particolare il force feedback è stato decisamente migliorato (grazie David! :up: ) ed ora risulta essere sempre potente, preciso e ben calibrato, facendo percepire al pilota in modo chiaro ogni tipo di avvallamento, il limite delle gomme, persino la presenza dei trucioli di gomma sull'asfalto. Anzi al momento, con i settaggi di default, è persino eccessivo nelle vibrazioni in determinate occasioni.

    Quel 35-40% di mancanza di simulazione, può essere notata in F1 2017 dal pilota virtuale più esperto ponendo attenzione ai dettagli: uscire fuori traiettoria non provoca quasi nessuna conseguenza, se non un sovrasterzo che può essere facilmente controllato, le gomme vanno si gestite e tenute in considerazione, ma riescono a subire ben più di un maltrattamento senza avere cali di prestazioni, l'effetto scia ed il conseguente disturbo aerodinamico praticamente non esistono e potremo guidare anche per tutto un Gran Premio dietro un avversario senza problemi di sorta, portare la vettura al limite è una esperienza parecchio semplificata, anche perchè lo spostamento delle masse del veicolo è quasi totalmente attenuato e "guidato" dal software. Per capirci: se guidate la Ferrari di F1 2017, fate un tempone e poi vi calate per la prima volta nell'abitacolo della Rossa di Assetto Corsa sulla stessa pista, non solo non riuscirete assolutamente a fare lo stesso tempo, ma farete fatica a capirci qualcosa nei primi giri !

    Vero è però che un certo Max Verstappen ha espresso comunque considerazioni totalmente positive, elogiando in particolare il sistema di guida, molto vicino alla realtà. L'olandesino terribile ha guidato la sua RB13 della RedBull ed ha notato un buon feeling di guida, molta aderenza delle gomme, una maggiore difficoltà, con una vettura più veloce in curva e non semplice nel primo inserimento in curva. Fra l'altro Codemasters ha dimostrato di aver anche ascoltato le tante richieste degli utenti su vari particolari, implementando per esempio anche il controllo manuale del limitatore per l'ingresso ai box.

    Una Formula 1 divertente e coinvolgente!

    L'intelligenza artificiale di F1 2017 si comporta più che bene: gli avversari non mollano facilmente la posizione e bisogna spesso superarli nella staccata, ma cercano di evitare le collisioni e di avere un approccio il più possibile conservativo, spesso di attesa. Il consiglio è quello di scegliere un livello degli avversari alto (almeno di 85% su 110% di massimo) e cominciare da un team di basso livello: la sfida sarà molto dura, ma sarà altrettando grande il divertiemento oltre che la soddisfazione per essere riusciti ad artigliare un 17° posto con le gomme finite ed il motore spompato !

    La visuale dall'abitacolo, che ovviamente consiglio, trasmette un senso di velocità davvero notevole, contribuendo ad offrire un'esperienza coinvolgente e reattiva, con lievi incertezze solo nei tornanti più stretti, quando lo scenario ruota molto rapidamente, con tentennamenti nella fluidità anche quando sullo schermo ci sono parecchie auto e magari la pista è ricca di dettagli, tipo Montecarlo o Singapore. La grafica ed il dettaglio sono sempre ad alto livello, con le vetture disegnate in modo preciso e particolareggiato, un'utilizzo dei colori sempre ben dosato, effetti di illuminazione dinamici a volte spettacolari e la resa scenica della pioggia che, dopo la prima volta, vi farà venir voglia di correre prestissimo sotto un nuovo uragano, solo per affrontare le scie d'acqua alzate dalle altre monoposto.

    Una Formula 1 corre in rete...

    Se la modalità carriera ed il single player hanno avuto grandissimi miglioramenti, c'è poco da dire invece sul multiplayer, che praticamente è rimasto lo stesso del 2016, a parte alcuni accorgimenti, come per esempio l'implementazione di 2 slot da spettatore per le gare online, che possono quindi essere utilizzati ad esempio per la diretta in streaming della gara.

    Proprio per il famigerato eSports e per il simracing online, la Codemasters è partita da subito in modo straordinario, evidentemente appoggiata anche da Liberty Media, nuovo proprietario della Formula 1 che ha fiutato per benino il business della guida virtuale: proprio oggi è stata infatti annunciata la F1 Esports Series, un torneo ufficiale F1 curato direttamente da Codemasters e Gfinity: a settembre inizieranno le qualificazioni che selezioneranno 40 semifinalisti che si sfideranno il 10/11 ottobre a Londra presso la sede di Gfinity, mentre la finale a 20 partecipanti avrà luogo ad Abu Dhabi in concomitanza con l’ultimo Gran Premio della stagione F1 !

    In conclusione, mi sento di consigliare assolutamente l'acquisto di questo F1 2017, perchè, cosi come Liberty Media sta tornando a farci apprezzare a poco a poco come un tempo tutto lo show della Formula 1, allo stesso modo l'ultimo titolo Codemasters saprà farci godere in pieno la sua controparte virtuale, facendocela vivere proprio dall'interno, non solo dall'abitacolo.

    Spero tuttavia che l'evoluzione dimostrata da questo capitolo continui anche per i successivi ed a tale proposito sto già facendo una telefonatina all'amico David Greco: "Ottimo lavoro davvero, si sente il tuo apporto finalmente, ma per il 2018 mi raccomando: strilla più forte con quegli inglesi!". :clap:

    Ricordate di non mancare una visita sull'apposito forum dedicato ad F1 2017.

    A cura di Nicola "Velocipede" Trivilino

     

     

    F1_2017_July_2017_Cars_026-1024x548.jpg

    Edited by VELOCIPEDE


    Sign in to follow this  


    User Feedback

    There are no reviews to display.


  • Who's Online   25 Members, 0 Anonymous, 136 Guests (See full list)

    • tango1961
    • Shocchino
    • paolo calosci
    • manu79
    • Davide Minguzzi
    • boban82
    • aga04 aka Gufo_Tave
    • Tetuz
    • Carlo Piazza
    • DarXtreme
    • 2slow4u
    • piripippo
    • mexxico
    • thecure
    • cpluca
    • mejorada
    • NinoFo
    • Postazione28
    • Alessandro Fallaha
    • Stuka
    • marric
    • Davide Schiattarella
    • doublerino
    • VELOCIPEDE
    • paperopazzo


  • www.TuttiAutoPezzi.it


    www.Auto-Doc.IT


  • Categories

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.