Showing results for tags 'rennsport'. - DrivingItalia.NET simulatori di guida Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'rennsport'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing
    • DrivingItalia Champs & Races
    • Gare
    • Driving Simulation Center

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Simracing Academy
  • Guide - Tutorial
  • Recensioni
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 20 results

  1. Prendendo spunto da un video interessante pubblicato da Traxion, che ci spiega per quale ragione il prossimo campionato ESL R1 potrebbe rivoluzionare completamente il mondo del simracing competitivo, vogliamo provare a fare un'analisi doppia, considerando quello che già ci piace della nuova coppia formata da Rennsport ed ESL e quello che invece non ci piace affatto, sperando di sbagliarci o che le cose possano migliorare o cambiare per il futuro... Il nuovo Rennsport Rennsport è il nuovissimo titolo sviluppato dalla tedesca Competition Company GmbH, guidata dal CEO Morris Hebecker, che ha precedentemente lavorato presso Codemasters. Il rilascio pubblico di Rennsport è previsto per la fine del 2023, quindi in questi mesi assisteremo alla sua evoluzione, e di fatto anche il campionato ESL R1 rappresenterà una fase di beta testing. "Siamo in un processo di sviluppo", ha dichiarato Hebecker a Traxion.GG. “Non direi mai che non ci saranno problemi con i nostri elementi tecnici, siamo in un processo e questo è sempre rischioso. Ma ci sentiamo abbastanza fiduciosi. Abbiamo testato il multiplayer dall'anno scorso, molto tempo. Ad essere onesti, ci sono stati problemi, ma questo è lo sviluppo. Ci stiamo lavorando e ci sono alcune nuove idee tecniche che introdurremo”. I simdrivers che lo hanno già provato, hanno riferito di un ottimo feeling di guida, un buon feedback ed una guida decisamente realistica, un ottimo punto di partenza quindi, considerando che si tratta ancora di un simulatore in fase di beta iniziale. Se fosse già su Steam, si tratterebbe di una prima fase di accesso anticipato probabilmente. Nulla di problematico, anzi è positivo il fatto che gli sviluppatori coinvolgano da subito gli appassionati. Vero è però che ci sono già stati i primi problemi, i più gravi proprio nel multiplayer e si sono già accumulati i primi mesi di ritardo. Rennsport doveva partire con la beta a fine 2022, mentre ora è stato tutto posticipato al primo semestre 2023. Per un software appena nato è più che normale, ma la sensazione è che adesso stiano cercando in tutti i modi di accelerare le tappe, per poter utilizzare Rennsport da subito in campionati esport. Forse proprio per questo si partirà solo con eventi onsite dal vivo, in rete LAN. Cosi si evita il problematico multiplayer... Speriamo però che, pur di restare nei tempi previsti, gli sviluppatori non cercano la scorciatoia normalmente utilizzata in casi simili dai producer: tagliare caratteristiche di gioco in modo da perfezionare quello che già c'è e rientrare nei tempi di sviluppo. Naturalmente è ancora presto per trarre conclusioni e potremo fare una valutazione più concreta solo con il via della beta pubblica, ma speriamo fortemente che lo sviluppo di un nuovo titolo simracing non venga sacrificato sull'altare dello show esport... Teams e piloti di alto livello Abbiamo già scoperto le prime squadre che saranno in lizza nel campionato: Williams Esports, BS+Competition, Coanda Esports, MOUZ, FaZe Clan, FURIA ed Heroic. Chi ama solo gli sport motoristici, conosce solo alcuni di questi nomi. Chi invece segue la scena degli eSport, potrebbe trovarli familiari. Delle 12 squadre per la prima stagione primaverile, che va da febbraio a maggio , otto hanno squadre di eSport di corse esistenti e quattro sono squadre di eSport di gioco generali. FURIA è una squadra brasiliana, principalmente esperti di CS: GO, ma gareggia anche in Apex Legends e Rocket League. FaZe Clan è così grande da essere quotato pubblicamente al NASDAQ, Heroic ha vinto il CS:GO BLAST Premier: Fall Finals a novembre e MOUZ è una squadra tedesca che sta entrando nel suo 21 ° anno. È come avere un torneo con un mix di squadre di calcio della Premier League e giganti della NFL. I team di gioco come FaZe Clan ed Heroic dovrebbero assumere alcuni dei simracer più quotati in circolazione. Si vocifera per esempio che i vincitori dei precedenti round della Le Mans Virtual Series, gli esperti di iRacing e i campioni di Assetto Corsa Competizione saranno in griglia. MOUZ, ad esempio, ha reclutato il tre volte campione ADAC GT Masters Esports Moritz Löhner, il vincitore del round Le Mans Virtual Series Yuri Kasdorp, il vincitore della gara Porsche TAG Heuer Esports Supercup Patrik Holzmann e il primo pilota in assoluto a raggiungere un iRating di oltre 11.000 Maximilian Benecke. In pratica un bel minestrone, dal quale però dovrebbe venir fuori... chi investe più soldi, cosi da potersi permettere i simdrivers più competitivi e veloci. Questo ci può anche stare, fa parte del gioco e dello sport, ma allora ci chiediamo: per quale motivo non hanno aperto a TUTTI la possibilità di partecipare, per esempio con una fase di qualificazione? Si sono inventati loro il gioco e si sono pure scelti chi doveva giocare e chi no?! Il simracing è per definizione democratico, davvero per tutti. Basta un piccolo investimento per poter correre e la possibilità di dimostrare il proprio talento con molto poco è reale. Si tratta di una vera opportunità. Al contrario del motorsport reale, nel quale se non spendi almeno 30mila euro dal primo anno di go-kart, non puoi avere alcuna speranza. ESL R1 trasforma il simracing in una elite per pochi prescelti, solo per i più forti, per chi ha sponsor e fondi più ampi. Abominevole, l'antitesi del simracing che amiamo. Speriamo con tutto il cuore che si tratti solo di una prima fase, casomai perchè Rennsport è in beta e poi si aprirà il palcoscenico a tutti. Viceversa l'interesse crollerà. A noi piace correre, non solo guardare quelli che corrono. Un pubblico tutto nuovo? Per i fan dei giochi di guida e dei simulatori, una nuova piattaforma è un qualcosa di cui parlare sui social e nei forum, ma per tutti quelli che invece non hanno interesse verso il simracing ed il motorsport? E' proprio a questi ultimi che si rivolge principalmente ESL R1. Sei giovane, ti piacciono i giochi, ma finora le corse simulate sono state per te un mondo troppo strano e complicato? ESL e Rennsport vogliono attirare proprio la tua attenzione! Il round di apertura della stagione primaverile si terrà in Polonia all'IEM Expo Katowice, parte dell'ESL Pro Tour, un popolare e affermato torneo Counter-Strike: Global Offensive, che si tiene all'interno di uno stadio, con un pubblico dal vivo che guarda i migliori giocatori di sparatutto in prima persona del mondo. Viene anche trasmesso in streaming online, con i team e i concorrenti che creano personaggi online. ESL R1 sarà lì, ed è questo pubblico che sarà lo spettatore delle competizioni, potenzialmente per la prima volta. "L'EFG ha grandi eventi in tutto il mondo", ha dichiarato il presidente di Sports Games, Roger Lodewick. “Probabilmente è anche uno dei motivi per cui collaboriamo con Rennsport, perché abbiamo quella copertura e abbiamo anche gli elementi per connettere gli editori con il pubblico. Quindi farlo all'IEM, dove ci sono forse 100.000 persone in arrivo, è una grande opportunità per ESL R1 e Rennsport come gioco per essere esposto a un grande pubblico". Vi ricordiamo infatti che ESL è l'ente organizzativo noto per le competizioni che utilizzano CS:GO, DOTA 2 e Starcraft 2 tra gli altri: basta un retweet dall'account ESL principale (oltre 850mila follower) o una condivisione sulla sua pagina Facebook (oltre due milioni e mezzo di like) per ESL R1, cosi da sbloccare potenzialmente un nuovo pubblico di simracing eSport. Quanto espresso sopra è la volontà dichiarata di sviluppatori e producer (in questo caso produttore del campionato, ovvero ESL). E' chiaro che l'obiettivo di entrambe, perdonate la franchezza, è sicuramente quello di fare soldi. Tanti soldi. Il simracing duro e puro è una nicchia? E' elitario? Portiamolo in un enorme palcoscenico ed attiriamo gente! L'idea è fondamentalmente questa. Noi saremo forse vecchi, nel simracing da troppi anni, ma non condividiamo affatto! Il simracing, quello vero, si basa sulla PASSIONE per i motori, per il motorsport, per la competizione. Un appassionato diventa simdriver perchè non ha soldi abbastanza per correre davvero, oppure gli manca il tempo o ormai è troppo vecchio, o svariati altri motivi. Dietro però c'è sempre la passione. Perchè il simracing è complicato, come il motorsport reale del resto, bisogna impegnarsi, allenarsi, studiare, trovare soluzioni, usare la testa in pista e cosi via. Non si può solo prendere un volante, fare 10mila giri imparando tutto a memoria ed andare a vincere un montepremi! E poi non è roba per ragazzini: l'età media nel simracing è di quasi 30 anni. Se prendi degli appassionati di calcio e li porti ad una partita di baseball, casomai si divertiranno, proveranno qualche tiro con la mazza, faranno un pò di casino, ma poi torneranno al loro calcio. Quanti di loro potranno prendere il baseball sul serio? Forse qualcuno, se va bene. Pensiamo che succederà la stessa cosa con l'operazione messa in piedi da ESL, con i simdriver che offriranno il loro spettacolo a migliaia di ragazzini assatanati per un fucile simulato, tireranno qualche urlo e poi aspetteranno solo che si ricominci a sparare con i loro beniamini. Il simracing bisogna presentarlo a chi davvero potrebbe recepirlo. Non "sparando" (è il caso di dirlo) nel mucchio, sperando di avere numeri soddisfacenti. Questa politica non ci piace per niente. Rischiamo anche di ritrovarci poi online centinaia di ragazzi che, convinti solo di giocare e divertirsi, trasformano gli autodromi virtuali in autoscontri. Speriamo di sbagliarci sinceramente, ma riteniamo che portare il simracing in un contesto che non è il suo e che non ha nulla a che fare neppure con la passione per i motori, sia completamente sbagliato e risponda solo a scelte economiche. Che potrebbero venire totalmente disattese. Un format originale... Cercando di bilanciare gli interessi degli appassionati di simracing, ma anche di assorbire nuovi fan, il formato del campionato è un mix di vecchio e nuovo. Le auto BMW, Porsche, Mercedes-AMG e Audi GT3 sono collaudate, i veicoli offrono poco in termini di "novità", ma sono almeno riconoscibili e aprono la strada a team sostenuti dal produttore, cosa che tutti tranne Audi si sono già impegnati a fare finora. Con 48 piloti divisi in gruppi, una breve sessione di qualifiche deciderà l'ordine in griglia per gare di 20 minuti senza pit stop. Solo i primi sei, basati esclusivamente sulla posizione finale, accederanno ai quarti di finale, poi alle semifinali e infine alla finale. Al Rennsport Summit 1 nel maggio 2022 abbiamo già visto questo format in azione: la minaccia di essere eliminato quasi immediatamente ha portato ad alcune corse furiose e caotiche. Diciamo che non ci sono state gare noiose, ma spesso ci siamo trovati di fronte più a garette di Super Mario Kart o Rocket League, che ad emozioni da autodromi virtuali. Per non parlare della difficoltà di gestire comportamenti scorretti e penalità... In questo caso è tutto molto chiaro: se hai un pubblico che non ne capisce niente, devi dargli cose semplici, immediate, adrenaliniche e che si possano apprezzare anche solo con un colpo d'occhio. Insomma un pò quello che succede quando un gruppo di amici si riunisce per andare a fare una serata sui go-kart da noleggio: sportellate, risate, divertimento ed emozioni, ma NON è motorsport. ESL R1 sarà di fronte ad un pubblico da colpire al primo secondo, pazienza se lo show sarà all'insegna della bussata. Anzi meglio, cosi lo seguono. Avrete capito cose ne pensiamo. Tanti, ma davvero tanti soldi Come incentivi alcuni dei più famosi piloti di simracing a prendere parte a una piattaforma nuova e mai provata, oltretutto in un contesto totalmente insolito? Con mezzo milione di euro, ovviamente. Ci saranno due stagioni di ESL R1 nel 2023. La già citata stagione primaverile, ma poi anche una stagione autunnale che inizierà ad agosto e terminerà a novembre, questa volta all'evento DreamHack Winter Jönköping in Svezia. Non si tratta di 500 mila euro per ogni stagione, ma questo è il montepremi totale di entrambe le stagioni e una ripartizione di come viene distribuito deve ancora essere rivelata pubblicamente. Resta il fatto però che un simile montepremi nel simracing non si era mai visto! L'esperienza ci insegna che quando ci sono in palio premi troppo importanti (figuriamoci cosi tanti soldi!), la situazione può diventare incandescente, con team e piloti disposti a tutto pur di vincere. Se a questo sommiamo il fatto che le gare, visto il format e le modalità di competizione, saranno delle furiosissime sprint all'ultimo sangue, temiamo concretamente che tutto si risolva in... sparatutto al volante. Che poi è quello che dagli spalti vorranno vedere probabilmente. In conclusione, sono numerose le fonti di preoccupazione per questo "nuovo simracing" pensato da ESL e Rennsport, ma speriamo che, da un lato, si tratti di una prima fase di lancio che quindi richieda di fare più rumore possibile, dall'altro che poi a regime, si vada verso un simracing si competitivo e ricco, ma che abbia alla base la passione per il motorsport. Oppure ce ne andremo tutti insieme sui go-kart a noleggio. Questo il calendario ESL R1 2023, nel dettaglio: Round 1, IEM Expo Katowice, Polonia, ESL Pro Tour – 11 febbraio 2023 Round 2, IEM Expo Katowice, Polonia, ESL Pro Tour – 12 febbraio 2023 Round 3, online – 13 marzo 2023 Round 4, online – 27 marzo 2023 Round 5, online – 10 aprile 2023 Round 6, online – 17 aprile 2023 Round 7, online – 24 aprile 2023 Round 8, online – 8 maggio 2023 ESL R1 Spring Major, Rennsport Summit, Monaco, Germania – 27-28 maggio 2023 Lancio della stagione, online – TBC agosto 2023 ESL R1 Fall Major, DreamHack Winter Jönköping, Svezia – 23-25 novembre
  2. Proprio ieri è stato annunciato il nuovo campionato esport denominato ESL R1 che utilizzerà la nuova piattaforma RENNSPORT, partendo nel 2023 con con due stagioni, combinando eventi LAN dal vivo e competizioni online per incoronare il vincitore finale. La stagione primaverile è composta da nove round, i primi due dal vivo durante l'IEM Expo Katowice in Polonia, un evento prevalentemente per i fan di CS:GO (un famoso gioco sparatutto). Ogni round individuale sarà composto da sette gare in un sistema a eliminazione diretta, simile a quello testato al Rennsport Summit 1 nel maggio 2022: quattro quarti di finale, due semifinali e una finale. Coloro che finiscono ogni gara al di sotto della sesta posizione vengono eliminati e non possono avanzare ulteriormente in quel round. Ogni corsa dura 20 minuti. L'usura degli pneumatici e il consumo di carburante sono attivi, ma non ci sono soste ai box. Alla fine della stagione, i primi 24 piloti passeranno al "Major", ovvero il gran finale, per determinare il campione ESL R1 Spring. Nella primavera 2023, il Major si terrà in occasione di un secondo Rennsport Summit a Monaco, in Germania, dal 27 al 28 maggio. Mentre per la stagione autunnale 2023, il major si terrà all'evento DreamHack Winter a Jönköping, in Svezia, dal 23 al 25 novembre. Anche in questo caso si tratta di un evento ESL con titoli come Fortnite, Rainbow Six e Super Smash Bros, giocati in modo competitivo. "Non voglio ancora dire tutto, ma ci sono alcune cose ancora da ultimare con la scenografia", ha dichiarato Roger Lodewick, Presidente di Sports Games presso ESL FACEIT Group a Traxion.GG. "Penso che questo sia davvero impressionante e penso che mostri anche l'ambizione generale che abbiamo ESL R1, cosa vogliamo fare con questo campionato con questo torneo, sarà davvero d'impatto". Riassumendo quindi avremo: Quattro piloti per squadra Sette gare per turno, sistema ad eliminazione diretta I primi sei di ogni gara avanzano Quattro quarti di finale, due semifinali e una finale Gare da 20 minuti Usura delle gomme e consumo di carburante, niente soste ai box L'elenco iniziale di 12 squadre ammesse alla competizione (disponibile sul sito ufficiale ESL R1) è un misto di team di simracing esistenti e team di eSport ESL che sono nuovi alle corse simulate. Questi ultimi sono noti principalmente per competere su piattaforme come CS:GO, Valorant, Rocket League e Halo. Si prevede che team come MOUZ, FURIA, Heroic e FaZe Clan assumeranno talenti di simracing esistenti per dirigere le loro formazioni. G2 Esports è già stato presente nelle corse virtuali, concentrandosi principalmente su Assetto Corsa Competizione. Alcuni team, come BS+Competition, Petronas, Williams e Coanda, sono supportati dalle case automobilistiche, con la partecipazione di BMW, AMG e Porsche. FaZe Clan ha anche recentemente annunciato una partnership Porsche. Nella stagione primaverile iniziale, ci saranno invece otto squadre partner e quattro squadre wild card. ESL R1 utilizza la prossima piattaforma per PC, Rennsport, titolo completamente nuovo, previsto per il rilascio pubblico alla fine del 2023, sviluppato da Competition Company GmbH. È stato presentato nel 2022 e funzionerà tramite beta chiuse e aperte nel corso di quest'anno. PResumibilmente, i vari team e piloti già inseriti in campionato lo stanno già utilizzando in versione beta, per potersi allenare e farsi trovare pronti. Per chi non segue giochi sparatutto ed esport in generale, la Electronic Sports League (ESL) è un'organizzazione tedesca di eSport e una società di produzione nota per la ESL Pro League, che utilizza diversi titoli di gioco come lo sparatutto tattico in prima persona Counter-Strike: Global Offensive, oltre ai titoli di strategia in tempo reale StarCraft II e Warcraft III. Il montepremi totale per il 2023 è di € 500.000, un valore senza precedenti nel mondo simracing. Le vetture utilizzate per il torneo saranno le GT3 di Rennsport: BMW M4 GT3, AMG-GT3 Evo, Porsche 911 GT3 R (992), Audi R8 LMS GT3 evo II. Il gioco mette a disposizione anche la vecchia 991 911 GT3 e la Porsche Mission R elettrica, ma non è stato annunciato se verranno utilizzate per le competizioni. Le piste utilizzate saranno l'Hockenheimring, il Goodwood Hillclimb e la appena mostrata in video Spa-Francorchamps. Sarà possibile seguire tutte le gare in diretta tramite Youtube e Twitch. Questo il calendario ESL R1 2023, nel dettaglio: Round 1, IEM Expo Katowice, Polonia, ESL Pro Tour – 11 febbraio 2023 Round 2, IEM Expo Katowice, Polonia, ESL Pro Tour – 12 febbraio 2023 Round 3, online – 13 marzo 2023 Round 4, online – 27 marzo 2023 Round 5, online – 10 aprile 2023 Round 6, online – 17 aprile 2023 Round 7, online – 24 aprile 2023 Round 8, online – 8 maggio 2023 ESL R1 Spring Major, Rennsport Summit, Monaco, Germania – 27-28 maggio 2023 Lancio della stagione, online – TBC agosto 2023 ESL R1 Fall Major, DreamHack Winter Jönköping, Svezia – 23-25 novembre
  3. Dopo due anni di lavoro nella massima segretezza, Competition Company ha annunciato come un fulmine a ciel sereno RENNSPORT, un nuovo simulatore di guida che sarà disponibile per una closed beta questa estate. RENNSPORT promette di essere un simulatore per PC ultra realistico ma al contempo divertente da guidare, realizzato con tecnologie di ultima generazione (come l'Unreal Engine 5 dal punti di vista grafico). Il titolo inoltre si presenta come un titolo votato esclusivamente al multiplayer ed eSports-ready, come si evince dalla partnership importante con un colosso del settore come ESL. Dal punto di vista contenutistico possiamo già dare per certa la presenza della Porsche 911 GT3R, della BMW M4 GT3 e del circuito di Hockenheim, grazie a degli screenshot postati dal team stesso sulla pagina Twitter ufficiale. RENNSPORT però darà la possibilità ai giocatori di ampliare il parco auto e piste del simulatore grazie agli strumenti per il modding che verranno forniti direttamente dagli sviluppatori, stando a quanto si apprende dal sito ufficiale. Un punto ancora oscuro riguarda il "Real Digital Ownership" menzionato nella loro homepage: si parla infatti di asset che possederemo (auto, piste e molto altro), e questi asset potranno essere scambiati in un mercato. Non è ancora chiaro se si tratta di un marketplace con oggetti di terze parti come accade con CS:GO o se si tratta di un sistema che implementerà gli NFT (non-fungible token). Nonostante questo annuncio piuttosto improvviso, il simulatore sarà presto disponibile per una beta chiusa nell'estate del 2022, alla quale seguirà una open beta nella primavera del 2023
  4. Con la pubblicazione del sito web ufficiale, sono finalmente stati svelati tutti i dettagli del nuovo campionato esport denominato ESL R1, che si correrà utilizzando il nuovo simulatore RENNSPORT. RENNSPORT ha infatti unito le forze con ESL FACEIT Group proprio per questo scopo: ESL R1 è una lega di eSport con 12 squadre, un totale di 48 piloti e un montepremi complessivo di € 500.000. Per la prima volta, i migliori team di eSport gareggeranno contro i team ufficiali dei partner di licenza automobilistica al fianco del software. Inoltre, non mancheranno squadre jolly. L'intenzione con l'ESL R1 è quella di stabilire uno standard completamente nuovo per le corse virtuali. Con un'intersezione dedicata per case automobilistiche e giocatori professionisti, la base è destinata a unire gli ultimi sviluppi dell'ingegneria degli sport motoristici reali con i piloti virtuali professionisti che spingono costantemente i limiti dello status quo tecnico. Con le esperienze raccolte durante questa stagione, ci sarà anche la possibilità di portare ulteriore sviluppo della simulazione. Consentirà di migliorare RENNSPORT e creare la migliore esperienza di corsa possibile per tutti. Prima tappa su Twitch l'11 e 12 Febbraio. Ulteriori dettagli a questo link eslr1.com
  5. Poche ore fa vi abbiamo parlato di cosa possiamo aspettarci dal prossimo ed atteso RENNSPORT. Poco fa invece sono stati svelati i primi dettagli sull'imminente campionato eSport organizzato da ESL sul simulatore Rennsport. La nuova competizione si chiamerà ESL R1 ed un primo video teaser è stato condiviso sui social media, mostrando l'Audi R8 GT3, la Mercedes-AMG, la Porsche 911 (992) GT3 R e la BMW M4 GT3, quattro delle sei auto annunciate finora per la prossima piattaforma di simulazione. Il prossimo 23 gennaio 2023 saranno invece annunciati tutti i dettagli, inclusa la data del primo evento. Dovrebbe trattarsi di eventi LAN, come già visto con i campionati eSport di ESL per titoli come CS: GO e testati al Rennsport Summit 1 a Monaco lo scorso anno. E' probabile che molti noti simdriver abbandoneranno i propri team (alcuni lo hanno già annunciato) e firmeranno per le squadre basate su ESL per partecipare alla competizione, con Maximilian Benecke e Tommy Østgaard già pronti a trasferirsi. Sono attesi molti altri annunci di piloti e team, ed è molto probabile che alcuni di questi completeranno la 24 Ore di Le Mans Virtual questo fine settimana prima di annunciare eventuali cambiamenti. Si "vocifera" per esempio che un team con una vasta esperienza su iRacing avrebbe già firmato un accordo con Audi, con il sostegno del produttore, ma finora non sono arrivate né conferme nè smentite. Vi state chiedendo come mai tutto questo movimento ed agitazione? In realtà è molto semplice: la Electronic Sport League (ESL) con i proprio tornei esport è in grado di muovere milioni di euro, anche come montepremi, che naturalmente fanno gola a piloti e team... Pensate che potrà essere la rovina del simracing "puro" cosi come lo conosciamo oggi?
  6. Nel mondo simracing sta crescendo sempre di più l'attesa e l'interesse per l'arrivo del nuovissimo RENNSPORT, che intende presentarsi agli appassionati come un'alternativa più che valida ai vari iRacing, Assetto Corsa e Competizione e rFactor 2. Come sappiamo, RENNSPORT (che in tedesco significa letteralmente "da corsa") vanta una grafica Unreal Engine 5 all'avanguardia e un'enfasi particolare su esport e modding. Il suo motto è "la simulazione di corse più realistica possibile", che potrebbe sembrare un'affermazione audace, ma le credenziali del team presso il nuovo sviluppatore tedesco Competition Company includono "piloti professionisti, strateghi delle corse, programmatori ed esperti di eSport". Finora sono state rivelate solo una manciata di auto. Le auto confermate includono Audi R8 LMS GT3 Evo, Porsche Mission R, Porsche 911 GT3R e BMW M4 GT3. Con un focus sulle auto da corsa GT3 tedesche, Rennsport sembra puntare a rivaleggiare con Assetto Corsa Competizione. Tuttavia, l'inclusione della Porsche Mission R elettrica suggerisce che verranno aggiunti altri tipi di auto, ma il roster sembra concentrarsi prevalentemente su auto da corsa purosangue. Guardando al futuro, Competition Company ha dichiarato che mira ad avere "centinaia di auto e centinaia di piste da corsa" in "tre o quattro anni". Finora sono state mostrate solo due piste: l'Hockenheimring in Germania e la Goodwood Hillclimb resa famosa dal Festival of Speed. I sim racer sono già abituati ad affrontare l'Hockenheimring in giochi come Assetto Corsa e iRacing, ma Goodwood Hillclimb è un'aggiunta gradita raramente vista nei giochi di corse. L'ultimo titolo a includere il famoso Hillclimb è stato Gran Turismo 6 (senza contare le mod di Assetto Corsa) nel 2013, quindi la ricreazione di Rennsport dovrebbe essere molto più accurata se viene scansionata al laser. Competition Company prevede inoltre di aggiungere il Nurburgring, il Red Bull Ring e Monza insieme ad altre piste non annunciate nel gioco finale. Anche se non abbiamo molte informazioni sul gameplay, già un trailer di Rennsport ci dà un'idea di cosa aspettarci dal nuovo ambizioso simgame. I primi frame della Porsche 911 GT3R che corre a Hockenheimring, sono già molto promettenti. Il video mostra dinamiche del veicolo realistiche, suoni del motore autentici e prestazioni fluide, anche in questa fase alfa iniziale. Per ora, Rennsport è solo per PC. Ciò consentirà di realizzare la simulazione di corsa più realistica possibile. Non sono stati ancora rivelati requisiti di sistema, ma è ovvio che avrai bisogno di un PC potente per eseguire Rennsport con le massime impostazioni. Tuttavia, in un recente Tweet Competition Company ha affermato che "le versioni per console sono pianificate per gli aggiornamenti post-rilascio". A parte Assetto Corsa Competizione, i giochi di sim racing per console sono rari, ma Rennsport potrebbe colmare questo vuoto. Gli straordinari porting per PS5 e Xbox Series X | S di ACC hanno dimostrato che le console di ultima generazione possono offrire un'esperienza di sim racing senza compromessi sull'hardware più recente. Gli strumenti di modding consentiranno alla community di espandere il gioco con auto, piste e livree personalizzate. Utilizzando un'app complementare, i giocatori possono quindi gestire e scambiare risorse con altri giocatori online. Come hanno dimostrato giochi come Assetto Corsa, il supporto al modding contribuirà a prolungare la durata di vita di Rennsport per molti anni. Come Raceroom Racing Experience, Rennsport sarà gratuito con accesso a un numero limitato di auto e piste. Sarà inoltre offerto un modello di abbonamento che darà accesso a tutti i contenuti e le funzionalità. È previsto anche il supporto VR per un'esperienza di corsa più coinvolgente. Oltre al modding, Rennsport pone l'accento anche sugli esport. Competition Company ha stretto una partnership con ESL Gaming, nota per aver ospitato tornei per giochi come Battlefield 4, Counter-Strike: Global Offensive e Halo. Ora, ESL Gaming è pronta ad abbracciare le corse virtuali, utilizzando Rennsport come piattaforma. Competition Company ha confermato che il multiplayer online può essere adattato al tuo stile di corsa, sia che tu voglia competere in gare di resistenza o brevi gare sprint. Il multiplayer online di Rennsport avrà anche gare classificate, campionati e opzioni di trasmissione per gli streamer. Inizialmente, il conteggio dei giocatori online sarà limitato a 12 nella beta, ma aumenterà nel gioco finale. Rennsport non ha ancora una data di rilascio definitiva, ma Competition Company punta a una finestra di rilascio in dicembre 2023. Tuttavia, una beta chiusa dovrebbe iniziare entro questo mese di gennaio 2023, con l'obiettivo di ottenere feedback dalla community. I giocatori possono provare Rennsport iscrivendosi alla beta sul sito ufficiale. Successivamente, una beta aperta dovrebbe essere lanciata nella primavera del 2023. [Fonte Racinggames]
  7. Con un teaser sui social, Rennsport annuncia per il 6 Gennaio la presentazione della sua nuova vettura: come si intuisce facilmente dall'immagine, si tratta della Porsche 911 GT3 R (992). Rennsport sarà quindi il prossimo sviluppatore a includere un'auto della serie 992 nel suo roster, dopo che rFactor 2 ha rilasciato la medesima vettura proprio a Natale. La prima fase di testing beta privato di Rennsport dovrebbe partire nelle prossime settimane, dopo essere stato originariamente previsto per fine 2022. La Porsche 911 GT3 R (992) è l'erede della "macchina da corsa più venduta al mondo", la 911. Seguendo le orme della 991, questa 911 di settima generazione mira a mantenere la tradizione di raggiungere importanti successi sportivi per Porsche.
  8. La partnership tra il nuovo simulatore Rennsport (trovate qui tutti gli articoli dedicati) e la Electronic Sports League (ESL) sembra destinata a scuotere il mercato dei simdrivers, con diversi talenti di spicco dell'ambito simracing esport che potrebbero aver già firmato con nuove squadre nella scena del motorsport virtuale. Il Rennsport summit nel maggio 2022, con l'affitto di una sede fisica per tre giorni, invitando i migliori piloti eSport a testare una versione pre alpha del software, aveva già dimostrato la concreta serietà del progetto tedesco. Un'ulteriore prova di ciò è emersa proprio ieri, 1° gennaio 2023, quando diversi piloti professionisti di eSport hanno annunciato che avrebbero lasciato i loro team, per firmare con team affiliati a ESL, da subito o appena dopo l'imminente 24 Ore di Le Mans Virtual di metà Gennaio. ESL è una società tedesca di produzione di eSport e organizzatrice di competizioni, fondata nel 2000. E' la più grande compagnia di esport del mondo e la più longeva e ancora operativa. Con sede a Colonia, Germania, ha undici uffici e più studi televisivi internazionali a livello globale. ESL è la più grande compagnia di esport a trasmettere su Twitch.tv. Le operazioni dell'azienda in Italia sono gestite da ProGaming Italia S.r.l., azienda con sede a Bolzano e Milano che si occupa di eventi e tornei di videogiochi da 15 anni. Nel corso degli anni ESL Italia ha organizzato 1000 eventi e distribuito circa 220.000€ (!!!) in montepremi attraverso 16 stagioni del suo Campionato Nazionale (prima nominato ESL Pro Series, poi ESL Italia Championship e ora ESL Vodafone Championship). ESL si è finora occupata principalmente di titoli sparatutto o di ruolo, evidentemente però adesso, dopo aver "fiutato" le possibilità di business, passerà alle corse virtuali attraverso la partnership esclusiva con Rennsport. Tornando ai piloti, è stato quasi scioccante apprendere che Maximilian Benecke ha lasciato il Team Redline e si dice si sia unito a un gruppo ESL. La squadra di Max Verstappen ha vinto l'Autosport Esports Team of the Year 2022, grazie in parte a Benecke che ha vinto la BMW Sim GT Cup. Noto per essere stato il primo pilota in assoluto a raggiungere un iRating di oltre 11.000, ha partecipato alla Le Mans Virtual Series 2022-23, guidando la #1 Redline LMP, attualmente in testa alla classifica. La sua partecipazione alla 24 Ore di Le Mans Virtual, decisiva per il campionato, è ora in dubbio. "Maggiori informazioni sulla nuova squadra saranno pubblicate molto presto", ha dichiarato Benecke sui social media. Anche il collega Patrik Holzmann ha lasciato il team. "Ci aspettano tempi entusiasmanti, non vedo l'ora di condividerlo", si legge nella sua dichiarazione sui social media. Un altro pilota pronto a trasferirsi è il norvegese Tommy Østgaard, che lascia il Porsche Coanda Esports Racing Team di recente formazione, dopo aver firmato un accordo per far parte del team ufficiale di Stoccarda solo nel maggio dello scorso anno, ed una lunga collaborazione con Coanda: "Ho deciso di cogliere una nuova entusiasmante opportunità nel 2023, il che significa che mi separerò da Porsche e Coanda dopo quasi cinque anni", ha dichiarato via Twitter. "Almeno uno dei nostri piloti è stato ingaggiato da un team ESL che è nuovo nelle corse virtuali", ha dichiarato un importante team manager. “Di solito competono nei tornei CS: GO e League of Legends con enormi montepremi e un alto valore di produzione. Penso che questo potrebbe cambiare la scena del simracing, portare un nuovo approccio è entusiasmante ma potrebbe anche avere grandi implicazioni per i team esistenti". Rennsport avrà presto una Closed Beta, prima del rilascio finale verso la fine del 2023. Durante tutto l'anno, ci sono già piani per organizzare eventi di eSport con ESL. "Entro questo mese, Rennsport, insieme all'ESL, annuncerà una grande attività sportiva", ha dichiarato il CEO e co-fondatore di Rennsport Morris Hebecker quando gli è stato chiesto delle notizie sui piloti. "Anche questo è stato già accennato durante entrambe le sessioni della comunità Discord di RENNSPORT. Stiamo solo finalizzando il campionato che intendiamo iniziare a febbraio del prossimo anno", ha dichiarato Hebecker in un'intervista a Traxion. La data della prima competizione ESL Rennsport è prevista a breve, ma al momento non è ancora chiaro se i piloti si concentreranno esclusivamente su Rennsport o potranno competere anche altrove. In conclusione, anche nel simracing a quanto pare potrebbero arrivare montepremi milionari, come del resto in altri ambiti esport accade già da molto tempo. Sarà un bene oppure un male per il nostro amato motorsport virtuale ? E gli altri sviluppatori come si comportaranno rispetto alla strategia di Rennsport ? Voi invece, cosa ne pensate ?
  9. Racedepartment ha pubblicato una lunga serie di domande & risposte (la seconda parte qui) dedicate a Rennsport, nuovo simulatore di guida che entro fine anno dovrebbe entrare nella sua prima fase di alpha beta testing per un numero ristretto di utenti. Vi riportiamo qui di seguito alcune delle Q&A più interessanti.
  10. Gli sviluppatori di RENNSPORT ci presentano oggi con alcuni screens inediti l'Audi R8 LMS GT3 Evo II che sarà presente nel nuovo simulatore già dalla prima versione closed alpha disponibile per i beta tester. We are very proud to welcome @AudiOfficial to the #RENNSPORT family. Not only since winning this years 24h race on the Nürburgring the Ingolstadt-based company became an institution in motorsports. The AUDI R8 LMS GT3 evo II is now featured in the Closed Alpha of RENNSPORT
  11. Quasi 10mila iscrizioni alla lista d'attesa entro la prima settimana! La closed beta di RENNSPORT si è rivelata da subito come un grande successo e nelle prossime settimane il software sarà preparato per l'inizio della prima fase. Gli sviluppatori hanno pubblicato un comunicato di ringraziamento a tutti gli appassionati. All'inizio saranno disponibili solo una manciata di funzionalità, ma dovrebbero essere rilasciate da subito 4 auto (Porsche 911 GT3, BMW M4 GT3, Porsche Mission R, un'altra versione) e 3 circuiti (Hockenheim, Goodwood Hillclimb, un'altra versione). Successivamente, saranno testate e implementate sempre più funzioni. E' ancora possibile registrarsi per la Closed Beta in lista d'attesa qui.
  12. Dopo aver lanciato a metà Settembre la fase di test closed beta del software, oggi Rennsport ci mostra per la prima volta tramite Twitter un primo video di gameplay dedicato al tracciato del Goodwood Festival of Speed che sarà presente nel nuovo simulatore di guida made in Germany. La vettura in azione in pista è la Porsche Mission R. Gli sviluppatori hanno anche confermato che lo sviluppo di Rennsport è stato spostato praticamente da subito sul motore grafico Unreal Engine 5. Le immagini che vedete allegate a questo articolo sono state scattate tutte in game.
  13. Il nuovo simulatore Rennsport apre la possibilità di registrarsi per l'attesa fase di closed beta che partirà a fine 2022: basta correre a questo link e registrarsi, per poi sperare di essere chiamati a provare in anteprima il simulatore. Vi ricordiamo che il software è già in fase di test, in closed alpha, per un numero limitato di utenti già selezionati. La closed beta partirà a fine anno, mentre la fase di open beta è prevista per il 2023, prima del lancio ufficiale del gioco, che dovrebbe avvenire a Dicembre 2023. Qui sotto un nuovo trailer che mostra una sessione di domande e risposte con gli sviluppatori. Discussioni nel topic dedicato sul forum italiano.
  14. Come potete vedere dalle foto qui sotto, il nuovo RENNSPORT è presente con un proprio stand al Festival of Speed in corso in questi giorni a Goodwood! Proprio da una delle foto, si nota che il mitico tracciato da esibizione inglese è già presente nel simulatore tedesco.
  15. Alcune settimane fa è spuntato praticamente dal nulla il nuovo RENNSPORT, originale simulatore di guida made in Germany creato "dai simracers per i simracers", come si autodefinisce nella propria presentazione. La presentazione dal vivo, alla quale hanno partecipato quasi 100 simdrivers professionisti, che hanno avuto modo di provarlo e sfidarsi in alcune competizioni hotlap e multiplayer (vinta dal nostro Enzo Bonito!), ha certamente innalzato il livello di hype in modo esponenziale. Già sabato scorso abbiamo parlato in anteprima, di cosa materialmente è stato mostrato e provato dai piloti virtuali a Monaco. Dopo alcuni giorni dal test, con vari video di anteprima già pubblicati e tanti commenti ed opinioni raccolte, vogliamo fare il punto preciso sulla situazione attuale, ricordandoci però che RENNSPORT è appena in fase alpha ed il suo rilascio al pubblico è previsto solo nel 2023. La scelta di Competition Company per il motore di gioco, è ricaduta sul già noto Unreal Engine 5, dopo essere partiti con lo sviluppo sul precedente Unreal Engine 4. I risultati visti nella prova sono sicuramente incoraggianti. Le similitudini con Assetto Corsa Competizione, che utilizza lo stesso engine, sono evidenti, ma i colori in RENNSPORT sono meno vivaci. Il sound è buono, ma non certo sufficiente, ed è evidente che in questo comparto c'è ancora tanto lavoro da fare. Provando la Porsche 911 GT3 R si nota subito che, all'interno dell'abitacolo, l'ambiente sonoro è praticamente asettico, fin quasi muto. Sul fronte della fisica di guida, RENNSPORT è stato provato a lungo dai simdrivers professionisti in un intero weekend ed i pareri sono stati generalmente più che positivi. L'opinione generale è che il feeling delle tre vetture finora disponibili, ovvero BMW M4 GT3, Porsche 911 GT3 R e Porsche Mission R, è molto simile ad altri titoli già ampiamente collaudati, come Assetto Corsa Competizione. Il livello di grip si sente particolarmente forte, cosi come il feedback proveniente dai pneumatici. Bisogna però considerare che nel test non era possibile modificare il setup dell'auto ed ABS e Traction Control erano fissi. Proprio questi aiuti elettronici hanno prodotto un comportamento incoerente in talune situazioni, come segnalato da vari piloti. La fisica quindi non era perfetta, con due evidenti problematiche riportate agli sviluppatori: la maneggevolezza eccessiva nella risposta della vettura a centro curva e i cordoli in versione "sabbie mobili" in varie zone dell'Hockenheimring. Come già detto, RENNSPORT è in fase alpha, quindi c'è ancora tanto lavoro da fare, ma un punto a suo favore resta certamente quello di aver visto tutti i simdrivers in grado di adattarsi ad un nuovo simulatore in un tempo molto rapido, trovandosi a proprio agio. Per quanto riguarda il force feedback, RENNSPORT rivela essere già ora un ottimo prodotto, probabilmente anche grazie al fatto di essere stato guidato utilizzando simulatori di livello medio alto, con volanti direct drive e pedaliere con cella di carico. Erano a disposizione della stampa anche un paio di sim con basi Fanatec DD2 e CSL DD: con questo hardware le differenze nel force feedback erano molto evidenti. Il team di sviluppo ha spiegato che la build del software non era ancora stata finalizzata su tutti i diversi modelli di base volante. Riguardo ai contenuti del gioco, per quanto visto ed annunciato finora, abbiamo già detto. Gli sviluppatori di RENNSPORT, per rispondere a chi chiedeva se il gioco sarebbe stato limitato alle sole GT, ha precisato che "i contenuti futuri sono in via di sviluppo, ma le auto a ruote scoperte sono sicuramente una possibilità". L'impressione è che il gioco uscirà sicuramente con le GT, per poi verificarne il successo e quindi investire su nuove licenze e nuove auto, monoposto e non solo. Resta un dubbio da tenere in considerazione: un motore come l'Unreal Engine 5 non è semplicissimo da far funzionare con auto e quindi fisiche molto diverse fra loro. Dove RENNSPORT ha lasciato a bocca aperta i presenti, è stato in realtà su un particolare davvero nuovo ed inedito: per guidare bisognava accedere al proprio simulatore scansionando un codice QR utilizzando l'app RENNSPORT sul proprio smartphone ! In pratica l'app viene usata come profilo di gioco e tiene traccia delle statistiche di ciascun pilota. Tutto ha funzionato bene, sia in pista che fuori. Tecnicamente parlando, sul fronte prettamente multiplayer, il modello delle collisioni era impostato in modo assai permissivo, i danni alle vetture del tutto assenti e non è possibile una valutazione su ping, latenza e rete, visto che il server era ovviamente posizionato in locale nello stesso edificio. Già presente invece la penalità per partenza anticipata, cosi come quelle per sorpasso fuori pista o taglio di curve. Funzionava già bene, anche se in una semplice rete locale LAN, il sistema di streaming in game, con varie inquadrature da bordo pista. In conclusione, questo evento di lancio è stato senza dubbio una ottima presentazione, per un RENNSPORT che, già oggi, anche se mancano ancora quasi 18 mesi al rilascio pubblico, sembra essere molto promettente e partito su una solida base.
  16. Si è chiuso l'evento di presentazione di RENNSPORT, del quale potete leggere l'anteprima, non senza delle sorprese finali: la presenza di due vetture di classe GT3 (BMW M4 e Porsche 911 II) aveva lasciato intendere a più d'uno che questa potesse essere l'unica categoria rappresentata nella simulazione di Competition Company. Dubbi fugati dalla presenza della Porsche Mission R, vettura completamente elettrica capace di eguagliare le prestazioni della 911 GT3 Cup. Un'ulteriore sorpresa è data dalla presenza del Goodwood Hillclimb, forse l'evento più famoso dell'intero Goodwood Festival of Speed, durante il quale i piloti si cimentano in una difficilissima prova a tempo attraverso un percorso stretto e tortuoso Sia la vettura che il tracciato sono stati protagonisti del secondo evento eSport tenutosi in sede (con il primo evento che ha visto trionfare il nostro Enzo Bonito), evento vinto da Joshua Rogers, membro del team esport Coanda, con un tempo di 40 secondi e 58 millesimi Nonostante sia terminato il Summit, il team di sviluppo non ha intenzione di fermarsi con la promozione del suo nuovo simulatore: da domani inizierà il RENNSPORT Roadshow al BMW Welt I Museum di Monaco di Baviera. Ormai non manca molto al suo rilascio: è prevista infatti una closed beta per questa estate seguita da una beta aperta ad inizio 2023. Non ci resta che aspettare!
  17. Ieri mattina abbiamo potuto ammirare il primo breve trailer in game, con la vettura in azione in pista. Ieri sera invece, in una spettacolare location "sportiva" in quel di Monaco in Germania, con tanto di BMW e Porsche in esposizione (Porsche 991 II GT3 e BMW M4 GT3), brand annunciati il giorno prima come partner del progetto, il nuovo RENNSPORT si è mostrato ufficialmente ad un pubblico selezionato di un centinaio di noti simdrivers e team e-sport, invitati per l'occasione. Tutti i presenti hanno potuto provarlo grazie a numerose postazioni di ottimo livello presenti in sala. RENNSPORT vuole entrare nel mercato simracing in modo decisamente dirompente e lo dimostra da subito presentandosi con un motto che ci dice già tutto: "insieme creiamo il futuro del racing virtuale". Il gioco, esclusivo per PC, vuole "portare il mondo esport e simracing ad un livello totalmente nuovo e mai raggiunto, grazie ad un approccio completamente diverso rispetto alla maggior parte degli altri simulatori". La magnificenza della presentazione (come potete notare dalle foto qui allegate), ci dimostra che i fondi a supporto del progetto non mancano sicuramente, del resto RENNSPORT ha base in Germania, paese florido a livello economico e che da molti anni pone grande attenzione sul mondo gaming e simracing in particolare, con grandi sponsors ed investimenti, intelligentemente diversificati. RENNSPORT è sviluppato da Competition Company, software house con sede a Monaco di Baviera, che lavora in silenzio al progetto già dal 2020. L'idea alla base del gioco è quella di un approccio agli eSport diverso, con un sistema di competizione per premiare il comportamento sportivo e lo spirito di competizione, includendo anche features dedicate proprio alle gare online, come ad esempio una base per le trasmissioni in streaming, inclusi strumenti per l'interazione con il pubblico. La community sarà ovviamente un altro punto importante: "Real Digital Ownership" è uno dei principi fondamentali, incoraggiando i modder a utilizzare RENNSPORT come piattaforma. “I tuoi mods saranno di tua proprietà. E puoi scambiarli attraverso il mercato che preferisci". I tracciati e veicoli sono menzionati in modo specifico, è previsto anche un altro kit di strumenti per promuovere le creazioni della comunità. Morris Hebecker, CEO di Competition Company, ha dichiarato: “La vera proprietà digitale significa per me il livello successivo di pubblicazione. Tutte le parti interessate possiedono ciò che contribuiscono a RENNSPORT. Se vinci una gara con un'auto, questa storia è eternamente collegata a questa vettura unica e ai piloti. Sceglieremo la tecnologia giusta per fare in modo che ciò accada”. Tecnicamente parlando, gli sviluppatori hanno confermato l'implementazione del VR sin dal lancio del gioco, mentre sono al lavoro per il supporto al triplo monitor (che con Unreal Engine non è cosa semplice), sarà presente la transizione giorno - notte, cosi come il tracciato dinamico, il ranked multiplayer (non sappiamo ancora come), diversi tipi di vetture diverse (quindi non solo le GT3 viste in presentazione), il già citato modding per auto e piste. Il rilascio di RENNSPORT è ancora previsto nel 2023, con una beta invece in arrivo a breve. E' stato anche confermato ESL come partner ufficiale: “ESL è il nostro partner strategico per costruire il nostro ecosistema di Esports. Abbiamo già imparato molto da loro e traiamo vantaggio da questo scambio reciproco. Siamo molto felici di averli al nostro fianco”. Per chi non la conoscesse, la Electronic Sports League (ESL) è un'azienda tedesca che organizza in tutto il mondo competizioni di sport elettronici. ESL è la più grande compagnia di esport del mondo e la più longeva. Con sede a Colonia, Germania, ESL ha undici uffici e più studi televisivi internazionali a livello globale. E' la più grande compagnia di esport a trasmettere su Twitch.tv. Le operazioni dell'azienda in Italia sono gestite da ProGaming Italia S.r.l., azienda con sede a Bolzano e Milano che si occupa di eventi e tornei di videogiochi da 15 anni. Nel corso degli anni ESL Italia ha organizzato 1000 eventi e distribuito circa 220.000€ in montepremi attraverso 16 stagioni del suo Campionato Nazionale (prima nominato ESL Pro Series, poi ESL Italia Championship e ora ESL Vodafone Championship). L'azienda ha inoltre gestito e organizzato alcuni dei più grandi eventi internazionali mai tenutisi in Italia. L'obiettivo di RENNSPORT è quindi più che mai chiaro: non solo vendere ad un mercato globale, ma trasformare il simracing in un enorme business e-sport, grazie a finanziamenti e fondi ingenti, un partner altamente specializzato come ESL ed uno sviluppo incentrato sul lavoro fatto dai modders, da premiare in modo diretto tramite la stessa community del gioco. Il titolo sarà certamente simulativo, o comunque con una percentuale molto ridotta di "giocabilità per tutti", questo perchè in primis l'arcade racing ha ormai dimostrato che non interessa più a nessuno, in seconda battuta perchè il gioco è esclusivo per PC, quindi indirizzato ad un target con un'età media elevata e competenza in materia generalmente notevole. Una prima grande preoccupazione però l'abbiamo già: ampliare cosi tanto il pubblico del motorsport e-sport tramite ESL, significa naturalmente far scendere in pista decine di migliaia di piloti, casomai poco avvezzi al simracing più tradizionale, attirati da grandi montepremi, che per ESL sono normale prassi e colossali campagne promozionali. RENNSPORT dovrà quindi necessariamente implementare una suddivisione dei piloti per categoria ed esperienza, oltre che un valido ed efficace sistema di verifica di quanto accade in pista, con relative penalità. Altrimenti sarà il caos. Per ora non è stata neppure accennata come caratteristica. RENNSPORT utilizza l'Unreal Engine 5, dopo aver fatto partire lo sviluppo nel 2020 con il precedente Unreal Engine 4. Riguardo il modello fisico, a parte quello che possiamo desumere dal trailer, finora nulla è stato detto. I simdrivers presenti ieri sera non hanno rilasciato dichiarazioni (e probabilmente non possono farlo), ma a giudicare dalle loro facce nelle foto, sembrano essere soddisfatti di quanto hanno potuto guidare... RENNSPORT non è lontano da uno stato giocabile: già in estate infatti, dovrebbe essere lanciata una fase di beta chiusa, per poi passare ad una beta aperta al pubblico all'inizio del 2023. Attendiamo e speriamo... Voi cosa ne dite?
  18. RENNSPORT, il nuovo simulatore che vuole rivoluzionare il simracing pare sia finalmente pronto per mostrarsi questo venerdì nel RENNSPORT Summit, che vedrà la partecipazione di ben 100 Pro Simracers. Il team però potrebbe persino rompere gli indugi prima di dopodomani e rilasciare un primo gameplay prima del Summit. Poche ora fa invece, sempre su Twitter, è apparso il primo trailer che ci mostra il gioco in azione in pista. Non ci resta che attendere e vedere cosa avrà da offrire il team tedesco, senza dimenticare che lo sviluppo dovrebbe essere a buon punto essendo prevista una closed beta questa estate alla quale seguirà una fase di beta aperta ad inizio 2023
  19. RENNSPORT è un nuovo titolo racing esclusivo per PC, che si presenta come quello che portarà il mondo esport e simracing ad un livello totalmente nuovo e mai raggiunto, grazie ad un approccio completamente diverso rispetto alla maggior parte degli altri simulatori. RENNSPORT è sviluppato da Competition Company, nuova software house con sede a Monaco di Baviera, che lavora in silenzio al progetto già dal 2020 e ora ha finalmente annunciato le sue intenzioni. Dal sito ufficiale del progetto, scopriamo che un approccio completamente diverso dovrebbe portare la simulazione al successo: "Partendo da zero, il progresso tecnologico e la moderna architettura del software ci consentono di fare il passo successivo nelle esperienze di corse virtuali". L'idea dovrebbe concretizzarsi in particolare nell'approccio agli eSport: un sistema di competizione per premiare il comportamento sportivo e lo spirito di competizione. Inoltre, RENNSPORT presenterà al suo interno una base per le trasmissioni in streaming, inclusi strumenti per l'interazione con il pubblico. La community sarà ovviamente un altro punto importante: "Real Digital Ownership" è uno dei principi fondamentali, incoraggiando i modder a utilizzare RENNSPORT come piattaforma. “I tuoi mods saranno di tua proprietà. E puoi scambiarli attraverso il mercato che preferisci". I tracciati e veicoli sono menzionati in modo specifico, è previsto anche un altro kit di strumenti per promuovere le creazioni della comunità. BMW e Porsche sono già partner ufficiali di RENNSPORT, infatti il sito web del gioco mostra già screens della Porsche 991 II GT3 e della BMW M4 GT3 all'Hockenheimring. RENNSPORT utilizzerà l'Unreal Engine 5, dopo aver fatto partire lo sviluppo nel 2020 con il precedente Unreal Engine 4. Per quanto riguarda il modello fisico, verranno consultati esperti dell'industria automobilistica per creare un modello realistico. Particolarità interessante è il fatto che RENNSPORT non è lontano da uno stato giocabile: già la prossima estate infatti, dovrebbe essere lanciata una fase di beta chiusa, per poi passare ad una beta aperta al pubblico all'inizio del 2023. Attendiamo fiduciosi... Cosa ne pensate di questo nuovo simulatore? Vi intriga? Quali sono le vostre speranze? Ditecelo nei commenti o nel topic dedicato.
  20. Fanatec presents the new version of their state-of-the-art RennSport Cockpit featuring a new concept and stunning improvements. The RSC V2 is now available as a frame construction to which race drivers add a seat of their choice and a variety of accessories according to their needs, preferences and budget. The objective of such innovation is to offer racers the possibility to create a unique cockpit that can be entirely customized by them. This alone should help them increase their performance and their ability to maximize on their ultimate racing simulation experience. The structure is designed to be easily built and allows multiple adjustments of the wheel, pedals, shifters, seat, sound, screens, etc. Benefiting from the most advanced engineering, the concept is oriented towards ergonomics, comfort and performance. The RennSport Cockpit V2 also gives the user the possibility to upgrade their cockpit from time to time, thanks to a wide and continuously extending range of accessories. These RSC accessories include: a choice of 3 different seats: Fanatec RS, Sparco Pro 2000 and RS333 a sound holder for realistic sound effects and immersion a shifter holder for a perfect driving position a single and a triple monitor stand for visual immersion All of these add-ons offer simracers greater flexibility and allow racers to build their own unique cockpits. Compatibility, Pricing and Availability The RennSport Cockpit V2 and corresponding accessories are available for online purchase exclusively in Fanatec European and American webshops. Prices, features and pictures can be found on http://eu.fanatec.com/Stand?product_id=604 This post has been promoted to an article
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.