Showing results for tags 'f1 esports'. - DrivingItalia.NET simulatori di guida Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'f1 esports'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing
    • DrivingItalia Simracing Academy
    • DrivingItalia Champs & Races
    • Gare
    • Driving Simulation Center

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Simracing Academy
  • Guide - Tutorial
  • Recensioni
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

  1. Live Twitch https://www.twitch.tv/formula1 https://www.twitch.tv/formula1
  2. In vista dell'inizio del campionato F1 Esports Pro Championship, che partirà con tre gare il 13 e 14 Ottobre, tutte e 10 le squadre F1 hanno rivelato i loro roster di 3 piloti per la stagione. R8G Esports, il team eSport di Romain Grosjean, gestisce le operazioni eSport di Haas dal Marzo scorso e Grosjean ha aiutato personalmente a scegliere i tre piloti che rappresenteranno la squadra. Cedric Thome è stato trattenuto per una seconda stagione con Samuel Libeert e Matthijs van Erven entrambi arruolati per la prima volta in un team di F1 Esports. Il francese Libeert era stato precedentemente inserito nella selezione nei Pro Draft 2018 e 2019 ma non era stato selezionato. Oltre a selezionare i piloti, Grosjean aiuterà nella gestione della squadra e nella gestione dei piloti una volta iniziato il campionato Pro. "È un grande evento, un grande pubblico e sicuramente non è come le prime gare in cui torni a casa e se le cose vanno male non ti dispiace", ha detto Grosjean nel corso dello spettacolo di anteprima della F1 Esports Series. “Con le migliori squadre e i migliori piloti di tutto il mondo, devi essere al top ogni giorno. Quindi hanno tutti il mio numero di telefono, il mio WhatsApp e possiamo facilmente condividere e scambiare informazioni e sanno che sono liberi di contattarmi in qualsiasi momento, e penso che sia qui che la mia esperienza e come affrontare quella pressione siano fondamentali". Un altro team che ha scelto un pilota che ha gareggiato principalmente su iRacing è AlphaTauri che ha scelto il campione della Porsche Esports Supercup 2020 e il pilota della Red Bull Esports Sebastian Job. Era disponibile per la selezione attraverso la competizione DHL Fastest Lap in cui ha scalato le classifiche PC e stabilito un nuovo record mondiale di tempo sul giro all'Albert Park. Ad unirsi a Job in AlphaTauri ci sono Joni Tormala, che fa parte dei team di Red Bull Esports dal 2018 e Dario Iemmulo che è arrivato sesto nella serie PS4 Challengers ma ha vinto la gara in Bahrain nell'evento Pro Exhibition tenutosi a maggio. Di gran lunga uno dei nuovi piloti più entusiasmanti in F1 Esports è Alessio Di Capua che si è unito alla Williams insieme ai suoi attuali piloti Alvaro Carreton e Michael Romanidis. Di Capua ha vinto il campionato PC Challengers e nella Pro Exhibition ha ottenuto ottimi risultati con il secondo posto nella gara in Bahrain, il quarto in Cina e ha ottenuto il punteggio più alto nell'evento in-game in Austria. La cosa più impressionante è che è stato un pilota di riserva nella stagione precedente della lega PC PSGL ed è stato in grado di finire sul podio in tutte e quattro le gare a cui ha preso parte. Molti degli altri piloti con cui ha avuto a che fare erano attuali piloti F1 Esports tra cui il campione in carica Jarno Opmeer che ha battuto al secondo posto nel penultimo round di quella stagione. La McLaren è una delle due squadre ad avere una formazione completamente cambiata rispetto alla scorsa stagione e in precedenza aveva annunciato il suo trio di piloti, incluso il secondo classificato del 2018 Dani Bereznay. L'Alfa Romeo, l'ex squadra di Bereznay, è l'altra squadra ad avere un elenco di piloti completamente nuovo. Nello specifico, ha ingaggiato Simon Weigang, ex di Haas, Filip Presnajder, che faceva parte della squadra di eSport della Ferrari ma ha preso parte solo a una gara per il team, e il nuovo arrivato Thijmen Schütte, secondo classificato nel campionato PS4 Challengers. Mercedes e Ferrari sono le due squadre ad avere precedenti campioni di F1 Esports con il campione in carica Jarno Opmeer che si unisce alla Mercedes per questa stagione dall'Alfa Romeo dopo che il due volte campione Brendon Leigh ha lasciato il team tedesco per unirsi alla Ferrari insieme al campione del 2019 David Tonizza. La Red Bull inseguirà il suo terzo titolo costruttori consecutivo con Frederik Rasmussen e Marcel Kiefer che sono stati riportati dalla scorsa stagione. A loro si unisce Liam Parnell che è salito sul podio nella gara PS4 Bahrain Pro Exhibition e ha vinto la gara successiva in Cina. Le prime tre gare del campionato F1 Esports Pro si svolgeranno dal 13 al 14 ottobre e le squadre si sfideranno per una fetta del montepremi di $ 750.000. Queste le formazioni dei teams del campionato F1 Esports Pro 2021: Aston Martin: Lucas Blakeley, Shanaka Clay, Daniele Haddad Haas: Cedric Thome, Samuel Libeert, Matthijs van Erven Williams: Alvaro Carretón, Michael Romanidis, Alessio Di Capua AlphaTauri: Joni Tormala, Sebastian Job, Dario Iemmulo McLaren: Dani Bereznay, Josh Idowu, Bardia Boroumand Ferrari: David Tonizza, Brendon Leigh, Domenico Lovece Mercedes: Jarno Opmeer, Bono Huis, Dani Moreno Alpine: Nicolas Longuet, Fabrizio Donoso, Patrik Sipos Alfa Romeo: Simon Weigang, Filip Presnajder, Thijmen Schutte Red Bull: Frederik Rasmussen, Marcel Kiefer, Liam Parnell
  3. E' stata appena annunciata da Codemasters la nuova F1 Esports Series 2020, il campionato virtuale ufficiale della Formula 1 che si disputa naturalmente con F1 2020. La F1 Esports Series, presentata da Aramco, torna quindi con una quarta stagione, con un premio in denaro di ben $ 750.000! Il "Pro Draft Reveal Show", nel quale i team ufficiali di F1 riveleranno il loro elenco selezionato di piloti di talento, si svolgerà il prossimo 27 Agosto. Come negli anni precedenti, ogni squadra deve anche aggiungere almeno un membro dai qualificati al proprio team di tre piloti, scelti da un gruppo di 45 qualificati. Tutti i piloti qualificati Pro Draft sono disponibili per la selezione questa volta - non ci saranno gare a eliminazione diretta - e il draft online e le scelte di squadra si svolgeranno online in anticipo. Saranno presenti anche Tang Tianyu e Yuan Yifan, i due vincitori della stagione inaugurale di grande successo della F1 Esports Series China Championship. Come per molti altri eventi, la F1 Esports Pro Series, che si svolgerà questo autunno, si è adatta alla pandemia di coronavirus in corso e sarà gestita a distanza nel 2020, con i concorrenti che correranno dalle proprie case o dalle factory dei teams, come nel caso di David Tonizza dalla Ferrari, campione dei piloti nel 2019. La Pro Series si svolgerà tra ottobre e dicembre, seguendo lo stesso formato della scorsa stagione con un campionato di 12 round composto da quattro eventi online con tre gare, con alcune differenze. Quest'anno, le gare si svolgeranno su F1 2020, su una distanza del 35%, e ci sarà anche un nuovo formato di qualificazione completo per la stagione 2020, che sarà in linea con il campionato del mondo di F1 nella vita reale. Il punteggio seguirà ancora una volta le regole del Campionato del mondo reale, con DHL, partner logistico ufficiale di F1, che premierà un punto extra al pilota con il giro più veloce. Prepariamoci quindi per otto trasmissioni in diretta, gare al mercoledì e giovedì per tutta la settimana dell'evento e anche sessioni di qualificazione in streaming live. Il tutto sempre sui canali social di F1 (Facebook, YouTube, Twitch e Huya), nonché su partner televisivi selezionati, con due spettacoli dal vivo per evento dalla Gfinity Arena.
  4. L'ormai ex pilota di Formula 1 Romain Grosjean, ormai appassionatissimo di simracing, il suo team virtuale R8G Esports ed il team di Formula 1 Haas, uniscono le forze per scendere in pista virtuale nel migliore dei modi nella prossima F1 Esports Series. Haas F1 Team ha infatti annunciato che le sue attività eSport e la partecipazione alla F1 Esports Pro Series 2021 saranno gestite dal team R8G Esports di Romain Grosjean. Grosjean, con 98 presenze nel team americano in Formula 1 su un totale di 179 Gran Premi in carriera, ha fondato la sua squadra eSport nell'aprile dello scorso anno, team che è rapidamente cresciuto, segnando 45 vittorie e 103 podi nel 2020. Il 34enne francese sta continuando la sua carriera agonistica in questa stagione gareggiando negli Stati Uniti nella IndyCar Series. R8G Esports ha attualmente 17 simdrivers pro e cinque junior ed è attivo su tutte le principali piattaforme di simulazione,come iRacing, rFactor2, RaceRoom, Assetto Corsa e Gran Turismo. "Sono molto felice di gestire l'ingresso del team Uralkali Haas F1 quest'anno nella F1 Esports Pro Series attraverso R8G Esports", ha dichiarato Grosjean. "Sono coinvolto negli eSport da un anno e credo che il nostro team stia andando molto bene. Per me, essere in grado di aiutare Haas F1 in questo campo e correre insieme, è una gran bella cosa. Ovviamente, è una bella continuazione di ciò che abbiamo costruito insieme. Quindi, non vedo l'ora che inizi la prima gara e di vedere cosa possiamo costruire insieme nella competizione di eSport ". "Sono lieto che riusciamo a utilizzare l'entusiasmo di Romain per gli eSport e l'esperienza di R8G Esports per supervisionare la nostra continua partecipazione alla F1 Esports Pro Series", ha commentato Guenther Steiner, team principal dell'Uralkali Haas F1 Team. "È un passo avanti importante per noi in termini di coinvolgimento rispetto alle stagioni precedenti. Sappiamo di collaborare con un gruppo che comprende veramente le esigenze dell'ambiente di eSport e può aiutare a portare il nostro programma al livello successivo. Abbiamo ottenuto dei punti memorabili nelle passate F1 Esports Pro Series e abbiamo vinto la Virtual Grand Prix Series di questa stagione. Sarebbe fantastico mantenere quella forma sotto la guida di R8G Esports nella F1 Esports Pro Series in questa stagione ". I dettagli sulla formazione dei piloti Uralkali Haas F1 Team Esports saranno resi disponibili nel corso dell'anno.
  5. Dopo il primo evento in Austria, che per la verità non ha brillato per simulazione e spettacolo in pista, ed il round due disputato a Silverstone, torniamo a parlare della F1 Esports virtuale con il GP Brasiliano che si disputa quest'oggi. Il Virtual Sao Paulo Grand Prix conclude il trio di gare pre-stagionali su F1 2020, il gioco ufficiale di F1 di Codemasters ed è l'asso della Williams George Russell che è lanciato verso la vittoria. Sulla scia della sua vittoria lo scorso fine settimana a Silverstone, il britannico ha ora un'incredibile serie di cinque vittorie consecutive, dal 2020. Ha ottenuto quattro vittorie in Spagna, Monaco, Azerbaigian e Canada prima di saltare la gara di apertura del 2021 in Austria . Il Brasile segnerà quindi il sei di fila per Russell, quindi tutti gli occhi saranno puntati su di lui. Sarà comunque affiancato dal Red Bull Reserve Driver e dall'ambasciatore di Wings For Life Alex Albon. Albon ha vinto la gara virtuale dello scorso anno in Brasile, dopo una dura lotta con Charles Leclerc. Albon è affiancato da Johannes Hountondji. Haas porta ancora una volta tutta la potenza della FittiForce, avvalendosi per la terza gara consecutiva dei fratelli Enzo e Pietro Fittipaldi. Il loro punteggio di 57 punti è attualmente in testa, e potrebbe vedere il team raccogliere la parte più grande del montepremi di beneficenza da $ 100.000 se riuscirà a mantenere la propria posizione. Secondi in campionato sono la Ferrari Driver Academy, che ancora una volta schiereranno due delle loro scommesse più brillanti: Arthur Leclerc e Dino Beganovic. Alain Prost detiene il record di vittorie al Gran Premio del Brasile, con sei. E sebbene cinque di questi fossero all'Autodromo Internacional Nelson Piquet di Rio, la vittoria di Prost nel 1990 significa che la famiglia ha forti legami con Interlagos. Nicolas Prost si fa avanti per Alpine, insieme al comico Arnaud Tsamere. Entrambi i concorrenti della Mercedes per il Brasile sono più abituati alle due ruote che alle quattro. Tuttavia, il campione del mondo di ciclismo Rohan Dennis e la star della Moto2 Jake Dixon gareggeranno per le frecce d'argento, mentre cercano di tornare alla forma mostrata nella gara di apertura. Alfa Romeo e AlphaTauri schierano ancora una volta la stessa formazione, con Jack 'Pie Face' McDermott e Thibaut Courtois in corsa per la squadra svizzera, e Luca Salvadori e Tonio Liuzzi che tornano a correre per il team di Faenza. SPRINT RACE LINE UP Mercedes: Jarno Opmeer - Dani Moreno Red Bull Racing: Frede Rasmussen - Marcel Kiefer McLaren: James Baldwin - Josh Idowu Alpine: Nicolas Longuet - Fabrizio Donoso FDA: David Tonizza - Bendon Leigh AlphaTauri: Joni Tormala - Manuel Biancolilla Alfa Romeo: Dani Bereznay - Thijmen Schutte Haas: Samuel Libeert - Cedric Thome Williams: Alvaro Carreton - Alessio di Capua
  6. Si è svolto ieri sera il primo F1 Esports Virtual Grand Prix dell'annata 2021. Come al solito sono stati migliaia gli spettatori presenti, ma ancora una volta, lo spettacolo non è stato certamente all'altezza della Formula 1 reale, anche se non sono stati raggiunti i livelli infimi del GP del Bahrain del 2020, quando Johnny Herbert ha tagliato la pista all'inizio della gara per saltare completamente le prime due curve e alla fine della gara s'è assistito al crash tra Lando Norris e lo YouTuber Jimmy Broadbent. Del resto l'aggiunta di $ 100.000 di montepremi da assegnare all'ente di beneficenza scelto da ciascuna squadra, non ha aiutato di certo a "distendere" l'animo dei piloti e farli concentrare sulla correttezza in pista. E' vero però che di certo non è una coincidenza che i piloti più veloci siano stati anche generalmente i più corretti e puliti, con Arthur Leclerc ed Enzo Fittipaldi che hanno battagliato per la vittoria per lo più senza contatti. Fittipaldi ha però accompagnato fuori pista Leclerc in uno dei suoi sorpassi e nell'ultimo giro, probabilmente disperato, Leclerc ha frenato estremamente tardi alla curva 3 quando ha cercato di recuperare il comando della gara e si è visto assegnare tre secondi di penalità. Proprio le penalità sono state un fattore persistente e determinante nella gara, con 140 secondi (!!!) di penalità aggiunti ai tempi di gara dei piloti: impressionante dato che la gara era sul 50% della distanza del Gran Premio reale e che il gioco F1 2020 assegna penalità con incrementi di tre o cinque secondi. Addirittura l'ex pilota di F1 Vitantonio Liuzzi è stato squalificato a meno di metà gara per aver ricevuto troppe penalità. Le penalità per ogni pilota hanno avuto un enorme impatto sui risultati finali, con Leclerc retrocesso dal secondo al terzo posto poiché aveva sei secondi in più di penalità rispetto a Stoffel Vandoorne. Il campione di Formula 3 Oscar Piastri è stato l'unico pilota a percorrere l'intera distanza di gara senza subire una sola penalità, infatti è passato dal 10° al settimo posto. È anche vero che i limiti del tracciato sono gestiti dal gioco Codemasters in modo particolarmente rigoroso, ma i piloti dovevano già saperlo ed a quanto pare lo avevano dimenticato... Il binomio penalità di F1 2020 e l'assenza di danni ha ovviamente influito in modo negativo sulle prestazioni e comportamenti in pista dei piloti: se la vettura non si rompe, ci provo lo stesso! Il campione MXGP Jeffrey Herlings non ha frenato alla prima curva e ha fatto girare alcuni piloti, ricevendo una penalità drive-through per quello che il gioco ha definito una "grave collisione". Un eufemismo praticamente! Anthony Davidson ha quasi fatto la stessa cosa quando ha frenato in ritardo in curva 3. Non sono poi mancati problemi di connessione in ordine sparso, con le monoposto che a volte diventavano fantasmi. Evidentemente i GP virtuali non sono pensati per essere serie competizioni virtuali, del resto non hanno mai provato ad esserlo, ma le abilità e gli atteggiamenti completamente diversi dei piloti in pista hanno creato spesso un'immagine della situazione abbastanza paradossale. A volte sembrava di ammirare la migliore esperienza simracing, altre volte si era di fronte a gare di Super Mario Kart ! La decisione di Haas di schierare i fratelli Fittipaldi e la Ferrari con i due piloti dalla sua Academy dimostra che probabilmente si tratta dei team che hanno affrontato l'evento nel modo più serio, con il risultato di un buon spettacolo virtuale. Peccato per l'assenza di George Russell, che si è ritirato poche ore prima dell'inizio del GP virtuale. Ancora una volta non possiamo che evidenziare ciò che è già ovvio: per lo show, gli ospiti famosi e i piloti che non hanno molta familiarità con il simracing sono perfetti. Certamente però si perde una fetta di fans sfegatati del motorsport che vorrebbero ammirare gare quasi vere, inoltre - e la cosa ci preoccupa in modo particolare ! - mette in "ridicolo" l'immagine del simracing serio, che non è quella dei Virtual GP. Speriamo lo capiscano tutti...
  7. The wait is over! Join F1 stars, sporting heroes and global superstars, as they take to the first Virtual Grand Prix of 2021! The first event takes us to the Red Bull Ring in Austria. Tune in for a five-lap Sprint Race with the stars of the F1 Esports Series, followed by a 50% Feature Race! FEATURE RACE LINE UPS Mercedes: Stoffel Vandoorne and Anthony Davidson Red Bull Racing: Alex Albon and Jerffrey Herlings McLaren: Jimmy Broadbent and Ben ‘Tiametmarduk’ Daly Alpine: Christian Lundgaard and Oscar Piastri FDA: Marcus Armstrong and Arthur Leclerc AlphaTauri: Vitantonio Liuzzi and Luca Salvadori Alfa Romeo: Thibaut Courtois and Jack ‘Pie Face’ McDermott Haas: Pietro and Enzo Fittipaldi Williams: George Russell and Nicholas Latifi SPRINT RACE LINE UPS Mercedes: Jarno Opmeer and Dnai Moreno Red Bull Racing: Frede Rasmussen and Marcel Kiefer McLaren: James Baldwin and Josh Idowu Alpine: Nicolas Longuet and Fabrizio Donoso FDA: David Tonizza and Bendon Leigh AlphaTauri: Joni Tormala and Manuel Biancolilla Alfa Romeo: Dani Bereznay and Thijmen Schutte Haas: Cedric Thome and Samuel Libeert Williams: Alvaro Carreton and Alessio di Capua
  8. Jarno Opmeer, ex pilota reale sotto l'ala protettrice di Renault, è diventato il terzo campione della Formula 1 Esports con il team Alfa Romeo, battendo Frederik Rasmussen della Red Bull nelle ultime tre gare virtuali. In totale in questa stagione ha vinto quattro delle 12 gare ed è salito sul podio in tutte le prime sei gare. Il successo è arrivato dopo una carriera agonistica sulle piste reali bruscamente interrotta, in cui Opmeer ha gareggiato nella F4 spagnola e nella Formula Renault Eurocup con MP Motorsport. Jarno ha anche fatto parte della Renault Sport Academy nel 2017, un periodo in cui anche Jack Aitken e Sacha Fenestraz facevano parte di quel programma. Opmeer è passato agli eSport dopo che la mancanza di fondi (come accade per il 90% dei promettenti piloti...) ha interrotto la sua carriera agonistica reale. "È finita perché semplicemente non avevo la sponsorizzazione per passare alla F3 o per fare un'altra stagione in Formula Renault", ha detto Opmeer in una intervista a The Race. “Quindi dovevo fare qualcosa di diverso ed ero sempre abbastanza bravo con i simulatori, preparandomi per i weekend di gara, rispetto agli altri piloti. Già allora gli altri piloti dicevano 'dovresti provare gli eSport' e mi è piaciuto guidare con i simulatori, quindi ho pensato di fare un tentativo. Penso di essere stato uno dei migliori ma sicuramente non il più veloce. Per la prima stagione di F1 Esports non sono riuscito a qualificarmi, ma poi per la seconda stagione sono stato invitato per un provino alla Renault ed ero molto veloce al provino rispetto agli altri piloti, quindi ho preso un sedile per la F1 2019 Esports." "La F1 è sempre stata il mio sogno, da bambino, quindi questa è stata la ragione principale per cui ho scelto F1 Esports e non qualcos'altro" - spiega Jarno - "È ben noto nella comunità di simracing che i giochi di Codemasters di F1 non sono simulazioni complete, soprattutto se paragonati a rFactor 2 o iRacing". Quando Opmeer ha iniziato a gareggiare nei giochi di F1, ha scoperto che la sua esperienza nel mondo reale era un piccolo vantaggio per cominciare, ma ha anche dovuto cambiare alcuni aspetti della sua guida. "Penso che mi abbia dato un po 'di vantaggio, ma allo stesso tempo ho dovuto disimparare alcune abitudini e imparare alcune cose nuove", ha detto Opmeer. "Non è stato facile cambiare le cose imparate negli ultimi 13-14 anni. E' stato molto difficile, ovviamente, accettare che non sarei stato il più veloce subito contro questi piloti di eSport. Ho dovuto dedicare molto lavoro e molte ore solo per essere il più veloce e penso ancora di non essere il più veloce, penso di essere stato il miglior pilota ma sicuramente non il più veloce". La convinzione di Opmeer di non essere stato il pilota più veloce sul giro, deriva dal suo record di qualifica relativamente scarso, conquistando la pole position solo una volta in questa stagione. Tuttavia, molte delle sue migliori prestazioni sono state ottenute partendo con pneumatici a mescola media e finendo con le morbide, mentre la maggior parte dei piloti ha fatto i propri stint al contrario. "Sono stato abbastanza a mio agio nel traffico questa stagione. - a causa delle sue strategie al contrario - "In Messico ho ottenuto la mia prima vittoria strategica. La strategia più veloce di partire con le medie, è naturalmente molto più difficile". Opmeer ha guidato il campionato piloti dall'inizio alla fine, ma questo non vuol dire che non ci siano stati momenti in cui la sua leadership sembrava stesse per finire. Mentre Opmeer ha raggiunto il titolo F1 Esports, l'Alfa Romeo non è riuscita a vincere il campionato costruttori e Red Bull lo ha vinto per il secondo anno consecutivo. Al di fuori della F1 Esports, Jarno ha anche fatto parte del team di quattro piloti della Veloce Esports nella 24 Ore virtuale di Le Mans insieme a Jean-Eric Vergne e Pierre Gasly. La squadra ha concluso al quinto posto assoluto, ad un giro dai vincitori. L'obiettivo principale di Opmeer per il 2021, messo ormai nel cassetto il sogno del motorsport reale, è confermarsi campione nella F1 virtuale. "So che devo continuare a esercitarmi molto per riuscire a rimanere primo come pilota", dice. "Ci sono sicuramente dei miglioramenti da fare per provare a vincere di nuovo il titolo piloti. Sono decisamente concentrato sugli Esport di F1 e per me non penso sia davvero realistico tornare a qualcosa come la Formula 3 o la Formula 2 perché semplicemente non ho il budget degli sponsor per farlo. Quindi, che si tratti di F1 Esports il prossimo anno o di qualsiasi altra cosa come la 24 Ore virtuale di Le Mans, per me il focus è sicuramente sugli eSport". Del resto correre in pista, che sia reale o virtuale, fa scorrere adrenalina ed emozioni allo stesso modo!
  9. Jarno Opmeer è stato incoronato campione della F1 Esports Pro Series 2020, dopo essere arrivato settimo nella gara di chiusura della stagione in Brasile. Grande amarezza per Frede Rasmussen, per il secondo anno consecutivo arrivato secondo nella classifica del mondiale virtuale! Rasmussen si consola in parte con il successo del suo team Red Bull Racing Esports, che conquista il titolo team. Rasmussen ha vissuto una gara durissima in Brasile, tagliando il traguardo ottavo, ma uscendo dalla zona punti a causa di una penalità. Gran gara invece per Marcel Kiefer, con la seconda Red Bull, duellando per il comando e alla fine tornando a casa con un ottimo secondo posto. Eppure Rasmussen era partito bene mercoledì, ottenendo una vittoria nel round 10 in Giappone, avvicinandosi a Opmeer. Tuttavia ha perso punti nella successiva gara di Città del Messico. Stagione quasi trionfale per Jarno Opmeer, con quattro vittorie, mentre la sua gara in Brasile è stata probabilmente una delle meno degne di nota del 2020. Si è qualificato in P7 ed ha chiuso nella stessa posizione, come accennato, tuttavia, con Rasmussen in difficoltà a causa di una penalità per eccesso di velocità nella corsia dei box, Opmeer non ha corso alcun rischio. Grande risultato per il team Red Bull, dimostratosi più concreto anche dell'Alfa Romeo, soprattutto grazie all'apporto punti di entrambe i piloti, con la coppia Rasmussen - Kiefer sempre incisiva per i punti di squadra. Secondo titolo mondiale consecutivo quindi per Red Bull! Annata sottotono da dimenticare invece per il campione uscente, l’italiano David Tonizza su Ferrari. Il settimo posto finale del campionato per lui ed il 5° della scuderia Rossa (a ben 231 punti di distacco dalla Red Bull !) è semplicemente da mettere subito in archivio.
  10. La pazienza è una virtù. È qualcosa che Frede Rasmussen ha vissuto finora nella sua carriera in F1 Esports, aspettando cautamente il momento opportuno per colpire. Lo ha fatto a Zandvoort, superando il favorito di casa e leader del campionato Jarno Opmeer a soli due giri dalla fine. Il danese ha ottenuto la sua prima vittoria della stagione. Opmeer è tornato in testa nella seconda gara in Canada, una gara che includeva un incidente tra lui e David Tonizza. Anche se quest'ultimo si è ritirato, Opmeer è stato in grado di continuare la sua strategia alternativa e ha portato alla vittoria dopo aver messo in atto l'ennesimo spettacolo di sorpassi verso la fine della gara. Il Red Bull Ring ha ospitato il sesto round: Marcel Kiefer e Frede Rasmussen erano dilaganti a Spielberg e, sebbene Opmeer gestisse una strategia superiore, non riuscì a sfondare il solido muro del lavoro di squadra costruito. Il vantaggio di Opmeer è leggermente aumentato, ora detiene un vantaggio da 27 punti. Kiefer è ancora fermo al secondo posto, con Rasmussen non molto indietro. Nicolas Longuet è un po 'più indietro al quarto posto con Dani Bereznay al quinto. La Red Bull guida l'Alfa Romeo per 185-160 nella caccia al campionato a squadre, con la Renault che si batte per il terzo posto. Se l'Event 2 era un mix di modernità e tradizione, l'Event 3 è saldamente radicato nella ricca eredità dei super circuiti europei della F1. Silverstone è il primo, ed è amato quasi universalmente per le sue fantastiche curve ad alta velocità che sono una gioia pura da superare. È stato un evento rivoluzionario per Kiefer nel 2019, che ha ottenuto la sua prima vittoria in serie, mentre guidava per il BWT Racing Point F1 Esports Team. Ora con la Red Bull, cercherà di ripetere l'impresa. E se riuscisse a eguagliare la sua posizione nel 2019, Rasmussen farebbe un 1-2, essendo stato anche sul podio lo scorso anno. Dani Bereznay ha completato il podio e dovrà rifare lo stesso quest'anno se vuole riprendersi da un secondo evento fallito.Kiefer era ipnotizzante a Silverstone nel 2019 Dopo ci sarà Spa. Ed è giusto menzionare Bereznay, perché è piuttosto famoso per essere il pilota più veloce nel suo tracciato di 7.004 chilometri. L'asso ungherese ha duellato senza sosta con Rasmussen nel 2019, con un passaggio all'ultimo giro cronometrato alla perfezione per assicurarsi di ottenere il massimo dalla gara. Opmeer era terzo. L'ultima gara della manifestazione ci porterà a Monza. Bereznay è stato implacabile, ottenendo vittorie consecutive su circuiti a basso carico aerodinamico. Ma un francese di nome Nicolas Longuet ha rubato la scena, guidando la gara e arrivando secondo nella sua UNICA apparizione nella Pro Series 2019. Longuet ha registrato un piazzamento tra i primi cinque in ogni gara quest'anno, inclusa una medaglia d'argento ad Hanoi. Tonizza ha completato il podio nel 2020, quindi una forte gara di casa sarà in cima alla sua lista dei desideri, prima che le sue speranze di mantenere il titolo inizino a svanire. Ancora una volta abbiamo un totale di quattro stream durante l'evento di due giorni. Le qualificazioni per i round 7-8 verranno trasmesse in diretta su Twitch e YouTube dalle 16:30, con i momenti salienti di questo, oltre a entrambe le gare per intero, dalle 20:30 su Twitch, YouTube, Facebook e in TV.
  11. 𝐆𝐄𝐓 𝐑𝐄𝐀𝐃𝐘 𝐅𝐎𝐑 𝐌𝐎𝐑𝐄 #𝐅𝟏𝐄𝐒𝐏𝐎𝐑𝐓𝐒 𝐏𝐑𝐎 𝐒𝐄𝐑𝐈𝐄𝐒 𝐀𝐂𝐓𝐈𝐎𝐍! Event starts with three races over two days - will we get another overtake like this from David Tonizza? Here's more info Qualifying: 15:30 GMT 4th & 5th Nov Race: 19:30 GMT 4th & 5th Nov Races
  12. Le F1 Esports Series 2020 sono ai nastri di partenza: oggi e domani, infatti, il Campionato virtuale della massima serie automobilistica ricomincerà a dare spettacolo e tutte le squadre e i piloti sono pronti a competere per i primi 12 appuntamenti sulle piste ufficiali proposte dal nuovo videogioco della Codemasters F1 2020. Tra i vari team il Red Bull Racing Esports è pronto ad andare a caccia del Titolo con i suoi portacolori Frederic Rasmussen e Marcel Kiefer, che recentemente hanno svolto una tre giorni di allenamento fisico e mentale presso il centro di preparazione APC, acronimo di Red Bull Athlete Performance Center. In Austria i due piloti virtuali hanno svolto tutta una serie di test per mettere alla prova il loro corpo e la loro mente, in modo da raggiungere la “peak performance” nei momenti decisivi del Campionato. Questo è stato garantito grazie all’aiuto di nutrizionisti, fisioterapisti, psicologi e personal trainers: “L’APC copre ogni singolo aspetto di cui un atleta ha bisogno – ha commentato Marcel Kiefer – Ho capito che la routine e la programmazione quotidiana degli impegni è fondamentale per ogni aspetto della mia vita, non solo per il racing. Mi è piaciuto molto lavorare nell’APC, perché mi ha permesso di raggiungere un nuovo livello di performance per la stagione che partirà a breve”. Marcel, a tutti gli effetti, ha condiviso il commento del compagno di squadra Rasmussen, il quale ha affermato di “aver capito molto su tutti gli aspetti che sono cari a un atleta. Tra questi, in particolare, il sonno e l’alimentazione: presto dovrò cambiare la mia routine! Per la stagione 2020 cercherò di fare il massimo per vincere ancora”. L’obiettivo del Red Bull Racing Esports, infatti, è quello di mettere in difficoltà il Campione del Mondo in carica della Ferrari Davide Tonizza, che sarà messo a dura prova nelle tre gare in programma oggi e domani in Bahrain, in Vietnam e in Cina. “Non sono qui per finire secondo – ha aggiunto Marcel Kiefer – Voglio puntare ad entrambi i Titoli. La competizione sarà serratissima, quindi dovremo lottare duramente per portare a casa entrambi i risultati”.
  13. Il primo evento della F1 Esports Series 2020 si svolgerà il 14/15 Ottobre, con tutti i teams virtuali già pronti a scendere in pista per una nuova ed infuocata stagione virtuale di Formula 1. Nel video qui sotto, il team Mercedes AMG F1 Esport si presenta ai suoi fans e mostra la propria squadra. Nel secondo video invece, la presentazione del team Renault Vitality F1.
  14. E' stata appena annunciata da Codemasters la nuova F1 Esports Series 2020, il campionato virtuale ufficiale della Formula 1 che si disputa naturalmente con F1 2020. La F1 Esports Series, presentata da Aramco, torna quindi con una quarta stagione, con un premio in denaro di ben $ 750.000! Il "Pro Draft Reveal Show", nel quale i team ufficiali di F1 riveleranno il loro elenco selezionato di piloti di talento, si svolgerà il prossimo 27 Agosto. Come negli anni precedenti, ogni squadra deve anche aggiungere almeno un membro dai qualificati al proprio team di tre piloti, scelti da un gruppo di 45 qualificati. Tutti i piloti qualificati Pro Draft sono disponibili per la selezione questa volta - non ci saranno gare a eliminazione diretta - e il draft online e le scelte di squadra si svolgeranno online in anticipo. Saranno presenti anche Tang Tianyu e Yuan Yifan, i due vincitori della stagione inaugurale di grande successo della F1 Esports Series China Championship. Come per molti altri eventi, la F1 Esports Pro Series, che si svolgerà questo autunno, si è adatta alla pandemia di coronavirus in corso e sarà gestita a distanza nel 2020, con i concorrenti che correranno dalle proprie case o dalle factory dei teams, come nel caso di David Tonizza dalla Ferrari, campione dei piloti nel 2019. La Pro Series si svolgerà tra ottobre e dicembre, seguendo lo stesso formato della scorsa stagione con un campionato di 12 round composto da quattro eventi online con tre gare, con alcune differenze. Quest'anno, le gare si svolgeranno su F1 2020, su una distanza del 35%, e ci sarà anche un nuovo formato di qualificazione completo per la stagione 2020, che sarà in linea con il campionato del mondo di F1 nella vita reale. Il punteggio seguirà ancora una volta le regole del Campionato del mondo reale, con DHL, partner logistico ufficiale di F1, che premierà un punto extra al pilota con il giro più veloce. Prepariamoci quindi per otto trasmissioni in diretta, gare al mercoledì e giovedì per tutta la settimana dell'evento e anche sessioni di qualificazione in streaming live. Il tutto sempre sui canali social di F1 (Facebook, YouTube, Twitch e Huya), nonché su partner televisivi selezionati, con due spettacoli dal vivo per evento dalla Gfinity Arena.
  15. 8 piloti di Formula 1 al via, 39 giri da affrontare, la cornice virtuale più glamour del mondo: chi vincerà nel Virtual GP di Monaco? La gara del Principato verrà trasmessa dalle 19:00 di domenica 24 maggio: non perdetevi il 6° appuntamento della F1 Esports Virtual GP Series! https://www.youtube.com/watch?v=ZosE89zR9dw
  16. Tutto è cominciato nel 2017, quando Codemasters ha sfruttato il rinnovato F1 2017 per lanciare la sua competizione eSport ufficiale: tra sfide ad eliminazione contro il computer e gare con i migliori interpreti del simracing, così è nata la F1 Esports Series, realizzata grazie all'importantissima partnership con Gfinity Esports. Un'organizzazione che ha fatto della Gfinity Arena in quel di Londra la sua base d'appoggio, in cui personaggi come Brendon Leigh e Davide Tonizza sono diventati gli eroi di questo mondo virtuale su quattro ruote. Proprio per proseguire il progetto iniziato qualche anno fa, l'universo della Formula 1 ha voluto rinsaldare la partnership in questione, estendo la collaborazione con Gfinity Esports per altri tre anni e fino al 2022. In questo modo, l'F1 Esports Series continuerà il proprio operato sia quest'anno che nella stagione 2021, coprendo anche gli eventi di qualificazione del 2022. Gfinity, inoltre, sarà chiamata a curare le Challenger Series, il Pro Draft Reveal Show e le Pro Series. Ma non è tutto! A causa dell'emergenza Coronavirus, la speciale serie F1 Virtual Grand Prix lanciata in marzo continuerà i propri sforzi per tutto il mese di giugno, fintanto che le gare e vere e proprie non riprenderanno la propria attività su pista con l'appuntamento del 5 luglio sul Red Bull Ring austriaco. Dulcis in fundo, in cantiere c'è anche la volontà di realizzare un quadro giuridico e legislativo di tutti gli eventi in programma, una sorta di "Direzione Gara" che sorveglierà il regolare svolgimento di ogni singolo Gran Premio. A tal proposito, ecco il commento di John Clarke, Gfinity Chief Executive: "La F1 Esports Series è uno dei tornei più avvincenti presenti nel mondo eSports e siamo veramente contenti di lavorare con la Formula 1 per altri due anni. Firmare una collaborazione di questo tipo ci farà mettere in luce le nostre potenzialità di sviluppare delle soluzioni eSport di alto livello. Le recenti Virtual Grand Prix Series, inoltre, hanno catturato l'attenzione di migliaia di nuovi fans e siamo contenti che questi guardino la F1 in un modo completamente diverso". In risposta, ecco le parole di Julian Tan, Capo digital business ed eSports della Formula 1: "Siamo onorati di aver esteso il nostro accordo con Gfinity per altri due anni. Fin dal 2017 abbiamo visto la rapida crescita della F1 Esports Series, in cui Gfinity ha giocato un ruolo importantissimo nel fornire supporto continuo allo sviluppo della serie stessa. Per questo motivo siamo veramente contenti di spostare ulteriormente l'asticella nei prossimi due anni, in cui il nostro obiettivo è quello di migliorare ulteriormente la nostra serie eSport".
  17. Due anni fa, nel 2018, Fanatec annunciò di aver assicurato una partnership lunga 5 anni con il mondo della Formula 1, diventando il main sponsor della serie ufficiale F1 eSports. Per celebrare questo evento, l'azienda tedesca svelò al pubblico un volante speciale, quel ClubSport Steering Wheel F1 che poi, nel 2019, fu rilasciato in una speciale versione a tiratura limitata Silver Edition. Per il 2020, di conseguenza, Fanatec rinnova la tradizione, svelando il nuovo modello che diventerà, di nuovo, il prodotto ufficiale del Campionato eSport del Circus iridato. Ad annunciarlo è stato il CEO di Fanatec Thomas Jackermeier, il quale ha svelato l'inedito ClubSport Steering Wheel F1 2020 Limited Edition, costruito sulla base di nuove tecnologie e con nuovi, ancora più performanti, materiali. Il nuovo volante è già disponibile per i pre-ordini. Come è stato per le edizioni precedenti, anche quella del 2020 sarà costruita in tanti esemplari quanto l'anno in corso... cioè 2020 unità. Se lo volete, dovrete dare prova della vostra velocità anche nell'utilizzo della carta di credito... Si ripete nuovamente la possibilità di ottenere il nuovo F1 2020 di Codemasters aggiungendo 1 solo euro all'acquisto del volante.
  18. Con le monoposto ferme ai box, il mondo della Formula 1 è pronto a tornare in pista questo fine settimana con il secondo appuntamento delle F1 eSports Virtual Grand Prix series. Dopo la prima tappa del Bahrain, vinta da Guanyu Xhou (pilota Academy Renault) tra critiche e polemiche, il Mondiale virtuale del Circus iridato proseguirà il proprio impegno... tornando in Australia, sull'Albert Park di Melbourne. Nel weekend che avrebbe dovuto vedere il debutto ufficiale del GP del Vietnam sull'inedita pista di Hanoi, tutti gli occhi saranno puntati sui migliori interpreti del simracing, tra i quali si schiereranno in griglia anche cinque piloti ufficiali della massima serie iridata. Al fianco dei già confermati Lando Norris, George Russell e Nicholas Latifi, questa volta saranno presenti anche Alexander Albon e Charles Leclerc, un "quintetto" a cui si aggiungeranno Johnny Herbert, il pilota di Supercar Andre Heimgartner e il campione di cricket Ben Stokes. Tutti i piloti andranno online da remoto, mentre la gara sarà commentata in diretta dalla Gfinity Esports Arena alle ore 21 di domenica 5 aprile. Lo streaming sarà disponibile sul canale ufficiale YouTube della Formula 1, così come su Twitch e sulla pagina Facebook e darà vita a una competizione della lunghezza di 1 ora e mezza per 28 giri, con tanto di sessione di qualifica che determinerà le posizioni in griglia di partenza. Dal momento che saranno nuovamente presenti piloti con differenti capacità al volante, la configurazione dell'evento sarà tale da incoraggiare una competizione in pista divertente e, allo stesso tempo, scalabile. Questo includerà vetture tutte uguali nelle performance con setup fissi, danni ridotti ed, eventualmente, la presenza di aiuti alla guida come l'ABS e il traction control. Dopo la gara prenderà inoltre vita la F1 eSports Pro Exhibition, un'ulteriore corsa di 1 ora dedicata esclusivamente ai gamers. L'appuntamento è fissato per le 22:30 e sarà trasmesso in diretta sia sui canali ufficiali della Formula 1, sia su canali TV selezionati. E proprio oggi la Ferrari ha confermato che, se nella gara virtuale di Melbourne saranno i fratelli Leclerc a scendere in pista, nella seconda gara dedicata agli specialisti del simracing esport, potremo invece ammirare in azione il nuovo duo composto da David Tonizza e Enzo Bonito! F1 eSPORTS VIRTUAL GRAND PRIX: IL CALENDARIO Dopo questa tappa, la serie ufficiale della Formula 1 virtuale proseguirà la sua corsa con altri cinque appuntamenti, nella speranza che, successivamente, il vero Mondiale 2020 possa finalmente accendere i motori. L'unica incognita è quella del round del 3 maggio: in quel weekend le monoposto più veloci del mondo avrebbero dovuto inaugurare il nuovo circuito olandese di Zandvoort, ma dal momento che F1 2019 non ha inclusa questa pista nel suo calendario... gli organizzatori dovranno trovare ben presto un'alternativa. 5 aprile: Virtual GP d'Australia, Melbourne 19 aprile: Virtual GP di Cina, Shanghai 3 maggio: da definire 10 maggio: Virtual GP di Spagna, Barcellona 24 maggio: Virtual GP di Monaco, Montecarlo 7 giugno: Virtual GP d'Azerbaijan, Baku
  19. La Formula 1 annuncia oggi il lancio di una nuova serie di Gran Premi virtuali Esports F1, con un numero di piloti reali F1 in pista. La serie è stata creata per consentire ai fan di continuare a guardare virtualmente le gare di Formula 1, nonostante l'attuale situazione COVID-19 che ha influenzato il calendario delle gare di apertura di questa stagione. Le gare virtuali si svolgeranno al posto di ogni Gran Premio posticipato, a partire da questo fine settimana con il Gran Premio del Bahrain virtuale di domenica 22 marzo. Ogni fine settimana successivo vedrà la gara di Formula 1 posticipata del mondo reale sostituita con un Gran Premio virtuale *, con l'iniziativa attualmente in programma fino a maggio **. La prima gara della serie vedrà gli attuali piloti di F1 schierarsi sulla griglia insieme a una serie di stelle che saranno annunciate a breve. Al fine di garantire la sicurezza dei partecipanti in questo momento, ogni pilota si unirà alla gara da remoto, con un host trasmesso in diretta dalla Gfinity Esports Arena (o da remoto, se necessario) dalle ore 21 italiane di domenica 22 marzo. La serie utilizzerà il videogioco per PC ufficiale F1 2019, sviluppato da Codemasters, e il primo GP virtuale sulla pista di Sakhir sarà una gara del 50% di lunghezza con 28 giri. La trasmissione, che sarà disponibile sui canali ufficiali di Formula 1 YouTube, Twitch e Facebook, dovrebbe durare 1 ora e 30 minuti, con un periodo di qualificazione in cui le posizioni della griglia saranno determinate in base al tempo sul giro più veloce dei piloti. A causa della grande varietà di livelli di abilità di gioco tra i conducenti, le impostazioni di gioco saranno configurate in modo tale da incoraggiare le corse competitive e divertenti. Ciò include prestazioni di guida uguali con configurazioni fisse, danni ridotti al veicolo, freni antibloccaggio opzionali e controllo della trazione per chi ha meno familiarità con il gioco. La serie è strettamente a scopo di intrattenimento, per portare l'azione dei fan ai fan in questo scenario senza precedenti su cui il mondo è stato influenzato, senza punti ufficiali del Campionato mondiale in palio per i piloti. Durante i fine settimana non di gara, la Formula 1 ospiterà anche gare online, in cui i fan di tutto il mondo avranno la possibilità di confrontarsi con i piloti di F1. Maggiori dettagli di questi eventi saranno disponibili sui canali ufficiali dei social media di Formula 1 nelle prossime settimane. Julian Tan, Head of Digital Business Initiatives and Esports, ha dichiarato: “Siamo molto lieti di essere in grado di portare un leggero sollievo sotto forma del GP virtuale di Esports F1, in questi tempi imprevedibili, poiché speriamo di intrattenere i fan. Con tutti i principali campionati sportivi del mondo che non sono in grado di competere, è un ottimo momento per evidenziare i vantaggi degli sport e l'incredibile abilità dei piloti in mostra. " Frank Sagnier, Amministratore delegato, Codemasters ha aggiunto: "Siamo entusiasti di far parte della nuova serie di Gran Premi virtuali Esports F1. Con gli eventi sportivi attualmente sospesi in tutto il mondo, è bello che il videogioco ufficiale F1 possa aiutare a colmare il vuoto riunendo un entusiasmante schieramento di talenti per correre online durante i fine settimana posticipati. Sarà competitivo, pieno di azione e molto divertente per tutti i soggetti coinvolti". * I Gran Premi non disponibili nel videogioco ufficiale di F1 del 2019 saranno sostituiti con un Gran Premio alternativo. ** L'iniziativa GP di Esports Virtual GP verrà estesa oltre maggio se la pandemia di coronavirus comporterà ulteriori annullamenti / rinvii del Grand Prix.
  20. La F1 Esports Series, il campionato virtuale ufficiale della Formula 1, ha visto nel 2019 l'arrivo in pista anche del team Ferrari Esports, con il grande trionfo del nostro David Tonizza, ma l'annata passata ha segnato anche la vera e proprio disfatta del ex campione Brendon Leigh e del team virtuale Mercedes. Questa intervista al simdriver inglese ce ne spiega i motivi ed anche come pensano di tornare a vincere in questo 2020.
  21. Nella serata di mercoledi 4 Dicembre si svolgerà il gran finale del campionato F1 Esports Pro Series, il torneo ufficiale di Formula 1 virtuale che si disputa con F1 2019 della Codemasters. Come al solito sarà possibile seguire l'evento interamente in diretta, facendo naturalmente il tifo per il nostro David Tonizza del team Ferrari Esport che difenderà un vantaggio di 26 punti su Rasmussen e ben 43 su Opmeer. Per le scuderie, Red Bull Racing Esports mantiene il vantaggio con 181 punti, con la Ferrari Driver Academy al secondo posto a quota 146, con un solo punto di vantaggio sulla Renault ed ottima quarta l'Alfa Romeo a 127 punti. Qui di seguito lo streaming per seguire la diretta ed un video riassuntivo di quello che è successo finora in campionato.
  22. Tutto ha avuto inizio con un'intuizione: evolvere il classico videogioco di corse automobilistiche, divertente e immediato, in qualcosa di più realistico e fedele alla realtà. “The Real Driving Simulator” recitava il primo capitolo della serie Gran Turismo: un prodotto che pretendeva di essere un simulatore duro e crudo quando, in effetti, si trattava di un gran bel videogame che teneva incollati allo schermo per ore. L'intento, però, dietro a quei pixel che disegnavano le piste e le auto più care al produttore Kazunori Yamauchi era stato perfettamente centrato: la serie Gran Turismo era essenzialmente diversa da tutte le altre nel mondo delle competizioni automobilistiche e nel corso del tempo si è fatta pioniere del fenomeno degli “eSport”, gli sport elettronici che in ambito simracing, oggi, hanno l'obiettivo di formare i piloti di domani. Ma quali sono state le tappe fondamentali di questo fenomeno? GT ACADEMY: MOLTO PIU' DI UN CONCORSO Il primo esperimento che ha lanciato, di fatto, il fenomeno degli eSports in ambito simracing è partito proprio dalla serie Gran Turismo di Kazunori Yamauchi: nel 2008 venne creata la GT Academy, un contest che permetteva ai giocatori europei di Gran Turismo 5 su PlayStation 3 di mettersi in gioco per un posto da pilota ufficiale nel team Nissan Nismo. Dopo una prima fase di eliminazione si passava alle Finali e al Race Camp sul circuito di Silverstone, dove i finalisti avrebbero dovuto mettere in mostra il loro potenziale in diverse prove di abilità e dietro al volante di una vettura reale marchiata Nissan. Il primo vincitore fu lo spagnolo Lucas Ordóñez, che venne inserito nel Driver Development Program della Nissan in modo da affinare la propria preparazione in vista del suo debutto in pista “reale” in una delle più importanti gare di durata al mondo: la 24 Ore di Dubai. Sebbene il risultato finale si dimostrò al di sotto delle aspettative, Ordóñez dimostrò che un pilota virtuale, se opportunamente allenato e seguito da un team di alto livello come l'RJN Motorsport della Nissan, poteva dire la sua anche tra i cordoli di un circuito vero. Successivamente Lucas proseguì la sua carriera da pilota reale grazie a un programma completo nella GT4 European Cup, mentre in parallelo la Gran Turismo Academy continuò la propria attività espandendosi al di fuori dell'Europa proponendo a piloti americani, russi, australiani, provenienti dai paesi dell'est e dal Sudafrica la sfida di poter concretizzare la loro esperienza come piloti virtuali in ambito reale. Di fatto, la GT Academy fu il primo passo verso il mondo degli eSports, nel quale un semplice videogioco di corse si trasformava a tutti gli effetti in un prodotto serio e professionale, che richiamava l'attenzione e metteva in gioco i più grandi talenti di questo settore. WORLD'S FASTEST GAMER: LA “PRIMA VOLTA” DELLA McLAREN Grazie al maggiore interesse verso l'universo delle corse automobilistiche, qualche anno più tardi il team McLaren di Formula 1 fece il secondo, fondamentale, passo in ottica eSports. Nel 2017 fu lanciato il World's Fastest Gamer, un concorso che metteva in palio un posto da pilota al simulatore nel reparto corse di Woking, al fine da avere a disposizione un'ulteriore risorsa per affinare lo sviluppo della monoposto che allora competeva nella massima serie automobilistica. Sviluppato su più piattaforme, tra le quali Forza Motorsport su Xbox One, Gear.Club su smartphone, rFactor 2 e iRacing su PC, il World's Fastest Gamer proponeva delle incessanti fasi di eliminazione con una prima scrematura nel raggiungimento del giro più veloce su piste come Silverstone e Zandvoort, a cui seguivano le relative gare per determinare il vincitore di ogni singola tappa. Una volta ottenuti i 12 finalisti, questi sarebbero stati invitati presso il McLaren Technology Center per la sfida finale, che prevedeva una serie di prove di abilità, di riflessi e, ovviamente, di talento dietro al volante del simulatore. Il vincitore della prima edizione fu l'olandese Rudy van Buren, che poi aiutò nell'organizzazione del successivo Shadow Project, secondo contest proposto dalla McLaren al fine di reclutare i migliori talenti del simracing che sarebbero poi stati impiegati nelle F1 eSports Series e in altri Campionati in ambito eSport. Il fenomeno degli Sport elettronici, a questo punto, era già avviato e ben collaudato: i professionisti di questo settore non vengono più considerati dei videogiocatori, ma degli atleti veri e propri, che dedicano la loro vita a ciò che amano di più inseguendo la prestazione con oltre 15 ore di preparazione al giorno. Per poi, magari, passare un giorno dietro al volante di una vettura reale, come proposto nuovamente dalla McLaren in tempi recenti con la seconda edizione del WFG: vinta da James Baldwin, nome molto conosciuto in ambito simracing grazie al suo palmares nel team Veloce eSports, ora il pilota britannico sarà coinvolto in un programma di allenamento che lo porterà l'anno prossimo al debutto in una stagione completa al volante delle Aston Martin GT4 del team R-Motorsport, in vista della partecipazione alle 24 Ore di Daytona e di Spa-Francorchamps. F1 eSport Series: IL CIRCUS IRIDATO SUL GRANDE SCHERMO Il sogno di ogni pilota virtuale, però, è sempre uno: la Formula 1. Se in passato i videogiochi del Circus iridato avevano messo a disposizione una semplice modalità online con cui mettersi alla prova, dal 2017 l'alternativa per dimostrare le proprie potenzialità si chiama F1 eSports Series. Si tratta, di fatto, di un Campionato con delle iniziali prove ad eliminazione grazie alle quali poi solamente i migliori possono accedere alle gare più importanti. Fino al Gran Finale, che nella prima edizione ha incoronato Brendon Leigh il primo Campione del Mondo di F1 virtuale. Un debutto con i fiocchi a tutti gli effetti per la nuova formula proposta da Codemasters, che ha poi proseguito con altre due edizioni nelle quali i veri team della massima serie automobilistica hanno preso parte ai vari Gran Premi con dei loro rappresentanti, appositamente selezionati attraverso i risultati da loro conseguiti nella propria carriera da simdrivers. Per tutti gli amanti delle monoposto, le F1 eSports Series rappresentano l'olimpo degli sport elettronici, nei quali la pratica e il continuo affinamento delle proprie abilità rappresentano la chiave per arrivare al successo. In ogni caso, questo Campionato virtuale non è da considerarsi uno “spin-off” a sé stante nel panorama degli eSport: grazie agli eventi live che si tengono nella Gfinity Esports Arena in Regno Unito, la copertura mediatica di questa serie è garantita, il che permette ai talenti del simracing di mettersi in luce e ottenere la giusta gloria che meritano. iRACING: IL PARADISO DEL SIMRACER PROFESSIONISTA Parallelamente, da anni il mondo degli eSports in ambito simracing si è arricchito con una serie di Campionati virtuali organizzati dalle community dei vari titoli di corse. Dal momento che gareggiare con la modalità online tradizionale non rappresenta più una sfida soddisfacente, gli appassionati hanno creato delle vere e proprie serie che, in alcuni casi, seguono addirittura il calendario reale della disciplina che vogliono replicare. Di cosa stiamo parlando? Del “league racing”, che permette a molti simdrivers di affinare in maniera più efficace la propria abilità di guida mettendosi alla prova in gare più o meno ufficiali nelle quali il rispetto delle regole è uno dei capisaldi più importanti. Assetto Corsa, rFactor 2, Automobilista, Project Cars e la serie F1 della Codemasters sono i titoli preferiti dalle community, anche se ne esiste un altro che ha fatto dell'online e delle competizioni organizzate il proprio punto di forza: iRacing. Avete presente le patenti della serie Gran Turismo, con le quali si iniziava con una semplice vettura stradale assettata con il kit da corsa per arrivare a un mezzo da competizione vero e proprio? Ecco, l'idea di iRacing è proprio questa: partire con una semplice Mazda MX5 Cup Car e, gara dopo gara, incrementare il proprio bagaglio personale di esperienza al volante, scalando l'olimpo dell'automobilismo con l'obiettivo di arrivare a correre con le monoposto. Un'ambizione resa possibile grazie a un eccellente sistema organizzativo che consente di correre praticamente in qualsiasi ora della giornata, all'interno di serie ufficiali nelle quali accumulare punti utili per la vittoria del rispettivo Campionato. Ad alto livello le gare sono trasmesse live sul canale ufficiale di iRacing, oltre ad essere organizzate fisicamente in eventi speciali che si tengono a cadenza regolare. Proseguendo nella propria scalata al successo si ha la possibilità di gareggiare praticamente con qualsiasi mezzo da corsa presente nel mondo reale: dalle vetture GT alle monoposto di Formula 3 o Formula Renault, dalle Nascar alle Porsche Supercup. Non mancano delle carriere “alternative”, come quelle nel Rallycross e nel Dirt track, così come nel mondo Endurance con le vetture di durata. Insomma, ce n'è per tutti i gusti: se volete cominciare anche a voi a cimentarvi nel mondo racing degli eSports, iRacing saprà sicuramente accontentare ogni vostra esigenza!
  23. Il nostro David Tonizza su Ferrari domina la prima tappa della F1 Esports Pro Series 2019 con F1 2019 Codemasters, vincendo due gare su tre ed arrivando terzo nell'ultima competizione! Il prossimo 2 Ottobre difenderà quindi la sua posizione di leader in classifica generale nella seconda tappa. Qui di seguito potete rivedere l'intero evento.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.