Jump to content

Benvenuto nel Simracing Esport: registrati subito!

Dal 1999, la più importante e seguita community di appassionati di simulatori di guida

Search the Community

Showing results for tags 'online'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Due ruote
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • F1 2017 Codemasters
    • mods & addons
    • patch
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 14 results

  1. Anche se siamo nel pieno di un Agosto torrido, qui su DrivingItalia siamo già al lavoro al muretto box, come vedete dalla foto , per garantirvi un autunno ed inverno all'insegna del miglior simracing, con gare e tornei online aperti a tutti. Come prima cosa, vi ricordiamo il torneo Sparco TopDriver Challenge con Assetto Corsa, che ha superato addirittura i 100 iscritti ed al quale potete ancora partecipare, provando a qualificarvi per la fase 2, visto che sono ancora 16 i posti disponibili per le gare online che si svolgeranno a Dicembre. A Settembre si accenderanno i motori di altri due tornei con Assetto Corsa: il TT Endurance Cup e, a grande richiesta, la seconda stagione del Tatuus Challenge, tutti e due già con un decina di iscritti. Affrettatevi quindi con le iscrizioni per non rischiare di... rimanere a piedi ! In autunno vogliamo accontentare anche i numerosi appassionati di RaceRoom Racing Experience e del WTCC: abbiamo già aperto un server dedicato per i primi test, sul quale potete già iniziare a girare e teneteci d'occhio perchè lanceremo un torneo pensato appunto per i fans del Mondiale Turismo. Per gli appassionati dello spettacolare karting e dell'eccellente simulatore Kart Racing Pro di Piboso, sono sempre attivi i nostri servers dedicati. Se infine volete proporre oppure organizzare una vostra "garetta", non dovete fare altro che dirigervi sull'apposito forum dedicato. Siamo sempre a vostra disposizione! PS. guardate la foto in alto: secondo voi chi fra loro è il nostro simracing manager Alessandro "Gambero" Gamberini?
  2. Questa sera, mercoledi 18 gennaio, a partire dalle ore 21, si accendono i motori del DrivingItalia.NET Tatuus Challenge, il torneo virtuale dedicato alla divertente e velenosa Formula 4 Abarth di Assetto Corsa. Dopo una settimana di prequalifiche serratissime, in pista troveremo 22 velocissimi piloti, fra i quali esperti simdriver, come Giovanni De Salvo, autore del best lap, Filippo Volpe, Maurizio Naselli e persino alcuni piloti reali, come ad esempio Roland Kummer, driver del campionato Formula 4 tedesco, Gaetano Trivilino, pilota karting ed Emanuele Fanci del Polimarche Racing Team! Potrete seguire l'intero evento in diretta streaming web sul canale dedicato di PitlaneTV, che, a partire dalle ore 21, ci farà accomodare comodamente sulla tribuna di Brand Hatch con la telecronaca di Renato Vigliotti e Mariano Calò! https://www.youtube.com/watch?v=KiVusvwP_ME
  3. L'emozione più grande per un appassionato di simracing è certamente quella di correre online contro altri avversari umani. Partendo dal presupposto che il nostro simulatore preferito abbia una buona modalità multiplayer, dobbiamo assicurarci che anche la nostra connessione al server di gioco, quindi alla rete, sia di buon livello, per evitare fastidiosi problemi (per esempio la disconnessione dal server quando siamo primi ad un giro dalla fine della gara!), se non addirittura danni ai nostri avversari (contatti fra le vetture rilevati in modo errato causa latenza). Vediamo quindi come prepararci al meglio a livello tecnico per il nostro online racing... Il nostro primo problema è ovviamente il provider, ovvero l'operatore telefonico che ci fornirà la linea internet. Valutiamo, nella nostra zona, quale sembra essere quello migliore, che solitamente ci offrirà anche un suo modem brandizzato per l'accesso a internet, spesso di qualità piuttosto modesta e mancante delle tecnologie più avanzate soprattutto sotto il profilo della connettività Wi-Fi. E' bene valutare quindi, se procedere all'acquisto di un modem/router di qualità più alta, che permetterà di gestire la connessione alla linea telefonica, le porte LAN per una rete cablata e il Wi-Fi per quella senza fili. Ricordiamo che è molto importante avere una connessione internet stabile e veloce, che minimizzi il ping nelle gare online, per questo motivo l'ideale sarebbe avere PC e console connesse via cavo direttamente al router o al modem/router, anche se si trovano ormai soluzioni Wi-Fi di fascia alta altrettanto performanti in termini di velocità di trasmissione dei dati. Rete delle mie brame... La vostra ADSL è estremamente lenta? Può dipendere dall’operatore, ma molte volte dipende dalla distanza troppo elevata dalla centrale telecom, da dove parte la linea. Più vicini siamo, meglio andrà la connessione che sarà più stabile e veloce. Per scoprire la distanza dalla centrale basta accedere alla pagina di configurazione del modem adsl (solitamente 192.168.1.1), effettuare l’accesso e leggere i due valori che ci interessano: Attenuazione (Attenuation) e Margine di Rumore SNR (Noise Margin), che di solito si trovano sulle impostazioni avanzate o sotto la voce “statistiche”. Numeri alla mano, basta confrontarli con la tabella qui sotto: LINEA FINO A 8Mbps: SNR fino a 6 dB: segnale assente/intermittente 7 – 10 dB: pessima qualità, difficile avere una connessione stabile 11 – 15 dB: segnale sul livello di soglia, controllare impianto telefonico e filtri 16 – 20 dB: segnale pulito, nessuna anomalia 20 – 28 dB: segnale ottimo oltre 28 dB: eccellente Attenuazione fino a 20 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: eccellente 30 – 40 dB: molto buono 40 – 50 dB: buono/discreto 50 – 60 dB: appena sufficiente, si possono verificare disconnessioni oltre 60 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. LINEA FINO A 24Mbps (ADSL2+): SNR fino a 4 db: segnale assente o intermittente 5 – 7 dB: valore nella norma 8 – 11 dB: valore molto buono 12 – 14 dB: segnale ottimo oltre 15 dB: segnale eccellente Attenuazione fino a 10 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: buono 30 – 40 dB: discreto 40 – 55 dB: scarso oltre 55 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. Per calcolare i km che vi separano dalla centrale potete usare questo semplice tool web. Appare chiaro che, tanto più ci si distanzia dalla centrale, più il segnale diminuisce e diventa più difficile ricevere una buona linea adsl. In genere, fino ai 2100 metri è possibile avere una buona adsl 8Mbps, oltre invece si avrà un calo di prestazione, fino ad arrivare alla soglia dei 5km oltre la quale sarà difficile persino agganciare la linea. Ci piace la velocità! I test di velocità della linea adsl sono numerosi, vi consigliamo il famosissimo Speedtest, che è bene effettuare più volte e su diversi servers, sempre vicino a voi. Un altro test ottimo è quello NGI. Altro valore importante è il ping, ovvero il tempo impiegato da un pacchetto di dati spedito da un client, a raggiungere un altro computer collegato alla rete (il server) e a tornare indietro. E’ espresso in millesimi di secondo (ms). Avere un ping basso significa avere meno lag (latenza, micro interruzioni), il che è indispensabile nel caso di videogiochi online. In una connessione adsl tipica varia da 30 a 80-90 ms. Per controllare il ping si può utilizzare Speedtest. Un ping ottimo è 0-30ms, mentre sufficiente 60-80ms, sopra i 150ms si cominciano ad avere problemi... E' possibile ridurre il ping facendosi settare l’adsl in fast, oppure attivando un’opzione telecom italia come internet play. Per verificare se è attivo il fastpath si può usare un comodo tool per windows: OrbMT modem tool. L'ideale sarebbe poi avere una linea ULL, ovvero essere coperti dalla rete proprietaria dell’operatore col quale abbiamo l'abbonamento, potendo quindi anche attivare il profilo fast. Per scoprire se la nostra linea è ULL basta seguire questo link. Connessione via cavo Gli standard per la velocità delle porte di Local Area Network (LAN) sono attualmente due: l'Ethernet viaggia a un massimo di 100 megabit per secondo, mentre la più recente Gigabit Ethernet arriva a 1 gigabit per secondo. La seconda soluzione è ovviamente migliore della prima, ma per poter essere utilizzata tutti i dispositivi connessi alla rete devono supportarla: non solo il router quindi, ma anche i PC o le console collegati. L'aspetto è particolarmente importante per quelli che godono di una connessione in fibra ottica, ma se avete una connessione a banda larga avere un modem con porta Gigabit Ethernet è pressoché inutile. Da non dimenticare che, con la Gigabit Ethernet, il trasferimento di file all'interno della nostra rete LAN sarà estremamente rapido. In genere sono quattro le porte LAN da collegare ad altrettanti dispositivi. L'utilizzo del cavo garantisce sempre la massima velocità di connessione disponibile eliminando il problema della qualità del segnale proprio delle reti senza fili. Per risolvere il problema del limite di quattro porte LAN si possono utilizzare degli hub ethernet o degli switch, anche se si tratta di una soluzione complicata per un'ambiente domestico. Come videogiocatori sarebbe sempre ottimo avere PC e console connessi direttamente al router via cavo in modo tale da ridurre al minimo problemi di ping e massimizzare la velocità di download e upload di dati, relegando invece al wi-fi tutti gli altri dispositivi (smartphone, tablet ecc.). Connessione senza fili Con il wi-fi risolviamo il problema del numero di dispositivi da connettere alla rete, ma dovremo preoccuparci della copertura del segnale, eventuali ostacoli o zone morte. Il segnale Wi-Fi può avere due frequenze differenti: 2,4 GHz e la nuova e più performante 5 GHz (i router di ultima generazione le incorporano entrambe, quindi vengono detti dual-band). La banda 5GHz offre una maggiore velocità di trasmissione dei dati, mentre quella a 2,4GHz ha una maggiore copertura e una migliore ricezione. Se non ci sono tante reti Wi-Fi nelle vicinanze un buon router da 2,4 GHz è sufficiente, mentre se la zona è sovraffolata, un dual-band può essere la scelta migliore. Ovviamente, per la trasmissione dati a 5 GHz, è necessario che anche i dispositivi connessi supportino tale tecnologia. Per esempio i primi modelli di PlayStation 4 e Xbox One sono compatibili solo con i 2,4 GHz. Attenzione anche alla velocità della connessione e il range di copertura della rete: i più diffusi sono l'802.11n (Wireless-N) e il nuovo 802.11ac. Il primo è attivo dal 2009 ed ha la possibilità di implementare la tecnologia MIMO (multiple-input multiple-output) che permette di utilizzare più antenne per trasmettere e più antenne per ricevere. Lo standard 802.11ac è invece attivo dal 2014 e opera solamente su frequenze di 5 GHz. Da tener presente però che la quantità di banda richiesta per giocare in internet è in realtà esigua, quindi di fatto non sfrutteremo appieno il dual band, che però diventa molto importante quando vorremo effettuare live streaming (per esempio di una nostra gara online). Come si sa, la rete senza fili ha il problema della copertura del segnale, quando incontra ostacoli. Una soluzione è quella di un access point, ovvero un device che fornisce un segnale Wi-Fi aggiuntivo, ma ormai tutti i modem montano un access point integrato. L'access point si può utilizzare per ampliare il segnale Wi-Fi e migliorare la copertura del router, sul mercato si trovano dei ripetitori che al costo di qualche decina di euro aumentano il range grazie alle antenne incorporate. Una seconda possiblità sono le power line (costo massimo 50 euro), dispositivi che fondamentalmente convertono i cavi dell'energia elettrica in cavi di rete attraverso i quali scorrono i dati. Le power line vanno utilizzate a coppia: una alla presa di corrente in prossimità del modem con cui andrà collegato tramite cavo Ethernet, e l'altra in una presa di corrente in prossimità del dispositivo che necessita di una connessione. Con i modelli più recenti AV2 si possono connettere ad ogni power line fino a 16 device e garantire una velocità di connessione che è all'incirca la metà di una gigabit Ethernet.
  4. VELOCIPEDE

    2017: un anno da simracing?

    Già sabato prossimo, 7 gennaio, l'annata parte con il botto, grazie all'ormai ben nota gara da 1 milione di dollari che, con le virtuali Formula E su rFactor 2, vedrà sfidarsi 10 piloti reali e 10 fra i più veloci simdrivers del mondo. Il famigerato eSports (lo sport elettronico), che muove ormai milioni di dollari, si interessa finalmente anche al simracing. Sarà giunto il momento di considerare i nostri amati sim come un vero e proprio sport? In realtà resto personalmente sempre dell'idea che il vero sport sia un'altra cosa. Una corsa vera, anche solo in kart, non è come un Grand Prix online, per quanto si tratti di realtà simili e chi corre per davvero ha già compreso il mio pensiero... Il fattore importante dell'eSport, che noi tutti appassionati piloti virtuali dovremmo focalizzare, non è in realtà quello di preoccuparci ad eleggere come "sport" una guida con un volante attaccato ad una scrivania, bensi quello che in realtà muove il tutto: i soldi! Non dimentichiamoci infatti che il grosso problema della nostra passione sono proprio i numeri molto ridotti, una nicchia di appassionati e se non ci sono i numeri, non ci sono interessi, investimenti, quindi non c'è crescita, non si va avanti. Il grande vantaggio dell'eSport è appunto quello di dare una grande visibilità, quindi attirare l'attenzione dei media, del pubblico, degli sponsors e cosi via. Al simracing serve questo, bisogna crescere. Una grossa mano fra l'altro ce la stanno dando anche tutti quei titoli che, nati su PC, spopolano ormai anche su consoles, come Assetto Corsa e Project CARS, mentre un'altro aiuto alla diffusione è venuto dall'utilizzo del sistema digitale Steam, usato ormai da tutti i racing sims. Non è di certo un caso se Andy Tudor degli Slightly Mad Studios ha già affermato che il prossimo Project CARS 2 porrà grande attenzione sin dal lancio proprio sul eSports, cosi come del resto farà anche il Gran Turismo Sport del colosso Polyphony e probabilmente il futuro Forza Motorsport 7 dei Turn 10. Negli ultimi mesi s'è fatto poi un gran parlare del marchio Porsche, lungamente atteso dai fans bel comparto simracing. Innanzitutto per la licenza di Assetto Corsa con relativo triplo pacchetto di contenuti, ma anche perchè, una volta decaduta l'esclusiva di Electronic Arts che ne impediva di fatto la diffusione, dovremmo ora poter gustare le vetture della casa di Stoccarda in diversi titoli nel corso del 2017, partendo proprio dall'appena annunciata licenza in iRacing, con l'imminente disponibilità della Porsche 911 GT3 Cup. Non dimentichiamoci poi che questo sarà l'anno del già accennato Project CARS 2, che dovrebbe vedere la luce in settembre. Il nuovo titolo targato Slightly Mad Studios avrà, fra le altre, anche le licenze Porsche e Lamborghini, per un totale di oltre 200 auto e 50 tracciati, con varie discipline, rally compreso. Dopo averci offerto notte e meteo, SMS sta lavorando... sulle stagioni! "Con il primo Project CARS abbiamo avuto la possibilità di attuare una simulazione del ciclo luce di 24 ore; ora ci stiamo occupando di simulare le stagioni. Vedrete la neve in inverno o foglie di diverso colore per l'autunno e sarà possibile impostare il tutto in modo dinamico, per passare letteralmente attraverso le stagioni. Tutto ciò ha impatto sulle gare, per le temperature, visibilità e per capire gli effetti che si hanno sulla vettura." Dal canto suo, la Kunos Simulazioni non starà di certo a guardare, con tante novità che arriveranno per Assetto Corsa sin dai primi mesi dell'anno, a cominciare dalla pista misteriosa apparsa negli screens di questi giorni: un circuito di fantasia ambientato in Scozia, creato in partnership con la Nvidia e Sparco. Senza dimenticare lo sviluppo sul circuito di Laguna Seca, il prossimo ed atteso update su consoles con le lobbies private, un nuovo DLC gratuito “British Pack” e persino l'arrivo in corso d'anno del merchandise targato AC ! Dopo i primi timori iniziali, ci sta invece stupendo positivamente, lo sviluppo in corso di rFactor 2 da parte del nuovo Studio 397, che ha preso in mano la situazione proprio dal team ISI. Sia l'ultima build rilasciata, che gli aggiornamenti costanti sullo stato dei lavori, fanno ben sperare tutti i fans di rFactor 2, un titolo che negli ultimi tempi con gli ISI, si trascinava stancamente, mentre ora sembra aver ritrovato nuovo vigore simulativo. Infine, il 2017 dovrebbe essere l'anno del nuovo Gran Turismo Sport, la creatura di quel folletto giapponese che risponde al nome di Yamauchi che, nelle intenzioni di Polyphony, dovrebbe rivoluzionare non solo il modo di concepire il divertimento guidato (partendo dalla spettacolare grafica 4K e HDR), ma anche fornire il collegamento diretto ed ufficiale fra le competizioni motoristiche FIA e la guida virtuale. Sarà solo un sogno?...
  5. Dopo avercela presentata nei giorni scorsi, il team Sector 3 rilascia oggi per il suo RaceRoom Racing Experience l'impegnativa e divertente KTM X-Bow RR, che vedete protagonista dei video e screens che seguono. Con il rilascio della vettura, viene anche lanciato un torneo online denominato eSport Trophy, che prevede come premio finale uno spettacolare track day con l'auto reale sul circuito del Red Bull Ring! The KTM X-BOW is now available ➤http://bit.ly/KTM_XBow_RR Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring! KTM X-Bow RR While you may already be familiar with the KTM X-Bow R, the "RR" makes its simracing debut in RaceRoom. Compared to its little sister the X-Bow R, the RR is recognizable at first glance thanks to its additional aerodynamic parts. Then once you get in, you realize that all the features of the road-legal version have been removed, in order to reduce the weight. Also the monocoque is made completely of composite carbon fibre material. The overall result is a race machine weighing just under 800kg equipped with an Audi 2.0 TFSI delivering 360bhp! Car Data:​ Mid-engine open two seater Carbon composite monocoque Audi 2.0 TFSI. Turbo-charged 4-cylinder. 360hp @ 6800rpm 500Nm @ 3600 rpm 6 speed manual Redline @ 7500rpm Shiftpoint @ 6800-7000rpm 40 liter fuel cell 790kg (dry weight) 37/63 weight distribution 250 kg+ downforce at 200 kph 200/610-17 & 240/640-18 slicks Steering defaults are 792 degrees of rotation with a 25 degrees steerlock We've had the pleasure to work on this car with an overwhelming amount of data provided by KTM that allowed @Karsten Borchers to create a highly accurate model of the car while also bringing more insight on suspension models and tyres that will benefit future productions. Here are some notes shared by Karsten to the betatesters during development: Karsten Borchers said: More work went into the Suspension Model, as we have added additional support for the very specific chassis of the X-Bow. 30 liveries will be available for the KTM X-Bow RR, giving you a good taste of the X-Bow Battle, KTM's own one-make Series. ​RaceRoom and KTM are very proud to break new ground, and set you up with the chance to win a unique and exclusive motorsport experience. Win the KTM X-Bow #eSport Trophy, and you'll be the guest of #KTM in Austria, all expenses paid. Thats a nice trip in itself, but the kicker is that your final destination is the Red Bull Ring in Spielberg where you will be gifted with a full track day in the awesome KTM X-Bow. There are very special prizes for the Trophy podium finishers AND for randomly picked entries. You do not have to be the fastest racer out there to walk away with a handsome reward. For more information read the full rules and regulations on our portal: http://game.raceroom.com/championships/6 Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring!​ Good Luck! Hannes Tribelnig, Licensing Manager at KTM commented: "We are excited to be a partner of RaceRoom and look forward to seeing players getting in touch with our KTM X-Bow RR. The fastest will get a chance to prove their skills not only in the virtual- but also in the real world. Have fun and we hope to meet you soon." This post has been promoted to an article
  6. L'emozione più grande per un appassionato di simracing è certamente quella di correre online contro altri avversari umani. Partendo dal presupposto che il nostro simulatore preferito abbia una buona modalità multiplayer, dobbiamo assicurarci che anche la nostra connessione al server di gioco, quindi alla rete, sia di buon livello, per evitare fastidiosi problemi (per esempio la disconnessione dal server quando siamo primi ad un giro dalla fine della gara!), se non addirittura danni ai nostri avversari (contatti fra le vetture rilevati in modo errato causa latenza). Vediamo quindi come prepararci al meglio a livello tecnico per il nostro online racing... Il nostro primo problema è ovviamente il provider, ovvero l'operatore telefonico che ci fornirà la linea internet. Valutiamo, nella nostra zona, quale sembra essere quello migliore, che solitamente ci offrirà anche un suo modem brandizzato per l'accesso a internet, spesso di qualità piuttosto modesta e mancante delle tecnologie più avanzate soprattutto sotto il profilo della connettività Wi-Fi. E' bene valutare quindi, se procedere all'acquisto di un modem/router di qualità più alta, che permetterà di gestire la connessione alla linea telefonica, le porte LAN per una rete cablata e il Wi-Fi per quella senza fili. Ricordiamo che è molto importante avere una connessione internet stabile e veloce, che minimizzi il ping nelle gare online, per questo motivo l'ideale sarebbe avere PC e console connesse via cavo direttamente al router o al modem/router, anche se si trovano ormai soluzioni Wi-Fi di fascia alta altrettanto performanti in termini di velocità di trasmissione dei dati. Rete delle mie brame... La vostra ADSL è estremamente lenta? Può dipendere dall’operatore, ma molte volte dipende dalla distanza troppo elevata dalla centrale telecom, da dove parte la linea. Più vicini siamo, meglio andrà la connessione che sarà più stabile e veloce. Per scoprire la distanza dalla centrale basta accedere alla pagina di configurazione del modem adsl (solitamente 192.168.1.1), effettuare l’accesso e leggere i due valori che ci interessano: Attenuazione (Attenuation) e Margine di Rumore SNR (Noise Margin), che di solito si trovano sulle impostazioni avanzate o sotto la voce “statistiche”. Numeri alla mano, basta confrontarli con la tabella qui sotto: LINEA FINO A 8Mbps: SNR fino a 6 dB: segnale assente/intermittente 7 – 10 dB: pessima qualità, difficile avere una connessione stabile 11 – 15 dB: segnale sul livello di soglia, controllare impianto telefonico e filtri 16 – 20 dB: segnale pulito, nessuna anomalia 20 – 28 dB: segnale ottimo oltre 28 dB: eccellente Attenuazione fino a 20 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: eccellente 30 – 40 dB: molto buono 40 – 50 dB: buono/discreto 50 – 60 dB: appena sufficiente, si possono verificare disconnessioni oltre 60 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. LINEA FINO A 24Mbps (ADSL2+): SNR fino a 4 db: segnale assente o intermittente 5 – 7 dB: valore nella norma 8 – 11 dB: valore molto buono 12 – 14 dB: segnale ottimo oltre 15 dB: segnale eccellente Attenuazione fino a 10 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: buono 30 – 40 dB: discreto 40 – 55 dB: scarso oltre 55 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. Per calcolare i km che vi separano dalla centrale potete usare questo semplice tool web. Appare chiaro che, tanto più ci si distanzia dalla centrale, più il segnale diminuisce e diventa più difficile ricevere una buona linea adsl. In genere, fino ai 2100 metri è possibile avere una buona adsl 8Mbps, oltre invece si avrà un calo di prestazione, fino ad arrivare alla soglia dei 5km oltre la quale sarà difficile persino agganciare la linea. Ci piace la velocità! I test di velocità della linea adsl sono numerosi, vi consigliamo il famosissimo Speedtest, che è bene effettuare più volte e su diversi servers, sempre vicino a voi. Un altro test ottimo è quello NGI. Altro valore importante è il ping, ovvero il tempo impiegato da un pacchetto di dati spedito da un client, a raggiungere un altro computer collegato alla rete (il server) e a tornare indietro. E’ espresso in millesimi di secondo (ms). Avere un ping basso significa avere meno lag (latenza, micro interruzioni), il che è indispensabile nel caso di videogiochi online. In una connessione adsl tipica varia da 30 a 80-90 ms. Per controllare il ping si può utilizzare Speedtest. Un ping ottimo è 0-30ms, mentre sufficiente 60-80ms, sopra i 150ms si cominciano ad avere problemi... E' possibile ridurre il ping facendosi settare l’adsl in fast, oppure attivando un’opzione telecom italia come internet play. Per verificare se è attivo il fastpath si può usare un comodo tool per windows: OrbMT modem tool. L'ideale sarebbe poi avere una linea ULL, ovvero essere coperti dalla rete proprietaria dell’operatore col quale abbiamo l'abbonamento, potendo quindi anche attivare il profilo fast. Per scoprire se la nostra linea è ULL basta seguire questo link. Connessione via cavo Gli standard per la velocità delle porte di Local Area Network (LAN) sono attualmente due: l'Ethernet viaggia a un massimo di 100 megabit per secondo, mentre la più recente Gigabit Ethernet arriva a 1 gigabit per secondo. La seconda soluzione è ovviamente migliore della prima, ma per poter essere utilizzata tutti i dispositivi connessi alla rete devono supportarla: non solo il router quindi, ma anche i PC o le console collegati. L'aspetto è particolarmente importante per quelli che godono di una connessione in fibra ottica, ma se avete una connessione a banda larga avere un modem con porta Gigabit Ethernet è pressoché inutile. Da non dimenticare che, con la Gigabit Ethernet, il trasferimento di file all'interno della nostra rete LAN sarà estremamente rapido. In genere sono quattro le porte LAN da collegare ad altrettanti dispositivi. L'utilizzo del cavo garantisce sempre la massima velocità di connessione disponibile eliminando il problema della qualità del segnale proprio delle reti senza fili. Per risolvere il problema del limite di quattro porte LAN si possono utilizzare degli hub ethernet o degli switch, anche se si tratta di una soluzione complicata per un'ambiente domestico. Come videogiocatori sarebbe sempre ottimo avere PC e console connessi direttamente al router via cavo in modo tale da ridurre al minimo problemi di ping e massimizzare la velocità di download e upload di dati, relegando invece al wi-fi tutti gli altri dispositivi (smartphone, tablet ecc.). Connessione senza fili Con il wi-fi risolviamo il problema del numero di dispositivi da connettere alla rete, ma dovremo preoccuparci della copertura del segnale, eventuali ostacoli o zone morte. Il segnale Wi-Fi può avere due frequenze differenti: 2,4 GHz e la nuova e più performante 5 GHz (i router di ultima generazione le incorporano entrambe, quindi vengono detti dual-band). La banda 5GHz offre una maggiore velocità di trasmissione dei dati, mentre quella a 2,4GHz ha una maggiore copertura e una migliore ricezione. Se non ci sono tante reti Wi-Fi nelle vicinanze un buon router da 2,4 GHz è sufficiente, mentre se la zona è sovraffolata, un dual-band può essere la scelta migliore. Ovviamente, per la trasmissione dati a 5 GHz, è necessario che anche i dispositivi connessi supportino tale tecnologia. Per esempio i primi modelli di PlayStation 4 e Xbox One sono compatibili solo con i 2,4 GHz. Attenzione anche alla velocità della connessione e il range di copertura della rete: i più diffusi sono l'802.11n (Wireless-N) e il nuovo 802.11ac. Il primo è attivo dal 2009 ed ha la possibilità di implementare la tecnologia MIMO (multiple-input multiple-output) che permette di utilizzare più antenne per trasmettere e più antenne per ricevere. Lo standard 802.11ac è invece attivo dal 2014 e opera solamente su frequenze di 5 GHz. Da tener presente però che la quantità di banda richiesta per giocare in internet è in realtà esigua, quindi di fatto non sfrutteremo appieno il dual band, che però diventa molto importante quando vorremo effettuare live streaming (per esempio di una nostra gara online). Come si sa, la rete senza fili ha il problema della copertura del segnale, quando incontra ostacoli. Una soluzione è quella di un access point, ovvero un device che fornisce un segnale Wi-Fi aggiuntivo, ma ormai tutti i modem montano un access point integrato. L'access point si può utilizzare per ampliare il segnale Wi-Fi e migliorare la copertura del router, sul mercato si trovano dei ripetitori che al costo di qualche decina di euro aumentano il range grazie alle antenne incorporate. Una seconda possiblità sono le power line (costo massimo 50 euro), dispositivi che fondamentalmente convertono i cavi dell'energia elettrica in cavi di rete attraverso i quali scorrono i dati. Le power line vanno utilizzate a coppia: una alla presa di corrente in prossimità del modem con cui andrà collegato tramite cavo Ethernet, e l'altra in una presa di corrente in prossimità del dispositivo che necessita di una connessione. Con i modelli più recenti AV2 si possono connettere ad ogni power line fino a 16 device e garantire una velocità di connessione che è all'incirca la metà di una gigabit Ethernet. This post has been promoted to an article
  7. VELOCIPEDE

    RaceRoom: KTM X-Bow ed eSport Trophy

    The KTM X-BOW is now available ➤http://bit.ly/KTM_XBow_RR Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring! KTM X-Bow RR While you may already be familiar with the KTM X-Bow R, the "RR" makes its simracing debut in RaceRoom. Compared to its little sister the X-Bow R, the RR is recognizable at first glance thanks to its additional aerodynamic parts. Then once you get in, you realize that all the features of the road-legal version have been removed, in order to reduce the weight. Also the monocoque is made completely of composite carbon fibre material. The overall result is a race machine weighing just under 800kg equipped with an Audi 2.0 TFSI delivering 360bhp! Car Data:​ Mid-engine open two seater Carbon composite monocoque Audi 2.0 TFSI. Turbo-charged 4-cylinder. 360hp @ 6800rpm 500Nm @ 3600 rpm 6 speed manual Redline @ 7500rpm Shiftpoint @ 6800-7000rpm 40 liter fuel cell 790kg (dry weight) 37/63 weight distribution 250 kg+ downforce at 200 kph 200/610-17 & 240/640-18 slicks Steering defaults are 792 degrees of rotation with a 25 degrees steerlock Karsten Borchers said: Suspension: You have the option between 3 springs. 70, 80, 90 in the front, and 100, 120, 140 in the rear. Add to that 5 Anti-Roll bar settings, front and rear. The default damper settings are set to KTM specs. You have the usual camber and toe adjustments accessible. Transmission: It is using actual gear-ratios, except we had to cheat a little for the 5th and 6th gears so they use a final ratio rather than a dynamic solution where both can use different finals. The differential is not adjustable. Aerodynamics: Regarding downforce, you have 3 options for that small wing in your back. The lowest setting will allow you to reach the top speed of 249kph while the highest setting will reduce your top speed to 241kph. Shifting: The engine has very strong low end torque, and its shift point is around 6800-7000. The Shift light comes on at 6800. That means you will not be using the first two gears very often but instead make the high torque work for you. Tires: The compound used by KTM in the X-Battle is a very hard one, and you will not be getting much wear from them. It is common to use a single set of tires for a full week-end. Good to note that we're using a new heating / cooling model for this one. It is slightly more friction based now, and if your tires run cold, you just aren't going quick enough. If the front is going hot and the rear cold, you should look into adjusting your driving and stop ploughing into the corners and instead shift the weight around some more. You will notice that on some tracks it will be hard to get temperatures up while on others you will struggle to keep them low enough. Brakes: A lot of work went into the brakes, changing the way we have been doing them in the past. They now bite a lot more, and dont cool/heat as fast as you're used to. Default pressure is now 90%, and you can go down to 75% if you wish. Now do not panic about that. You are free to run 100%, but you will have to modulate the brakes a lot more, and you cant just slam them, because they will lock instantly. The brake bias can be adjusted in 0.5 increments, and you can go as far as 55% rear, if you so desire. The brakefade range has been increased a lot. Optimal temperature is 450 celcius, and at 50c or 850c you will only have 89% braking power. You might find that on some tracks, like Norisring, you cannot just keep braking at the minimum brake distance lap after lap. They will run hot quite fast! Click to expand... More work went into the Suspension Model, as we have added additional support for the very specific chassis of the X-Bow. 30 liveries will be available for the KTM X-Bow RR, giving you a good taste of the X-Bow Battle, KTM's own one-make Series. ​ We've had the pleasure to work on this car with an overwhelming amount of data provided by KTM that allowed @Karsten Borchers to create a highly accurate model of the car while also bringing more insight on suspension models and tyres that will benefit future productions. Here are some notes shared by Karsten to the betatesters during development: RaceRoom and KTM are very proud to break new ground, and set you up with the chance to win a unique and exclusive motorsport experience. Win the KTM X-Bow #eSport Trophy, and you'll be the guest of #KTM in Austria, all expenses paid. Thats a nice trip in itself, but the kicker is that your final destination is the Red Bull Ring in Spielberg where you will be gifted with a full track day in the awesome KTM X-Bow. There are very special prizes for the Trophy podium finishers AND for randomly picked entries. You do not have to be the fastest racer out there to walk away with a handsome reward. For more information read the full rules and regulations on our portal: http://game.raceroom.com/championships/6 Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring!​ Good Luck! Hannes Tribelnig, Licensing Manager at KTM commented: "We are excited to be a partner of RaceRoom and look forward to seeing players getting in touch with our KTM X-Bow RR. The fastest will get a chance to prove their skills not only in the virtual- but also in the real world. Have fun and we hope to meet you soon."
  8. VELOCIPEDE

    Assetto Corsa web server list

    App can be found here http://ac.proracing.club WEB: MOBILE:
  9. VELOCIPEDE

    Grande successo per FORS

    Com'era facilmente prevedibile, il lancio del multiplayer di Assetto Corsa ha fornito una spinta in più a tutti gli appassionati: in poche ore il servizio FUN ONLINE RACING SERVER (FORS) di DrivingItalia.NET ha fatto registrare quasi 100 iscritti ed altri ancora stanno arrivando! Ai servers di Kart Racing Pro e rFactor2 si sono aggiunti in questi giorni 3 diversi servers per Assetto Corsa, inoltre sono già disponibili due diverse gare di allenamento per i fans del sim Kunos: la prima con le GT a Imola e la seconda con le Tatuus al Nurburgring.
  10. Il noto portale SimHQ ha appena pubblicato una preview di rFactor 2, anteprima nella quale sviscerano i vari aspetti dell'atteso simulatore ISI. Ciascuna pagina mostra elementi nuovi e serve a farci capire cosa ci troveremo davanti nel momento in cui verrà pubblicato l'eseguibile. Questo messaggio
  11. Dopo aver ricevuto una proposta partita proprio dalla sezione italiana del forum ISI, Gjon ha aperto un nuovo topic in cui afferma di aver preso in considerazione l'ipotesi di unabbonamento "vitalizio": paghi tutto subito e non hai ulteriori esborsi futuri. Al momento sta valutando se è fattibile e se riuscirà a renderlo attivo già dalla beta.
  12. Approfitto della traduzione di Max sul forum ufficiale per copiare anche qui le informazioni relative ai costi dell'online di rFactor 2 e della open beta. Qui il thread in lingua inglese http://isiforums.net/f/showthread.ph...ta-information... In italiano: Che struttura di prezzi avrà rFactor2? In USA, rF2 sarà venduto a $43.99. Questo consentirà accesso illimitato alle modalità single player e development. Inoltre includerà 1 anno di accesso all'account online. L'accesso all'account online per gli anni successivi potrà essere acquistato al prezzo di $12.99 Perchè non alzare semplicemente il prezzo di acquisto iniziale? Non sarebbe giusto per coloro che usano solo le modalità single player o development. Quali sono esattamente i servizi della modalità online? Agli utenti sarà fornito un acconto online, attraverso il quale potranno accedere alle gare in multiplayer. Questo dovrebbe ridurre il numero degli ingressi anonimi nelle gare e, come conseguenza, possibilmente ridurre il numero dei server con PWD. Il servizio riconoscerà quando gli aggiornamenti del programma sono disponibili e ne permetterà il download automatico. Il servizio provvederà a generare e a mantenere una propria e unica ID in ogni mod/package, aiutando a ridurre il problema mismatch che affligge la corrente versione di rFactor e aiutando a ridurre o eliminare la confusione generata dalle varie versioni degli addon. Sono previste anche features addizionali come ad esempio statistiche online (ancora da implementare) Cosa sarò in grado di fare senza il mio account online? Potrò usare le modalità single player (offline) e Development (per la creazione di mod) e potrò installare manualmente qualsiasi mod e qualsiasi aggiornamento del programma o delle mod. Cosa è questa open beta di cui si sta parlando? Abbiamo in programma di rilasciare anticipatamente una versione con contenuti limitati, in modo da ricevere feedback dai modders sul funzionamento del sistema. Sarà una open beta, alla quali tutti potranno partecipare. Chi desidera farne parte dovrà acquistare rFactor2 al prezzo scritto sopra. Abbiamo in programma di fornire 18 mesi di account online, con l'acquisto della open beta, anzichè i 12 mesi che saranno lo standard per gli acquisti post open beta Sarà possibile avere un rimborso durante o dopo la open beta? Se pensi di essere diventato parte della comunità di rFactor2 troppo presto, possiamo arrangiare il rimborso. Chiudo il thread per non dividere la discussione che si è già aperta qui http://isiforums.net/f/showthread.ph...FactorNews.com Aggiungo che non sono noti i prezzi, per ora, in euro per l'Italia. Potrebbero esserci delle variazioni rispetto a quelli USA soprattutto in base alle tasse locali. Aggiornerò il thread al momento che il prezzo italiano sarà noto
  13. osso86

    Mod pi

    ciao a tutti! ho appena acquistato un logitech g25, ho installato rfactor e sono in procinto di costruirmi una postazione artigianale. vorrei sapere quali sono le mod più giocate online in modo da trovare facilmente della gare a cui partecipare.. io ho scaricato la mod "wtcc extreme" con cui mi trovo abbastanza bene, ma non mi sembra molto diffusa in internet, e le mod F1 1993 (un po' difficile) e 1979.. fate conto che sono all'inizio del gioco quindi sono gradite mod con auto "umane".. grazie a tutti per l'aiuto.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.