Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'iracing'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Due ruote
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing
    • Driving Simulation Center
    • Pilota Virtuale: la rubrica TV sul simracing esport!
    • Gare
    • DrivingItalia Champs & Races

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • F1 2017 Codemasters
    • mods & addons
    • patch
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 161 results

  1. Dopo aver annunciato ieri l'arrivo gratuito dei nuovi tracciati di Tsukuba Circuit e Charlotte Roval, il team di iRacing ha ufficializzato oggi con il trailer che vedete qui sotto, il prossimo arrivo, nella nuova build di Dicembre del simulatore americano, della ben nota monoposto Dallara di Formula 3. Ci sarà da divertirsi nelle gare online... Confermata inoltre anche per quest'anno, in occasione del Black Friday, la scontistica del 30% strutturata come di seguito:
  2. Tsukuba Circuit and Charlotte Roval Coming To iRacing as FREE Tracks The 2019 Season 1 build, scheduled for December 4th, is planned to include two new tracks for all iRacing members – the Charlotte Motor Speedway Roval and Tsukuba Circuit. Both tracks will be part of the iRacing base package which means they are FREE to all members. Tsukuba Circuit, located in Japan, is really two tracks in one. Course 1000 and Course 2000, with multiple variations of both. Course 2000 is the original track and is approximately 2 km long. Course 1000 was added later and is approximately 1 km in length. Both layouts include multiple configurations for a total of seven options for iRacers. This makes the track a perfect fit for our base package as it can be used in multiple series without becoming repetitive. When the Charlotte Roval is made available it will show as an all-new track – the old Charlotte will be renamed to Charlotte Motor Speedway 2016. The entire track surface is new and derived from a fresh laser scan that we collected earlier this year – this includes the infield portion as well as the NASCAR oval. The new pavilion and pit road suites have been added to the artwork and you will also notice the NASCAR turn 2 grandstand has been removed and scenery outside the track has been updated – the Dirt Track at Charlotte and drag strip are visible for example. Initially only the Roval layout will have the updates but we will be updating the oval layout to these standards in phase two. The Roval is a 17-turn, 2.28 mile track that utilizes nearly the entire NASCAR oval, plus a brand new infield section. If the competition on iRacing is anything like the debut NASCAR races, it will be an action-packed facility! The original version of the Charlotte Motors Speedway, and its road course, will remain available and in the base package. There are more surprises planned for the December build so stay tuned for further updates
  3. VELOCIPEDE

    iRacing Build Settembre 2018 disponibile

    E' disponibile da ieri la nuova build di settembre di iRacing. Fra le principali novità di questa release vi segnaliamo la Chevy Camaro ZL1, il tracciato di Kokomo Speedway e due inedite configurazioni rallycross di Atlanta, oltre al nuovo ovale di Michigan International Speedway.
  4. Coming in the September Build: Atlanta Motor Speedway just got upgraded with 2 new shiny Rallycross configurations.
  5. Tutto cominciò da Indianapolis 500: The Simulation, mitico simulatore di guida in grafica poligonale del 1989, sviluppato da Papyrus e pubblicato da Electronic Arts per MS-DOS e Amiga. Dave Kemmer, che era la mente del team Papyrus, ci racconta in questo video come tutto iniziò e poi si è evoluto, fino al lancio della piattaforma iRacing nel 2008. Il simulatore americano compie quindi 10 anni ed è innegabile che, ancora una volta, abbia segnalo una svolta per l'intero simracing...
  6. …ma anche sterrato. Sì, perché nonostante gran parte dell’attenzione nel mondo del sim racing ruoti intorno alle gare su pista, c’è un mondo parallelo, fatto di ghiaia e neve, in cui il divertimento e la passione non sono da meno. Ed è per questo motivo che oggi parleremo di rally e simulazione, tra le novità in uscita e i vecchi capitoli che ancora ci fanno emozionare. Uno sguardo su presente e futuro del mondo “sporco” delle quattro ruote. Se ci pensiamo, l’universo che ci permette di immergere le gomme nel fango non è affatto dissimile da quello più “pulito” delle gare su asfalto. Come in tutto il motorsport contano passione, coraggio e adrenalina: la differenza sta nel fatto che il rischio è più vicino -letteralmente- nei rally ma questo non fa delle gare GT una competizione per gente senza fegato, anzi. Traslando il discorso al mondo della simulazione e quindi virtuale, è indubbio che faccia più gola un gioco con auto stradali e vetture da corsa, ma vi assicuro che anche se non si è appassionati di rally, quest’ultimo vi rapirà con la sua spregiudicatezza e data la mole di giochi ad oggi sul mercato, (quelli all’interno dell’articolo ne sono un esempio lampante) sarebbe un peccato non avvicinarsi. Per prima cosa, quindi, chiedete ad un qualsiasi amante dello sterrato quale sia il gioco/sim di rally migliore di sempre: costui, al 99% vi risponderà, Richard Burns Rally. E come dargli torto a quel qualcuno. RBR è ancora oggi, dopo quattordici anni- QUATTORDICI!- il titolo simulativo più amato, apprezzato e giocato dalla comunità. Viene da chiedersi come sia possibile nonostante gli anni sul groppone che sia ancora lassù, in cima al monte Olimpo dei giochi/sim di rally di tutti tempi. I motivi principali sono due e il primo è di sicuro la fisica. Ad oggi nessuno è ancora riuscito a raggiungere una simulazione così precisa e immersiva, merito di sicuro del contributo di Richard Burns in persona, il quale all’epoca ci tenne moltissimo a dare ogni possibile parere sul comportamento delle auto su sterrato. Gli sviluppatori poi fecero il loro mestiere e senza farsi plagiare dalle maggiori possibilità di vendita, pubblicarono un titolo che in quanto a feeling di guida non ha rivali, almeno per quanto riguarda il mondo dei rally. Tuttavia, quando uscì, RBR era scarno di contenuti e, proprio al di là della fisica, non aveva granché da offrire. A venire incontro furono, inaspettatamente, i giocatori stessi, che, pc alla mano, crearono decine di mod all’altezza e riuscirono col tempo nell’impresa di migliorare, sotto praticamente ogni aspetto, il sim. Ebbene sì, dopo anni di mod, il titolo di casa Warthog non era più un semplice gioco, almeno su computer: RBR, grazie all’aiuto dei modders diventò un sim a tutti gli effetti. Dalla fisica ancor migliore e sempre aggiornata, alla grafica che pian piano è stata rimodernata, fino all’inserimento di una modalità multiplayer che al lancio non esisteva (questo grazie a un gruppo di ragazzi italiani). Insomma, se non lo aveste ancora capito, il secondo motivo per cui, ancora oggi, RBR è il capostipite dei sim di rally, il punto di riferimento quando si vuole provare l’emozione di guidare su ghiaia e neve, è il modding. Se non lo aveste mai fatto, recuperate il prima possibile una copia di RBR e riempitelo di mod valide (molte purtroppo sono solo abbozzate, ma per fortuna ci sono ancora persone che filtrano alacremente i contenuti man mano aggiunti). Godrete di sensazioni uniche attraverso le periferiche e potrete capire, almeno il più possibile, quale sfida sia correre con auto da rally tra foreste e dirupi disseminate di sassi. Richard Burns Rally, però, è destinato a non essere più solo, almeno sulla carta. Perché a scalare la vetta c’è ora un nuovo contendente, più agguerrito che mai e che proprio a lui si ispira. Stiamo parlando di gRally. Un titolo che si propone immediatamente come simulazione vera e propria delle auto su sterrato; ma non lo fa in pompa magna, semmai se ne sta nell’ombra e pian pianino, partendo dall’early access su Steam, vuole conquistare il cuore di quanti più appassionati possibili, magari facendo breccia proprio in coloro che venerano RBR. gRally, infatti, non è il solito titolo con diecimila contenuti e poca sostanza, al contrario, per ora vanta di sole due vetture (inventate, ma che si rifanno a delle controparti reali) e quattro tracciati. Insomma, è davvero l’inizio e lo si capisce anche da altri dettagli come la presenza di alcuni bug fastidiosi, piuttosto che nella mancanza di un comparto online(che però promette di essere all’altezza di RBR-Online) oppure in grafica e sonoro che sono, in tutta onestà, da migliorare e non poco. Per quello che finora si può provare, gRally sembrerebbe stia davvero cercando di prendere le redini di RBR, almeno per quanto riguarda fisica, handling e quindi dinamica delle auto. Fin dai primi istanti si percepisce che in quanto a trasferimento dei carichi e impatto delle ruote su asfalto (o ghiaia) la strada è giusta, ma per parlare di vera e propria simulazione serve ancora dell’altro. Certo è che non ci sono “filtri” fra noi e ciò che succede a schermo; le difficoltà che si dovrebbero provare nel guidare una vettura su ghiaia piuttosto che su cemento ci sono, si sentono e vanno affrontate. Ci vuole quel pizzico di follia e questo non può che essere un buon segno. Perché se è vero che in generale, nel mondo della simulazione, difficile non è sempre sinonimo di “meglio”, nel caso del rally, la situazione si capovolge o per lo meno non è normale che sia una passeggiata. Inoltre, a detta degli sviluppatori, ciò che vogliono creare con gRally, è un sim che possa gestire la miriade di difficoltà che il cambio di terreno comporta e trasferire il tutto nel modo più sincero e realistico ai giocatori. Se quindi RBR è il passato (e presente per molti ancora), gRally è decisamente il futuro: riuscirà nell’impresa di eguagliare o spodestare il Re? È solo questione di tempo e noi non vediamo l’ora di scoprirlo. Al momento i contenuti sono pochissimi (per questo speriamo che i modders facciano il loro mestiere e lo arricchiscano a dismisura) e sono presenti bug da non sottovalutare, ma un progetto come questo deve essere considerato, più che un investimento, una vera scommessa. Tutto qui? Certo che no. Abbiamo parlato di passato, di futuro, ma…il presente vero, ad oggi, ci offre parecchie alternative. Parliamo di titoli usciti nell’ultimo periodo, da un anno a questa parte e c’è una caratteristica che li accomuna: tutti o quasi, sono appartenenti al genere cosiddetto dei sim/arcade, ossia, non sono hardcore come un sim vero e proprio ma nemmeno bonaccioni, in termini di fisica, come un arcade. Il primo che viene in mente è Dirt 4, uscito poco più di un anno fa: in linea temporale si pone dopo l’uscita di Dirt Rally ma la verità è che questo nuovo capitolo è semplicemente il capitolo successivo di Dirt 3; con la differenza che ora il titolo più casual di casa Codemasters non è estremamente semplicistico ma una giusta via di mezzo fra realismo e divertimento in salsa arcade. Prende qualche auto e tracciato da Dirt Rally, ne ruba un po' di simulazione (quel che basta per non cadere nel baratro degli arcade) e condisce il tutto con la spregiudicatezza dei vecchi capitoli Dirt, appunto. Ciò che ne risulta è un titolo godibile e divertente, che non richiede chissà quale esperienza ma piuttosto strizza l’occhio alla grande massa. Tutto questo ha di sicuro dei lati positivi ma ahimè, dopo averlo completato una volta non riesce nell’impresa di far tornare indietro la maggior parte dei giocatori. È il classico titolo certamente ben fatto ma che non lascia emozioni impresse e che, mio consiglio, merita di essere acquistato quando lo si trova scontato ad un buon prezzo. Stesso discorso per WRC7: rispetto a Dirt4 è leggermente più simulativo (del resto tratta il solo mondiale di rally) e permette di cimentarsi in tutte le 13 prove del WRC a bordo di qualsivoglia vettura ufficiale che ha preso parte allo scorso campionato. Anche questo gioco, infatti, è uscito circa un anno fa e sicuramente attira l’attenzione di chi segue assiduamente Ogier e i suoi avversari e quindi vuole mettersi nei loro panni. Purtroppo, però, nonostante la fisica abbia fatto un passo avanti rispetto ai capitoli precedenti (la dinamica dei veicoli, i salti e i danni sono visibilmente migliorati), restano delle problematiche che ne rovinano l’esperienza complessiva soprattutto a livello visivo con grossi cali di frame ed effetti particellari non da ventunesimo secolo. Anche nel caso di WRC7, quindi, si può parlare di un titolo che vale la pena di provare ma, come precedentemente detto, qualora si è veramente sfegatati del rally e magari non si disponga di una postazione di guida (in tal caso i titoli da provare sono ben altri). Lo scorso febbraio, però, un altro gioco si è aggiunto alla lista e questo gioco prende il nome di Gravel. A differenza degli altri già citati, il suddetto titolo di casa Milestone punta sull’originalità… almeno per quanto riguarda gli scenari. Niente di ufficiale quindi, ma una serie di location mozzafiato che, grazie all’Unreal Engine vorrebbero sorprendere anche il più incallito degli amanti dei racing game (e non solo di rally). Ecco, questa è un’altra differenza e probabilmente uno dei difetti del gioco: non ha un’anima ben definita e volendo piacere a tutti rischia di non aggradare quasi nessuno. Peccato, perché tutte le 50 auto sono sotto licenza e alcune sono vere e proprie chicche del mondo del rally, ma la carriera monotona e alcuni difetti tecnici (anche in questo caso sono evidenti problemi di stuttering) smorzano l’entusiasmo dei primi istanti, in cui il gioco sembra veramente offrire qualcosa di nuovo e per di più diverte non poco. La sorte di Gravel è quindi simile ai precedenti titoli discussi: è bello, diverte le prime volte ma non lascia il segno come invece ci si aspetterebbe e di conseguenza può essere un titolo sul quale ripiegare se si è in cerca di qualcosa di diverso, magari in offerta. Di sicuro arrivati a questo punto dell’articolo vi starete chiedendo: ma di Dirt Rally non dice assolutamente nulla? È pazzo? Sì, forse un pochino lo ammetto, ma ho lasciato per ultimo questo bellissimo titolo proprio perché lo si può reputare l’unico che negli ultimi anni abbia saputo portare una ventata di freschezza, realismo e coinvolgimento che non si vedeva dai tempi di RBR e alcuni capitoli di ColinMcRae o dei vecchi WRC. Insomma, Dirt Rally, tre anni fa, è riuscito nella non facile impresa di avvicinare molti fan delle auto al mondo del rally e riaccendere quella fiamma che ardeva nel cuore degli amanti dello sterrato. Non è perfetto, i difettucci li ha anche lui, soprattutto la carriera ben poco coinvolgente, ma offre in generale un’esperienza (soprattutto in VR) esaustiva e goduriosa. Mettersi al volante di un’auto degli anni ’60, nonostante la poca potenza, è soddisfacente; guidare auto a trazione posteriore o 4WD dei gloriosi anni ’80 è semplicemente eccitante e persino le vetture più moderne riescono a sorprendere in quanto ad adrenalina, cosa che su altri giochi non si riesce a provare. Da citare, poi, la presenza di due categorie inedite quali il Rallycross e l’Hillclimb. Nel primo caso ci troveremo ad affrontare sfide all’ultimo centimetro su piste con terreno misto e a bordo di piccole bombe da svariati cavalli (ma le Mini Cooper S degli anni ’60 non sono da sottovalutare); nel caso delle Hillclimb (disciplina ardua e che richiede un gran manico) possiamo guidare, anzi, strapazzare ben tre bolidi che negli anni ottanta hanno fatto la storia della leggendaria Pikes Peak. Insomma, di carne al fuoco ce n’è: la grafica è più che buona e il sonoro convincente; la modalità multiplayer forse è poco sfruttata in generale ma non è malaccio e la possibilità di provare in qualsiasi momento vetture ben dettagliate sotto ogni aspetto, su stages inventate (eccezion fatta per il Col de Turini) che mettono alla prova anche il più esperto dei sim racer non possono che garantire a Dirt Rally, ancora oggi, una reputazione più che positiva. Per finire vorrei menzionare ulteriori tre titoli che non fanno dello sterrato il fulcro dell’esperienza ma garantiscono allo stesso modo un grado non indifferente di adrenalina: stiamo parlando di Gran Turismo Sport, iRacing e Automobilista. Il sim/arcade di casa Poliphony è da anni ormai che propone il mondo dei rally e lo fa in maniera semplice ma convincente. In entrambi gli altri due sim, invece, la qualità della fisica e del rapporto gomme/terreno è decisamente più realistica, con il titolo a stelle e strisce che vanta la licenza ufficiale del WRX e di due campionati dirt oval, mentre il rivale brasiliano offre un terno di vetture reali ma non ufficiali che però non mancano di divertire. Ah, non dimentichiamoci di Dakar ’18, che per la prima volta porta la corsa più folle del mondo su console e pc, né di VRally che dopo quindici anni torna sui nostri schermi con il quarto capitolo che si preannuncia più interessante che mai. Insomma, stay tuned… e viva lo sterrato! A cura di Mauro Stefanoni
  7. Gli appassionati di simracing di lunga data sanno bene ormai che negli Stati Uniti il "fenomeno" della guida virtuale è molto più avanti rispetto all'Europa ed ancora di più all'Italia. Anche grazie ad importanti investimenti economici che arrivano da privati ed aziende, negli USA è quasi normale vedere un ragazzo appassionato di simulatori che dal monitor nella sua cameretta riesce ad arrivare fino alla pista reale. Questo è il caso, per esempio, di William Byron che, partito nel 2015 da iRacing, è riuscito ad arrivare addirittura a correre come pilota professionista nella Nascar Cup con la Chevrolet del team Hendrick Motorsports! L'intervista qui sotto, fatta dalla tv americana Fox (in inglese), risulta essere quindi decisamente interessante.
  8. Dopo il lungo articolo sul blog ufficiale pubblicato nel Giugno scorso, oggi il team di iRacing ci mostra e ci spiega in un dettagliato video il nuovo sistema dei danni in arrivo con iRacing. Come potete notare dal trailer, si tratta di un passo in avanti notevole per il simulatore americano, non solo sul fronte della fisica e della dinamica, ma anche per quanto riguarda il fattore estetico. Per commenti fate riferimento a questo topic del forum.
  9. Today we are announcing the iRacing eSports Network. Starting July 2nd, this will become the new home for our broadcasts that you currently find on our existing YouTube channel (www.youtube.com/iRacingTV). No this channel will not go away. What we are going to do is have a channel for broadcasts and one for content. We feel this will allow us to make it easier for all of you to find our content without having to scroll past broadcast after broadcast. The new network will also allow us to push the envelope of innovation for sim racing, broadcasting, and eSports. This will not change or affect iRacing Live. That will still progress on its current path showcasing official iRacing broadcasts as well as select broadcasts from community broadcasters. If you are a broadcaster and want to be added to iRacing Live, feel free to email me at drew.adamson@iracing.com. iRacing Live has grown into a very successful platform and will continue to build upon that momentum. Right now we are going with a limited release of broadcasters and series to get the eSports Network up and running and to make sure the launch is successful. In the near future, more series and possibly more broadcasters will make their way onto the network. Cheat Sheet for Broadcasting • iRacingLive – website featuring both official broadcasts and community broadcasts • www.youtube.com/iracingtv - official iRacing video content (trailers, teasers, interviews, etc.) • www.youtube.com/channel/UCUowOZM6lA-tS77XGmuzhbw - Official iRacing eSports Broadcast Channel We are very excited about this new platform and hope you’ll enjoy it as well!
  10. Fra i numerosi video dedicati ad iRacing, è particolarmente interessante il trailer che potete ammirare qui sotto, che ci mostra il confronto diretto fra la Porsche 911 RSR del simulatore americano e quella reale impegnata sul circuito di Le Mans.
  11. The NPAiS race at Daytona is Tuesday, February 20th and that marks the beginning of our 2018 World Championship season. We are ramping up the number of viewing options to help broaden the reach of our eSports. This year we will be broadcasting on: iRacing Live Facebook Twitch Youtube The Blancpain GT World Championship gets under way March 3rd with its running of the 6 Hours of Bathurst and the iRacing World Championship Grand Prix starts its season at Interlagos on March 17th. All three series will be broadcasted on the channels listed above. Scheduling and standings can be found here.
  12. Il 5 giugno prossimo sarà disponibile la nuova build Season 3 2018 di iRacing. Saranno tre le novità più importanti che ci offrirà il simulatore americano, con l'arrivo della Subaru WRX STI Rallycross, il tracciato di Detroit Belle Isle e la spettacolare Porsche 911 RSR. You can race the Subaru WRX STI VT17x Rallycross Supercar in the iRacing Rally Cross (iRX) series starting June 5th.
  13. Il team di iRacing ha annunciato con due trailer di anteprima le novità che saranno disponibili con la prossima build del software, a partire dal 5 Giugno: si tratta della spettacolare Porsche 911 RSR e del tracciato americano di Detroit Belle Isle! Do you have what it takes to conquer Le Mans in the new Porsche 911 RSR? Available to all members on June 5th. Located on the Detroit River, Belle Isle has hosted a multitude of auto races since first opening in 1992. Currently hosting the Verizon IndyCar Series and IMSA Weathertech Sportscar Championship among others, the 2.35 mile, 13-turn circuit is located on a picturesque island minutes from downtown Detroit.
  14. La famosa serie americana Nascar ha lanciato oggi il suo nuovo torneo ufficiale eSport, che si disputerà naturalmente con iRacing. L'obiettivo dichiarato del torneo è anche quello di "attirare ed identificare giovani talenti" ! NASCAR announced today the formation of a youth esports racing series, the first esports competition created to attract and identify young talent. The series will be hosted on iRacing, the world’s premier racing simulation platform. NASCAR’s youth esports series establishes an easily accessible entry point to real-world racing and provides young competitors with an unparalleled simulation experience on iRacing’s ultra-realistic software. The youth series will be open to participants ages 13-16 worldwide. The inaugural 12-week season is slated to kick off in June on virtual renderings of iconic short tracks like Langley Speedway, The Bullring at Las Vegas Motor Speedway and Thompson Speedway Motorsports Park. The regular season, comprised of the first eight events, will be open to all participants. The 50 racers accumulating the most points over the regular season will qualify to compete in the four-week playoffs. The top 30 in points after the playoffs will advance to a final championship event at the iconic Martinsville Speedway. The season will include a mix of single and heat race formats. Participants can register today on NASCAR.com/iRacing. NASCAR currently sanctions the NASCAR PEAK Antifreeze iRacing Series, an esports series now in its ninth season and features the most elite oval sim-racers competing on virtual versions of NASCAR-sanctioned race tracks. The addition of a youth series on iRacing will provide driver’s seat experience for competitors looking to hone their talent, including those with professional racing aspirations. “As we expand our presence in esports, NASCAR is uniquely positioned as the only sport that can develop skills transferable to real world competition,” said Blake Davidson, NASCAR vice president of consumer innovation. “We’re excited to see the young, diverse and global talent pool this series attracts, especially as we cultivate our next generation of drivers.” William Byron, a rookie driving the iconic No. 24 Chevrolet for Hendrick Motorsports in the Monster Energy NASCAR Cup Series, started his racing career on iRacing in 2011 at 14 years old. In just two years on iRacing, Byron accumulated more than 100 wins and finished in the top five in an additional 203 races. Now, only seven years later Byron is leading the Sunoco Rookie of the Year standings in NASCAR’s top series, complementing a NASCAR Xfinity Series championship (2017), NASCAR K&N Pro Series East championship (2015), and Sunoco Rookie of the Year honors for the NASCAR Camping World Truck Series (2016) and Xfinity Series (2017). “NASCAR has been at the forefront of competitive online racing for years and its enhanced involvement in esports will be even more evident through the launch of its youth esports series on iRacing,” said Tony Gardner, iRacing president. “NASCAR drivers have used iRacing to accelerate their development beginning at a young age, as well as to hone their skills throughout their careers. We look forward to cheering on the alumni from the youth series when they compete at the highest levels of NASCAR in the years to come.” The Monster Energy NASCAR Cup Series season continues with the KC Masterpiece 400 at Kansas Speedway on Saturday, May 12 at 8 p.m. ET on FOX, MRN and SiriusXM NASCAR Radio.
  15. I thought I would make a post in regard to the new or updated content that will be in the build next week. Some of it you might know about and some you may not. Two new LMP1 cars: The Porshe 919 Hybrid and the Audi R18 etron Quatrro. These two new cars will run in two new Lemans Series, an individual series and a team series with an LMP2 and a GTE Class. iRacing LeMans Series and iRacing Lemans Endurance Series. The Lemans Series will run every two hours with a 12-week schedule. 60-90 minute races as a regular official series. Then, every other week we will run the iRacing Lemans Endurance Series with 2-time slots. Saturday at 7:00GMT and Saturday at 19:00GMT. These are 6-hour sessions, and they are team events. A new Indycar: The Indycar IR-18! We think you will really enjoy this car; our testers definitely are enjoying it. If you purchased the existing DW12 Indy car in the last six months, we would grant you full credit of $11.95. We also will be granting the existing DW12 Indycar free to all members. New Dirt Track: Limaland Motorsports Park! This Quarter-Mile track is located in Northwest Ohio, and we also will include a night version. New Dirt Track at Charlotte! A 4/10 mile Dirt Track located across the street from the Charlotte Motor Speedway and will include a night version. New GRC Circuit: Sonoma A rescanned and revised version of Pocono: If you own the existing Pocono track, you will get this for free. The old Pocono will be granted to every member for free. FYI, we do have a new road course in the works (and many other content additions/updates) that is nearing completion, but it was not ready for this build, unfortunately. We have videos in the works this week for all this content that will be out on the build.
  16. Live streaming il 17 Marzo alle ore 14,30. The iRacing World Championship Grand Prix Series features the world’s most elite, eSport road sim-racers competing head-to-head for a total cash prize pool of over $15,000. They compete on simulated versions of the actual real-world tracks around the world in the McLaren-Honda MP4-30 – used in the 2015 Formula 1 Season.
  17. New in Season 2 we are introducing 3 new World Championship Qualifying Series for Dirt! The Red Bull Global Rallycross Qualifying Series, World of Outlaws Craftsman Late Model Qualifying Series, and the World of Outlaws Craftsman Sprint Car Qualifying series. The three Qualifying Series will be the sole qualifying series for entry into the three Dirt World Championship Series where drivers will compete for a $10,000 to win World Championship! The Red Bull Global Rallycross Qualifying Series begins March 22nd. The WoO Sprint Car & Late Model Qualifying series each begin March 19th. For more information such as the format and schedule for these three series, visit the “Pro Series Discussion” Forum Group Here
  18. Il team di iRacing sta rilasciando in queste ora la nuova Build Season 2 2018 del simulatore americano. La nuova release, oltre al consueto bugfixing e migliorie varie (come ad esempio all'interfaccia beta del software o alle animazioni delle mani del pilota), ci mette a disposizione anche numerosi contenuti inediti e gustosi, come l'Audi R18, la Dallara Indycar IR18, la Porsche 919 Hybrid e ben 4 circuiti aggiornati ed inediti. Per tutti i dettagli e commenti visitate questo topic del forum dedicato. This release features a host of new content, updates, features, and fixes for the iRacing experience. We hope you have fun out on the track of your choice! Some highlights include: • Additional functionality and performance enhancements for the iRacing BETA Interface • Custom Car Classes • Extensive Rallycross Race Control updates • Dirt Oval cushion modeling improvements • Complete hand-over-hand animations for all vehicles • Brand new crowd system • Audi R18 • Dallara IR18 • Porsche 919 Hybrid • The Dirt Track at Charlotte • Limaland Motorsports Park • Pocono Raceway track upgrade • Sonoma Raceway (Rallycross)
  19. Dave Kaemmer in persona ha pubblicato un lunghissimo ed altamente tecnico blog post per spiegare il nuovo modello v7 dei pneumatici di iRacing che arriverà su alcune vetture del simulatore americano con la build del 6 Marzo. Kaemmer risponde anche ad alcune interessanti domande fatte sul forum di iRacing. ICYMI, Dave Kaemmer wrote a blog post about the development of our new tire model. He also followed up by answering some of the FAQs in his forum post. If you feel like flexing those brain muscles, the full write-up can be found here. Why not update all the cars at once with the new tires? Going to the V7 model is like having a new tire manufacturer come into a race series. Cars are often designed around the tires. Changing tire constructions and/or rubber compounds can change a car’s handling quite a lot, even in the real world. So a lot of testing and setup work needs to be done. It’s better to get feedback from a more limited number of cars at first. If there is something in the model that needs to be changed, we can do that without messing up setups for all the cars. Also, more work is necessary in the V7 code to properly do dirt. I think in the long run it will be better, but we’ll probably stick with V6 on dirt for a while. Dirt masks the over-the-limit breakaway that is one of the biggest issues on pavement.
  20. Il team di iRacing ha annunciato ufficialmente quelle che saranno le novità presenti nella prossima build del simulatore, che sarà disponibile a partire dal 6 Marzo. In primis potremo metterci al volante dei poderosi prototipi di classe LMP1, ovvero Porshe 919 Hybrid ed Audi R18 etron Quatrro, ma non mancherà anche la nuovissima Indycar IR-18 dell'attuale stagione USA. Oltre ad una versione migliorata ed aggiornata della pista di Pocono, saranno ben tre i circuiti dedicati agli appassionati del rallycross, ovvero Limaland Motorsports Park, Dirt Track Charlotte e Sonoma, che vedete già nel promo trailer qui sotto. I thought I would make a post in regard to the new or updated content that will be in the build next week. Some of it you might know about and some you may not. Two new LMP1 cars: The Porshe 919 Hybrid and the Audi R18 etron Quatrro. These two new cars will run in two new Lemans Series, an individual series and a team series with an LMP2 and a GTE Class. iRacing LeMans Series and iRacing Lemans Endurance Series. The Lemans Series will run every two hours with a 12-week schedule. 60-90 minute races as a regular official series. Then, every other week we will run the iRacing Lemans Endurance Series with 2-time slots. Saturday at 7:00GMT and Saturday at 19:00GMT. These are 6-hour sessions, and they are team events. A new Indycar: The Indycar IR-18! We think you will really enjoy this car; our testers definitely are enjoying it. If you purchased the existing DW12 Indy car in the last six months, we would grant you full credit of $11.95. We also will be granting the existing DW12 Indycar free to all members. New Dirt Track: Limaland Motorsports Park! This Quarter-Mile track is located in Northwest Ohio, and we also will include a night version. New Dirt Track at Charlotte! A 4/10 mile Dirt Track located across the street from the Charlotte Motor Speedway and will include a night version. New GRC Circuit: Sonoma A rescanned and revised version of Pocono: If you own the existing Pocono track, you will get this for free. The old Pocono will be granted to every member for free. FYI, we do have a new road course in the works (and many other content additions/updates) that is nearing completion, but it was not ready for this build, unfortunately. We have videos in the works this week for all this content that will be out on the build.
  21. Fra i numerosi video di confronto dedicati al mondo dei simulatori di guida, oggi vogliamo segnalarvene due in particolare: il primo video ha per protagonista l'Alfa Romeo 4C di Assetto Corsa sul circuito di Laguna Seca che, in modo assolutamente spettacolare, viene paragonata con la sua controparte reale sullo stesso tracciato. Anche grazie ad un montaggio video impeccabile, si fa fatica a capire quale dei due schermi sia quello simulato! Il secondo filmato è stato invece realizzato dall'esperto pilota reale danese Nicki Thiim, che ha messo in confronto diretto la Porsche 911 Cup disponibile in Assetto Corsa, iRacing e RaceRoom.
  22. William Byron, esordiente pilota ventenne della NASCAR che debutta proprio domani nella prestigiosa Daytona 500, ha iniziato la sua carriera proprio al simulatore di guida. Proprio la NASCAR infatti ha investito già dal 2017 in nuove iniziative rivolte ai driver virtuali, come parte di una strategia per sfruttare l'industria degli e-sport in rapida crescita ed aiutare cosi a costruire una nuova generazione di fan. Byron ha iniziato la sua carriera agonistica online, gareggiando in centinaia di gare nel popolare iRacing. La sua rapida ascesa attraverso i ranghi della NASCAR è una prova che gli e-sport possono realmente portare i fans a diventari piloti veri. "La cosa più importante che mi ha attratto di iRacing sono stati gli altri ragazzi della NASCAR che erano lì - Travis Pastrana si allena da tempo, Dale Earnhardt Jr. ne ha parlato in un paio di conferenze stampa, cosi come altri - così ho visto come avrei potuto entrare in questa piattaforma che era simile alle corse, ed è stato il mio modo di relazionarmi con quello che stavano facendo quei ragazzi ", ha detto Byron a FOX Business. "Penso che gli e-sport possano aiutare i fan a relazionarsi meglio al nostro sport." Entro il 2020, si stima che gli e-sport valgano un fatturato annuo di 5 miliardi di dollari, secondo la società di ricerche di mercato Activate. Un numero crescente di fan e aspiranti piloti stanno ottenendo un primo approccio alla NASCAR giocando a iRacing, o ad altri titoli. Anche i piloti NASCAR sono noti per aver partecipato agli eventi iRacing o aver utilizzato la piattaforma per fare alcuni giri di pratica. "I giovani piloti stanno arrivando. Il gioco e gli e-sport sono una scelta naturale", ha dichiarato Blake Davidson, Vice Presidente NASCAR. "Fare leva sulle stelle della NASCAR attraverso gli e-sport per attirare nuovi fan è davvero eccellente." La spinta della NASCAR nel reclutare nuovi fan e talenti sarà vitale per uno sport che ha sofferto di presenze ed ascolti tv in calo. Hanno cambiato il formato delle gare NASCAR la scorsa stagione, dividendo ogni gara in tre fasi, nella speranza di creare più competizione. Altre mosse, come la programmazione di gare aggiuntive nei giorni feriali, sono state discusse. Nel breve periodo, NASCAR conta su un afflusso di giovani piloti e una base di fan per essere fedele ai marchi che sponsorizzano la NASCAR. Joe Favorito, un veterano consulente di marketing sportivo e professore alla Columbia University, ha dichiarato che NASCAR si distingue tra gli altri sport nei suoi sforzi per creare giochi con licenza. La NASCAR ha sostenuto le corse online risalenti ad almeno 15 anni fa, ha osservato Davidson, "prima che il termine e-sports fosse coniato." Ma la sfida per tutte le proprietà sportive è quella di connettersi con un pubblico più giovane e adattarsi alle abitudini di visione della TV di quella generazione. Per NASCAR, i nuovi investimenti in e-sport creano un'opportunità per interagire con i fan sui dispositivi mobili e integrare gare virtuali con gare in pista. "Creare tifosi giovani e casuali per provare il brivido del volante, è lì che si trova l'opportunità", ha detto Favorito. Byron, che ha iniziato la sua prima stagione in qualità di campione in carica della XFINITY Series, non è riuscito a mettersi al volante fino all'età di 15 anni, in ritardo rispetto agli standard NASCAR. Ora si unisce a giovani star affermate come Kyle Larson, Chase Elliott e Ryan Blaney, un'infusione di giovani in pista dopo i ritiri dei ben noti piloti Jeff Gordon, Tony Stewart e Earnhardt. Byron ha spiegato che il passaggio da iRacing alla pista non è stato senza soluzione di continuità, affermando che un gioco di simulazione non può preparare completamente i conducenti per gli elementi fisici della guida di una macchina da corsa e la preparazione richiesta per guidare sotto pressione. Le gare virtuali hanno aiutato Byron a imparare le traiettorie, dai pit stop alla strategia. "Non sono cresciuto in una famiglia da corsa, quindi iRacing è stata la mia prima occasione per mettere alla prova le mie capacità, ed è ciò che mi ha aiutato a darmi un punto di partenza. È così che inizia un sacco di gente ", ha detto Byron, che guiderà la Chevrolet Camaro ZL1 numero 24 per Hendrick Motorsports. NASCAR ha una competizione ufficiale su iRacing, che presenta piste virtuali e auto create utilizzando la scansione laser tridimensionale. Una lega pro iRacing sostenuta dai team di NASCAR è anche in cantiere per un lancio nel 2018, secondo un rapporto di Sports Business Journal. Si dice che le piste stiano sviluppando una propria lega e si preparano ad ospitare tornei di videogiochi durante i fine settimana di gara. La serie NASCAR PEAK Antifreeze iRacing corre ogni due settimane su piste virtuali come la Daytona International Speedway, che ospita domani la Daytona 500 come apertura stagionale. La serie iRacing inizierà la sua stagione due giorni dopo. Le gare online sono programmate ogni due settimane durante l'anno e trasmesse in diretta su NASCAR.com e Facebook. Trasformare i fan virtuali in fan non è una proposta facile. Ecco perché NASCAR sta lanciando una vasta rete oltre a iRacing, lavorando con artisti del calibro di Electronic Arts ( EA ) sul suo gioco mobile Real Racing ed esplorando nuove partnership con giochi basati su console. "La nostra strategia è quella in cui stiamo raggiungendo un certo numero di generi per raggiungere il più ampio pubblico possibile. Se possiamo collegarli allo sport, da lì a guardare la TV o diventare un pilota NASCAR un giorno, questo sarà molto prezioso per noi ", ha detto Davidson.
  23. La 12 Ore di Bathurst disputata lo scorso weekend ha saputo offrire un incredibile spettacolo, compresi alcuni incredibili incidenti che hanno messo ben in evidenza tutte le difficoltà del famoso e particolarissimo circuito australiano. Da non perdere quindi la versione virtuale della gara di durata dedicata alle GT3, che si disputa con iRacing e sarà possibile seguire interamente in diretta grazie ai link video disponibili anche qui sotto (divisi in tre parti). La partenza è fissata alle ore 14,30 italiane di oggi, buo divertimento. The Bathurst 12 Hour, staged on the Mount Panorama Circuit in Australia, is a 12 hour endurance race featuring GT3 cars. This event serves as the opening round to the Intercontinental GT Challenge Series in the real world.
  24. A sorpresa, il team di iRacing annuncia con il video di anteprima visibile qui sotto, il prossimo arrivo in autunno, come contenuto gratuito, della divertente Volkswagen Beetle GRC in versione rallycross. La vettura ci viene presentata dall'esperto pilota Scott Speed, 2 volte campione rally cross che, come si vede dal trailer, si è anche portato con sè per un primo test in vettura persino Dave Kaemmer, CEO di iRacing, alquanto spaventato! We're proud to announce that the Volkswagen Beetle GRC car will be included in iRacing's upcoming rallycross feature as free content - coming Fall 2017.
  25. Come riportato anche dal sito motoristico di the Drive, che ne ha ricevuto conferma, il ben noto pilota americano Scott Speed, ex Formula 1 e campione rallycross, nonchè testimonial del simulatore iRacing, come potete vedere dal trailer qui sotto, è stato sospeso proprio dal servizio e dalle gare del sim americano, per comportamenti folli ed incredibili ! La polemica proprio fra gli utenti di iRacing è esplosa nei giorni scorsi dopo che Speed si è trovato in una gara online contro il pilota virtuale Jake Hewlett, a bordo delle Porsche 911 sul circuito del Nurburgring. Hewlett stava trasmettendo la gara su Twitch ai suoi migliaia di follower quando lui e Speed si sono toccati nel secondo giro mentre erano in lotta per il comando. I due si sono toccati mentre correvano fianco a fianco e Speed ha finito per avere la peggio e girarsi nell'erba. Quello che poteva essere definito come un normale incidente di gara si trasforma in un incubo per Jake: Scott Speed passa infatti gran parte del resto della gara cercando di speronare l'auto di Hewlett, ad ogni possibilità. Le prove video (per fortuna...) lo mostrano ripetutamente e intenzionalmente cercare il crash su Hewlett, in un caso tagliando una curva ad alta velocità nel tentativo di distruggerlo! Appena i video di quanto successo (li trovate qui sotto) hanno iniziato a diffondersi, gli iscritti di iRacing hanno ovviamente iniziato a protestare con fermezza, anche perchè altri utenti hanno dichiarato di aver già segnalato in altre occasioni i comportamenti scorretti di Scott Speed, ma senza ottenere alcun risultato. Evidentemente perchè non avevano la prova video ! iRacing è rimasto a lungo silenzioso sull'argomento ed un portavoce si è limitato a dire che, mentre non commentano i singoli membri "indipendentemente da chi siano", tutti sono soggetti alle stesse regole e regolamenti. In un altro contesto invece Steward Nim Cross di iRacing ha definito le prove "accuse e supposizioni" e ha detto che le persone coinvolte dovevano presentare una protesta ufficiale attraverso i canali opportuni prima di intraprendere qualsiasi azione. Tuttavia, Speed ha confermato a The Drive che è stato sospeso da iRacing e che accetta le conseguenze del suo comportamento. Ha aggiunto: "Questa non è la vita reale, è un gioco. La penalità per la mia azione, se contestata, è una sospensione, che accetto e non mi sento personalmente come un uomo... che ha restituito il favore", ha scritto. "Ma quello sono io, non ho trattato iRacing con la giusta quantità di rispetto ed è sbagliato, per questo mi scuso sinceramente." La sospensione potrebbe spiegare perché Speed ha anche messo in vendita il suo intero simulatore per $ 7,500. Eppure, pur avendo a quanto sembra appeso i suoi guanti da guida virtuali, non ha fatto a meno di prendere in giro gli utenti dicendo che stava tornando a "fare una corsa". E' bene ricordare che Speed non è nuovo a comportamenti simili anche nella realtà: nel 2008, Speed ha avuto a che fare con Ricky Stenhouse Jr. quando entrambi erano in gara nel finale di stagione della NASCAR ARCA; come nel virtuale, in rappresaglia per una collisione precedente, Speed ha tamponato la vettura di Stenhouse, finendo fuori entrambi. E poi ci lamentiamo degli incidenti sui server pubblici...
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.