DrivingItalia simulatori di guida Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'simracing'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Due ruote
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • F1 2017 Codemasters
    • mods & addons
    • patch
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Guide - Tutorial
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 330 results

  1. Giulio Scrinzi

    iRacing: Patch 2 per la Season 3 2020 disponibile

    Un altro corposo aggiornamento per iRacing, che attualmente si trova nel vivo della Season 3 2020: si tratta della Patch numero 2 per questa stagione, la quale introduce un sacco di novità che migliorano il simulatore a stelle e strisce a 360°. Qua di seguito il changelog completo. iRacing Beta UI Safety Rating is now always displayed with two decimal places. Fixed an issue where some car images could fail to load in the Entry List. Simulation: AI Racing AI Drivers have received additional training with the Indy Pro 2000 PM-18 and USF 2000, particularly at large ovals. AI Drivers are now generally less conservative with their fuel strategy. Fixed an issue where some AI Drivers could swerve to one side quickly after a standing start. Fixed an issue where the desired starting track state for Qualify and Race Sessions was not being honored. Fixed an issue where .tga files were not selectable for custom AI Driver paint schemes. Race Control Fixed an issue where some drivers could get a black flag when pulling away from a starting grid that is in the pit lane area at the start of a parade lap. Improved Lucky Dog behavior when a long track’s Cautions are shortened. A message has been added to the Pacing/Caution popup display that informs a driver if they are the best “Lucky Dog Candidate”. When Quick Cautions are enabled, the best “Lucky Dog Candidate” now has their pit entrance closed for the first caution lap, to ensure they stay out and take their Lucky Dog wave-around. All other drivers will not have their pit entrance closed. The extra caution lap shortening that is done for very long ovals is now disabled if all cars are on the lead lap and behind the restart area. Rendering Fixed an issue where debris from the New Damage Model could get integrated into the dynamic cubemap, and could cause extreme flickering effects as the debris bounced around the environment. Optimized the appearance of the area between the edge of the terrain and the start of the sky. Auto-Exposure Camera System Improved settings for VR users. Fixed an issue where the environment map could be displayed too brightly on the entire world, when car mirrors are facing the camera and would pop back to normal brightness when all car mirrors were facing away from the camera, especially with low exposure levels. Fixed an issue with the race line aid’s color. Visual Effects Fireworks displays are no longer used during day-light events. – – Management is currently in negotiations with the pyrotechnics union. Discussions are heated. Audio External sounds for tires rolling on asphalt have been updated. XAudio2 Control mappings have been added for the Master Volume Up/Down control on the Sound Options tab. Weather The simulator now computes atmospheric visibility based on published measurements of relative humidity vs. visibility. Incorporated the sky model into the haze calculations for improved lighting of haze. Fixed an issue where haze was rendering incorrectly on large objects, such as grandstands and terrain. Fixed an issue where haze was rendering incorrectly on car windshields. Spotter Tire change spotter voice samples have been added to the base Spotter package. Peripherals Pedal vibrations from Brake Assist Aid may now be enabled and disabled with a control in the Options menu. Security The digital signature for the “iRacingUI.exe” file has been updated, which should satisfy some picky anti-virus programs. Fixed an issue where some anti-virus software was overly suspicious of some iRacing files. Cars: ARCA Menards Chevrolet Impala For the New Damage Model, adjustments have been made to prevent the rear bumper from being able to hook the entire car around. Mount point break limits have been reduced, while maintaining initial strength. Mount point parameters have also been adjusted to allow less physical separation before breaking occurs. The rear fenders were also stiffened slightly. Aston Martin DBR9 GT1 For the New Damage Model, adjusted the front splitter and nose mounts to prevent bumper damage from curbs. Audi RS 3 LMS Headlight flashing is now visible on opponent cars. BMW M4 GT4 Brake light brightness has been increased. Chevrolet Corvette C6.R GT1 For the New Damage Model, the front end splitter has been adjusted to prevent gliding over curbs, and collision stickiness has been reduced. Dallara IR18 Fixed an issue with a bad edge on the display glass panel. Dirt Sprint Car (305) – The Fanatec sponsorship logo has been relocated to the top of the wing. Ford GT GT2/GT3 (Ford GT GT2) – The aerodynamic center of pressure has been moved forward to bring it more in line with other GT cars. (Ford GT GT2) – For the New Damage Model, front bump rubbers, anti-roll bars, and high-speed damping have been adjusted to reduce a tendency to bounce, especially at curb impacts. (Ford GT GT2) – Baseline setup has been updated. (Ford GT GT3) – Tires parameters have been updated. (Ford GT GT3) – 2020 Season 3 Balance of Power Adjustments: Engine power, fuel consumption, and minimum weight has been adjusted. Aerodynamic performance has been adjusted to bring it more in line with other GT3 cars. (Ford GT GT3) – Ride height ranges have been expanded to permit stable setups that do not compromise performance. (Ford GT GT3) – For the New Damage Model, anti-roll bars, and high-speed damping have been adjusted to reduce a tendency to bounce, especially at curb impacts. HPD ARX-01c Various vehicle audio has been remixed for XAudio2, including; in-car engine, pit limiter, and backfires. Indy Pro 2000 PM-18 Road tires are now used at Centripetal Circuit. Season setups have been updated. Mercedes-AMG GT3 2020 Season 3 Balance of Power Adjustment: Minimum weight has been reduced by 15 kg. NASCAR Cup Series Chevrolet Camaro ZL1 Rear panel material reflectivity has been reduced. Season setups have been updated. NASCAR Cup Series Ford Mustang Fixed an issue where the grills at short tracks could appear detached at certain camera distances. Rear panel material reflectivity has been reduced. Season setups have been updated. NASCAR Cup Series Toyota Camry Rear panel material reflectivity has been reduced. Season setups have been updated. NASCAR Gander Outdoors Chevrolet Silverado Fixed an issue where a black block could appear on the rear of the truck when using paint schemes with a gradient fade effect. Season setups have been updated. NASCAR Gander Outdoors Ford F150 Fixed an issue where a black block could appear on the rear of the truck when using paint schemes with a gradient fade effect. Steering assist has been increased slightly. Season setups have been updated. NASCAR Gander Outdoors Toyota Tundra Season setups have been updated. NASCAR Xfinity Chevrolet Camaro Season setups have been updated. NASCAR Xfinity Ford Mustang Season setups have been updated. NASCAR Xfinity Toyota Supra Season setups have been updated. Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport MR Steering assist has been increased slightly. Porsche 919 2020 Season 3 Balance of Power Adjustment: Downforce has been increased by 5%. This change only applies to the high downforce configuration, and thus will not impact Le Mans. – – This restores half of the downforce that was lost with the previous adjustment. Ruf RT 12R (Track) – Tires parameters have been updated. (Track) – 2020 Season 3 Balance of Power Adjustments: Engine power, fuel consumption, and aero drag have been adjusted. (Track) – Ride height ranges have been expanded to permit stable setups that do not compromise performance. (Track) – Season setups has been updated. Sprint Car Season setups have been updated. Street Stock Fixed an issue where the left-front hub on opponent cars appeared to be pivoted incorrectly. Super Late Model Qualifying tape is not allowed in Race Sessions. USF 2000 Road tires are now used at Centripetal Circuit. Season setups have been updated. VW Beetle Vehicle brake lights may now be deformed with vehicle damage. Tracks: Circuit des 24 Heures du Mans Improved the surface type regions for the pit entry road, making it slightly more forgiving. WeatherTech Raceway at Laguna Seca Fixed an issue with a flipped advertisement on a bridge. The loading screen background has been updated. Track cameras have been upgraded with all new camera types and designs including a Static set and Mixed set which blends together dynamic TV cameras and stationary cameras. Many overlapping cameras are included, which should result in a different result when watching lap after lap. This should provide a more lifelike viewing experience.
  2. Il traguardo del 7 luglio, giornata in cui l'edizione "early access" di F1 2020 dedicata a Michael Schumacher, uscirà sugli scaffali si sta avvicinando sempre di più. Il nuovo titolo della massima serie automobilistica prodotta da Codemasters sta facendo passi da gigante e promette una nuova esperienza di gioco più ricca che mai: driver ratings, una modalità carriera rinnovata a cui partecipare creando da zero un proprio team, un nuovo modello di guida "sportivo" più accessibile che mai e tante altre novità, non ultime le bellissime vetture storiche del sette volte Campione del Mondo tedesco. F1 2020, come potete vedere, sta continuando a migliorare giorno dopo giorno, quindi vale la pena dare un'occhiata agli ultimi video presenti su YouTube che ne mostrano l'attuale livello di sviluppo. Buona visione!
  3. Nello scorso fine settimana il mondo del simracing è stato al centro dell'attenzione grazie alla 24 Ore virtuale di Le Mans, uno tra i più importanti e attesi eventi di quest'anno. Con l'intento di replicare esattamente la gara reale, spostata a settembre, la griglia di partenza è stata riempita con 50 auto e ben 200 piloti, tra i quali professionisti ed ex-professionisti della Formula 1. Dopo una giornata intera dietro al volante, l'evento è stato vinto dal team Rebellion Williams Esports nella classe LMP2 e dal team ufficiale Porsche tra le GTE, in 24 ore che hanno incontrato tutte le aspettative dei loro organizzatori. Anche in fatto di problemi tecnici: tra quelli più evidenti bisogna citare il "cambio di simulatore" di Simon Pagenaud, i due giri "da cardiopalma" di Jesper Pedersen con la macchina che tirava a destra quando, invece, doveva sterzare a sinistra... ma soprattutto quanto successo a due piloti d'eccezione come Fernando Alonso e Max Verstappen. Iniziamo dall'olandese della Red Bull: durante lo stint notturno Verstappen ha sofferto alcuni problemi di connessione che gli hanno fatto perdere tutto il vantaggio accumulato, il che lo ha portato a una reazione particolarmente colorita nei confronti del simulatore prodotto dallo Studio397. Di fronte a ciò, Marcel Offermans, direttore della software house che produce rFactor 2, ha sottolineato che Max, probabilmente, "aveva il frame rate basso. Prima della gara lo abbiamo aiutato ad ottimizzare il suo nuovo computer, ma forse non era ancora il momento giusto. In teoria potrebbe esserci stato un altro bug nel nostro sistema, ma dovremo indagare. Il suo compagno di squadra Atze Kerkhof ha avuto in seguito un altro problema che non ho mai visto prima, quindi non posso ancora dire molto a riguardo. Una gara di 24 ore è dura per l’equipaggiamento. Solo che questa volta non si tratta di auto, ma di computer, simulatori e connessioni internet. Fa parte di tutto questo". Passiamo ad Alonso: il due volte Campione del Mondo ha ricevuto una penalità per aver sorpassato illegalmente la Porsche di Simona de Silvestro proprio quando stava approcciando il suo pit-stop programmato. Questo gli ha impedito di effettuare il rifornimento del serbatoio, il che lo ha costretto a tornare in pista in riserva. Risultato? Fernando si è dovuto fermare a bordo pista il giro successivo, buttando al vento quanto fatto fino a quel momento. Di fronte a ciò, Offermans ammette che la sfortuna capitata ad Alonso è frutto di un insieme di circostante impreviste: "Abbiamo commesso un piccolo errore. Quando si ottiene una penalità, è possibile selezionare nel menu del pitstop se si vuole prendere subito o fare prima un normale pitstop. Non si può prendere una sanzione e fare un pitstop allo stesso tempo. Quando il controllo di gara ha chiamato la penalità, l'abbiamo emessa subito prima dell'arrivo di Alonso. Ha avuto a malapena il tempo di cambiare le impostazioni del suo pitstop e di fare una normale sosta prima. Questo è stato il nostro errore. In seguito ci siamo assicurati di applicare le penalità solo quando la macchina in questione aveva appena superato il traguardo o aveva fatto un pit stop, così hanno avuto tutto il tempo di reagire". Ecco, quindi, spiegato quanto successo a due dei protagonisti della 24 Ore virtuale di Le Mans, un evento che, tutto sommato, Offermans ha giudicato in maniera positiva: "Siamo felici di come sia andata la gara: è stata fantastica, piena di emozioni. In termini di numeri questa è stata la più grande gara di simulazione di sempre, quindi è stata sicuramente una pietra miliare. Vogliamo usare questa spinta e dare alle corse in sim un posto solido, anche quando le corse nel mondo reale riprenderanno. È un’esport che utilizza le stesse competenze del vero sport. L'esempio migliore è stato il fatto che i veri piloti si sono avvicinati molto ai loro colleghi della simulazione. Ora vogliamo continuare a organizzare eventi e continuare a ridurre le differenze tra i due mondi”.
  4. Poco più di due mesi fa vi avevamo presentato la nostra personale opinione della Formula Hybrid 2020, ultima creazione in fatto di Formula 1 del noto team di sviluppo Race Sim Studio. Una vettura eccezionale e unica nel suo genere, che ha ridefinito tutti gli standard della guida di una monoposto (virtuale) in pista. Oggi questa bellezza ha raggiunto la versione 2.0, rifinita in piccoli dettagli che, fortunatamente, non hanno snaturato il suo caratteristico grip in curva che gli permette di staccare tempi precedentemente impensabili al volante della “vecchia” versione 2019. Allo stesso tempo, però, Race Sim Studio ha recentemente rilasciato l’ultima versione della sua RSS2, che replica in tutto e per tutto una vettura cadetta della categoria Formula 2. A questo punto ci è balenata in mente una domanda: qual è la differenza tra una F1 e una F2? Quanto è diversa quest’ultima in termini di handling e di performance? Beh… scopriamolo insieme! FORMULA HYBRID 2020: VERSO L’INFINITO E OLTRE Il terreno di caccia prescelto per effettuare questa “sfida” a suon di giri veloci è stato l’Autodromo del Mugello, ovviamente sul simulatore Assetto Corsa. A due mesi di distanza dalla prova che avevamo effettuato, la Formula Hybrid 2020 ci ha riproposto lo stesso copione che avevamo già visto ad Imola. In pochi giri le sensazioni che avevamo provato al volante di questa vettura ci hanno confermato di essere di fronte a una monoposto impressionante, con la quale puntare a fare sempre di più giro dopo giro. Anche l’instabilità in frenata della prima versione, con la quale eravamo arrivati in più di un’occasione a ruote bloccate sulle rive del Santerno, è stata risolta: niente più timori reverenziali a tirare la “staccata della vita” alla San Donato, ben oltre il cartello dei 100 metri. Con la nuova 2.0, praticamente tutto è possibile. L’unico “problema”, se così lo vogliamo chiamare, è quando veramente vogliamo l’impossibile da questa vettura: se, per esempio, apriamo troppo violentemente il gas in uscita di curva dopo aver portato troppa velocità in ingresso – e magari abbiamo le gomme con già qualche giro sulle spalle – la Formula Hybrid 2020 tenderà ad andare in sovrasterzo, generato dallo stallo dell’alettone posteriore. Un inconveniente che accade su qualsiasi monoposto, anche sulla nostra prima protagonista di quest’articolo… ma solo quando andiamo veramente oltre le possibilità della vettura. Per tutto il resto, la Hybrid 2020 si è confermata un’auto da corsa “esagerata”, capace di scendere sull’1’15’’ al Mugello senza aver toccato alcunchè nelle schermate di setup di Assetto Corsa. FORMULA RSS2 V6 2020: PROBLEMI DI INSTABILITÀ Passando sulla Formula RSS2 V6 2020, il discorso cambia drasticamente. Rispetto alla precedente 2018, la nuova versione della Formula 2 realizzata da Race Sim Studio è stata aggiornata graficamente con un bodywork rivisto, gomme più larghe, nuove livree e una fisica migliorata per combaciare con le specifiche reali introdotte dalla Federazione Internazionale per il FIA Formula 2 Championship. Insomma, un restyling davvero corposo per una vettura che, a primo impatto, ha confermato la sua stretta derivazione dalla “sorella maggiore” che corre nella classe regina. I primi problemi, tuttavia, iniziano già alla prima curva: utilizzando il setup di base e premendo con decisione il pedale del freno, la RSS2 è incline a bloccare l’impianto posteriore, il che determina una repentina perdita di grip della vettura che, inesorabilmente, finisce in testacoda senza battere ciglio. Aumentando sensibilmente la ripartizione di frenata verso l’anteriore, da 53 a 56%, la situazione migliora e questo ci permette, finalmente, di valutare al meglio il comportamento in pista della monoposto. Come da tradizione iniziata con la “vecchia” RSS2 V8, che replicava le GP2 Series, anche la 2020 non ha perso il vizio di essere particolarmente scivolosa quando si tratta di passare sopra i cordoli, come se le sue gomme fossero fatte di sapone. Oltre a questo, la RSS2 V6 2020 ci è sembrata particolarmente difficile sia da inserire in curva, dove accenna un leggero sottosterzo, che nel momento di riprendere il gas in mano, un momento in cui se non si presta particolarmente attenzione a parzializzare con precisione assoluta il gas ci si ritrova in men che non si dica nella ghiaia a causa di una forte tendenza sovrasterzante. In percorrenza, poi, la sensazione che abbiamo avuto non è stata quella di avere tra le mani una monoposto incollata all’asfalto, ma tutt’altra vettura, che necessita di quel piccolo lasso di tempo per stabilizzare il suo equilibrio prima che il pilota possa riprenderne il controllo e accelerare verso il rettilineo successivo. F1 CONTRO F2: IL PARAGONE NON REGGE Nonostante tutto, però, la RSS2 V6 2020 si è dimostrata una buona vettura: una volta “fatto il callo” a tutte le piccole imperfezioni che la contraddistinguono e dopo averci preso il ritmo, il cronometro dell’Autodromo del Mugello ci ha regalato un interessante 1’26’’9 con la mescola più morbida a nostra disposizione, senza tuttavia andare a toccare altro in fatto di setup. Il paragone con la Formula Hybrid 2020, tuttavia, non regge: se confrontate una di fianco all’altra in termini di fisica e handling, le due vetture sono lontane anni luce. Da una parte troviamo una monoposto “cadetta” che richiede una certa sensibilità per essere guidata come si deve, dall’altra invece trova spazio un’auto da corsa che permette praticamente qualsiasi cosa. Il sottile confine tra “simulazione” e “videogioco” è praticamente appeso a un filo quando si scende in pista con la Formula Hybrid 2020. Un esempio? La staccata della Materassi – Borgo San Lorenzo: con la RSS2 V6 2020 bisogna necessariamente frenare in entrata e scalare un paio di marce per raggiungere l’equilibrio necessario con il quale ottenere una buona uscita verso la Casanova – Savelli, mentre con la Hybrid… Basta passare dalla settima marcia alla sesta e dare un colpettino di freno in entrata, per poi “buttarla dentro” con cattiveria senza mai lasciare il piede dall’acceleratore. La velocità che si può raggiungere in questo punto con la Formula Hybrid 2020 è davvero assurda, così come il tempo finale che siamo riusciti ad ottenere nell’ultimo tentativo lanciato su gomme Soft: 1’14’’7, avendo impostato la power unit su “Motor” anziché su “Battery” ma lasciando invariato tutto il resto rispetto al setup di base. Il nostro verdetto finale? In ogni caso siamo di fronte a due veri “masterpiece”, che Race Sim Studio ha curato davvero nei minimi dettagli. La differenza in prestazioni e comportamento in pista, tuttavia, è notevole: la RSS2 V6 2020 richiede una certa esperienza per essere portata al limite, mentre con la Formula Hybrid 2020 è molto, ma molto più semplice diventare dei piloti veloci e consistenti. Ma nella realtà non dovrebbe essere il contrario?
  5. La serie ufficiale di otto gare svolta su F1 2019 che ci ha tenuto compagnia durante la quarantena è andata in archivio: nello scorso fine settimana, infatti, George Russell ha dominato l'ultimo GP sul circuito Gilles Villeneuve di Montreal, diventando il primo Campione del Mondo virtuale di questa serie dedicata. Un Campionato che ha coinvolto diversi piloti professionisti, dei quali abbiamo deciso di stilare una classifica per vedere chi sono stati i "migliori dieci" che ci hanno fatto divertire a suon di sportellate. 10° POSTO - ANTONIO GIOVINAZZI Cominciamo dal fondo, con un decimo posto che ha tenuto a parimerito da una parte il nostro Antonio Giovinazzi, e dall'altra il test driver della Haas Pietro Fittipaldi. Quest'ultimo si è reso protagonista di una splendida pole position in quel di Montecarlo, mentre il pilota di Martina Franca si è distinto per un passo più consistente che gli ha permesso di mettere in cassaforte 16 punti in cinque apparizioni ufficiali. Probabilmente con una guida più pulita avrebbe potuto fare anche meglio, ma sta il fatto che il suo operato gli ha permesso di conquistare l'ultima posizione della nostra classifica. 9° POSTO - LOUIS DELETRAZ Nona posizione per Louis Deletraz: il pilota di riserva della Haas ha vinto la 24 Ore virtuale di Le Mans con il team Rebellion - Williams e si è sempre ben comportato anche nelle F1 Virtual Grand Prix Series, sia nelle gare destinate ai piloti di F2 e F3 sia nei sei appuntamenti ufficiali destinati alla classe regina. Nonostante ciò, non è mai arrivato a podio. Con 18 punti in cassaforte e tre terzi posti conquistati nelle qualifiche dell'Australia, della Cina e dell'Azerbaijan, Deletraz ha seminato tanto e raccolto poco. Sul circuito di Shanghai ha chiuso al sesto posto, in Australia si è girato due volte... mentre a Baku ha creato un vero e proprio "casino" nella zona dello stadio, dove ha coinvolto anche Norris e Leclerc. Il suo miglior risultato? Due settimi posti proprio a Melbourne e in Cina. 8° POSTO - NICHOLAS LATIFI Saliamo di un gradino e troviamo il secondo pilota della Williams, quel Nicholas Latifi che, anche virtualmente, ha interpretato al meglio il ruolo di seconda guida del team di Grove. I suoi risultati? 39 punti totali, la terza posizione in griglia come miglior qualifica (in Canada) e il quinto posto a Barcellona come miglior risultato finale. Se non fosse rimasto coinvolto in così tanti incidenti, come quelli con Gutierrez in Bahrain e con Giovinazzi ad Interlagos, avrebbe potuto fare di più. 7° POSTO - LANDO NORRIS Con così tanta esperienza nel mondo del simracing, Lando Norris onestamente ci ha deluso. Il pilota della McLaren ha sofferto continui problemi tecnici e probabilmente non è mai riuscito ad adattarsi completamente a un titolo come F1 2019, decisamente diverso rispetto a software più simulativi come iRacing o rFactor 2. Come miglior risultato ha ottenuto un quarto posto in Azerbaijan, seguito da quella quinta piazza in Bahrain dove arrivò ai ferri corti con lo YouTuber Jimmy Broadbent. 6° POSTO - GUANYU ZHOU L'outsider d'eccezione: ecco chi è Guanyu Zhou, pilota di F2 e test driver della Renault che nell'appuntamento del Bahrain è riuscito nell'impresa di portare la sua RS19 sul gradino più alto del podio. Un ottimo risultato, a cui sono succedute delle prestazioni meno esaltanti, come il sesto posto in Canada... e la terza posizione ottenuta solo grazie all'intervento della direzione gara a causa del contatto subito da Leclerc e Albon in Cina. 5° POSTO - ESTEBAN GUTIERREZ Da rappresentante della Mercedes, Esteban Gutierrez si è subito dimostrato un ottimo pilota capace di arrivare stabilmente a podio, benchè poco propenso a lottare per la vittoria. Tra i suoi migliori risultati vale la pena citare il secondo posto nelle qualifiche del Bahrain, a cui è seguita una scia positiva di performance rappresentate dal sesto posto al traguardo in Cina e dal quinto ad Interlagos, superate solamente dalla splendida medaglia d'argento ottenuta a Monaco dietro a Russell. 4° POSTO - STOFFEL VANDOORNE Un altro simracer d'esperienza: stiamo parlando di Stoffel Vandoorne, vincitore della Race at Home Challenge organizzata dal mondo della Formula E e protagonista di un'ottima performance anche nella 24 Ore virtuale di Le Mans, a cui ha seguito degli interessanti risultati anche al volante della Mercedes di F1 2019. In Bahrain ha chiuso al secondo posto partendo 11esimo, mentre in Brasile la partenza dalla pole position sembrava che gli assicurasse la vittoria in tasca. Peccato per il testacoda in prima curva, perchè il potenziale c'era tutto. 3° POSTO - ALEX ALBON Un grande lottatore, ma capace di conquistare il gradino più alto del podio solamente in un'occasione. La vittoria ad Interlagos durante il "GP d'Olanda" di Alexander Albon è stata spettacolare, soprattutto a fronte dei 26 cambi di leadership con Charles Leclerc. Dopo questo exploit, tuttavia, il pilota della Red Bull non è riuscito a tenere il ritmo dei suoi avversari, mettendo il sale sulla coda a Russell solamente nell'ultimo Gran Premio del Canada, dove ha centrato un comunque consistente secondo posto. Con un successo e tre podi, Albon ha mostrato a tutti il proprio potenziale: servirebbe solo un po' più di pratica per stare là davanti con Russell e Leclerc... 2° POSTO - CHARLES LECLERC Il monegasco della Ferrari si è dimostrato subito una presenza molto forte nelle F1 Virtual Grand Prix Series. Come Russell, ha saltato la prima gara ma si è subito imposto in Vietnam e in Cina; ad Interlagos, tuttavia, ha sbagliato strategia montando le medie al secondo pit-stop, il che lo ha portato a dare spettacolo con Albon prima di finire dietro al pilota della Williams a causa di una penalità. Stesso esito anche in Spagna, un appuntamento a partire dal quale il suo livello è sceso in picchiata: a Baku è stato disastroso, mentre nell'ultima tappa a Montreal ha dato direttamente forfait per partecipare alla 24 Ore virtuale di Le Mans. Risultato? Terzo posto in classifica finale addirittura dietro ad Albon. 1° POSTO - GEORGE RUSSELL And the winner is... George Russell! Benchè abbia impiegato un po' di tempo prima di trovare il ritmo, il pilota della Williams ha fatto capire chi comanda praticamente da subito: il suo livello è migliorato costantemente fino al GP di Spagna, appuntamento che ha dato strada a una scia di vittorie (e di pole position) interrotte solamente dall'exploit di Fittipaldi a Montecarlo. Grazie a un approccio rigoroso e professionale, Russell ha dimostrato di essere all'altezza dei migliori piloti eSports di F1 2019, il che gli ha assicurato il Titolo di Campione con l'ultimo dominio a Montreal. Ora non gli resta che fare lo stesso anche sulla pista vera!
  6. Manca meno di una settimana al lancio ufficiale di Assetto Corsa Competizione su PlayStation 4 e Xbox One, un debutto particolarmente sentito dagli appassionati di simracing che ieri hanno potuto non solo vedere una prima preview di quello che gli sarà offerto... ma anche chiarirsi meglio le idee con tutta una serie di Q&A direttamente curata dai ragazzi della Kunos Simulazioni. Oggi, invece, è il momento di vedere dal vivo quali saranno le potenzialità del simulatore ufficiale del Campionato BlancPain dedicato alle vetture GT più veloci al mondo. Date un'occhiata qua sotto e rifatevi gli occhi: siete pronti a scendere in pista?
  7. La prima stagione del campionato virtuale TCR Eastern Europe Simracing inizia oggi con il Round 1 sul tracciato dell'Hungaroring. I fan del campionato dell'Est Europa TCR non vedono l'ora di rivedere i loro piloti preferiti in pista, con l'Hungaroring che ospita il primo round in assoluto del campionato TCR Eastern Europe Simracing. Il calendario è composto da cinque round e, dopo il via dell'Hungaroring, seguiranno il Red Bull Ring (30 giugno), Grobnik (14 luglio), Slovacchia Ring (28 luglio) e Brno (11 agosto). Ma questa serie non è l'unica visto che segue le serie TCR ufficiali di eSports TCR Europe e TCR Australia. Non mancherà un elevato numero di eccellenti piloti provenienti da Croazia, Polonia, Repubblica Ceca, Germania, Slovacchia, Austria, Svizzera e Ungheria, che gareggeranno nel primo turno. Vedremo in pista virtuale i partecipanti della stagione di quest'anno o della precedente di questo campionato, ma anche piloti con esperienza nel WTCR, serie 24H, campionato europeo Formula Regional, F4 tedesco, F4 italiano ed F3 asiatico. Il live streaming inizierà alle 19:00 CEST e si potrà seguire sul canale YouTube ufficiale del TCR o sui social media.
  8. Se state cercando degli upgrade di un certo livello per la vostra postazione, allora dovete assolutamente dare un'opportunità ai prodotti di 3DRap: si tratta di un'azienda italiana famosa per le personalizzazioni di prodotti dedicati al simracing (e non solo), che oggi ha il piacere di presentare una nuova linea di dispositivi che permetteranno a tutti gli appassionati di guida simulata di avvicinarsi ancora di più alle sensazioni che si ottengono su una vera auto da corsa. Chiamata Ignition, questa linea si basa su tre parole chiave: feeling, customization e realism, ovvero sensazioni, personalizzazione e realismo. I primi due prodotti presentati sono l'Akina Handbrake e il Pikes Shifter, rispettivamente un freno a mano e un cambio sequenziale da utilizzare praticamente su qualsiasi vettura da competizione simulata. Il primo presenta un design leggero che comprende un'impugnatura con cuciture in simil-alcantara e può essere utilizzato in due modalità: come freno a mano verticale, ottimo per simulare un'auto da rally o da drifting, o come freno a mano orizzontale, più simile a quello che utilizziamo quotidianamente sulla nostra vettura stradale. E' realizzato con un doppio sistema magnetico-elettronico che permette di convertire il segnale interno da non-lineare, l'ideale per il rally e per la guida di traverso, a lineare, utilizzato invece sulla maggior parte delle vetture sportive. Passiamo allo Shifter: costruito con lo stesso principio del precedente Akina Handbrake, questo cambio è contraddistinto dal Magnetic Engagement System, una tecnologia che dona un feeling davvero realistico in ogni cambiata effettuata durante una sessione di guida simulata. Insomma, siamo di fronte a due prodotti davvero innovativi, proposti tra l'altro con un prezzo decisamente interessante: 159 Euro per il freno a mano e 129 Euro per il cambio, abbinabili in un unico pacchetto con un costo totale di 259 Euro (IVA inclusa).
  9. La serie World of Outlaws di iRacing sta per tornare! Il prossimo 22 giugno, infatti, il simulatore a stelle e strisce ospiterà una nuova serie dedicata alle corse da dirt track su circuiti ovali, chiamata iRacing World of Outlaws Morton Buildings Late Model World Championship. Si tratta di un Campionato che si articolerà in dieci settimane di gare, in cui prenderanno parte 35 dei più bravi piloti virtuali di questa specialità. In prima linea si schiererà Blake Matjoulis, Campione in carica di questa serie che dovrà vedersela con il due volte Campione dell'iRacing World of Outlaws NOS Energy Sprint Cup Alex Bergeron: due personalità molto forti di questo mondo, nel quale non mancheranno i rivali Kendal Tucker e Kevin Dedmon, così come i Campioni della eNASCAR Coca-Cola iRacing Series Casey Kirwan e Zach Leonhardi. Tra coloro che, invece, sono arrivati in seguito alle qualificazioni di quest'anno, spiccherà Shad Prescott, pilota particolarmente consistente anche nell'edizione dello scorso anno. Insomma, una lineup di tutto rispetto, che correrà sui più famosi circuiti da dirt track americani: la serie inizierà sul Volusia Speedway Park, per poi passare sull'iconico Eldora Speedway e sul Knoxville Raceway, intervallati da due appuntamenti dedicati sul Lernerville Speedway. I premi in palio? Trecento dollari per ogni tappa, con un riconoscimento finale di 10mila dollari destinati al pilota con più punti al termine dell'ultimo appuntamento del 24 agosto sul Charlotte Motor Speedway. IL CALENDARIO 22 Giugno: Volusia Speedway Park 29 Giugno: Lernerville Speedway 6 Luglio: Limaland Motorsports Park 13 Luglio: Eldora Speedway 20 Luglio: Lernerville Speedway 27 Luglio: Kokomo Speedway 3 Agosto: Fairbury American Legion Speedway 10 Agosto: Knoxville Raceway 17 Agosto: Williams Grove Speedway 24 Agosto: The Dirt Track at Charlotte Motor Speedway LA LINE-UP COMPLETA No. Driver Home Qualifying Status 00 Kendal Tucker Surry, NC 2019 World Championship points 000 Kevin Dedmon Shelby, NC 2019 World Championship points 1 Austin M Carr Brandon, FL 2020 Qualifying Series 2 Dylan R. Houser Ocala, FL 2019 World Championship points 3 Shane James Lawrenceburg, IN 2020 Qualifying Series 6 CJ Phillips Shelby, NC 2020 Qualifying Series 07 Hayden Cardwell Knoxville, TN 2020 Qualifying Series 007 Jacob Fields Columbus, IN 2020 Qualifying Series 9 Tyler Ducharme Bomoseen, VT 2020 Qualifying Series 11 Blake L Brown Des Moines, IA 2020 Qualifying Series 12 Alex A Bergeron Drummondville, QC 2019 World Championship points 14 JD Brown Bakersfield, CA 2020 Qualifying Series 15 Mason Crawford McKinney, TX 2020 Qualifying Series 16 Grant Ryals Gibsonton, FL 2020 Qualifying Series 22 Brandyn Proudfoot East Freedom, PA 2020 Qualifying Series 23 Casey Kirwan Matthews, NC 2019 World Championship points 24 Zach Leonhardi Cartersville, GA 2019 World Championship points 24 Daniel Cummings Jr Mancelona, MI 2020 Qualifying Series 25 Zack McSwain Mooresboro, NC 2020 Qualifying Series 32 Steven Wilson Cedar Rapids, IA 2019 World Championship points 33 Evan Seay Spartanburg, SC 2019 World Championship points 41 Shad Prescott House Springs, MO 2020 Qualifying Series 44 Blake Cannon Columbia, GA 2019 World Championship points 46 Dillon Raffurty Kansas City, MO 2020 Qualifying Series 49 Joel Berkley Oakhurst, Australia 2020 Qualifying Series 52 James Edens Santa Rosa, CA 2019 World Championship points 70 Davin Cardwell Blaine, TN 2020 Qualifying Series 71 Cole V Cabre Cornelius, NC 2020 Qualifying Series 74 Adam Elby Tracy, CA 2019 World Championship points 80 Dylan Wilson Bakersfield, CA 2020 Qualifying Series 88 Brian Weyandt Jr Claysburg, PA 2019 World Championship points 112 Devon Morgan Easley, SC 2020 Qualifying Series 127 Blake Matjoulis Chautauqua, NY 2019 Late Model World Champion 157 Drew Hopkins Brodhead, KY 2020 Qualifying Series 311 Austin Matthews Dexter, MO 2020 Qualifying Series
  10. Da quando l'emergenza Coronavirus ha preso piede sul nostro pianeta, diverse realtà hanno cercato di riunire virtualmente gli appassionati di videogiochi sulle loro piattaforme per raccogliere fondi a sostegno della ricerca. E' il caso della "Race at Home Challenge" promossa dalla Formula E, che ha avuto l'obiettivo di aiutare l'UNICEF, così come degli eventi creati dal pilota della Ferrari Charles Leclerc. Iniziative lodevoli che, oggi, fortunatamente, continueranno attraverso il nuovo progetto della Microsoft con la propria serie di videogiochi racing: con il nome di "Forza Together", tutti i giocatori di Forza Motorsport 7, Forza Horizon 4 e Forza Street potranno guadagnare i punti Microsoft Rewards semplicemente giocando a uno di questi tre titoli, riconoscimenti che poi verranno appunto donati a sostegno di organizzazioni non-profit di propria scelta. Come partecipare? Oltre a far parte del programma Microsoft Rewards, sarà necessario attivare una speciale "Forza punch card", con la quale poi collegarsi a uno dei titoli appena menzionati dove andare a sbloccare tre "achievements" di una certa rilevanza. Una volta ottenuti, sarà sufficiente ritornare ritornare nella propria Rewards app, dove donare i punti ottenuti durante il periodo di gioco appena trascorso. Microsoft, alla fine di giugno, effettuerà infine il matching di ogni donazione effettuata attraverso questa iniziativa. Per maggiori informazioni, basterà collegarsi al sito Microsoft dedicato.
  11. La presentazione del 3 giugno non ha sicuramente estasiato gli appassionati del simracing nei confronti del prossimo Project Cars 3, che a prima vista sembrava più un titolo indirizzato verso l'arcade che verso la simulazione vera e propria di un'auto da corsa. Oggi, però, Slightly Mad Studios ha voluto chiarire quello che il suo nuovo titolo proporrà al pubblico, attraverso dei "cinguettii" su Twitter che, fortunatamente, fanno ben sperare. Secondo gli sviluppatori, Project Cars 3 metterà a disposizione del giocatore un livello mai visto prima di customizzazione dell'esperienza di gioco, con tutta una serie di aiuti alla guida perfettamente scalabili con lo scopo di ottenere sia un gioco più immediato e alla portata di tutti, sia un simulatore più incline verso il realismo. Tutto sta nel rivisto handling delle vetture, più intuitivo, progressivo e autentico oltre che replicato a dovere attraverso un Force Feedback ancora più dettagliato. Ma non è tutto: l'ABS, il controllo di stabilità e il traction control saranno più efficaci e allineati al livello di intervento con cui funzionano su ogni singola vettura nel mondo reale. Il tutto, ovviamente, impreziosito da una grafica improntata sul motion blur, sul tremolio dell'HUD e della visuale e su quel senso di velocità che, in altri titoli concorrenti, difficilmente si percepisce. Se poi queste funzionalità non piacciono perchè giudicate poco realistiche, ci sarà anche la possibilità di disattivarle. Semplice no? A riprova del continuo lavoro di perfezionamento da parte di Slightly Mad Studios, ecco alcuni nuovi screenshot che rendono l'idea di quanto sarà graficamente evoluto Project Cars 3.
  12. Un altro marchio prestigioso entra a far parte del mondo Esport: dopo aver ricominciato a solcare ufficialmente i circuiti nella stagione 2019-2020 con il FIA World Endurance Championship e aver iniziato un'importante collaborazione con il FIA WTCR, la marca di pneumatici sportivi Goodyear si sta preparando per effettuare il grande salto anche nel mondo della guida simulata. La sua prima mossa sarà innanzitutto quella di collaborare con la 24 Ore virtuale di Le Mans, una competizione che si sta disputando in queste ore e dove il marchio Goodyear è stato esposto per la prima volta come uno degli sponsor della più importante corsa di durata del mondo. Oltre a questo, e proprio per dar credito al suo ruolo di fornitore ufficiale del WTCR reale, l'azienda americana darà il proprio contributo nell'Esports WTCR Championship, al via nella giornata di oggi, domenica 14 giugno, con la prima tappa del Salzburgring. Goodyear equipaggerà tutte le vetture della serie, per l'occasione con la versione virtuale del suo nuovo pneumatico ad alte prestazioni Goodyear Eagle F1 SuperSport dedicato alle auto da turismo per Campionati di alto livello. Sarà una grandissima sfida per il costruttore a stelle e strisce, come affermato dal direttore Motorsport di Goodyear Ben Crawley: "Gli eSport hanno registrato un enorme aumento di popolarità durante il lockdown. Anche quando inizieranno le corse in pista, prevediamo che l’interesse per gli eSport continuerà a crescere, perché unisce davvero gli appassionati ai loro eroi delle corse. Nel lungo periodo, puntiamo a trasferire le decisioni sulle scelte degli pneumatici e le strategie dei pit-stop anche negli eSport, aiutando i programmatori a replicare con precisione le prestazioni reali dei pneumatici Goodyear. Nell’immediato per noi è un’opportunità per entrare in contatto con i fan e portare il nostro famoso marchio in pista, anche se per il momento solo virtualmente". ESPORTS WTCR CHAMPIONSHIP - INFO E CALENDARIO Programmato sulla piattaforma di RaceRoom Racing Experience, l'Esports WTCR Championship è il seguito diretto della Pre-season andata in scena nei mesi di marzo-aprile e conterà ben sei appuntamenti, con copertura televisiva garantita da Eurosport in 54 nazioni. Il format è il seguente: qualifiche da 10 minuti seguite da una sessione Superpole per i 5 piloti più veloci, che precederà due gare da 12 minuti ciascuna. Gara 2, tuttavia, avrà la griglia invertita per i primi dieci classificati di Gara 1. 14 Giugno, ore 15:15: Salzburgring 21 Giugno, ore 22:30: Hungaroring 28 Giugno, ore 22:00: Slovakia Ring 5 Luglio, ore 23:00: Ningbo International Speedpark 12 Luglio, ore 23:00 Circuito da Guia, Macau 19 Luglio, ore 23:00: Sepang International Circuit
  13. Inizia una nuova sfida per tutti gli appassionati di simracing e di go-kart: in queste ore è stata annunciato il Kart Republic Esports, competizione organizzata dal noto team di karting che prenderà il via presto sulla piattaforma di F1 2019. Si tratta di un Campionato al termine del quale il vincitore potrà vivere una giornata da pilota ufficiale del Kart Republic Official Racing Team: si potranno incontrare i piloti KR ufficiali, si scenderà in pista con i mezzi preparati direttamente dal reparto corse Campione del Mondo e si verrà seguiti da Dino Chiesa, ex team manager di Campioni del calibro di Lewis Hamilton, Nico Rosberg, Daniil Kvyat e Nyck de Vries. Partecipare è molto semplice: basta avere a portata di mano F1 2019 e un volante, con i quali effettuare la registrazione sul sito ufficiale Kart Republic Esports. Il limite massimo di iscrizioni è pari a 80 piloti (esclusi i kartisti con regolare licenza FIA), che verranno suddivisi in quattro gruppi da 20. Ognuno di essi parteciperà a un weekend di gara con qualifica ridotta (hotlap mode) e sulla distanza ridotta del 25% rispetto al Gran Premio reale: i primi cinque classificati da ognuno di questi weekend accederanno alla finale, contraddistinta da qualifiche su 15 minuti e una gara al 50% della distanza reale. Per tutte le informazioni rimandiamo al sito ufficiale, dove è possibile effettuare la registrazione, e alla pagina Facebook del team Kart Republic, costantemente aggiornata anche nella scelta dei circuiti dove disputare le competizioni di questo Campionato.
  14. L'abbiamo anticipata qualche giorno fa e ora sta cominciando ad entrare nel vivo: stiamo parlando della Virtual Race of Champions 2020, che diventerà di fatto la finale della eROC nella giornata di domenica 28 giugno alle ore 19. Un appuntamento che, idealmente, chiuderà questi quattro mesi di intense competizioni al simulatore con un "gran finale" in grande stile, in cui saranno presenti diversi piloti d'eccezione come i già confermati Stoffel Vandoorne e Petter Solberg. Ma se pensate che questo evento sarà di tipo "invitational" come tanti altri che hanno preso vita durante il lockdown per l'emergenza Coronavirus, vi sbagliate! La sorpresa preparata dallo staff della Race of Champions è stata quella di aprire la Virtual ROC a tutti gli appassionati, in un'opportunità che permetterà loro di sfidare, tra gli altri, anche i due Campioni in carica Enzo Bonito e James Baldwin. Tutti i fans del simracing interessati, quindi, possono registrarsi all'evento già da questo momento seguendo questo indirizzo: la registrazione è gratuita e si avrà tempo fino al 25 giugno per scaricare pista e vetture con cui far segnare il proprio hotlap personale sul simulatore Assetto Corsa. I due piloti più veloci al termine di questa fase d'eliminazione, quindi, avranno l'opportunità di proseguire la loro avventura nella Virtual ROC, che si concluderà con la competizione del 28 giugno. Per seguire i propri progressi, potete dare un'occhiata alle leaderboard: che la sfida abbia inizio!
  15. La 24 Ore di Le Mans virtuale è ormai ai nastri di partenza: l'evento più importante dell'anno per il mondo del simracing è pronto a partire nella due giorni del 13/14 giugno, per la quale verrà organizzato uno speciale show televisivo direttamente da Parigi a copertura di questo sensazionale evento. I commentatori prescelti saranno dei veri esperti in fatto di corse: tra questi spicca il nove volte vincitore di Le Mans Tom Kristensen e il Campione del Mondo Endurance 2013 Allan McNish, a cui si aggiungeranno Martin Haven, Ben Constanduros e, dalla pitlane virtuale, la reporter Hayley Edmonds. Insomma, una squadra pronta a far divertire tutti gli appassionati delle gare di durata, che potranno seguire in diretta questa competizione sia in TV che in live streaming. Come? Ora ve lo spieghiamo. La griglia di partenza completa. LA COPERTURA IN AMERICA Nella 24 Ore virtuale di Le Mans saranno presenti in griglia di partenza un quarto degli attuali piloti di Formula 1 e di altri rinomati team a stelle e strisce (Penske Motorsport su tutti), nonchè gli ex Campioni IMSA e IndyCar Simon Pagenaud e Juan Pablo Montoya. Per questo motivo la società sportiva ESPN trasmetterà ben 12 ore di gara in diretta sul canale ESPN2, con l'intera competizione visibile, invece, attraverso l'applicazione dedicata e sul sito ufficiale ESPN.com. La copertura sarà assicurata anche in America Latina, Brasile, Caraibi, Australia e Isole del Pacifico, mentre in Canada sarà Discovery Velocity a farsi carico della trasmissione in diretta dell'intera corsa, attraverso il network di sport motoristici REV. LA COPERTURA IN EUROPA Con piloti del calibro di Fernando Alonso, Jenson Button, Sébastien Buemi, Olivier Panis, Jan Magnussen e Stoffel Vandoorne, la 24 Ore virtuale di Le Mans non poteva non essere trasmessa anche in Europa, dove invece sarà Eurosport a coprire la corsa: in diretta gli appassionati potranno gustarsi le prime 2 ore e mezza di gara, le ultime 2 ore e mezza della prima giornata e le ultime 5 ore del Day 2. Eurosport Player, invece, garantirà la copertura totale dell'evento, così come la piattaforma OTT di Motorsport.TV e di France.TV, la quale mostrerà circa sei ore in diretta. Per quanto riguarda l'Italia, i fans delle gare di durata potranno fare il tifo per Charles Leclerc, Antonio Giovinazzi, Felipe Massa e Giancarlo Fisichella (tutti facenti parte della formazione ufficiale Ferrari) attraverso la copertura totale messa in campo da Sky Italia, il cui esempio sarà seguito da TV2 in Danimarca e da RTBF Audio in Belgio. La piattaforma OTT ViaPlay, invece, trasmetterà questa gara d'endurance in diretta integrale in Svezia, Norvegia e Finlandia, mentre nei Paesi Bassi sarà il free-air broadcaster RTL7 a farsi carico di nove ore in live streaming, a tutto vantaggio dei tifosi di Max Verstappen. LA COPERTURA IN ASIA In tutta la regione dell'Asia-Pacifico sarà Eurosport a trasmettere la 24 Ore di Le Mans virtuale, per la precisione le prime due di gara, le ultime 2 ore e mezza della prima giornata e le ultime 2 ore del Day 2. I fan di Brendon Hartley e del Toyota Gazoo Racing in Nuova Zelanda, invece, dovranno fare affidamento alla copertura integrale fornita da Sky, mentre J Sports in Giappone mostrerà l'apertura e la chiusura della gara in diretta per 3 ore e mezzo di gara in modo che gli spettatori possano seguire le sorti dei compagni di squadra della Toyota: il già citato Hartley, Kamui Kobayashi, Kenta Yamashita e tante altre stelle mondiali sulla griglia di partenza. LA COPERTURA IN INDIA E IN AFRICA In India, i residenti potranno sintonizzarsi tramite Sony Entertainment Television mentre il continente africano sarà coperto da un accordo pan-regionale grazie a SuperSport, che mostrerà la gara nella sua interezza. Chi preferisse utilizzare i canali online, invece, potrà fare affidamento al sito internet motorsport.com, così come ai canali social relativi al FIA WEC e alla 24 Ore di Le Mans.
  16. Domani, alle ore 15, la 24 Ore virtuale di Le Mans aprirà le danze a quella che sarà la due giorni più importante di sempre per il mondo del simracing. Una giornata effettiva di gara in cui i più forti e talentuosi piloti del motorsport e dell'universo della guida virtuale si sfideranno sul Circuit de la Sarthe, nelle classi LMP2 e GTE Pro sapientemente riprodotte sul famoso simulatore rFactor 2. Sarà uno spettacolo senza precedenti, ovviamente coperto a livello televisivo e mediatico nel migliore dei modi, in cui i team confermati in griglia di partenza hanno raggiunto il numero di 50 equipaggi. Andiamo a vedere quali sono! CLASSE LMP2 Sui prototipi di Le Mans, vale a dire le Oreca 07, sono stati inseriti in entry-list ben trenta squadre, che equivalgono a 120 piloti dal momento che ogni equipaggio sarà composto da due piloti reali e due simdrivers di alto livello. Come potete vedere nelle due immagini qua sotto, che rappresentano le livree di ogni singolo reparto corse, i team più numerosi sono rappresentati dal Rebellion Williams Esport, seguito da mostri sacri del motorsport come il Team Penske e il Toyota Gazoo Racing. Confermata la presenza anche del Panis Racing Triple A, così come il famoso Team Redline e il britannico Veloce Esports. Il livello dei piloti, poi, è davvero stellare, vista la presenza di diversi piloti ed ex-piloti di Formula 1: da Juan Pablo Montoya a Fernando Alonso, da Rubens Barrichello a Pierre Gasly, Max Verstappen e Jenson Button, senza dimenticare Lando Norris e alcuni rappresentanti della Formula E come Stoffel Vandoorne, Jean-Eric Vergne e Antonio Felix da Costa. CLASSE GTE PRO Passando alla seconda classe da corsa in pista, la GTE PRO, troveremo venti squadre in griglia di partenza, tra le quali diversi team ufficiali in rappresentanza di alcune marche prestigiose come Ferrari, Porsche, Corvette e Aston Martin. La Casa di Maranello, per esempio, sarà rappresentata da AF Corse e Strong Together, mentre le 911 RSR saranno affidate al team Esports ufficiale, a Team Project 1 e a Gulf Racing. Per quanto riguarda i piloti, anche qua troveremo diversi nomi di prestigio: Charles Leclerc e Antonio Giovinazzi, Giancarlo Fisichella e Felipe Massa, Enzo Bonito e David Tonizza, Federico Leo e Amos Laurito, ma anche Jimmy Broadbent, Martin Kronke e André Lotterer. Insomma... lo spettacolo è assicurato! ENTRY-LIST COMPLETA Qua di seguito, invece, riportiamo la entry-list completa della 24 Ore virtuale di Le Mans. L'appuntamento, quindi, è fissato per domani alle ore 15, quando scatterà il semaforo verde che impegnerà i piloti più veloci del mondo fino alla stessa ora della giornata successiva. E voi, per chi fate il tifo?
  17. Il gran giorno è arrivato! Nella serata di giovedì 11 giugno le ipotesi sul futuro della serie Gran Turismo sono state finalmente confermate: durante la presentazione di PlayStation 5, prossima console Made in Sony, Kazunori Yamauchi ha presentato ufficialmente la sua prossima realizzazione... chiamata, come vi avevamo anticipato, Gran Turismo 7! Il nuovo titolo per la console next-gen di Sony è stato svelato attraverso il video trailer che potete trovare qua sotto: nei pochi minuti di presentazione è stato introdotto il gameplay con tanto di nuovo sistema di illuminazione e la GT Town, un hub virtuale attraverso il quale accedere alle varie competizioni oppure personalizzare le proprie auto nel garage dedicato. Per il momento non sappiamo altri dettagli nè la data di uscita, ma appena sapremo qualcosa troverete qua su DrivingItalia tutte le news del caso!
  18. Dopo mesi di competizioni al simulatore, anche le F1 Virtual Grand Prix Series stanno per avvicinarsi al loro ultimo round: questo fine settimana, infatti, andrà in scena il gran finale sul circuito Gilles Villeneuve di Montreal, che ospiterà quel Virtual Canadian Grand Prix che sancirà il primo Campione del Mondo virtuale della serie ufficiale organizzata dal Circus iridato. In questa tappa saranno cinque i piloti di Formula 1 presenti in griglia: Valtteri Bottas, che terrà alta l'onore della Mercedes, Alexander Albon per la Red Bull, Pierre Gasly per l'AlphaTauri e il duo Williams, composto da Nicholas Latifi e da quel George Russell che, ormai, è pronto a mettere in bacheca il Titolo, soprattutto per il fatto che il suo diretto avversario, Charles Leclerc, dovrà abdicare in favore del suo impegno con Ferrari nella 24 Ore virtuale di Le Mans. In quest'ultimo appuntamento delle F1 Virtual Grand Prix Series, inoltre, non ci sarà nemmeno la gara d'apertura della Formula 2, per cui la line-up per il gran finale della serie vedrà diversi piloti delle categorie cadette pronti a dare battaglia ai loro colleghi della "classe regina". Guanyu Zhou vestirà i colori della Renault, David Schumacher sarà chiamato al volante della Racing Point, mentre Callum Ilott renderà onore alla Scuderia di Maranello; la Haas, invece, confermerà la line-up già sperimentata in precedenza, con Pietro Fittipaldi e Louis Deletraz. Grande presenza, ovviamente, anche da parte dei "non-piloti": stavolta troveremo il cantante dei Biffy Clyro Simon Neil al volante dell'AlphaTauri e lo sciatore Jon Olsson con i colori Red Bull, mentre gli YouTuber Tiametmarduk e Aarava saranno chiamati a raccogliere punti preziosi rispettivamente per la McLaren e l'Alfa Romeo. Insomma, un'ultima gara che si preannuncia davvero interessante, che prenderà il via alle ore 19 di domenica 14 giugno sul videogioco ufficiale F1 2019: la distanza prevista è di 35 giri, per la durata complessiva di 1 ora e mezza in un evento che inizierà, come di consueto, con la F1 Esports Pro Exhibition. Il live broadcast avverrà da remoto presso la Gfinity Esports Arena di Londra, mentre lo streaming sarà coperto dai più importanti canali sportivi come Sky Sports, ESPN e Fox Sports Asia, a cui si aggiungeranno i collegamenti sui canali ufficiali della F1 su YouTube, Twitch e Facebook. A proposito dell'ultimo appuntamento delle F1 Virtual Grand Prix Series, ecco il commento di Julian Tan, Head of Digital Business Initiatives and Esports per la Formula 1: "Questa serie è stata un vero successo: siamo entusiasti di aver fatto divertire gli appassionati con l'azione in pista e con il coinvolgimento di diverse stelle dello sport mondiale. Con il GP virtuale del Canada le Virtual Grand Prix series raggiungeranno la bandiera a scacchi, ma questo sarà solo il punto di inizio per un futuro coinvolgimento delle F1 eSports Series nel corso dell'anno. Stiamo lavorando su diverse idee e non vediamo l'ora di coinvolgere i nostri fan in questa esperienza: abbiamo catalizzato l'attenzione di una nuova audience e ci piacerebbe rivedere prossimamente in pista tutti coloro che si sono divertiti con noi".
  19. Giulio Scrinzi

    Le più belle vetture del simracing: McLaren F1

    Un’altra perla a quattro ruote, un altro viaggio in una delle automobili da strada (e da corsa) più veloci, potenti ed esteticamente accattivanti di sempre: oltre alle monoposto, chi ha vissuto gli anni ‘90 dell’automobilismo non può non ricordare la McLaren F1, splendida vettura prodotta dalla Casa britannica dal 1992 fino al 1998 in soli 106 esemplari. Siamo di fronte a quella che è considerata ancora oggi come una delle più importanti opere ingegneristiche del settore automotive, capace non solo di ritagliarsi la propria fetta di appassionati nel mondo stradale… ma anche di entrare nel cuore di coloro che amano la pista: come dimenticare la vittoria della versione da corsa GTR nella 24 Ore di Le Mans del 1995! Bene, se siete pronti allacciatevi le cinture: oggi andremo a scoprire la mitica McLaren F1! McLAREN F1: BISOGNA BATTERE LA HONDA NSX La storia della McLaren F1 inizia al termine del Gran Premio d’Italia di Formula 1 del 1988: all’epoca Gordon Murray, chief designer della McLaren, stava tornando verso il quartier generale della Casa britannica quando pensò a una vettura, originariamente stradale, a tre posti dal peso ridottissimo e dalla potenza elevata. Sul volo di ritorno creò un primo schizzo che poi venne proposto a Ron Dennis, team principal del team McLaren nella massima serie iridata: la volontà era quella di produrre “la vettura da strada definitiva”, altamente influenzata dalla tecnologia messa in campo in ogni weekend di gara dal reparto corse sponsorizzato dalla Marlboro in Formula 1. In quegli anni la McLaren era legata alla Honda per la fornitura dei motori, il che fece pensare subito a un possente V10 o V12 giapponese per la futura F1: “Un giorno siamo andati in visita al Research Center della Honda con Ayrton Senna – commenta Murray - Ebbi il privilegio di provare la NSX e, alla fine del test, tutte le vetture che avevo come punto di riferimento, cioè le varie Ferrari, Porsche e Lamborghini erano svanite dalla mia mente e avevano perso senso”. “Questo mi fece capire che l’auto che volevamo creare, la McLaren F1, doveva essere sì più veloce della NSX, ma anche sulla sua stessa lunghezza d’onda in termini di handling e comportamento dinamico su strada. Per quanto riguarda il motore, chiesi più volte alla Honda di fornirci un 4.5 Litri V10 o V12, ma i miei tentativi di insistenza non portarono a nulla. Ripiegammo sull’offerta della BMW, che oggi posso dire sia stata la scelta più giusta da fare”. McLAREN F1: V12, FIBRA DI CARBONIO E ALI DI FARFALLA Da quel momento iniziarono i test di sviluppo, basati inizialmente su due Ultima MK3 kit car utilizzate come “muletti” per mettere a punto le varie parti della F1. In poco tempo presero vita cinque prototipi, con sigla identificativa progressiva da XP1 a XP5 che differivano l’uno dall’altro di pochi dettagli. Benchè l’unveiling ufficiale di questa McLaren fu organizzato nel 1992, le prove relative agli standard di sicurezza continuarono fino all’anno successivo: nell’aprile del 1993, infatti, il prototipo XP1, mai verniciato e con la fibra di carbonio esterna a vista, venne portato in Namibia dove purtroppo venne perso a causa di un incidente durante i collaudi. La stessa sorte toccò all’XP2, mentre l’XP3 e l’XP4 furono sfruttati per provare a fondo rispettivamente la durabilità della scocca sul lungo periodo e la resistenza del cambio in tutte le condizioni di guida. E mentre l’XP5 diventò il prototipo di “marketing” per la campagna di lancio della F1, fu l’XP2 ad accollarsi l’onere di andare sotto i riflettori dello Sporting Club di Monaco, durante la presentazione stampa del 28 maggio 1992. La vettura, in quell'occasione, fu costruita con il bodywork definitivo, poi modificato per includere gli specchietti e gli indicatori di direzione che, al contrario, non erano stati installati. La reazione di tutto il mondo dell’automotive fu unanime: la McLaren F1 era stupenda e poteva vantare soluzioni ingegneristiche di primo livello, tra cui il possente motore V12 BMW S70/2 da 618 cavalli, il telaio con struttura monoscocca in fibra di carbonio rinforzata a polimeri, l’aerodinamica direttamente derivata dalle monoposto del Circus iridato con la downforce generata dall’effetto suolo… e le portiere con apertura ad ali di "farfalla", che la rendevano esteticamente diversa da tutte le sue avversarie. McLAREN F1: PROPRIO COME UNA MONOPOSTO Ma andiamo a scoprire nei dettagli tutte le caratteristiche di questa vettura, iniziando proprio dal suo motore: dopo il “forfait” della Honda, la McLaren accettò la partnership con la BMW, che creò per la F1 l’S70/2, un V12 da 6.1 Litri montato centralmente con sistema “double-VANOS”, che garantiva il timing variabile dell’apertura e della chiusura delle quattro valvole per cilindro. Una soluzione avveniristica per l’epoca, che sposava la filosofia della massima flessibilità su tutto l’arco di rotazione del motore oltre alle migliori prestazioni possibili, nell’ordine di ben 618 cavalli a 7.400 giri/min e 650 Nm a 5.600 giri/min. Con questi numeri la McLaren F1 era in grado di coprire lo scatto 0-100 km/h in soli 3,7 secondi per una velocità massima di ben oltre 350 km/h. Un’altra caratteristica del motore della F1 era data dal fatto che le elevate performance richieste per diventare “la vettura stradale definitiva” resero necessario l’utilizzo di 16 grammi di oro come isolante termico, al fine di limitare le crescenti temperature che si generavano durante il suo utilizzo. Una feature ben visibile quando si apriva il suo cofano motore posteriore, inserito in uno chassis con telaio monoscocca in fibra di carbonio rinforzato a posizione di guida centrale. Nell’abitacolo, infatti, il pilota era posizionato centralmente, giusto davanti al serbatoio, al motore e ai due sedili posteriori per i passeggeri, a cui si aveva accesso attraverso le innovative portiere con apertura ad “ali di farfalla”, per le quali Murray Gordon prese spunto dalla Toyota Sera. A livello aerodinamico, invece, la F1 utilizzava delle soluzioni “attive” direttamente mutuate dal mondo delle monoposto della massima serie automobilistica. Con un coefficiente aerodinamico di resistenza all’aria pari a 0,32, la McLaren F1 non aveva nessun vistoso alettone che l’aiutasse a produrre la downforce necessaria per farla rimanere incollata all’asfalto. Al contrario, sfruttava il famoso “effetto suolo” garantito dalla particolare geometria del suo fondo assieme al diffusore posteriore e alla presa d’aria sul tettuccio, che dirigeva l’aria in pressione verso il motore per una migliore efficienza e un raffreddamento ottimale dell’unità propulsiva. La presenza di due ulteriori prese d’aria elettriche in Kevlar posizionate all’avantreno permetteva un incremento della downforce totale, oltre a una perfetta gestione del Centro di Pressione dell’intera struttura. Al posteriore, invece, un piccolo spoiler aggiustava automaticamente il bilanciamento della vettura quando questa si trovava in frenata, aumentando il coefficiente aerodinamico da 0,32 a 0,39 per velocità superiori alle 40 miglia all’ora. Passando alle sospensioni, la F1 venne costruita tenendo ben a mente che doveva diventare, in fin dei conti, una vettura sportiva stradale, per cui le tarature non furono improntate alla massima rigidità ma piuttosto coerenti a un utilizzo il più possibile confortevole e con vibrazioni limitate. In termini di impianto frenante, invece, Murray decise di equipaggiarla con della componentistica Brembo in alluminio, visto che i freni carboceramici in carbonio rappresentavano una soluzione ancora poco matura per l’epoca. Per quanto riguarda l’abitacolo, la McLaren F1 era meno “estrema” rispetto a quanto proponeva, per esempio, la Ferrari F40 che abbiamo visto qualche tempo fa. Il sedile era completamente regolabile a seconda delle preferenze del pilota, che poteva godere anche del sistema di condizionamento, della radio Kenwood con sistema stereo CD e di tutta la componentistica necessaria per un utilizzo “quotidiano”. Gli ingegneri della McLaren trovarono persino lo spazio per ospitare le valigie, qualora si decidesse di utilizzare la F1 per andare in vacanza! McLAREN F1: ARRIVA LA GTR In seguito al suo lancio ufficiale come vettura stradale, molti team provenienti dal mondo del motorsport furono attratti dalle prestazioni e dalle caratteristiche della McLaren F1, al punto da chiedere alla Casa britannica di costruire al più presto una variante da pista da utilizzare nelle competizioni GT, per la precisione nella neonata BPR Global GT Series che sarebbe diventata, dal 1997, il FIA GT Championship. Nacque così la ben conosciuta McLaren F1 GTR, sviluppata nel 1995 a partire dal telaio numero 19 che sarebbe diventato il famoso #01R tutt’oggi conservato nel museo del marchio inglese. Dal momento che la F1 stradale era già molto simile a una vettura da corsa, con la quale tra l’altro condivideva gran parte della componentistica, la F1 GTR ottenne solamente delle leggere rifiniture: tra queste l’introduzione di alcune prese d’aria aggiuntive sul musetto, un alettone completamente regolabile in coda e freni carboceramici. Per quanto riguarda il motore, la F1 GTR dovette utilizzare un air restrictor per ottenere l’omologazione alle BPR Global GT Series, il che limitava la sua potenza a “soli” 592 cavalli. Benchè teoricamente meno prestante della vettura di serie, la GTR ovviamente era più veloce grazie al suo peso inferiore e alle sue soluzioni ingegneristiche espressamente votate all’uso in pista. Il suo debutto avvenne proprio nel 1995, quando prese parte anche alla 24 Ore di Le Mans: per l’occasione la McLaren decise di fornire al team Kokusai Kaihatsu il telaio #01R che era stato finora utilizzato come “muletto”, risultando subito vincente nonostante la presenza delle agguerrite Porsche e Ferrari. Un ottimo biglietto da visita per la McLaren, che nel 1996 aggiornò la GTR al fine di fronteggiare al meglio l’ascesa delle minacciose Porsche 911 GT1. Tra le modifiche introdotte la Casa britannica optò per un nuovo bodywork all’anteriore e al posteriore, con un splitter più largo facilmente removibile in caso di riparazioni, e componenti meccaniche del cambio riviste, per un alleggerimento complessivo di 38 kg rispetto alla versione dell’anno precedente. Quella del 1996 fu la GTR più veloce in assoluto, capace di staccare i 330 km/h sul Mulsanne Straight durante la 24 Ore di Le Mans. Queste modifiche, in realtà, furono il preludio all’introduzione della variante “long tail” del 1997, resa necessaria per andare incontro al nuovo regolamento del FIA GT Championship. Lo scopo era quello di guadagnare quanta più downforce aerodinamica possibile, il che portò a un allungamento sia del muso, con passaruota più aperti al fine di massimizzare il grip delle gomme, che della coda, con un inedito alettone allargato che aiutava nella ricerca delle prestazioni. L’altezza da terra, invece, fu equiparata tra avantreno e retrotreno in 70 mm, mentre il motore fu ridotto nella sua cubatura a 5.990 cc al fine di aumentare la sua longevità, fermo restando la sua capacità di erogare una potenza di circa 600 cavalli ora gestibili attraverso un cambio sequenziale a sei marce. A tutti gli effetti, la F1 GTR del 1997 era decisamente differente da quelle precedenti, il che costrinse la McLaren a produrre una versione di serie, in soli tre esemplari, simile a quella da corsa per ottenere l’omologazione FIA: la F1 GT. Benchè completamente rivista, la versione del 1997 non ebbe un grande successo in pista: era più lenta sul rettilineo di Le Mans e non riusciva a contrastare l’egemonia delle sue rivali, lasciando alle varianti del 1995 e del 1996 tutte le vittorie della sua storia da corsa. Il suo cavallo di battaglia? Sicuramente il V12 BMW aspirato naturalmente, come riportato da Mark Blundell nell’intervista successiva alla conquista del quarto posto nella 24 Ore di Le Mans del 1995, dove la F1 GTR raggiunse l’apice del suo successo. “Questa vettura non è stata progettata per essere un’auto da corsa, quindi sotto tanti aspetti non si è rivelata la macchina più bilanciata del mondo. Ci ha salvato il suo motore BMW: è incredibile il modo in cui riesca a spingere come un treno anche se ti trovi in sesta marcia a 2000 giri/min. Sotto la pioggia, tra l’altro, puoi utilizzare rapporti più elevati e ti permette di mitigare gran parte dei problemi di trazione dovuti alla guida sul bagnato, come accaduto in quest’edizione della 24 Ore. In termini di bilanciamento, però, la F1 GTR si è dimostrata forse troppo pesante, e anche aerodinamicamente non mi ha convinto. Nonostante tutto, però, il suo lavoro l’ha fatto”. McLAREN F1: LE ALTRE VERSIONI DA CORSA Subito dopo la vittoria alla 24 Ore di Le Mans del 1995, la McLaren non solo ritirò il telaio #01R concesso per l’occasione al team Kokusai Kaihatsu, ma decise di produrre anche una serie limitata della F1 che celebrasse questa grande conquista della Casa britannica nel mondo delle corse. Nacque così la F1 LM, il cui acronimo sta per “Le Mans”: basata sulla GTR dello stesso anno, si trattava di una vettura da corsa con specifica “road legal”, il che le ha permesso di diventare la versione più estrema di questo capolavoro a quattro ruote. La LM, infatti, è più bassa e rigida della F1 standard, rispetto alla quale non presenta il sistema di soppressione delle vibrazioni nell’abitacolo né il sistema audio della Kenwood o la tecnologia ad effetto suolo con spoiler dinamico al posteriore. Al contrario, la LM sfrutta le soluzioni ingegneristiche della GTR, tra cui il suo motore da 671 cavalli ottenuti senza gli air restrictor che erano previsti dal regolamento originario delle BPR Global GT Series. Con un peso ridotto di 60 kg rispetto alla F1 standard e un’aerodinamica direttamente derivata dalla GTR del 1995, la LM fu prodotta solamente in cinque esemplari nel colore Papaya Orange dedicato al grande Bruce McLaren, con un sesto modello utilizzato come prototipo per i successivi aggiornamenti e poi conservato dalla Casa britannica nel proprio museo. Nello stesso periodo di produzione della LM, due F1 standard, con numeri di telaio 073 e 018, ricevettero un upgrade per incontrare le specifiche del modello Le Mans: diventarono le famose F1 HDK, provviste dello stesso motore della GTR del 1995 e con un pacchetto speciale per aumentare la downforce complessiva della struttura, chiamato Extra High Downforce Kit. Da qui il nome di questa versione, che a differenza della LM era più “stradale” grazie a un abitacolo più confortevole e a sospensioni più soffici per un utilizzo quotidiano. L’ultima incarnazione della McLaren F1 arrivò nel 1997… come “homologation special”. La necessità di modificare ampiamente la GTR per incontrare il nuovo regolamento del FIA GT Championship e fronteggiare ad armi pari l’avanzata delle Porsche e delle Mercedes costrinse la McLaren a produrre una serie limitata stradale della F1, che permettesse appunto l’omologazione della nuova GTR. Ecco, quindi, il perchè è nata la F1 GT, versione “road legal” della sua controparte da corsa con la quale condivideva il bodywork anteriore e posteriori rivisti, tuttavia senza alettone perché non ritenuto necessario. Di questa vettura furono prodotti solamente tre esemplari: uno, il prototipo XP GT, è ancora presente nel museo McLaren mentre due sono stati venduti regolarmente con i telai 054 e 058. McLAREN F1 GTR: LA RABBIA DEL V12 BMW Nel nostro mondo simulato, la mitica McLaren F1 GTR è guidabile sul noto simulatore Assetto Corsa, parte del famoso Dream Pack 1 che, nel 2015, introdusse anche il circuito del Nurburgring Nordschleife: conosciuto con il nome di “The Green Hell”, questa pista è andata ad impreziosire il tradizionale tracciato del Nurburgring GP, dove nel video qua sotto potete vedere in azione la GTR con la mitica livrea “Fina” utilizzata dal team BMW Motorsport ufficiale. Buona visione!
  20. Recentemente sono stati introdotti su Assetto Corsa i circuiti di Zandvoort e di Watkins Glen International, entrambi disponibili su RaceDepartment.com. Qua sotto alcuni screen che mostrano la qualità raggiunta sul simulatore Kunos.
  21. Nonostante la presenza di simulatori ben più recenti, Assetto Corsa continua a stupire con dei contenuti aggiuntivi davvero di altissima qualità, curati nei minimi dettagli. E' il caso di due nuovi circuiti che sono stati resi disponibili gratuitamente in queste ore: da una parte la rinnovata pista olandese di Zandvoort, con tanto di banking nell'ultimo curvone prima del rettilineo di arrivo, dall'altra quella di Watkins Glen International, oggi sede della maggior parte delle serie stradali americane come la IndyCar e la NASCAR Cup Series. Iniziamo dal primo, scaricabile dal sito RaceDepartment.com: il circuito di Zandvoort in edizione 2020 è stato rinnovato per ospitare il Gran Premio d'Olanda di Formula 1 (rimandato alla stagione 2021 causa Coronavirus) e ora è contraddistinto da due curve con un elevato banking che permetterà ulteriori opportunità di sorpasso. La più famosa è certamente l'ultima curva prima del traguardo, munita anche di barriere SAFER alla sua estremità. Sono state anche introdotte delle run-off area in asfalto presso le curve Tarzan, Masters e Hans Ernst, al cui termine ora si trovano delle innovative barriere di sicurezza TecPro. Last but not least, anche i cordoli sono stati rinnovati, con una fisionomia piatta che ben si adatta alle nuove monoposto del Circus iridato; la pitlane e i suoi edifici, invece, sono stati rivisti per ospitare il paddock della Formula 1, mentre l'uscita dai box è stata estesa fin oltre la prima curva. Per quanto riguarda Watkins Glen International, invece, la versione per Assetto Corsa proposta da LilSki ha raggiunto la versione 1.1 e introduce diversi fix che lo rendono decisamente più accurato, tra le quali la possibilità di corrervi di notte. Per tutte le modifiche del caso, fate affidamento al changelog qua sotto, mentre per il link del download seguito questo indirizzo, sempre su RaceDepartment.com. Fixed holes between road and T1 apex curb. You can now properly use the first stage of the curb with minimal penalty. A strip of road on the outside of T1, T8, and T10 exit curbing will not cause a slowdown. This will allow you to hop the curbing a bit without penalty. New road textures New grass textures CSP Grass FX enabled. Legacy grass is still there for non CSP users. Curbs made brighter Exit T1 spectator mound added Blimp and banner plane from RA so when using CSP they will fly around in a pattern. Night lighting should be fixed and come on in the evening as they should.
  22. Domani sarà un gran giorno. Perchè? Per il fatto che PlayStation 5, la nuova console di Sony, sarà finalmente svelata al mondo intero, assieme ai primi videogiochi che la accompagneranno al lancio ufficiale che dovrebbe avvenire, probabilmente, alla fine del 2020. Tra questi tutti gli appassionati di motori e corse si aspettano un nuovo capitolo della serie Gran Turismo... un desiderio che, con buone probabilità, potrebbe diventare effettivamente realtà. Lo scorso 3 giugno, un giorno prima della data prefissata per l'unveiling di PS5 (poi posticipata per l'omicidio dell'afro-americano George Floyd), i marchi Gran Turismo e Polyphony Digital sono stati infatti registrati in Argentina, per la precisione presso il database dell'Istituto Nazionale delle Proprietà Industriali. Assieme a questi è stato anche registrato il logo di Gran Turismo, il che dà credito alle speculazioni secondo cui potrebbe essere già in cantiere un possibile Gran Turismo 7 di nuova generazione. Un titolo del genere saprebbe benissimo sfruttare il potentissimo hardware della prossima console Sony, tra cui il supporto alla risoluzione fino a 8K, al ray tracing e a tutti quegli effetti di illuminazione che rendono ogni immagine presentata su schermo estremamente fotorealistica. Il nuovo GT7, inoltre, saprà trarre il massimo anche dal DualSense, nuovo controller con il quale i giocatori interagiranno con PlayStation 5. In ogni caso, queste sono solo nostre ipotesi e per il momento non c'è nulla di ufficiale: fortunatamente, manca davvero poco per sapere se c'è effettivamente qualcosa che bolle in pentola...
  23. Dopo la "trasformazione" di gran parte dei Campionati reali in serie virtuali, ecco che anche la Race of Champions avrà il suo primo torneo eSports: si chiamerà Virtual Race of Champions e sarà un evento creato in collaborazione con Motorsport Games, nel quale i piloti si sfideranno in versioni virtuali di alcune delle piste più famose di questa serie, tra le quali quella che mixa lo sterrato con l'asfalto della Gran Canaria e quella che ripropone il tortuoso circuito dello Stadio Wembley di Londra. Questo Campionato sarà organizzato su Assetto Corsa e scatterà ufficialmente domenica 28 giugno alle ore 19 (fuso orario italiano), un appuntamento per il quale si sono già iscritti alcuni piloti di eccezione: da una parte il pilota di Formula E Stoffel Vandoorne, dall'altra il Campione del Mondo FIA Rally e Rallycross Petter Solberg, a cui si aggiungeranno anche il Campione in carica del DTM Rene Rast e quello della ROC vera e propria Benito Guerra. Un evento davvero eccezionale, come sottolineato dal Presidente della Race of Champions Frederik Johnsson: "I nostri due primi campioni eROC Enzo Bonito e James Baldwin hanno entrambi dimostrato di poter trasferire le loro abilità agonistiche dal mondo virtuale a quello reale. Ora vedremo come alcuni dei migliori piloti da corsa del mondo si adattano a gareggiare sui circuiti della Race Of Champions virtuale: vogliamo far sì che questa competizione sia il gran finale di questo intenso periodo di gare al simulatore prima della gara inaugurale del Mondiale di Formula 1 2020".
  24. Dopo l'annuncio ufficiale e un lungo periodo di preparazione, la W Series Esports League sta finalmente per cominciare! La prima serie virtuale tutta al femminile, infatti, inizierà la propria avventura nel mondo del simracing nella giornata di giovedì 11 giugno, quando le Formula Renault 2.0 di iRacing cominciarono a fare a sportellate sul famoso Tempio della Velocità brianzolo, il nostrano Autodromo Nazionale di Monza. Una sfida esaltante che ne anticiperà altre nove per un totale di dieci appuntamenti, che porteranno le donne-pilota più famose al mondo sui circuiti più iconici del motorsport: da Spa-Francorchamps a Suzuka, da Brands Hatch a Silverstone, che chiuderà i giochi con l'ultimo round del 13 agosto, per due mesi di corse in cui sarà organizzata praticamente una gara a settimana. In partnership con Logitech G, Beyond Entertainment, iRacing e la BBC, che coprirà integralmente ogni Gran Premio sulle sue piattaforme digitali in live streaming, la W Series Esports League avrà un format composto da tre gare per round: la prima di 15 minuti, la seconda sulla stessa distanza temporale ma a griglia invertita e la terza, quella conclusiva, di 20 minuti. In ogni corsa coloro che si classificheranno dal primo al 15esimo posto otterranno dei punti validi per il Campionato, a cui si potrà aggiungere un punto aggiuntivo per la pilota che siglerà il giro veloce della tappa in questione. La W Series Esports League sarà anche trasmessa sui canali ufficiali della serie femminile, tra i quali il suo sito internet, la piattaforma Twitch e quelle YouTube e Facebook. Con il commento di Luke Crane, David Coulthard, Lee McKenzie e Billy Monger, l'appuntamento è quindi per ogni giovedì alle ore 20:00, a partire da domani. W SERIES ESPORTS LEAGUE: IL CALENDARIO Giovedì 11 Giugno - Autodromo Nazionale di Monza Giovedì 18 Giugno - Circuit of the Americas Giovedì 25 Giugno - Brands Hatch Grand Prix Circuit Giovedì 2 Luglio - Autódromo José Carlos Pace Giovedì 9 Luglio - Circuit de Spa-Francorchamps Giovedì 16 Luglio - Watkins Glen International Giovedì 23 Luglio - Suzuka International Racing Course Giovedì 30 Luglio - Mount Panorama Circuit Giovedì 6 Agosto - Nürburgring Nordschleife Giovedì 13 Agosto - Silverstone Grand Prix Circuit W SERIES ESPORTS LEAGUE: LA ENTRY-LIST Vicky Piria (ITA) Ayla Agren Jamie Chadwick Sabré Cook Abbie Eaton Belen García Marta García Jessica Hawkins Emma Kimilainen Miki Koyama Nerea Martí Sarah Moore Tasmin Pepper Alice Powell Gosia Rdest Naomi Schiff Irina Sidorkova Bruna Tomaselli Beitske Visser Fabienne Wohlwend Caitlin Wood
  25. Al fianco del TCR Europe e del TCR New Zealand, ora anche il TCR Australia è pronto tornare in pista virtualmente, per la seconda serie delle TCR Australia SimRacing Series organizzata sempre in collaborazione con DrivingItalia.net. Rispetto alla prima edizione, in cui era stato scelto iRacing con l'Audi RS3, stavolta questo Campionato seguirà l'esempio del suo "cugino" europeo, utilizzando il ben noto simulatore della Kunos Assetto Corsa. Questo cambiamento porterà "una sostanziale differenza in termini di vetture" dal momento che sono state confermate tutte le principali marche come Audi, Hyundai, Honda, Peugeot, Alfa Romeo, Renault, Volkswagen e Cupra, oltre ad allineare la serie australiana a tutte le altre, in modo che i piloti potranno lottare per dei premi utili nel motorsport reale. Entrando nello specifico, le TCR Australia SimRacing Series vedranno i vari piloti competere nella vettura che utilizzano nella serie reale, completa di skins ufficiali in sette appuntamenti che partiranno dall'Albert Park di Melbourne, primo round al via il 18 giugno. Sei di questi si terranno su piste australiane, mentre l'ultimo si disputerà sul famoso Circuito da Guia cinese, dove annualmente viene organizzato il ben conosciuto GP di Macao. Le "entries" per le TCR Australia SimRacing Series saranno aperte a tutti i piloti e team che hanno già partecipato alla prima edizione, così come alle TCR New Zealand Series, ma nel limite massimo di 18 vetture. Per quanto riguardi i premi, i primi tre otterranno delle agevolazioni per concretizzare il salto dal virtuale al reale, inclusa una free-entry nella serie TCR vera e propria. "Le TCR Australia SimRacing Series saranno un'ottima iniziativa per continuare le corse virtuali, mentre il mondo si sta riprendendo dal lockdown - ha affermato Matt Braid, promoter di questa serie australiana - La ARG eSport Cup si è rivelata eccezionale e questo ci ha permesso di continuare il nostro lavoro con una serie dal respiro internazionale. Non vediamo l'ora che cominci!". TCR AUSTRALIA SIMRACING SERIES 2020: IL CALENDARIO Round 1: Albert Park, 18 Giugno Round 2: Mount Panorama, 2 Luglio Round 3: Sydney Motorsport Park, 16 Luglio Round 4: Surfers Paradise, 30 Luglio Round 5: Sandown, 6 Agosto Round 6: Adelaide, 20 Agosto Round 7: Macau, 3 Settembre
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.