Jump to content

Benvenuto nel Simracing Esport: registrati subito!

Dal 1999, la più importante e seguita community di appassionati di simulatori di guida

Search the Community

Showing results for tags 'formula 1'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Due ruote
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • F1 2017 Codemasters
    • mods & addons
    • patch
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 210 results

  1. Il simracing è ormai sotto i riflettori, c'era da aspettarsi quindi che anche la Formula 1 lanciasse il suo torneo ufficiale. La F1 Esports Series, questo il nome dell'evento, sarà un torneo curato direttamente da Codemasters e Gfinity, con l'ovvio utilizzo del prossimo F1 2017: a settembre inizieranno le qualificazioni che selezioneranno 40 semifinalisti che si sfideranno il 10/11 ottobre a Londra presso la sede di Gfinity, mentre la finale a 20 partecipanti avrà luogo ad Abu Dhabi in concomitanza con l’ultimo Gran Premio della stagione F1. Il 24/25 Novembre le finalissime si svilupperanno su tre gare. Il vincitore, oltre ad ottenere la qualificazione automatica per le semifinali del 2018, vincerà l’opportunità di assistere a un weekend di gara della prossima stagione e sarà inserito come personaggio nel videogioco 2018. Sean Bratches, responsabile commerciale della F1, ha commentato: “A livello di partecipazione la F1 Esports series rappresenta una grandissima opportunità per chiunque di entrare a far parte della F1 e per noi ha un potenziale a livello di business tutto da scoprire”. Tutti i dettagli sono ancora da scoprire, ma sappiamo già che i partecipanti potranno utilizzare come piattaforme per F1 2017 la PlayStation 4, l’Xbox o il PC. Si tratta di un progetto a lungo termine che dimostra quanto ormai il motorsport reale tenga in considerazione, se non altro, le potenzialità commerciali di un settore che fino a qualche anno fa era considerato unicamente ludico ed a sè stante.
  2. Codemasters® e Koch Media hanno annunciato che la più grande e spettacolare rivalità mai vista in F1® tra Ayrton Senna e Alain Prost potrà essere rivissuta in F1® 2019, il videogioco ufficiale della FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP™ 2019. I fan che acquisteranno la ‘F1® 2019 Legends Edition’ potranno guidare come Ayrton Senna nella sua McLaren MP4/5B 1990 e come Alain Prost a bordo della Ferrari F1-90, potranno affrontare più di 8 sfide e ricevere delle livree esclusive multiplayer a tema Senna e Prost. Sono state aggiunte anche le sembianze dei piloti nella modalità Carriera che i giocatori potranno sperimentare quando questa versione sarà lanciata con accesso anticipato 3 giorni prima il 25 Giugno 2019 su PlayStation®4, Xbox One, inclusa Xbox One X e PC Windows (DVD e Steam). Inoltre, per celebrare il decimo gioco F1® dello studio Codemasters di Birmingham, i fan che prenoteranno o acquisteranno la "F1® 2019 Anniversary Edition" riceveranno due auto classiche premiate nella stagione 2010; la Ferrari F10, guidata da Fernando Alonso e Felipe Massa e la McLaren MP4-25 di Lewis Hamilton e Jenson Button. Entrambe si aggiungono alla Red Bull RB6 di Sebastian Vettel e Mark Webber del 2010 e alle molte auto classiche di F1® 2018 che sono state mantenute. Sarà disponibile anche una Steelbook di F1® 2019 in edizione limitata solo presso alcuni retailer selezionati. La cover di F1® 2019 ha un nuovo look che rispecchia la feroce competizione che si è sviluppata nelle ultime stagioni. L'attuale campione del mondo, Lewis Hamilton, e il principale antagonista Sebastian Vettel, si aggiudicano la copertina di molti territori, altri hanno fatto una scelta differente per omaggiare altri avversari nel loro paese. Dopo la reazione positiva della community racing al trailer d’annuncio, la F2TM è ufficialmente confermata con la stagione 2018 completa disponibile dal lancio, alla quale si aggiungerà in digitale la stagione F2TM 2019 più avanti quest’anno con funzionalità online. I giocatori potranno competere con George Russell, Lando Norris e Alexander Albon prima di procedere nella stagione F1® con i rispettivi team. “I fan possono vedere dal nuovo design della copertina che F1® 2019 ha un forte focus sulla rivalità, proprio come lo sport reale stesso. Per questo, siamo assolutamente lieti di aver resuscitato la più grande rivalità di F1® tra Ayrton Senna e Alain Prost ", ha dichiarato Paul Jeal, F1® Franchise Director di Codemasters. "La loro rivalità iniziò proprio nella stagione del 1984 e raggiunse uno dei vertici più drammatici di sempre nel primo giro del Gran Premio del Giappone durante la stagione 1990. È una rivalità che è andata oltre lo sport ed è considerata la più grande di tutti i tempi dai fan di F1®. Sappiamo che la nostra community adorerà che le due leggende di questo sport siano state finalmente immortalate insieme nel nostro gioco.” “Siamo estremamente felici di portare la FIA Formula 2 Championship nel franchise. È sempre stata una delle funzionalità più richieste dalla nostra community e arriva in un momento perfetto con i primi tre piloti del 2018, George Russell, Lando Norris e Alexander Albon che si stanno dirigendo verso la F1® per questa stagione. Non vediamo l'ora di svelare maggiori dettagli su come questa sia integrata nella modalità carriera nelle prossime settimane.”
  3. [AC] Ferrari's Opponents 2013 "Offline Edition" View File This mod features: All 10 teams, 20 cars and drivers which competed against the F138 V10 tires, 4K liveries, full animations, individual 3d models and sounds Working rear light pit indicator Includes 4K skins for Massa and Alonso with yellow and black T-Cam Singleplayer version for players who like to recreate a 2013 career experience Power adjusted per team to reflect real-life differences AI speed set ideally to challenge a human driver in the F138 who uses KERS Can be installed next to the F.O. 2013 "League Edition" Without the officially licensed Ferrari F138 featured in the RedPack DLC this mod is not complete. Support Kunos and support Assetto Corsa, buy the RedPack here: http://store.steampowered.com/app/493190/ Credits: MSF Italian Modding Team: Michele, Simone and Paolo Independent Modders: Jamie, Martin, Luke and Helmut Huge thanks to Frenky, custodian of the original RF2 mod, for permission to convert! Also thanks to Henky from RD for allowing us to add his 4K Ferrari liveries. Changelog v1.0.3 - New internal and external sounds compatible with AC v1.9 - Balanced exterior volume for all the cars - Fixed colliders (again!) - Fixed side wing profile for Marussia - Fixed tyres color (before was green) - Updated tyres v10 - Minor bug fixes Submitter Uff Submitted 01/21/2017 Category Open Wheelers Mods  
  4. VELOCIPEDE

    Hamilton è ancora l’uomo da battere?

    Il primo GP della stagione che, disputatosi a Melbourne, in Australia, ha visto la Mercedes presentarsi ai nastri di partenza così come aveva concluso la passata stagione: da padrona assoluta. All’esito di un weekend dominato dalla Frecce d’Argento sin dal venerdì, con tanto di prima fila tutta targata Mercedes, Bottas ed Hamilton hanno concluso la gara in prima e seconda posizione, dando un forte segnale in ottica campionato a tutti i diretti avversari e a tutto il mondo della F1. La distanza tra le vetture tedesche e le Ferrari è stata enorme, al di sopra delle aspettative, e sia Vettel che Leclerc sono apparsi in netta difficoltà, chiudendo la gara rispettivamente al quarto ed al quinto posto ed accumulando un ritardo vicino al minuto. La netta supremazia delle Mercedes Nonostante i test invernali di Barcellona avessero fatto ben sperare tutti i tifosi della Rossa per il ritorno al trionfo nel mondiale piloti, a Melbourne è emerso con estrema evidenza come le Mercedes siano ancora le auto da battere e come quest’anno i piloti della Ferrari oltre che con Hamilton dovranno vedersela anche con Bottas e Verstappen. Mentre il pilota finlandese alla sua prima uscita stagionale è riuscito a fare meglio di quanto non fosse riuscito a fare in tutta la passata stagione, il giovane e terribile olandese sembra essere ormai pronto a fare il definitivo salto di qualità e con la sua Red Bull motorizzata Honda si candida prepotentemente come uno dei favoriti assoluti alla vittoria del titolo. Non è un caso, pertanto, che al 18 marzo, secondo le quote scommesse sulla F1 di Betway, Verstappen, a quota 11, sia considerato il principale rivale di Vettel e Hamilton alla conquista del campionato del mondo piloti. Dopo l’addio alla Red Bull da parte di Ricciardo – passato alla Renault e reduce dal suo primo ritiro stagionale a causa di un contatto al via – l’olandese è il primo pilota indiscusso della scuderia austriaca e sembra essere migliorato anche dal punto di vista della gestione della pressione e delle emozioni in fase di gara. In ogni caso, le Mercedes restano le macchine da battere e, soprattutto, la scuderia tedesca sembra finalmente poter fare affidamento anche su Valtteri Bottas, che nel GP di Australia è riuscito ad aggiudicarsi la sua quarta vittoria in F1. Dopo essere stato “maltrattato” dalla sua scuderia per tutta la passata stagione ed essere stato sacrificato più di una volta sull’altare del “ Dio Hamilton”, il finlandese è riuscito a prendersi la sua rivincita e dopo un inizio di stagione del genere per Toto Wolff ed i suoi sarà difficile utilizzarlo solo ed esclusivamente per agevolare Hamilton e penalizzare le Ferrari. Il sei volte campione del mondo britannico, ovviamente, rimane il primo pilota ma l’impressione è che quest’anno dovrà sudare molto di più per mantenere il proprio status. In casa Mercedes si preannuncia una rivalità interna tra il britannico ed il finlandese, simile a quella che la casa tedesca fu costretta a gestire nel 2016 quando all’esito di un campionato avvincente Nico Rosberg riuscì ad avere la meglio di Hamilton ed a conquistare il suo primo e unico titolo mondiale. In un simile contesto la Ferrari dovrà essere brava a reagire alla sconfitta nel più breve tempo possibile e sia Vettel che Leclerc dovranno farsi trovare pronti ad ogni minimo errore compiuto dagli uomini a bordo delle Frecce d’Argento. La situazione in casa Ferrari A tutto il mondo Ferrari va riconosciuta la straordinaria capacità di passare dall'esaltazione più totale alla profonda depressione nel giro di pochissimo tempo, a volte a distanza di poche ore. Se è vero che l’imprevedibilità è una delle caratteristiche principali della F1 è altrettanto vero che, sia da parte degli addetti ai lavori che da parte dei tifosi, un minimo di equilibrio nei giudizi non guasterebbe. Una delle colpe principali addebitabili alla scuderia Ferrari in questi anni è stata sicuramente l’incapacità di portare durante il corso della stagione degli aggiornamenti tecnici al livello di quelli proposti dai diretti rivali. Troppo spesso le Rosse, dopo aver iniziato alla grande la stagione, hanno tralasciato lo sviluppo della vettura, perdendo inevitabilmente terreno rispetto alle altre auto in pista, Mercedes in primis. Anche quest’anno, dopo essere risultata la più veloci nei testi di Barcellona, la squadra sembra essersi cullata un po’ troppo sugli allori ed ha subito un brusco risveglio già alla prima gara. La batosta subita in Australia servirà sicuramente a tutto il team di Maranello che già dal prossimo GP che si disputerà in Bahrain sarà costretta a mostrare tutto il suo reale potenziale. L’impressione è che quest’anno davvero la Ferrari possa puntare alla conquista del titolo piloti: l’ultimo a riuscirci a bordo di una Rossa fu Kimi Räikkönen che, come raccontato anche da La Gazzetta dello Sport, nella stagione 2007 riuscì ad avere la meglio di tutti i suoi rivali ed a portare il titolo a Maranello. Da quel giorno i tifosi ferraristi hanno vissuto di illusioni, speranze e sogni di gloria salvo poi dover fare i conti con la dura e cruda realtà. Vettel e Leclerc sembrano avere a propria disposizione il talento per ambire sin da subito alla conquista del titolo e la scuderia Ferrari dovrà essere brava a mettere a disposizione dei propri piloti una vettura competitiva in grado di dare del filo da torcere agli uomini Mercedes. La stagione è appena iniziata ed il campionato è ancora lungo. La speranza di tutti i ferraristi è che questa possa essere realmente la stagione buona per riportare un pilota del Cavallino sul tetto del mondo. [Contributo redazionale esterno]
  5. La stagione della Formula 1 2019 inizia a scaldare i motori, in avvicinamento delle date di presentazione delle prime monoposto, ma lo fa per mezzo dei motori virtuali, quelli dei simulatori professionali che ormai tutti i teams considerano come fondamentali per le prestazioni in pista. Proprio la Ferrari ha infatti annunciato oggi che saranno ben quattro i piloti che si alterneranno al simulatore della Scuderia Ferrari per la stagione 2019 contribuendo, insieme ai titolari, allo sviluppo della vettura: si tratta di Pascal Wehrlein, 24 anni, Brendon Hartley, 29, Antonio Fuoco, 22, e Davide Rigon, 32. Per i primi due, novità 2019, le scelte del Cavallino non sono casuali, visto che il tedesco viene dall'esperienza Mercedes, mentre il neozelandese conosce bene il simulatore Red Bull (tramite la Toro Rosso). Wehrlein, attualmente in forza al team Mahindra di Formula E, ha gareggiato in Formula 1 nelle stagioni 2016 e 2017 dopo essersi laureato campione DTM nel 2015. Hartley arriva a Maranello dopo l’esperienza in Formula 1 con la Scuderia Toro Rosso, con la quale ha corso dal GP degli Stati Uniti 2017 alla fine della stagione 2018, oltre all'esperienza nelle gare di durata, avendo trionfato due volte nel FIA WEC (2015 e 2017) e vinto l’edizione 2017 della 24 Ore di Le Mans. Fuoco fa parte della famiglia Ferrari da sempre, attraverso la Ferrari Driver Academy, e si unisce al team del simulatore dopo un’ottima stagione in F2, conclusa con una splendida vittoria ad Abu Dhabi. Rigon è un veterano del simulatore Ferrari, sul quale è impegnato dal 2014 insieme alla sua attività agonistica di pilota ufficiale per le competizioni GT. Mattia Binotto, Team Principal della Scuderia Ferrari: “Abbiamo aggiunto al nostro team quattro piloti dalle indubbie qualità, dotati di una spiccata sensibilità e di una grande conoscenza di macchine e piste. Queste sono proprio le doti che occorrono nel delicato ruolo di collaudatore al simulatore, uno strumento fondamentale nella Formula 1 moderna”. Anche la Red Bull ha iniziato il lavoro sulla monoposto 2019 proprio al simulatore, come ha spiegato Max Verstappen: "Ho guidato la macchina nuova al simulatore e le sensazioni sono positive. Ma ovviamente non possiamo sapere cosa stanno facendo le altre squadre. Dovremo aspettare e vedere, è una fase eccitante della stagione, anche se capiremo il nostro vero valore solo quando salirò in macchina. Prima è difficile sapere cosa aspettarsi". Ricordiamo che la Red Bull è passata quest'anno dal motore Renault al nuovo Honda, con l'obiettivo dei giapponesi di iniziare la nuova stagione proprio davanti alla Renault e successivamente lavorare per colmare il divario rispetto ai costruttori di riferimento della F1 nel corso dell'anno. Verstappen sull'argomento ha detto: "E' un nuovo inizio con la Honda, tutti sono molto motivati. Aspettiamo tutti con ansia la nuova stagione. Non penso che saremo subito al livello di Ferrari e Mercedes in termini di potenza, ma la Honda sta dando tutto per arrivarci il prima possibile. La squadra ha molta energia positiva, si vede la voglia di vincere. Credo che ora la cosa funzioni da entrambe le parti, sia per il team che per il fornitore del motore". "Cercheremo di vincere più gare possibili" ha detto l'olandese. "E se sarà così, potremo lottare anche per il Mondiale. Ora è difficile giudicare, ma spero che sarà positivo: al momento non sappiamo quanto siano competitivi la vettura ed il motore, così come quanto lo sarà la concorrenza. Cercherò sempre di ottenere il meglio da me stesso e spero che possa bastare". Come sappiamo, Max è grande appassionato anche di simracing, tanto che spesso si cimenta in competizioni online con iRacing, ma questa volta ad alcune domande tecniche riguardanti il lavoro fatto al simulatore e le sue impressioni sulla vettura virtuale ha preferito non rispondere...
  6. La Formula 1 ha creato delle simulazioni per provare a cambiare la griglia di partenza in futuro, dopo aver inizialmente considerato anche gli Esports per valutare le potenziale modifiche. L'ex direttore tecnico Pat Symonds oggi lavora per la Formula 1 ed è a capo di diversi progetti volti a cercare di migliorare lo spettacolo durante i Gran Premi. Lo scorso anno, il tecnico britannico aveva rivelato che la F1 stava valutando una possibile modifica alla struttura della griglia di partenza e che stava utilizzando alcuni strumenti virtuali per farlo. Tuttavia, invece di utilizzare gli Esports, come si è pensato in un primo momento, Symonds ha rivelato in occasione dell'Autosport International Show che l'approccio è stato modificato. Trovate l'intero articolo su Motorsport.com.
  7. I vertici della Formula 1 hanno commissionato una serie di gruppi di lavoro che hanno lo scopo di valutare alcuni modi per migliorare la qualità dei Gran Premi. Uno di questi, è il Vehicle Performance Group, che opera sotto la direzione di Symonds. Parlando sul palco dell'Autosport International Show, Symonds ha rivelato che l'idea di utilizzare le simulazioni anche nella realizzazione dei circuiti è ormai realtà e che il primo esempio è tangibile è il layout del tracciato di Hanoi, che ospiterà il primo GP del Vietnam nel 2020. Questo strumento potrà essere utilizzato anche per valutare potenziali cambiamenti di piste esistenti come il ciurcito di Yas Marina, ad Abu Dhabi, che storicamente ha ospitato gare poco esaltanti. "Abbiamo prodotto quella che penso sia la prima simulazione di sorpasso al mondo" ha affermato Symonds, che ha un passato da responsabile tecnico in Benetton, Renault e Williams. "E' stato estremamente complesso da fare. Per eseguire un giro ci vogliono molte ore". "E' una simulazione molto complicata, perché bisogna avere un modello realistico della vettura, inoltre vanno considerate le caratteristiche dell'asfalto e degli pneumatici, oltre a molte altre variabili". Trovate l'intero articolo su Motorsport.com.
  8. Il team Force India di Formula 1, con la collaborazione della scuderia Hype Energy eForce India (ovvero il team virtuale esport), ci racconta in questo video le varie differenze fra il gaming di F1 2018 Codemasters, il simulatore professionale F1 della scuderia e la realtà della pista. Molto interessanti sono le spiegazioni riguardanti l'uso del simulatore professionale per la preparazione del lavoro in pista.
  9. Il nostro partner Motorsport.com ci racconta in questo articolo quali sono i movimenti "spionistici" che, in Formula 1, si celano dietro alla scelta dei piloti da dedicare al lavoro, ormai fondamentale, da attuare al simulatore di guida per la preparazione delle gare in pista e l'analisi dati. Pascal Wehrlein, pilota tedesco che conosce bene il simulatore Mercedes e i segreti della W09, dopo essersi liberato dal contratto con Toto Wolff, potrebbe infatti diventare il pilota del simulatore Ferrari insieme a Robert Kubica, con la promessa di diventare anche il terzo driver della Sauber.
  10. **IMPORTANT** If you have either v1.0 or v1.1 installed, it´s recommended to get rid of it first before installing v2.0. To prevent any eventual problem, it is important to delete the following folders and files: rfactor\gamedata\locations\GPC79tracks rfactor\gamedata\vehicles\gp79 rfactor\gamedata\sounds\gp79 rfactor\gamedata\talent\gp79 rfactor\gamedata\vehicles\common_79.mas rfactor\gamedata\vehicles\tachs_79.mas rfactor\gamedata\vehicles\tyres_79.mas rfactor\rfm\GP1979.rfm rfactor\rfm\GP1979_UN.rfm //// WHAT`S NEW IN V2.0: -- Introduces the LEAGUE EDITION, along with the previous HISTORICAL and UNRESTRICTED versions of the mod. The LEAGUE EDITION aims to provide better functionality for leagues, having every car model working independently within each team bracket, so that is no longer necessary to go through the upgrade and skins menus to pick a different chassis. The LEAGUE EDITION also allows for more variety in offline races, as the AI can run all the models and their variations in any given race. -- Several small graphical fixes and refinements; -- Optimized LODs for better FPS (thanks to TRELLET.NET); -- Improved collision body and feelers to include wheels and wings (thanks to TRELLET.NET); -- Fixed spinner bugs (thanks to Allitnil); -- Fittipaldi F5A made available; -- Updated Arrows A2 cockpit; -- Fixed Renault mirrors; -- New pace car (78 porsche 911); -- Extensively revamped tyre physics; -- New individual suspension models for each chassis; -- Adjusted aero for more realistic behavior; -- Adjusted engines heating, cooling and wear; -- Adjusted brake properties; -- Extensive callibration to AI behavior. **SHIFTER UPGRADE REDUX** In light of rfactor´s continuous unresolved gear shifting issues, we´ve decided to partially reintroduce the shifter upgrade with lower delays for the gated option. The chosen compromise is: HISTORICAL, being the recommended option for offline play, has the shifter ugprade with lower delays for gated shifting; same for the LEAGUE EDITION, taking into consideration the possibility for league admins to police its suitable use among its members via replay; UNRESTRICTED remains with standard shifting delays for both options, allowing an alternative to keep a level playing field in open servers and leagues that prefer to have it that way. Whilst certainly others would prefer to have a different compromise or even not compromise it at all, we ask everyone to understand that until this limitation with Rfactor is resolved, the best we can do is to provide something for everyone, instead of everything for someone. //// NOTES: In light of the physics developments, old setups will no longer work. If running a championship season using HISTORICAL, make sure to come back to the menu screen after each round, otherwise Rfactor will load the same models from the previous race (the ferrari won´t upgrade from the T3 to the T4 in between Interlagos and Kyalami for example). Grand Prix 1979 2.0 Install (Cars) http://www.megaupload.com/?d=4TQKWGTZ http://www.vr-files.de/download.php?file=108 ftp://simracing.fr/Grand%20Prix%201979%20v2.0.exe http://www.filefactory.com/file/36a17e/ http://www.racingfr.com/forum/index.php?au...mp;showfile=468 Grand Prix 1979 2.0 Install (Track Pack) http://www.racingfr.com/forum/index.php?au...mp;showfile=469 ftp://simracing.fr/Grand%20Prix%201979%20...Pack%20v2.0.exe http://www.vr-files.de/download.php?file=109 http://www.megaupload.com/?d=SCZGY737 http://www.filefactory.com/file/b80ec5/ PATCH v2.01 This update cause online mismatches with older versions, and it is not compatible with seasons started with previous versions, so if this is your case, finish the season before apply the update. There is a small batch file dropped in the game folder by the installer called clean.bat, if it hurt it can be removed manually at the end of installation. FIXES: changed the name of the league_ed rfm because its name was too long, causing errors and mismatches. changed the track names inside the rfm for all versions. fixed a problem with helmets in the league_ed. fixed a problem with sounds when all cars/all tracks is used with all versions. fixed Fittipaldi problems with all versions changed the Hockenheim track fixed a bug at Dijon aiw fixed a bug on Silverstone track aiw fixed a minor gfx bug at Monza download mirrors: http://www.mediafire.com/?aborwtbfmn1 http://www.motorfxuk.com/download/1979_201.zip http://rapidshare.com/files/66622893/1979_201.zip
  11. Conosco ormai da tanto tempo David Greco, che lavora da qualche anno in Codemasters come senior car handling designer (ovvero responsabile della "guida" delle vetture) ed ho imparato a fidarmi delle sue promesse, per questo quando un pò di tempo fa mi disse "voglio far diventare la serie F1 un simulatore, sarà dura, ma ce la metterò tutta", sapevo che dovevo avere fiducia, perchè sarebbe stata solo una questione di tempo... Ebbene David ha mantenuto la sua promessa: oggi possiamo finalmente affermare che il nuovo F1 2018, oltre ad essere un titolo decisamente entusiasmante ed in grado di catturare tutto il fascino della Formula 1, è anche un buon simulatore di guida! Grazie David Greco! Evidentemente anche in Codemasters devono aver capito che i giochini di macchine avevano ormai stancato i fans F1 ed hanno iniziato a dare concretamente seguito alle indicazioni e suggerimenti di sviluppo del nostro Greco. F1 2018 possiamo definirlo un ottimo prodotto "simracing", ed anche se c'è ancora del lavoro di affinamento da fare, siamo certi che l'amico David proseguirà per la sua strada e perfezionerà ulteriormente le cose per il 2019, ma vi consiglio di non perdervi questo F1 2018 principalmente per tre motivi: è un simulatore dell'intero mondo F1 veramente emozionante e coinvolgente, anche a livello di guida i passi in avanti, le migliorie e le novità rispetto al 2017 sono numerose ed importanti è opportuno acquistare questo titolo per dare un segnale chiaro alla Codemasters: noi vogliamo i simulatori! Dopo il pessimo F1 2015, la buona ripartenza dell'edizione 2016 e l'ottimo F1 2017, con il ritorno della modalità Carriera, le monoposto storiche e vari particolari di strategia persino tecnici, la Codemasters decide di ripartire appunto da questo ultimo capitolo per il suo nuovo F1 2018. Anche per quanto riguarda l'ultima edizione, vale in gran parte quanto abbiamo scritto nella recensione di F1 2017 ad Agosto scorso, ma bisogna ampliare il discorso, sia perchè F1 2018 presenta delle novità molto interessanti e di impatto, sia perchè i passi in avanti rispetto al 2017 sul fronte della fisica e dinamica dei veicoli sono davvero importanti. Quant'è dura la carriera del pilota... Come già il suo predecessore, F1 2018 riesce a far vivere al giocatore il clima frenetico ed unico delle gare di Formula 1, con un elevato grado di immedesimazione, ponendo un'enfasi ancora maggiore sulla modalità carriera, che vede il ritorno della stampa sotto forma dell'affascinante Claire, una giornalista che appare subito dopo la creazione del pilota e che ci farà delle domande prima, durante e dopo le varie gare. Tali domande, con le nostre risposte, non servono solo per aumentare l'immersività dell'esperienza di gioco, ma influiscono direttamente su quello che potrà succedere in seguito in game a tutti i livelli, andando di fatto a mutare quella che sarà la nostra carriera e la stagione, visualizzandoci una barra che si orienta verso la sportività o l'atteggiamento da showman, che per esempio va a crescere dopo accuse ad altri piloti o dichiarazioni scomode per il team. In questo modo F1 2018 introduce quello che potremmo definire quasi come un fattore "umano", con il nostro umore del momento, rabbia, felicità, soddisfazione, o anche carattere, che impattano direttamente su tutto quello che ci circonda e che quindi influenzano l'esperienza di guida e di gioco. La cosa potrà far storcere il naso ai puristi della simulazione, in realtà è una novità importante, intelligente ed intrigante, che ci fa capire che un pilota, anche professionista, non può permettersi di pensare solo a guidare quando indossa il casco.... Per esempio, denigrare la Mercedes potrebbe chiudere per sempre una carriera con le frecce d'argento, ma al tempo stesso aprire una porta verso le scuderie rivali. Il rapporto con il nostro team potrebbe risentirne in modo drammatico se la squadra è poco disponibile ad accettare la sbruffonaggine durante le conferenze stampa, cosa che può avere un impatto terribilmente negativo anche sul fondamentale team di ricerca e sviluppo della scuderia. Proprio riguardo quest'ultimo fattore, lo sviluppo è ancor più importante in F1 2018, perchè se da un lato le abilità derivanti direttamente dal contratto con il team sono maggiormente integrante nel sistema, dall'altro il resto dello sviluppo del pilota virtuale, quasi da gioco di ruolo, sarà ancor più rapido e diretto, per rispondere alle richieste dei fans. Da non dimenticare poi la possibilità di cambi alle regole dinamici nel corso del gioco, che possono costringere a mettere al lavoro il team di ricerca per non perdersi migliorie già attuate in precedenza. Insomma, con F1 2018 la tensione e l'adrenalina scorreranno parecchio anche mentre non siamo al volante. Emozionante si, ma bello anche da vedere? F1 2018 è spinto dal già noto motore grafico EGO, che pur avendo ormai i suoi annetti sulle spalle, riesce a svolgere egregiamente il proprio lavoro, soprattutto in modo molto stabile e senza tentennamenti con una fluidità incredibile (fisso a 60fps su console). Le escursioni fuori pista, con erba, ghiaia, sporco e quant'altro che si alzano, lasciano a volte a bocca aperta per il realismo e per il livello di dettaglio, le inquadrature TV sono state perfezionate, molto suggestivi sono poi gli effetti della nebbia, la pioggia, foschie ambientali e termiche, effetti di miraggio della pista, le foschie del calore del motore, la polvere sollevata dopo un passaggio troppo esagerato sui cordoli, gli effetti di luce e via discorrendo, che sono sempre molto convincenti. Anche le monoposto sono ben realizzate, mentre i modelli poligonali e le animazioni dei piloti sono forse la parte meno riuscita dell'intero comparto grafico. Anche i circuiti, come per esempio il nuovo Paul Ricard, offrono un colpo d'occhio sempre notevole e spettacolare, anche se alla guida risultano generalmente abbastanza piatti (ormai il laser scan ci ha abituati fin troppo bene...), escludendo i cordoli sui quali Codemasters ha lavorato in modo specifico. Una menzione particolare merita il sistema Halo, famigerata protezione per il pilota: a conti fatti, già dopo qualche giro, gli occhi si abituano in modo naturale alla sua presenza. Vi sconsiglio quindi di optare per il trucco pensato dai programmatori, ovvero la sparizione della sola barra centrale, in quanto si perde poi tanto in immedesimazione. F1 2018? Finalmente un sim F1! E' quando si scende in pista però, che ci si rende conto che le novità e migliorie più gustose di questo F1 2018 sono proprio nell'ambito della guida ed, ebbene si, della simulazione. Già il precedente titolo 2017 era stato un buon passo in avanti nell'ambito del realismo, ma quest'anno Codemasters ha voluto offrirci molto di più. Tre sono infatti le particolarità inedite di F1 2018: la fisica delle sospensioni e del telaio, le temperature delle gomme e la gestione dell'ERS. La fisica e la dinamica delle sospensioni sono particolarmente curate ed offrono una risposta ed un feeling, anche a livello di guida, praticamente mai visto fino ad oggi: ora è più difficile gestire i cordoli per chi tende a tagliare con brutale efficienza e bisognerà fare molta attenzione e valutare in anticipo tutte le caratteristiche dei nostri tagli, altrimenti rischieremo non solo di ritrovarci in testa coda, ma anche con la vettura e le gomme seriamente compromesse. E' vero che risulta esserci una maggiore tolleranza nella eccessiva trazione in uscita di curva, con il software che un pochino ci aiuta nella gestione, ma è altresi vero che è possibile osare di più per la presenza di minori penalità legate all’invalidamento del giro. Andare larghi in uscita non porta automaticamente alla penalizzazione, permettendo dunque di premere più a fondo sul pedale dell’acceleratore. F1 2018 migliora tanto anche la resa del force feedback sul volante (praticamente necessario per godere in pieno dell'esperienza che sa offrire il gioco): adesso possiamo capire con chiarezza il comportamento delle gomme, delle sospensioni e persino la rigidità del telaio, riuscendo a percepire persino il grip della singola gomma, l'elevata escursione di una sospensione o l'eccessivo rimbalzo di una scocca troppo rigida! Proprio le gomme, in F1 2018, cosi come nella realtà, giocano un ruolo fondamentale: il nuovo sistema che si occupa della temperatura delle gomme, che ora tiene conto anche del loro riscaldamento interno, ci costringe di fatto a guidare con la testa! In sostanza dobbiamo fare molta attenzione anche all'evoluzione della carcassa della gomma, tenendo bene in mente di quale mescola disponiamo in quel momento. L'evoluzione del pneumatico non solo si svolge in tempo reale, ma tiene conto anche del nostro stile di guida, di quello che accade in pista e di eventuali comportamenti sconsiderati. Scordiamoci quindi i bloccaggi scenici a ruote fumanti senza conseguenze del 2017, quest'anno rischieremmo ben più di tre soste al box... Sempre grazie all'ottimo force feedback, possiamo capire in quale modo e misura lavorano le nostre gomme e se stiamo "guidando" nel modo corretto, pur tentando di raggiungere il limite. La monoposto, proprio grazie all'abbinamento nella gestione fisica e dinamica di sospensioni, telaio e gomme, risulta ora decisamente più completa e realistica alla guida, con la corretta sensazione di avere fra le mani una vettura con tantissimo carico aerodinamico, enorme grip ed anche decisamente scorbutica da gestire al limite. Se vi sembrerà tutto troppo semplice, è perchè non state andando abbastanza forte! Le vere F1 sono incollate a terra e sulle rotaie, fino a quando non si supera esageratamente il limite. Gli aspetti sui quali la Codemasters è stata evidentemente più permissiva, sono la già accennata gestione della potenza e relativa aderenza in uscita di curva e l'impatto minore che hanno gli spostamenti di carico longitudinali, di beccheggio in sostanza, sul comportamento della vettura. Spesso, esagerando in frenata per esempio, si sente chiaramente che il software ci ha voluto dare una mano, evitandoci una bruttissima figura con perdita totale della vettura. Altra novità nella direzione della simulazione è rappresentata dalla gestione manuale della parte ibrida del motore, il famoso ERS, il recupero dell'energia. Se l'anno scorso si poteva solo scegliere quale miscela utilizzare per il motore termico, ora si può anche modificare l’input di quello elettrico, scegliendo fra 5 diverse configurazioni e una modalità di ricarica. E' vero che la cosa risulta comunque molto semplificata rispetto alla realtà o ad altri titoli (Assetto Corsa ad esempio permette di agire sulla quantità di energia recuperata o sulla modalità prestazionale della batteria), ma è anche vero che un'opzione del genere sarebbe stata pura utopia fino a poco tempo fa! F1 2018 diventa così non solo più simulativo, ma ancora più strategico, soprattutto ad alti livelli di difficoltà (che vi consiglio, anche per una eccellente IA) e contro eventuali avversari umani. La presenza della gestione dell’ERS introduce anche un programma di prova nuovo nelle prove libere di ogni weekend, aumentando così il guadagno di punti risorsa da spendere nello sviluppo dell’auto. L'ERS può naturalmente essere impostato anche in modalità totalmente automatica, ma il consiglio è quello di utilizzarlo da subito con realismo pieno, per non perdersi non solo il piacere della guida, ma anche quello della strategia. Sulle monoposto storiche c'è in fin dei conti poco da dire. Riprendono quanto di buono c'era già in F1 2017 e beneficiano praticamente tutte dei miglioramenti a livello di force feedback, gomme e sospensioni che porta con sè il nuovo titolo, anche se con le vetture d'annata le carenze dinamiche negli spostamenti di carico sono decisamente più evidenti. Basta provare la Ferrari 312 T2 e confrontarla per esempio con quella in Assetto Corsa per rendersi conto subito che c'è ancora del lavoro da fare. Di sicuro però quello che di buono apporta F1 2018, rende le monoposto storiche decisamente più godibili ed apprezzabili rispetto al passato. Online delle mie brame... Come ricorderanno gli appassionati, i bugs, problemini vari, carenza di opzioni ed impostazioni ed in generale la bassezza dell'esperienza del gioco in rete non erano di certo stati superati con F1 2017. Tant'è vero che il prestigioso torneo ufficiale della F1 Esports Series si è svolto solo in minima parte online. La Codemasters però quest'anno ha deciso di intervenire anche nel comparto online, con un'inedito "Super License system" progettato per minimizzare le disparità dei piloti all’interno delle gare multiplayer. I giocatori sono valutati in base al livello di abilità e all'etichetta del pilota, quindi abbinati ad altri giocatori con capacità e stile di guida simili. Praticamente valutando l'esperienza, le capacità ed anche la sportività ci troveremo in pista con avversari al nostro livello, anche per quanto concerne la correttezza e la capacità, per esempio, di saper gestire un sorpasso al limite fianco a fianco senza volare per aria. Per scelta, non si tratterà di un online ricchissimo di features, perché il team vuole innanzitutto curare la stabilità, ma, se il sistema funzionerà come nelle intenzioni dei programmatori, dovrebbe essere più che sufficiente per garantire alla community tanto spettacolo ed il piacere vero di correre contro altri avversari umani. Purtroppo tutto questo rimane per ora una buona intenzione, dato che sarà possibile verificarlo solo al lancio globale del gioco con i piloti che affolleranno sicuramente i servers online. Speriamo ovviamente che anche in questo caso la Codemasters saprà mantenere le promesse. Il giudizio finale? Avanti cosi! Per concludere, F1 2018 è certamente un titolo da consigliare, non solo per gli appassionatissimi della Formula 1, perchè rappresenta una esperienza a tutto tondo e di grande soddisfazione, anche per chi possiamo definire un appassionato di simulazione di guida duro e puro. E' vero che a livello di simulazione si concede qualche leggerezza, o qualche considerazione per cosi dire sfumata della realtà e non pieno al 100%, ma è altrettanto vero che il passo in avanti è enorme e quello che è in grado di offrire già oggi è di altissimo livello ed offre grandi soddisfazioni. Va da sè che, a questo punto, siamo diventati dei piloti virtuali da Formula 1 decisamente viziati ed è per questo che alla Codemasters (ed a David Greco) non possiamo che gridare: ottimo lavoro ed avanti cosi! Per i vostri commenti e domande dirigetevi a questo link del forum dedicato.
  12. VELOCIPEDE

    Un nuovo trailer per F1 2018 Codemasters

    Mentre l'eccitazione cresce verso il lancio di F1® 2018, il videogioco ufficiale della FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP ™ 2018, Codemasters ha pubblicato oggi l'ultimo trailer per il gioco con un gameplay sorprendente. Il nuovo trailer mostra la trasposizione verosimile dello sport come nel mondo reale che potrai goderti su PlayStation®4, Xbox One inclusa Xbox One X e PC Windows (DVD e Steam) in tutto il mondo da venerdì 24 agosto 2018, il weekend della stagione torna nuovamente con il FORMULA 1 2018 BELGIAN GRAND PRIX ™. "Stiamo cercando di avvicinarci il più possibile allo sport del mondo reale in termini di grafica, simulazione e ambientazione per rendere la F1® uno spettacolo incredibile", ha dichiarato il Game Director del gioco F1® 2018, Lee Mather. "Abbiamo un ottimo rapporto con F1® ed i team che stanno davvero contribuendo a migliorare il gioco in tutte le aree". F1 2018 presenta tutte le squadre, i piloti e tutti i 21 circuiti ufficiali dell'emozionante stagione 2018, tra cui il Circuito Paul Ricard e l'Hockenheimring. F1 2018 ti sfida a “Conquistare la Prima Pagina” nella modalità carriera più completa nella serie che include interviste con la stampa, ricerche, opzioni di sviluppo e cambi significativi delle regole alla fine della stagione. Il gioco include anche 20 auto iconiche della storia di questo sport.
  13. In quale modo un team di Formula 1 utilizza il proprio simulatore professionale per preparare una gara del Mondiale ? Proprio ieri abbiamo risposto con un video a questa domanda, oggi invece, sempre grazie alla collaborazine del team Red Bull F1, vi presentiamo un nuovo trailer che ci mostra cosa succede quando una persona "normale" si cala nell'abitacolo di un simulatore professionale di Formula 1...
  14. In quale modo un team di Formula 1 utilizza il proprio simulatore professionale per preparare una gara del Mondiale ? Almeno una volta nella vita, questa domanda ha ossessionato la mente dei tantissimi appassionati di simracing e di racing games, ma finalmente oggi, grazie al video che potete ammirare qui sotto, possiamo rispondere a buona parte dei nostri interrogativi, grazie alla collaborazione del team Red Bull F1. Più in basso invece, per capire meglio le varie dinamiche che vengono studiate e confrontate con il simulatore, vi consigliamo la visione di un altro trailer, dedicato questa volta a spiegarci in quale modo e misura il lavoro dell'assetto influisce sul comportamento di una monoposto di Formula 1.
  15. [rF2] F1RFT 2015 View File F1RFT 2015 No trackpack included. Submitter Uff Submitted 01/19/2017 Category Open Wheel Mod  
  16. Decisamente interessante è il video che potete ammirare qui sotto, perchè ci mostra il confronto diretto fra il giro della pole position di Vettel nel recente Gran Premio di Formula 1 della Cina ed uno stesso giro effettuato al simulatore Assetto Corsa con la monoposto Formula Hybrid 2018 (con livrea Red Bull) creata dal team Race Sim Studio. Impressionante vero?
  17. Ciao Ragazzi, abbiamo iniziato una nuova avventura! Altri Screen qui This post has been promoted to an article
  18. La Codemasters ha appena annunciato una nuova patch ufficiale (su tutte le piattaforme) per il suo F1 2017. L'upgrade porta il gioco alla release 1.13, correggendo alcuni problemi e migliorando l'esperienza in multiplayer. La software house inglese ha inoltre confermato indirettamente di essere al lavoro sul prossimo capitolo F1 2018 ed ha già annunciato che il lancio del gioco sarà anticipato, come già fatto nel 2017, da una fase di beta testing, che si è dimostrata molto preziosa l'anno scorso. With new seasons come new beginnings – and with new beginnings, comes new things for us to talk about. We’ve been spending a lot of time listening to the feedback you’ve been giving us – so thank you to all of you who’ve sent us your race videos, tweets, and messages in to us. The vast majority of you have taken the time to provide us with thorough, extremely useful feedback – and we’ve appreciated it no end. Which leads us perfectly onto the following… Patch 1.13 First up for you today is the news that we have a new patch coming to F1 2017! Patch 1.13 is aimed at improving the multiplayer experience, and will be coming to all platforms shortly. You can find the patch notes below: Fixed bug where the AI pits every lap after multiple weather transitions Fixed bug where players will spawn on top of each other on the grid if posting the same time in an online qualifying session Reduced chance of collision occurring when cars intersect due to network latency Looking forward to the future, the F1 team here at Codemasters have been working on the newest project. We can’t wait to share with you what’s being worked on – but in the meantime, we’ve some other news and opportunities we’d like to share with you… Beta Programme For the past couple of years, we’ve run our successful beta testing programmes, and every time we’re excited by the incredibly detailed feedback you give us. We’re very happy to say that we’re continuing this, and that we’ll be opening testing both offline and online in the coming weeks! We’ll be opening sign-ups shortly, so keep your eyes open for your chance to help us shape the next project!
  19. Nonostante non fosse partito in modo impeccabile, il torneo F1 eSports Series del 2017 si è rivelato senza dubbio un grande successo, con il pacioccoso vincitore Brendon Leigh ormai universalmente conosciuto, quasi alla pari dei campioni reali della Formula 1, invitato persino alla famosissima Race of Champions. Eppure ad inizio 2017 l'unico interesse della F1 per il gaming era solo quanti soldi avrebbe potuto ottenere per la licenza ufficiale. Poi (per fortuna per noi direi) il nuovo proprietario Liberty Media ha preso in mano la situazione... Il merito del boom non è però solo del nuovo boss americano, in realtà è l'intero sistema di business che ruota intorno allo sport motoristico ed al gaming che, quasi all'unisono, si è svegliato ed ha intuito che il racing davanti ad un monitor può essere non solo molto redditizio, ma persino di grande impatto mediatico e promozionale. Del resto, da sempre, il motorsport accorre dove sono i soldi. Potremmo quasi dire che questa volta ha impiegato fin troppo tempo per rendersene conto! Ecco quindi che la NASCAR si prepara a lanciare un torneo eSport ufficiale, la WRC pensa già in grande per il mondiale virtuale del 2018, il VLN tedesco si appoggia a RaceRoom per andare online, il team virtuale FA Racing G2 di Fernando Alonso lancia un torneo con GT Sport che supera i mille iscritti, senza dimenticare la Vegas eRace di Formula E, il trionfo italiano nel MotoGP eSport, il grande successo del torneo World Fastest Gamer organizzato dalla McLaren e il fatto che si è parlato di eSport persino al Parlamento Europeo! Anche noi nel nostro "piccolo" abbiamo ottenuto grande successo con il torneo Sparco TopDriver Challenge e siamo già in griglia di partenza con i primi due campionati online del 2018 ! Tornando alla massima categoria dell'automobilismo sportivo, per il 2018 si parla già di un secondo campionato F1 virtuale ufficiale, ma più grande e strutturato che potrebbe includere il coinvolgimento diretto ed ufficiale di tutti i team attuali. Andreas Schicker, responsabile eSports di Logitech, ha spiegato ad Autosport: "La reputazione dell'eSports era quella del ragazzo che gioca nel seminterrato di casa sua per otto ore al giorno e non esce mai, che non è assolutamente la verità. Poter contare su una personalità come Fernando Alonso, è davvero molto importante per l'intero settore. Ora tutto si sta muovendo per accendere il mercato". "Per quanto riguarda la F1, i giochi sono rimasti semi-dormienti per tanto tempo", ha detto Scott Anderson di Logitech. "La base di fan tradizionale dello sport potrebbe non essere stata quella tradizionale per i fan del eRacing, ma ora tutto sta cambiando grazie a Liberty. Lo sport si sta aprendo ad una nuova generazione, che vuole brevi frammenti, non ha la capacità di attenzione per una gara di F1 completa, ma a loro piace l'idea di correre, piace guardare gli incidenti, piace guardare i sorpassi, i momenti salienti, tutte cose che puoi fare nel mondo virtuale. Del resto, ci sono più crash, c'è più materiale di interesse, quindi è davvero importante." Il successo della finale eSports F1 dello scorso anno ha di fatto conferito a Liberty Media il potere di spingere ulteriormente il progetto. Voci di corridoio dicono che la stagione virtuale potrebbe iniziare con una fase preliminare aperta a tutti di pre qualifica, per selezionare i migliori piloti (Brendon, in quanto campione in carica, la salterebbe), per poi passare da metà anno ad un campionato pubblicizzato in maniera ancora più massiccia. Proprio in questa seconda fase c'è l'idea di coinvolgere i 10 attuali team di Formula 1, che andrebbero a scegliere i propri piloti per rappresentarli prima della finale. Un simdriver potrebbe diventare il compagno di squadra 'virtuale' di Kimi Raikkonen alla Ferrari ! E pensare che Bernie Ecclestone diceva che non poteva interessarsi del mercato giovanile perché non potevano permettersi gli orologi Rolex... Il commentatore della BBC F1, Jack Nicholls, che ha iniziato a commentare le gare di eSport, ritiene che le gare online possano fornire più emozioni rispetto all'azione della pista reale. Per certi versi è anche vero: tutti ricordiamo ormai il celebre gesto del "no" di Brendon Leigh, quando un rivale tagliò una curva durante una battaglia all'ultimo giro ad Abu Dhabi. Personalmente non credo che il virtuale offra più emozioni della realtà, piuttosto credo si tratti di emozioni diverse. Jack ci spiega che "la cosa interessante è che qualunque sia la piattaforma, l'attenzione è tutta focalizzata sul fattore umano e questo è ciò che abbiamo visto con Brendon: un ragazzino di 18 anni di Reading, che non era mai stato a più di 200 miglia da casa sua. Tutti noi abbiamo visto le sue reazioni, guardavamo il pilota, una simile gara è più diretta, mentre in F1 sono dietro un casco e da quest'anno un Halo. Se non avessi potuto vedere i piloti, avresti semplicemente assistito a una partita, ma stavi guardando molto di più, stavi guardando le persone reali con una vera passione per lo sport e per le corse." Per Dan Hawkins, co-fondatore del campionato online Apex Online Racing, che ha lavorato con la F1 nel torneo dell'anno scorso, gli ultimi mesi hanno visto un enorme cambiamento nel mondo delle corse eSports: "Prima della finale di Abu Dhabi avevamo notato che le persone avevano iniziato a lasciare i campionati perché stavano perdendo interesse, ma in seguito non vedevano l'ora di tornare e il nostro numero di utenti è salito del 30% circa. L'impatto è stato enorme". Darren Cox, che ha contribuito a creare la PlayStation GT Academy e la cui azienda ha contribuito a lanciare il McLaren's World's Fastest Gamer, è ottimista. "Prima del weekend di Abu Dhabi eravamo in trattativa con alcuni team su cosa potevano fare negli eSport, il lunedì successivo il telefono non smetteva mai di squillare", ha detto. "È stato davvero un fine settimana rivoluzionario e ora ci sono un sacco di discussioni in corso su cosa possiamo fare per Le Mans, IndyCar e NASCAR. Una cosa importante da dire è che adesso si è colmata una lacuna per il potenziale pubblico. Ora i bambini trovano i loro sport prima attraverso i giochi, ed è da lì che viene la loro prima connessione. C'è stato un rapporto accademico negli Stati Uniti che ha concluso che il motivo per cui il calcio stava ottenendo successo è che tutto dipendeva da FIFA ! I bambini delle scuole in Alabama sapevano chi erano i giocatori del West Ham, per esempio, quindi il processo di conoscenza di uno sport è completamente diverso. Dobbiamo afferrare questa occasione e fare quel collegamento per ottenere un pubblico difficile da catturare. Esiste anche la possibilità che avere un maggiore coinvolgimento ufficiale nei giochi possa aiutare a trovare una nuova generazione di piloti. Un giocatore accanito come Lando Norris è sul punto di farcela in F1". Kristian Tear di Logitech, ha evidenziato: "Se pensi alla cosa bella degli eSports, è che non c'è barriera di accesso, tutti possono giocare, se rendi lo sport accessibile significa molto. È stato sicuramente un buon primo anno, ma è solo l'inizio, ora sembra che tutti vogliano farne parte". Il 2018 potrebbe quindi, finalmente, essere l'anno giusto per uno "sdoganamento" planetario del nostro amato simracing. Cominciando proprio da quello sport che ci disprezzava perchè tanto non compravamo i suoi orologi costosi...
  20. To encourage the community who have appreciated our first version of rFactor 2 '92 Mod 1.7 LE, we decided to improve it and, although not matching the standard of our recent works, we think that this new version can easily substitute what for us was the first experiment of rFactor 2 platform, but that was also used by major community. Go to ASR Formula Website to download and test rF2 Full 92 Season by ASR FORMULA (Version 1.8Beta): http://www.asrformula.com/#download
  21. VELOCIPEDE

    Sempre più eSports per la Formula 1

    Come ci segnala il nostro partner F1GrandPrix, il virtuale è sbarcato con grande successo nel mondo della Formula 1, con il primo campionato ufficiale di eSports che ha attirato su di sé i riflettori di tutto il mondo, tanto da spingere Fernando Alonso a fondare un proprio team, chiamato “FA Racing G2 Logitech G”. Chris Horner, team principal della Red Bull, ha commentato il “boom” del virtuale in Formula 1: “È molto importante la quantità di persone impegnate globalmente negli eSports. In Premier League, ad esempio, Max Verstappen, quando non è occupato con il nostro simulatore, è a comprare giocatori su Fifa. È una questione generazionale, nella gioventù di oggi gli eSports sono un elemento chiave. Stiamo solo toccando la punta dell’iceberg”. Liberty Media è comunque propensa ad aumentare i numeri già strabilianti fatti registrare dalla prima edizione delle F1 Esports Series: “La potenza del brand della F1 ci permette di muoverci verso molti nuovi mercati ed eSports è stata una mossa logica per noi“ – ha dichiarato il direttore commerciale Sean Bratches. “I numeri degli ascoltatori, soprattutto sul digitale, sono una prova delle nostre future possibilità in questo mondo”.
  22. poteva mancare il team ungherese RFT? Il team ungherese RFT ha finalmente rilasciato in via ufficiale per rFactor 2 il suo nuovo F1RFT 2013 Total: il progetto completo, da quasi 3GB di download, include tutti i piloti e teams della stagione 2013 di Formula 1, i 19 circuiti, grafica, menu e display in stile F1. Per il download correte in area files, mentre per commenti e discussioni fate riferimento a questo topic del forum.
  23. A meno di 10 mesi di distanza dalla Visa Vegas eRace, si è conclusa ieri sera la fase di semifinale dal vivo a Londra della F1 eSports Series. Gli ingredienti per un grande successo all'insegna dell'esport e del simracing c'erano tutti: l'ufficialità da parte della FIA e della Formula 1, un gioco valido e con licenza come F1 2017 della Codemasters, un'organizzazione che non ha badato a spese (guardate le foto dell'arena...), presentazione e cronaca di alto livello, una prestigiosa sede londinese per l'evento in lan, ben 8 italiani in pista! Purtroppo le cose non sono andate affatto per il verso giusto, anzi per certi aspetti è andata anche peggio della figuraccia di Las Vegas... Vediamo perchè. Come prima cosa, F1 2017 non è un simulatore puro, quindi c'era da aspettarsi il fatto di avere fra i tanti qualificati per le semifinali molti più "gamers", che non "simdrivers", cosi infatti è stato: i giocatori erano la netta maggioranza, molto più bravi ad adattarsi ad un videogame di guida, cogliendone rapidamente le sfaccettature, le mancanze ed i punti da sfruttare a proprio favore, mentre i piloti virtuali puri faticavano anche per pochi decimi. Di certo l'impostazione della fase di qualificazione favoriva proprio i giocatori: degli eventi prestabiliti nei quali imparare rapidamente tutti i "trucchi" della partita (scandaloso il taglio non rilevato della chicane a Monza per esempio!) e il saper sfruttare a proprio favore, casomai dopo centinaia di tentativi, una IA decisamente impattante per il risultato finale. Sia chiaro: massimo rispetto per i gamers, bravi anche loro ci mancherebbe, ma non doveva essere un evento esport di GUIDA? Non c'è da stupirsi quindi se un simdriver velocissimo e famosissimo, come Olli Pahkala, detentore di vari titoli in iRacing, non solo abbia fatto una fatica immonda (solo 6° e 8° nelle manche), ma non sia neppure riuscito a qualificarsi per la finalissima ! Come già successo a Las Vegas, anche a Londra, dopo aver speso una montagna di sterline in scenografia (molto bella per carità), hanno pensato bene di risparmiare sui monitor: non è accettabile che in una competizione simile non siano presenti i tre schermi, per dare ai piloti una visione di gara ampia ed anche laterale, tanto è vero che i contatti fianco a fianco, nel cono d'ombra cieco della visuale, non sono mancati ed alcuni di questi hanno comportato incidenti molto penalizzanti per i piloti. Per fortuna nessuna postazione ha "ceduto" in corsa come in Nevada... F1 2017 ha però mostrato le sue pecche sin dalle prime manche di gara: vetture che in alcuni casi "sfarfallavano", contatti mal rilevati (clamorose alcune compenetrazioni...), lag a volte persistente e qualche bug qui e là, non sono situazioni accettabili a questo livello, anche perchè i piloti erano in una Lan da appena 10 macchine! La prima manche, che vedeva in pista i nostri Fioroni e Laurito, è partita con un problemino abbastanza surreale: le prestazioni delle monoposto (ogni pilota ne aveva una diversa), che sarebbero dovute essere tutte uguali per non favorire nessuno, rispecchiavano invece quelle delle F1 reali, quindi il povero Amos Laurito, con la sua Sauber, girava a 4 secondi dal primo con la Mercedes, che infatti ha dominato! Se in una delle nostra amate gare online si sarebbe scatenato il finimondo, gli organizzatori londinesi, un pò per esigenze di diretta tv (il tempo per ripetere una intera gara se non due), un pò perchè tanto chi guardava non s'era accorto di nulla, hanno ben pensato di andare avanti come nulla fosse successo, correggendo il problemino solo dalla seconda manche. Neppure nel peggior torneo online organizzato solo tra amici succedono certe cose, ogni commento è superfluo. Chissà cosa pensa Amos però... Le varie manche di gara sono state anche spettacolari con vari sorpassi, come potete vedere dal video riassuntivo qui sotto, ma a mio avviso con un numero eccessivo di contatti (colpa anche delle visuali ridotte senza dubbio), in talune circostanze mancanza di rispetto per l'avversario, anche perchè i danni lo permettevano ed in generale un approccio alla pista, alla gara ed ai sorpassi decisamente non da piloti, ma da gamers. Del resto è stato evidente da subito che le impostazioni di gioco, erano pensate per lo spettacolo, per il divertimento, ma non certo per la simulazione di guida! Una grande nota di merito va invece alla regia tv delle gare ed al commento: sempre gli occhi puntati sull'azione, fra l'altro con inquadrature spettacolari, ed i telecronisti bravissimi a tenere sempre viva l'attenzione, con il nostro Davide Valsecchi che svettava con il suo stile appassionato ed inconfondibile! Numeri importanti anche per il pubblico "sugli spalti", con punte di 6/7mila telespettatori a seguire la diretta: un risultato non certo fantasmagorico per l'esport, considerando che un torneo di sparatutto live viene seguito anche da venti o trentamila spettatori quando va male (!), ma certamente notevole per la guida virtuale, che finora aveva superato a stento il migliaio di spettatori per eventi mondiali con iRacing. L'impatto mediatico della Formula 1 ha avuto il suo peso, come c'era da aspettarsi. Riguardo la cronaca delle gare, Fioroni ha conquistato un ottimo 2° posto nella prima manche, mentre Laurito si è dovuto accontentare del 7° (grazie alla sua Sauber); nella seconda manche si sono qualificati sia Brioni che Giglioli, rispettivamente 3° e 4°; la terza manche ha visto il passaggio del solo Foltran (4°), mentre si sono arresi Sinacori (6°) e Macri (8°); nella quarta manche non ce l'ha fatta De Fuoco, solo 7°. Trovate i risultati completi di tutte le manche a questo link, mentre la lista dei 19 piloti qualificati per la finalissima è a questa pagina: andranno ad Abu Dhabi 4 italiani, preparatevi perciò a fare il tifo per Fioroni, Brioni, Giglioli e Foltran, FORZA RAGAZZI ! In conclusione, noi appassionati di simracing, dobbiamo accettare al momento quella che è la realtà del business: i soldi (tanti) girano dove c'è divertimento, spettacolo e GIOCO. Con tutti i limiti, condizionamenti, leggerezza e mancanza di realismo che questa scelta comporta. Chi non conosce il mondo simracing, allo stato attuale si gode il motorsport in autodromo o si accontenta della F1 in tv. E si diverte guardandosi una garetta col "giochino" di Formula 1... Dobbiamo essere tutti NOI del settore, bravi a far scoprire alla massa il nostro mondo virtuale. Personalmente ho impiegato 5 anni a far diventare DrivingItalia.NET un "lavoro", la sfida non mi spaventa quindi, spero che tutti voi sarete al mio fianco però In attesa della finalissima ad Abu Dhabi, le mie speranze sono rivolte al torneo World Fastest Gamer della McLaren, che negli ultimi turni con iRacing ha dimostrato di valere ben più di quel "Gamer" inserito nel titolo del torneo. Per quanto riguarda invece i campionati SPARCO TopDriver Challenge, Tatuus Challenge Season 2 e TT Endurance Cup sono assolutamente tranquillo: li organizziamo noi!
  24. Alessandro Pollini

    ASR Formula F1 storiche varie annate

    Version 1.0

    621 downloads

    Beta Cars are available only for donors they'll get early access, v1.0 are free. Get early access to the beta and follow the development! Read before donating and get early access! Credentials will not be sent by e-mail to get access, but are automatically obtained after completing the donation procedure. Never close the browser during the donation. Please, finish the procedure and click the yellow button "back to ASR Formula Site" to see username and password. If you have any doubts, read "How to Donate". Ferrari 643 - 1991- Sep 20, 2016 - v1.9 Mclaren MP4/6 - 1991 - Dec 15, 2015 - v1.8 Williams FW14 - 1991 - Dec 15, 2015 - v1.8 Ferrari 641/2 - 1990 - Feb 16, 2016 - v1.0 Williams FW14B - 1992 - Jan 19, 2016 - v1.9 RC Venturi LC92 - 1992 - Jan 18, 2016 - v1.9 RC Ferrari 412T2 - 1995 - Aug 12, 2017 - v1.7 Ferrari F310 - 1996 - Nov 11, 2015 - v1.5 Lotus 99T - 1987 - Apr 23, 2016 - v1.0
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.