Jump to content

Benvenuto nel Simracing: registrati subito!

Dal 1999, la più seguita community di appassionati di simulatori di guida

Search the Community

Showing results for tags 'assetto corsa'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Due ruote
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • F1 2017 Codemasters
    • mods & addons
    • patch
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 1,016 results

  1. Il noto modding team UnitedRacingDesign ha aggiornato numerose sue vetture extra sia per Assetto Corsa che per rFactor 2: cominciamo dalla Detroit EGT (ovvero la Ford GTE) disponibile in versione aggiornata su Assetto Corsa e anche su rFactor 2, update disponibile anche per la PX1 Aura per rFactor 2, infine la nuova versione delle T5 2018 per Assetto Corsa. Da non perdere in questi giorni gli sconti di Natale offerti da URD: We have Christmas sales! Sellfy has direct 30% off! In our main shop we have coupons! Code Christmas2018 gets you 30% on any product! If you want collection rf2 or AC use Christmas2018AC or Christmas2018RF2 and you will receive 40% off!
  2. Volete davvero divertirvi con una monoposto in Assetto Corsa, che sia semplice da gestire ma allo stesso tempo in grado di restituire grandi emozioni? Allora provate subito la nuovissima Formula Ford - Russell Alexis Mk.14 realizzata da Stereo! Ringraziamo @Paul Ad per la segnalazione e lo spettacolare video di presentazione. The Russell-Alexis Mk.14 can trace it's roots right back to the beginnings of Formula Ford. However, this Assetto Corsa mod represents a car as it would have appeared decades later, competing in the ever popular Historic Formula Ford series. The main differences are the addition of a few modern safety devices, such as an enlarged roll hoop and a fire suppression system. Assetto Corsa is a bit short on no-downforce single seaters, so this mod is very welcome. Thankfully this is a well put together Assetto Corsa mod and does the prototype car justice.
  3. Version v2.15

    1,114 downloads

    Con uno spettacolare trailer di lancio, si presenta finalmente disponibile per il download il nuovo ed imperdibile Grand Prix Legends Mod in versione 2.0 per Assetto Corsa ! Il progetto ci permette di tornare nell'epoca d'oro dell'automobilismo, l'annata 1967, già vissuta a livello simulativo nel lontano 1998 con il mitico ed indimenticabile Grand Prix Legends dei Papyrus. Il mod, realizzato dal duo Bazza - DrDoomslab, è scaricabile direttamente da questo link. Il mod richiede naturalmente il Ferrari 70th Anniversary Pack della Kunos Simulazioni. Per commenti e discussioni in merito fate riferimento a questo topic del forum. Installation Notes: Unpack to: ...\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\content\cars NOTE ON INSTALLATION OF THE LOTUS 49: You need the original kunos Lotus 49 install file: 1. Extract folders content and texture to your AC install: ...\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\ 2. Goto …\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\content\cars\lotus_49 3. In this folder: Copy the lotus_49.kn5 file 4. Within \cars folder, goto \ gpl67_lotus_49 5. Paste lotus_49.kn5 here! NOTE ON INSTALLATION OF THE Ferrari 312: You need the Ferrari DLC pack from steam: https://store.steampowered.com/app/675590/Assetto_Corsa__Ferrari_70th_Anniversary_Pack/ Ferrari 312 install file: 1. Extract folders content and texture to your AC install: ...\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\ 2. Goto: ..\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\content\cars\ ks_ferrari_312_67 3. In this folder: Copy the ferrari_312_67.kn5 file 4. Within \cars folder, goto \ gpl67_ferrari_312 5. Paste ferrari_312_67.kn5 here!
  4. Con uno spettacolare trailer di lancio, si presenta finalmente disponibile per il download il nuovo ed imperdibile Grand Prix Legends Mod in versione 2.0 per Assetto Corsa ! Il progetto ci permette di tornare nell'epoca d'oro dell'automobilismo, l'annata 1967, già vissuta a livello simulativo nel lontano 1998 con il mitico ed indimenticabile Grand Prix Legends dei Papyrus. Il mod, realizzato dal duo Bazza - DrDoomslab, è scaricabile direttamente da questo link. Il mod richiede naturalmente il Ferrari 70th Anniversary Pack della Kunos Simulazioni. Per commenti e discussioni in merito fate riferimento a questo topic del forum. GPL Assetto Corsa Mod DOWNLOAD
  5. Assetto Corsa Grand Prix Legends Mod View File Con uno spettacolare trailer di lancio, si presenta finalmente disponibile per il download il nuovo ed imperdibile Grand Prix Legends Mod in versione 2.0 per Assetto Corsa ! Il progetto ci permette di tornare nell'epoca d'oro dell'automobilismo, l'annata 1967, già vissuta a livello simulativo nel lontano 1998 con il mitico ed indimenticabile Grand Prix Legends dei Papyrus. Il mod, realizzato dal duo Bazza - DrDoomslab, è scaricabile direttamente da questo link. Il mod richiede naturalmente il Ferrari 70th Anniversary Pack della Kunos Simulazioni. Per commenti e discussioni in merito fate riferimento a questo topic del forum. Installation Notes: Unpack to: ...\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\content\cars NOTE ON INSTALLATION OF THE LOTUS 49: You need the original kunos Lotus 49 install file: 1. Extract folders content and texture to your AC install: ...\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\ 2. Goto …\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\content\cars\lotus_49 3. In this folder: Copy the lotus_49.kn5 file 4. Within \cars folder, goto \ gpl67_lotus_49 5. Paste lotus_49.kn5 here! NOTE ON INSTALLATION OF THE Ferrari 312: You need the Ferrari DLC pack from steam: https://store.steampowered.com/app/675590/Assetto_Corsa__Ferrari_70th_Anniversary_Pack/ Ferrari 312 install file: 1. Extract folders content and texture to your AC install: ...\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\ 2. Goto: ..\SteamLibrary\SteamApps\common\assettocorsa\content\cars\ ks_ferrari_312_67 3. In this folder: Copy the ferrari_312_67.kn5 file 4. Within \cars folder, goto \ gpl67_ferrari_312 5. Paste ferrari_312_67.kn5 here! Submitter VELOCIPEDE Submitted 11/24/2018 Category Open Wheelers Mods  
  6. Il team V8SCorsa ha rilasciato per Assetto Corsa la nuova versione aggiornata 2.5 del suo ottimo ed interessante V8SCorsa mod, un progetto riconvertito, perfezionato ed ottimizzato che ci permette di simulare l'appassionante e spettacolare campionato V8 Supercars australiano. Potete scaricare la release 2.5 del mod direttamente da questa pagina, vi suggeriamo inoltre di scaricare anche lo spettacolare circuito di Bathurst Mount Panorama ! Commenti e domande sul forum. This is the BASE MOD (no skins) for V8Scorsa for Assetto Corsa. You will then need to go to the liveries download page and download a skin pack to add to the base mod. IMPORTANT INFORMATION Installation instructions (follow them) Step 1: You will need to remove the previous version of the mod as we have updated everything. Navigate into the following folder and deleting the following (be sure to keep a copy of any personal skins (inside the skins folder)(DELETE) assettocorsa\content\cars\supercars_ford (DELETE) assettocorsa\content\cars\supercars_holden (DELETE) assettocorsa\content\cars\supercars_nissan Step 2: Paste the contents of the zip file into the following folder (PASTE) :\Steam\SteamApps\common\assettocorsa (It will overwrite some of the old textures we had, located elsewhere)
  7. Il team V8SCorsa ha rilasciato per Assetto Corsa la nuova versione aggiornata 1.1 del suo ottimo ed interessante V8SCorsa mod, un progetto riconvertito, perfezionato ed ottimizzato che ci permette di simulare l'appassionante e spettacolare campionato V8 Supercars australiano. Potete scaricare la release 1.0 e la successiva patch 1.1 del mod direttamente da questa pagina, vi suggeriamo inoltre di scaricare anche lo spettacolare circuito di Bathurst Mount Panorama ! Updated from the original Assetto Corsa conversion (see credits for those details): Physics fully rebuilt from the tyres up by Tim Jimmink & Simon King Templates for all 3 cars have been updated Added all the VASC 2017 liveries to date All materials and shaders have been modified New textures have been created for many items Exhaust flames have been modified Driver animations for all 3 cars have been customised Functioning windows v1.1 Graphical wheel offsets pushed out Shifter issue fixed Gear box now not adjustable Diff now not adjustable (except preload, until physics finished) Removed the hard tires Added the extra camber adjustment
  8. Il sogno ricorrente degli appassionati di Assetto Corsa è sempre stato quello di poter correre con pista bagnata e scarsa aderenza. Il sogno è stato realizzato da Alberto Fracasso, grazie al suo incredibile Wet mod per diversi tracciati (fra cui Laguna Seca, Monza, Spa e Nordschleife) che vengono trasformati sia graficamente che a livello di grip, come potete vedere dalle spettacolari immagini di anteprima. Per il download, commenti e discussioni in merito fate riferimento a questo topic del forum. Versione 2.0: - Nuovi parametri, compatibilità nativa con shaders patch e dynamic lights, realismo aumentato in condizioni di luce diurna e notturna - Doppio strato di texture bagnate, con riflessi differenziati per un'asfalto più dettagliato e profondo - Bugfix per le ombre Wet Mod 2.0 - Night and Daylight edition - New settings, native compatibility with Shaders Patch & Dynamic Lights, enhanced realism in night and daylight conditions - Double layered wet tarmac texture, with differenced reflections for a deeper and more detailed wet ashpalt. - Shadows fix - Mugello Track - Not compatbile anymore with @Blamer 's app BLM Lights, will be fixed soon What 's included Included wet variation of 11 Kunos fully multiplayer usable tracks mostly with 32 pits (see pictures below) , wet particles, custom physics tested out to give a nice feedback to the wheel and add immersion, plus 7 custom standard weathers with the purposely revamped “Mid Clouds” and “Heavy Clouds” (the rest from Natural Mod). 2 Custom Made PPFilters.  
  9. Il modding team francese degli ACFL ha appena rilasciato per Assetto Corsa la prima versione del nuovo Formula E Mod, progetto ovviamente dedicato al ben noto campionato per monoposto elettriche. Il Formula E può essere acquistato e scaricato direttamente dal sito ACFL, per 3 euro di donazione, mentre i primi tracciati tipici cittadini per il campionato, Miami, Londra e Parigi, sono disponibili gratuitamente a questo link.
  10. VELOCIPEDE

    Assetto Corsa: Formula E Mod by ACFL

    Il modding team francese degli ACFL ha appena rilasciato per Assetto Corsa la prima versione del nuovo Formula E Mod, progetto ovviamente dedicato al ben noto campionato per monoposto elettriche. Il Formula E può essere acquistato e scaricato direttamente dal sito ACFL, per 3 euro di donazione, mentre i primi tracciati tipici cittadini per il campionato, Miami, Londra e Parigi, sono disponibili gratuitamente a questo link. Commenti e discussioni a questo link del forum.
  11. Il grande Sergio Loro ci ha sempre viziati con mod di alto livello e questa non è da meno, tanto da meritarsi uno speciale tutto per sé. Si tratta di Zandvoort in versione anni ‘60, un circuito per uomini coraggiosi e per auto spericolate. Nell’articolo che segue, sarete catapultati indietro nel tempo e scoprirete pregi e difetti di questa interessantissima mod per Assetto Corsa. Siamo nel 1967 e da anni, ormai, l’Autodromo di Zandvoort è conosciuto come uno dei più tosti e impegnativi tracciati d’Europa. Viene sfruttato principalmente per le gare di F1 e F3, dove piloti esperti e aspiranti campioni lottano strenuamente per una vittoria, per un posto d’onore nella storia del motor sport. Come molti altri circuiti dell’epoca, quello olandese è caratterizzato da saliscendi, scollinate improvvise, un susseguirsi estenuante di curve cieche, il tutto circondato, nel vero senso della parola, da erba, sabbia e muretti. Non tutti sanno, però, che la cittadina di Zandvoort, che ospita ancora oggi l’omonimo circuito, nel lontanissimo 1100 era denominata Sandevoerde, da “Sand” cioè sabbia, e “Voerde” cioè verde, per il semplice fatto di trovarsi a ridosso del mare ma circondata da prati e boschi. Questo è il motivo del titolo dell’articolo ma soprattutto del nome dato da Sergio Loro alla sua ultima opera. Chiusa questa piccola parentesi esplicativa, è tempo di addentrarci nel bel mezzo dell’avventura e salire a bordo di qualche bolide dell’epoca per conoscere più da vicino l’antica Zandvoort. E quale miglior vettura della mitica, prorompente Ferrari 312 F1 del ’67, per solcare l’asfalto imperfetto e sporco della pista olandese. Ai box, all’interno del minuscolo abitacolo rosso, già si respira quell’aria di passione ma anche di sfida, quell’atmosfera frizzante e genuina che solo i circuiti storici sono in grado di trasmettere. Soffermiamoci un attimo qui, nei pressi del garage, e guardiamoci intorno: dall’altra parte del rettilineo ci sono le tribune, non affollatissime ma stranamente belle da vedere per l'epoca in cui siamo; vicino a noi, invece, i box, quasi miseri se pensiamo allo sfarzo dei corrispettivi moderni ma allo stesso tempo pieni di energia e appunto, quella passione, che nonostante siano vuoti, riescono a far trasparire. A separarli dalla pista vera e propria c’è un misero muretto, alto non più di un metro e mezzo, in cemento, forse in grado di contenere un impatto, ma non di certo la voglia di un pilota di scendere in pista. Ecco che allora il motore della Ferrari si accende, tentenna un attimo e poi borbotta, impaziente come il sottoscritto di correre, impazzita, su questo circuito che la riporta esattamente dov’era cinquant’anni or sono. Qualche sgasata più tardi, giusto per fare le rispettive conoscenze, sono pronto per scoprire più da vicino cosa significhi correre a Zandvoort... la vera, originale Zandvoort. Prima, seconda e anche terza ma ancora subito seconda, perché dall’uscita dei box alla prima curva c’è tempo solo per un breve allungo, poi si frena e si va a destra. Qui, nei primissimi metri, le differenze rispetto alla versione odierna sono poche, quasi tutte da ricercarsi nell’ambiente che circonda la pista, perché per il resto le prime curve sono identiche. Il famoso e traballante sinistra-destra-sinistra che segue fa da incipit a quello che è uno dei più esaltanti circuiti dell’epoca e la 312 ne è protagonista d’eccellenza, perché con i suoi quasi 400cv è difficile da domare. Basta un colpo troppo deciso sull’acceleratore per finire in testacoda; basta un centimetro di troppo sugli altissimi cordoli del circuito per essere sbalzati via e dover controsterzare all’impazzata per salvare la situazione. In questo, Sandevoerde non mente, non fa sconti, è perfetta: ogni dosso si sente, non è un macigno ma un ostacolo da superare con fermezza e convinzione; ogni cordolo è lì per essere sfiorato appena, per essere baciato dalle ruote anteriori della monoposto che così mantiene la traiettoria migliore. Sandevoerde fin dalle primissime battute non perdona gli errori, al contrario, uno sbaglio si concretizza in un’uscita sull’erba incolta (per altro rappresentata egregiamente) e poi contro le barriere, poste vicine al tracciato. È come dovrebbe essere, una sfida, e lo si capisce fin dal primo settore. Superata di traverso, con continue parzializzazioni, la Hugenholtzboch, ci si butta verso la seconda tremenda esse in salita, che va verso la parte “vecchia”. Qui, a differenza della versione moderna, il saliscendi è meno marcato e non si va in discesa dopo lo scollinamento ma si continua a salire leggermente; difficile percorrere questo breve tratto in pieno, giacché l’asfalto è alquanto imperfetto, si sobbalza in continuazione e mentre a destra c’è un fossato, a sinistra troviamo una collinetta. È quindi fondamentale rimanere concentrati e andare leggeri sul gas, sfiorando l’erba da entrambe le parti, prima, e il basso ma ostico muretto sulla destra, poi. Questo è uno dei punti cruciali della pista: se si riesce a imboccare la curva con decisione e precisione, facendo il filo al muro, si porta fuori molta velocità e si mette addirittura la quinta... ma ci vuole fegato. Il pregio di questa pista è di farti sentire attraverso il volante ogni buca e dosso che passa sotto le ruote della vettura e con la Ferrari 312, che è nervosa di suo, lo sappiamo, su questa montagna russa che è Zandvoort, si percepisce ancor di più quel suo essere scorbutica, ma allo stesso tempo elettrizzante. Successivamente a questo tratto ci si avvicina alla parte antica ma poco prima di addentrarcisi bisogna superare con caparbietà due delle curve più ingannevoli del circuito: la Scheivlak e la Hondenvlak. La prima è una curva tondeggiante e lunga verso destra, che in uscita chiude verso l’interno ed è difficile per due motivi principalmente: la velocità con cui si arriva è alta, e la sua conformazione, tondeggiante appunto, fa credere di poterla percorrere più velocemente di quello che in realtà si deve fare. Giungendo alla curva a oltre 240 km/h si è convinti di poter frenare poco e lasciare il pedale prima dell’apice, ma questo è un errore perché la curva si chiude leggermente e così facendo, è inevitabile arrivare lunghi, con la ruota posteriore sinistra che in accelerazione assaggia lo sporco che c’è fuori pista. Allora si deve scalare marcia, mettere in seconda, dare una sgasata e ripartire arrembanti, verso la seconda delle “vlak”, quella a sinistra, più veloce ma sempre ingannevole. Perché? Beh, semplicemente perché si acquisisce di nuovo velocità, per terra non ci sono segni che suggeriscono la traiettoria ideale e quindi si è propensi a credere di poterla affrontare in pieno stando spostati verso sinistra. Questo tuttavia è un grosso errore e lo si paga finendo nell’erba mista a sabbia, del dirupo opposto alla curva. Vi ricordate quando poco fa dicevo che Sandevoerde non perdona? Ecco, questo è un piccolo ma sostanziale esempio. Quello che segue è, invece, il settore più entusiasmante e veloce del circuito, caratterizzato da tre curve verso destra da percorrere in pieno o quasi, seguite da una leggera sterzata a sinistra che porta poi all’ingresso dell’ultima fatica. Queste curve sono immerse nel verde, con gli alberi che ci circondano da ambo i lati e a proteggerci dalla disfatta non c’è nulla, ma solo fili d’erba e sabbia. Per percorrere al meglio possibile questa sezione si deve prestare attenzione alla traiettoria; è fondamentale arrivare a pochi centimetri dal bordo pista e sfruttare ogni millimetro di asfalto. Non sono permessi errori, non sono permesse esitazioni. Col volante della 312 ben saldo fra le mani si sterza a destra, poi ancora a destra, lo si riporta dritto per una frazione di secondo poi di nuovo ci si getta a destra con veemenza. In questi istanti l’auto saltella di qua e di là, vorrebbe quasi prendere il controllo di se stessa e finire nel mare oltre la collina, tanto ondulata è la pista; ma controsterzando un po’, giocando con l’acceleratore, stringendo con le mani il volante, si vince questa sfida e si ricevono incredibili emozioni. Sì, emozioni che solo un circuito estenuante come Zandvoort sa regalare e che restano impresse nella mente di chi le vive sulla pelle... e che fanno ricordare, nei giri successivi, a cosa si va incontro. Se però pensate che sia finita, qui vi sbagliate di grosso. Pulleveld, la semi-curva a sinistra, altro non è che la soglia di un baratro: immaginatevi di essere in pieno, col pedale premuto fino in fondo per più di due secondi (forse per la prima volta in tutto il giro). Immaginate una piccola ma interminabile salita, non dritta ma storta verso sinistra e poi dopo, all’improvviso, una discesa non troppo ripida verso destra. Tutto il peso dell’auto cede alla forza centrifuga e spinge la 312 verso l’esterno ma per fortuna non c’è banking a sfavore e quindi si vince il sottosterzo con un mix di adrenalina, istinto di sopravvivenza e quel pizzico di fortuna che non guasta mai. Il brutto di questa Bos Uit (così si chiama), è che arriva all’improvviso, non la vedi e non te la aspetti per niente: ti coglie alla sprovvista e ti prende in giro perché quando pensi di esserti salvato continua ad andare verso destra e allora devi lasciare di nuovo l’acceleratore e reindirizzare la macchina verso la traiettoria più corretta. Ciò che emoziona di più, però, è la grande velocità con cui si giunge allo scollinamento: la prima volta ci si casca e si viene in sostanza bullizzati, ma la seconda e terza e così via, si frena in anticipo sul dosso e si percorre con sorprendente scioltezza. Certo, se si vuole cercare il limite, bisogna remare con il volante, lasciar andare a spasso un poco il retro della Ferrari, ma la realtà è che dopo il primo “tuffo” la Bos Uit non fa più così paura e impressione... emoziona “soltanto”. Una volta oltrepassata questa curva, ci s’immette sul rettilineo: terza, quarta, quinta entrano prepotentemente una dopo l’altra, la lancetta del tachimetro si avvicina pericolosamente ai 300 km/h ma non si fa in tempo a provare quell’ebbrezza che si deve affondare il piede sul freno, prima aggressivamente poi con gentilezza, onde bloccare le ruote. E così si ricomincia tutto da capo, questa volta però con un briciolo di sicurezza in più, quel che basta per osare dove si può e rallentare dove si deve. Giro dopo giro dopo giro, Sandevoerde inizia a non avere più segreti, ma non smette mai di emozionare. È una giostra antica che grazie alle doti di un ottimo modder è ancora funzionante e in grado di regalare emozioni a non finire... letteralmente. Dovendo essere pignolo l’unico appunto sta nel fatto che la sabbia che ricopre di tanto in tanto la pista non ha effetti sulla guida ma è solo puro elemento visivo(ben fatto tra l’altro). Tuttavia sono convinto che questo circuito debba essere vissuto come lo era 50-60 anni or sono, quindi è d’obbligo impostare l’asfalto su dust oppure old e sentire le gomme scivolare inesorabilmente verso l’esterno. Prendete questo fattore e mixatelo con il layout pazzesco e avrete un centrifugato di emozioni vere, genuine, di quelle che le piste Tilkiane di oggi non possono regalare... sono emozioni “di ieri”. Volendo essere ancor più pignolo ho testato la pista in una gara senza esclusione di colpi fra Ferrari 312 e Lotus 49: inutile dire che tutto è filato via liscio da un punto di vista prettamente tecnico, con la IA che si è comportata per bene senza impazzire. Sandevoerde si è però così rivelata essere anche una pista eccellente per la competizione più dura e cruda, riuscendo a divertire con i suoi spazi stretti e il suo asfalto trotterellante. Grazie alla maniacalità con cui è stata realizzata questa pista, la voglia di spremere tutto il potenziale della Ferrari non viene mai a mancare, anzi, sopravviene la voglia di studiare Zandvoort in ogni minimo dettaglio e passare ore a guidare qualsiasi auto, per la verità. E questa voglia è quella che mi ha portato a scrivere quest’articolo. Ora ho/abbiamo una pista storica in più da aggiungere alla lista delle preferite su AC: è semplice sulla carta, senza curve paurose come per esempio la Füchsröre del Nordschleife ma grazie alle sue caratteristiche che vi ho descritto, riesce a colpire e soprattutto a divertire, soddisfare ed emozionare. Qui il download della versione TEST gratuita, se invece vi piace e volete quella completa (dello speciale) potete fare una donazione. Commenti e domande sul forum A cura di Mauro Stefanoni
  12. Fonte. v0.8 -AI not working -ONLINE not working -Few Textures Details needs to be done -Curently Working On the Long Version of the Track DOWNLOAD
  13. Dopo il successo della Ginetta GT e della Audi TT Cup, Shaun Clarke ha deciso di aggiornare anche la sua apprezzatissima Seat Leon TCR 2018 mod per Assetto Corsa. Correte a questo link per download, dettagli e commenti. After a long time, massive help from mclarenf1papa, and so much more input from TCR Driver Carl Swift, this car has come on leaps and bounds. Since the Aero had to change, pretty much everything else needed changing as well, so below is what has changed. Updated Model New Aerodynamics New Handling (steering and suspension) New Power New Gearing Improved Gear Box and Turbo New Brakes (and Brake temps) ( Fixed Collider Improved textures New Window names and templates (number on the correct side of rear windscreen) Improved Camera Angles Rear skinable bumper Flashing Wing mirror lights ( After Midnight touch) Totally new MOTEC Dashboard Redone Liveries New Preview Pictures ( I cannot find who but thank you, seriously) Adjust Torque Preload in Setup Screen Minimum Fuel set (what they use in Qual in real life)
  14. Nome file: Mallory Park by Eximo Autore del file: Uff File inserito: 03 Jun 2014 Categoria del file: Track Forum. v0.5 2 Layouts now included Export now using AC editor - shaders still being tweaked and tested Recreated world nearest the track edges, run offs now a lot smoother Added Fast_Lane and Pit_Lane AI for both layouts - tracks can now be used quick race and race weekend modes Added more barriers / walls Added Marshall stands around the track Added more buildings Added collision mesh to pit lane garage Added flag pole at hairpin - no flag though Adjusted other buildings - scale/width Adjusted barriers to match up with world better Adjusted lakes New UI images, overview and information details Known Issues: Kerbs are currently still defined as Grass and as such do not have the correct surface Kerbs are a bit rough Some grass areas defined as Asphalt Edwina chicane bump on the exit Bus stop chicane bumpy on entrace and exit Charlies chicane bumpy - this chicane isnt used so not a high priority Pit Lane entrance is a tad bumpy but you shouldn't be speeding anyway Some barriers in certain areas do not match world Placeholder textures used across some meshes UV mapping incorrect on some meshes - especially grass AI not the smartest especially around the hairpin however you can have some decent races with them as they are quick everywhere else Pitlane Barrier mesh not rendering correctly - not sure why Inside world doesnt match pitlane edges Water defined as Grass Clicca qui per scaricare il file
  15. Nel video che potete ammirare qui sotto, la Kunos Simulazione ci presenta i numeri del suo nuovissimo Assetto Corsa Competizione dopo una settimana dalla sua uscita. Il dato forse più impressionante è che sono risultati validi ben l'85% dei giri effettuati dagli appassionati, che quindi dimostrano di impegnarsi in modo molto attento anche al simulatore! Vi ricordiamo che la seconda release in accesso anticipato sarà disponibile il 10 Ottobre.
  16. Oggettivamente una delle migliori mod di auto da turismo per il sim di casa Kunos. Genuina e sensazionale come poche. Andiamo alla scoperta della mod che ha fruttato tanto successo ai ragazzi del gruppo The Rollovers e svisceriamola insieme per carpirne pregi e difetti. Che il campionato turismo denominato appunto TCR Series sia un successo planetario, è sotto gli occhi di tutti gli appassionati di motori. Ci sono gare in tutto il mondo, praticamente c’è una “serie” in ogni continente e il divertimento è sempre assicurato. Non è difficile quindi capire per quale motivo anche su pc, in quel mondo virtuale che noi tanto amiamo, ci siano sempre più repliche delle vetture reali; basti pensare all’ultimo DLC di RaceRoom che ha introdotto il novello WTCR by Oscaro. Assetto Corsa, invece, dal canto suo non ha mai offerto una così gran varietà di vetture “turismo”, quindi tocca ai modders mettersi d’impegno per creare delle splendide auto che, ammettiamolo, sono in grado di stampare dei sorrisi ebeti su gran parte del pubblico. Ed è qui che entrano in gioco i ragazzi italiani dei The Rollovers. Per chi non li conoscesse, sono un gruppo di fan della simulazione che periodicamente organizzano interessanti campionati online con diverse tipologie di vetture, dalle turismo appunto, fino all’endurance. Fulcro dei loro campionati sono spesso mod “home made”, in quanto loro stessi creano alcune delle auto protagoniste e questo pacchetto rilasciato alcuni mesi fa gratuitamente sul loro portale, ne è un esempio. Tanto è stato il successo di queste auto TCR che i ragazzi non hanno perso tempo e hanno dato vita alla mod del nuovo WTCR, con annesso campionato online che partirà prossimamente. Dopo questa introduzione sorge però spontaneo porsi una domanda: quali sono gli ingredienti che hanno reso questa mod tanto amata da chi l’ha provata? Ebbene, nel corso dell’articolo cercheremo proprio di far luce sugli aspetti chiave del pacchetto, scandagliando nel dettaglio ogni aspetto con lo scopo di dare un giudizio il più oggettivo possibile. Vi dico subito però, che dopo una settimana di prova, queste auto sono seriamente una goduria e danno anche un pizzico di assuefazione. PREMESSA: Contenuto del pacchetto sono sei vetture (Alfa Romeo Giulietta TCR, Audi RS3 LMS, Ford Focus TCR, Honda Civic TCR, Subaru Impreza TCR e VW Golf GTI TCR), del tutto uguali in termini di fisica, e per tale ragione sono state provate su circuiti diversi con temperature e gommatura dell’asfalto differenti, così da verificarne il comportamento nelle varie situazioni. GRAFICA E SOUND: Partiamo come sempre dall’esterno, da ciò che per primo cattura la nostra attenzione. In quanto a grafica non c’è molto da dire, in senso positivo: il lavoro di modelling è stato fatto egregiamente e lo si nota soprattutto quando la luce colpisce direttamente il veicolo, il quale non fa trasparire alcun difetto a livello della carrozzeria né dal punto di vista dei riflessi, i quali paiono sempre realistici. Si tratta di vetture con un’estetica aggressiva, grazie ai passaruota allargati e all’aerodinamica più spinta, quindi non sempre è facile riprodurne tutti i dettagli alla perfezione, ma qui il lavoro svolto è davvero buono. All’interno, invece, queste auto sono spoglie, povere di tutto tranne di ciò che può servire veramente ad un pilota: cruscotto e volante, perciò, sono riprodotti fedelmente e a maggior ragione, quindi, l’aver fatto un buon lavoro colma letteralmente il vuoto dell’abitacolo. Prova grafica superata: tutte le auto sono belle da vedere, sia nello showroom sia in pista, e questa è una cosa da non sottovalutare, quando si guarda una gara in diretta streaming o nei replay e perché no, anche in foto. Passando al sound il discorso si amplia un pochino, perché è vero che sono auto simili ma ognuna ha un motore di origine diversa e questo fa sì che ci siano differenze fra un suono e l’altro che esce dagli scarichi. Se quindi Giulietta e Focus hanno un sound più robusto, la Civic è quella più frizzante mentre RS3, Golf e Subaru sono una via di mezzo, col motore boxer nipponico che in ripresa dalla seconda marcia è il più coinvolgente del lotto. In generale, però, i suoni sono riprodotti per bene. Dall’esterno sono scoppiettanti come nella realtà (soprattutto in rilascio coi goduriosi “pops and bangs”), mentre dall’interno sono leggermente più ovattati ma fortunatamente sono stati riprodotti ottimamente sia il classico fischio (fondamentale) della trasmissione sia lo “scatto” nel momento della cambiata. FISICA: Come precedentemente detto, tutte le vetture del TCR Pack hanno la stessa fisica e prestazioni; ciò significa che prendere una Ford piuttosto che una Honda non fa differenza in termini di feeling e questo lo si capisce lasciando inalterato il setup. Detto ciò, è importante lavorare su quest’ultimo perché in base alla pista, l’auto tende a comportarsi in modo più o meno neutro e a subire le sconnessioni in modo più o meno scorbutico. In linea di massima, l’auto è molto intuitiva nel comportamento, il che è un bene (soprattutto per chi è alle prime armi), tuttavia tende ad essere un po’ pigra in ingresso di curve piuttosto spigolose (ovviamente stiamo ragionando in termini di setup di default). Serve quindi un lavoro ai box per sistemare questo “difettuccio”, ma dopo qualche intervento a livello di molle e ammortizzatori, si risolve tutto e la vettura risponde immediatamente in maniera più decisa. I tempi quindi si abbassano ed è ancor più facile raggiungere il limite. Attenzione però, essendo tutte vetture a trazione anteriore è un attimo dare gas troppo presto e finire in sottosterzo: nelle curve tondeggianti per esempio (Vallelunga è stato un test perfetto in questo senso), le prime volte può capitare di trovarsi a metà curva e credere, per via dell’assetto neutro, di poter accelerare senza un domani ma appunto, il sottosterzo non perdona. Conviene, quindi, portare la frenata fin dentro la curva, pazientare un millisecondo in più parzializzando e solo quando si sente l’auto ben piantata a terra, premere con veemenza sul pedale destro. Una delle caratteristiche che più convincono dell’handling di queste auto è, poi, la possibilità di affrontare curve medio-veloci lasciando completamente l’acceleratore, e non facendo uso del freno, così da sfruttare la loro famigerata stabilità. Ma questo assetto “neutro” è davvero un difetto per quanto riguarda il divertimento? In realtà no, perché tale comportamento dipende anzitutto dal tipo di tracciato (e condizioni) in cui si corre: a Zandvoort, per esempio, queste auto TCR diventano più ballerine, assorbono il giusto le sconnessioni ma portarle al limite diventa ben presto una droga; viceversa a Silverstone, questo loro essere stabili è solo un vantaggio che favorisce la percorrenza di gran parte delle curve. Non dimentichiamoci poi, che per regolamento le auto di questa categoria non possono avere aiuti, quindi niente ABS o TC a filtrare negativamente l’esperienza. Insomma, non vanno giudicate in primis ma vanno vissute, e anzi, questa loro varietà di dinamiche, perfettamente in linea con ciò che dovrebbero essere nella realtà delle TA, non è che una dimostrazione del buon lavoro svolto, non solo in fase di editing ma anche di beta-testing. Col passare dei giri, inoltre, avvicinandosi sempre più al limite del telaio e delle gomme, l’anima tranquilla di queste vetture lascia il posto a un leggero nervosismo, soprattutto quando si va a rilasciare l’acceleratore in centro curva ed ecco che quella monotonia -che nei primi istanti sembra farla da padrona- svanisce. Insomma, potrà sembrare facile portarle al limite queste birbantelle, ma tutt’altra cosa è estrarne completamente il loro potenziale. Tutto ciò per farvi capire come non sia per niente una mod superficiale o banale: al contrario, serve tempo e tanti giri per tirarne fuori tutto il potenziale (un setup ben realizzato è fondamentale). Ecco, questo è un punto cardine nel mondo delle mod e ci tengo sempre a sottolinearlo quando siamo di fronte ad un prodotto davvero di buona qualità: se un’auto che scarichiamo richiede del tempo per essere compresa, se serve un lavoro serio sul setup e questo porta i frutti che ci si aspetterebbe, non può che essere un fattore positivo e aggiunto alla mod stessa. E il motore? Beh, 330cv possono sembrare pochini per 1250Kg di carrozzeria, ma la verità è che l’erogazione è alquanto fluida e il motore spinge dai 2500 giri in su senza esitazione, con il picco di potenza attorno ai 6000 giri. Onestamente su piste con rettilinei lunghi questa potenza non eccessiva si fa sentire ma niente che anneghi perdutamente l’esperienza sotto litri di noia, questo mai. Ricordiamoci inoltre, che questa è la versione 2.0, che porta con sé alcune migliorie in quanto a fisica e aerodinamica. Proprio di quest’ultima vorrei parlare brevemente perché su auto del genere potrebbe sembrare quasi inutile visto le prestazioni non esorbitanti, eppure gioca un ruolo importante. Prendiamo per esempio un circuito stretto e tortuoso come Brands Hatch: in questo caso una maggiore deportanza ci verrà in aiuto; viceversa a Spa, un carico aerodinamico minore ci farà guadagnare chilometri orari sui rettilinei lunghi, permettendoci di superare le altre vetture, andando a compensare l’impossibilità di modificare i rapporti del cambio. Per concludere, vorrei parlare del force feedback e di come, grazie anche ad un ottimo lavoro sulle gomme, si senta perfettamente tutto ciò che avviene sotto le ruote. Ciò significa che non ci perdiamo alcuna sconnessione, né l’auto tende a “scappare” senza preavviso; con questo grado di FFB abbiamo tutto sotto controllo e possiamo fare ciò che vogliamo e sentire ciò che dobbiamo, qualsiasi volante stiamo utilizzando, dal G27 al Fanatec più costoso. È questo un fattore importantissimo, perché molte delle mod in circolazione sono realizzate scrupolosamente dal punto di vista di fisica e grafica ma poi peccano di FFB, risultando “vuote”. COMPETIZIONE E IA: Obiettivo di quest’ultimo paragrafo è quello di vedere come si comportano le auto quando utilizzate in gare offline ma anche nel caso di competizioni online. Per quanto riguarda quest’ultime, basta chiedere a chi ha partecipato al campionato conclusosi a maggio: è stato equilibrato e la presenza di una mescola delle gomme fissa (quella media), marce non rapportabili e appunto, prestazioni identiche, hanno fatto sì che uscisse il meglio del pilota, garantendo allo stesso tempo un certo equilibrio fra i concorrenti. Lo stesso discorso si può applicare al mondo offline, dove l’IA non vi svernicia sul rettilineo né dà una manciata di secondi al giro grazie solo alla vettura: tutto dipende da noi sim racer e da quanto riusciamo a lavorare bene sul setup. Inoltre, nelle gare fatte non si sono mai riscontrati comportamenti anomali da parte delle vetture né bug che hanno compromesso l’esperienza di gara. VERDETTO: Alla fine di una lunga prova, non si può far altro che constatare come dal punto di vista qualitativo questo TCR Pack è davvero un’ottima mod ed essendo nuovo ai lavori di questi ragazzi è stata una piacevole sorpresa. Difficile trovare in questa versione aggiornata dei difetti che facciano storcere il naso e se li si cerca, va a finire che sono il tipo di difetto che annoti solo perché “si deve”. Sì, forse l’assetto di default è eccessivamente neutro e pigro e si poteva osare di più, ma questo dipende in parte anche dal modo in cui si guida (quindi qualcosa di soggettivo); inoltre si può lavorare su così tanti aspetti ai box, che dopo qualche minuto è solo un ricordo del passato. Insomma, se non l’aveste ancora capito, questa mod è in grado di rapire sia in termini di qualità sia di immersione. Queste auto TCR sono toste, divertenti e gestibili; garantiscono una sana competizione e offrono un grado di soddisfazione che può toccare da vicino svariate tipologie di sim racers: sono perfette per chi è alle prime armi nel mondo delle gare online; stuzzicano l’appetito degli amanti delle ruote coperte, sorprendono in quanto a bontà fisica e divertimento coloro che sono abituati alle auto stradali e riescono in parte a far cambiare idea a chi preferisce le GT3 o le ruote scoperte. Giulietta, Focus, RS3, Civic, Impreza e Golf colpiscono nel segno in questa mod e se siete curiosi fate un salto sul sito di questi ragazzi, è gratis e non ve ne pentirete. A cura di Mauro Stefanoni
  17. Il campionato Tatuus Challenge Season 3 (con la Formula 4 Abarth) è già un grande successo, con ben 41 piloti iscritti fino a questo momento, DrivingItalia vuole ora accontentare gli appassionati delle ruote coperte, ecco quindi arrivare il torneo Alfa Romeo Cup, che si disputerà con la spettacolare Alfa Romeo 155 V6 TI di Assetto Corsa! Fate riferimento al forum dedicato per tutti i dettagli e correte invece a questo link per effettuare l'iscrizione gratuita.
  18. Carissimi piloti, i migliori piloti degli ultimi due campionati hanno espresso la loro preferenza su alcune mod ufficiali kunos lascio a voi la scelta finale con cui divertirvi su sei round da 50mins a partire da fine settembre 2018 faremo tesoro dell'esperienza fatta nell'ultimo campionato GT3, per questo ad ogni round i piloti saranno distribuiti sui due servers attraverso la classifica hot laps e le assenze ingiustificate sanzionate col salto della gara successiva votazione pubblica, scelta multipla, chiude il 09.09.2018 ore 23.59 buon divertimento
  19. Per l'autunno - inverno su DrivingItalia non poteva ovviamente mancare il campionato online del Tatuus Challenge, giunto con successo alla terza stagione, che si disputa con la divertente e gestibile Formula Abarth di Assetto Corsa. La novità più importante del Tatuus Challenge Season 3 è la disputa di una fase hotlap prima di ogni gara per stabilire i 20/25 piloti più veloci che andranno a correre nella gara di campionato vera e propria. Trovate in questo topic le prime informazioni sul regolamento, mentre dovete dirigervi a questo link per effettuare l'iscrizione gratuita. Come di consueto su DrivingItalia, il campionato vuole essere aperto a tutti i piloti virtuali, anche i meno esperti o alle prime armi, con l'unico obbligo serio del rispetto in pista e fuori degli avversari, perchè l'obiettivo principale dei nostri tornei è quello di divertirci insieme e far crescere le emozioni del simracing per un numero sempre maggiore di appassionati Altra novità importante del Tatuus Challenge Season 3 sta nel fatto che il campionato rientrerà nelle manifestazioni online legate al prossimo Motor Show di Bologna, quindi i piloti virtuali più bravi e meritevoli otterranno un palcoscenico.... d'eccezione! Ma di questo vi parleremo più avanti, per adesso correte ad iscrivervi ! Sono già 26 i piloti iscritti !
  20. Il team Race Sim Studio ha rilasciato per Assetto Corsa la nuovissima FORMULA RSS 2 V6 2018 che, come vedete dalle immagini, riproduce in ogni dettaglio le moderne monoposto di Formula 2. Per commenti e discussioni fate riferimento al forum dedicato. Il download del mod può essere effettuato a questo link, con una donazione minima di euro 3,99. We are glad to announce that our new brand Formula RSS 2 V6 2018 mod for Assetto Corsa is finally available! This new version V6 version features a totally new car model, a V6 turbocharged engine, new aerodynamics and optional Halo system. The mod also includes the previous 2017 Formula RSS 2 V8, for free! And we also offer an alternative pack with 4 cars (2017+2018 Formula RSS 2 cars, and 2017+2018 Formula Hybrids), plus new pricing for many other cars! You can buy the mod here. Thank you for the support, and have fun!
  21. Il team francese ACFL ha rilasciato per Assetto Corsa la nuova versione aggiornata 1.3 completa del suo Formula 1 2018 Season Mod, che ci permette di simulare la nuova stagione del mondiale di Formula 1. Il mod può essere acquistato per 5,00 Euro e quindi scaricato da questa pagina del sito ACFL. Inoltre, grazie alla collaborazione del team ACFL, siamo in grado di offrirvi un bonus sconto del 15% valido per qualsiasi acquisto dal sito ACFL ! Non dovete fare altro che inserire il seguente codice in fase di acquisto per ottenere immediatamente lo sconto del 15%: DRIVINGITALIA Ringraziamo ACFL ed a voi auguriamo buon download!
  22. DOWNLOAD http://www.drivingitalia.net/forum/index.php?app=downloads&showfile=7909versione 07-06-2016 fonte AC forum This post has been promoted to an article
  23. In attesa dell'arrivo del nuovo Assetto Corsa Competizione, possiamo iniziare a prepararci spiritualmente anche con l'attuale Assetto Corsa, grazie al lavoro fatto da ClaudioWRC74, che ha rilasciato per il simulatore targato Kunos l'utilissimo Blancpain GT Series 2018 Career Mod, un progetto che ci permette di installare le vetture ed i circuiti necessari per disputare una completa carriera della serie Blancpain del campionato in corso. Per il download e le istruzioni d'uso fate riferimento a questo link, mentre riportate qui di seguito commenti e domande.
  24. In attesa dell'arrivo del nuovo Assetto Corsa Competizione, possiamo iniziare a prepararci spiritualmente anche con l'attuale Assetto Corsa, grazie al lavoro fatto da ClaudioWRC74, che ha rilasciato per il simulatore targato Kunos l'utilissimo Blancpain GT Series 2018 Career Mod, un progetto che ci permette di installare le vetture ed i circuiti necessari per disputare una completa carriera della serie Blancpain del campionato in corso. Per il download e le istruzioni d'uso fate riferimento a questo link, mentre riportate qui di seguito commenti e domande.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.