Jump to content

Benvenuto nel Simracing: registrati subito!

Dal 1999, la più seguita community di appassionati di simulatori di guida

  • Sign in to follow this  

    (0 reviews)

    Per quale motivo un pilota reale professionista corre al simulatore?

     

    Autosport.com ha fatto una lunga intervista a Nick Tandy, pilota professionista di grande esperienza, per capire cosa spinge un pilota reale ad andare in pista anche con i simulatori di guida... Sappiamo infatti che piloti del calibro di Max Verstappen e Lando Norris hanno vinto insieme la 24 ore di Spa virtuale dell'anno scorso e tanti loro colleghi sono competitivi anche nel mondo virtuale. Ma quali sono i vantaggi per un pilota?

    Nick Tandy, pilota della Factory Porsche GT e vincitore assoluto della 24 Ore di Le Mans 2015, è uno dei tanti piloti che gareggiano su iRacing. La sua motivazione principale non è provare i setup o imparare i circuiti: "Il motivo principale per cui lo faccio è per il fattore divertimento, è l'aspetto competitivo che mi piace", dice il 35enne. "Il livello è ottimo e puoi correre a qualsiasi livello di abilità. Se sei davvero bravo, vieni piazzato in divisioni più alte per ogni evento, ti raggruppi insieme al tuo livello di abilità, che è registrato durante la tua carriera. È molto ben strutturato. È impostato professionalmente per la competizione, piuttosto che solo un simulatore di guida."

    Tandy prosegue: "Sono stato bandito per due settimane una volta! Stavo correndo all'Iowa in NASCAR Xfinity e mi sono girato. Poi mi sono girato di proposito per cercare di ottenere una safety car in modo da poter recuperare. E qualcuno ha protestato. Hanno rivisto il replay e mi hanno sbattuto fuori. Non mi sono lamentato naturalmente. Del resto ti permettono di guidare solo determinate auto quando inizi e devi ottenere le patenti con una buona guida. Il punto principale è la concorrenza regolamentata. È come una serie vera e propria, non solo un gioco."

    Nel 2018 Tandy ha partecipato a un evento iRacing organizzato da Porsche. A seguito della competizione online su un'auto della Carrera Cup, i giocatori più veloci, Tandy e un altro jolly hanno preso parte a un evento di due giorni. "Sono andato lì pensando che se non fossi stato l'ultimo sarebbe stato un grande risultato", afferma Tandy. "Mi sono qualificato tra i primi 16 nella classifica individuale il primo giorno e poi siamo stati accoppiati il secondo giorno. Alla fine sono arrivato terzo con il mio compagno di squadra. Ma sono lontano dal livello più alto perché, come in tutti gli sport, devi allenarti".

    Il campionato Porsche Esports Supercup 2019 ha avuto un montepremi di $ 100.000 e il campione ha potuto partecipare alla Porsche of Night of Champions, sottolineando la crescente importanza del gioco online. Come in ogni contesto, anche il livello di professionalità è aumentato nel tempo.

    "I più veloci vengono pagati per lavorare nel settore", afferma Tandy. "Al momento non ci sono molti soldi nelle competizioni, ma è un po 'come il coaching del pilota, si andrà verso la professionalità. Sta crescendo. È un'altra branca del motorsport." Quest'ultima affermazione probabilmente non andrà bene ai puristi del motorsport....

    "C'è anche l'aspetto dell'apprendimento dei circuiti", aggiunge. "È incredibile quanto siano accurate le piste. A Brands Hatch anche le luci sul rettilineo principale sono nel posto giusto e rivolte nel modo giusto. Generalmente, dossi e cordoli sono corretti al 90%. Quando sono andato negli Stati Uniti per competere nell'IMSA nel 2014, non conoscevo le piste, quindi ho imparato molto in anticipo".

    Ed il simulatore che si è organizzato Tandy in casa è decisamente particolare, visto che monta il volante di una delle sue auto da corsa 911 RSR del 2014! "Ho scoperto che i pedali sono molto importanti per le buone prestazioni", afferma Tandy. "Lo faccio per divertirmi e se sto perdendo non mi diverto! È molto difficile controllare la trazione al simulatore. Nella realtà quando perdi trazione la senti, ma al sim non senti nulla." Questo ovviamente se il simulatore non è dinamico e configurato nel modo ottimale e realistico, come ad esempio nei Driving Simulation Center.

    "Il simulatore è ottimo per entrare nella giusta mentalità, in particolare se non corro da un po", aggiunge Tandy. "Devi concentrarti da un giro all'altro, proprio come la realtà, e avere la stessa ansia prima della gara, probabilmente di più perché ho più familiarità con un vero inizio di gara."

    tandy 2.jpeg


    Sign in to follow this  


    User Feedback

    There are no reviews to display.




  • www.TuttiAutoPezzi.it


    www.Auto-Doc.IT


  • su questo sito
  • Categories

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.