DrivingItalia simulatori di guida Jump to content

Simracing Academy: per diventare vincenti!

L’idea è nata pensando a cosa possa tornare utile a quei piloti virtuali che hanno cominciato da poco con il simracing, o anche a quelli che vogliano approfondire... ecco quindi la nostra Simracing Academy!
Simracing Academy: per diventare vincenti!

Project CARS 3: com'è rispetto ai predecessori?

Dopo la nostra recensione completa, abbiamo pensato di confrontare Project CARS 3 direttamente con i suoi predecessori, il primo ed il secondo titolo...
Project CARS 3: com'è rispetto ai predecessori?

    (0 reviews)

    DrivingItalia review: ASR3 Series by ASR Formula

    • Cars soul
    • By Cars soul
    • 0 comments
    • 1,497 views

    Ogni volta che il team di modding ASR Formula rilascia una vettura a ruote scoperte, c’è sempre entusiasmo e nonostante siano mod a pagamento, la voglia di salire in macchina è molto alta. Questa volta però non hanno lavorato su una vettura di F1 famosissima, bensì hanno creato da zero una versione che s’ispira chiaramente alle monoposto della categoria GP3, denominata ASR3 Series. Questo ha suscitato in me ancor più curiosità, paradossalmente. Avranno fatto un ottimo lavoro anche a distanza di parecchi cavalli dalle più blasonate Formula Uno? Sì. Leggere per credere.

    Per chi non lo sapesse, ASR Formula è un team di ragazzi che lavora sodo e che sforna periodicamente delle vere chicche per tutti gli appassionati di auto, soprattutto per gli amanti di monoposto di F1. In questo nuovo progetto per Assetto Corsa, però, si sono concentrati nel ricreare una vettura diversa, più “umana”, ma sempre a ruote scoperte: si tratta dell’ASR3 Series. È una vettura che non ha controparte nella realtà, ma che riprende concetto e caratteristiche dalle vere monoposto che hanno corso le stagioni 2013-2015 nel suddetto campionato, in altre parole la GP3 Series. La peculiarità di questa mod è la presenza di ben 23 vetture con i relativi 13 piloti, ottimo per chiunque voglia cimentarsi in campionati.

    Screenshot_asr_asr3series_spa_13-4-117-13-52-42.thumb.jpg.d5b1088d2578b79949aaa4525187f6c6.jpg

    Solitamente inizierei la recensione partendo piano, utilizzando parole caute e cercando di descrivere il più oggettivamente possibile le prodezze della vettura in questione. Così non farò questa volta però. Stavolta leggerete in primis le conclusioni, ciò che ho provato dopo ore di guida. Perché bastano pochi minuti, spesi a guidare questa vettura per capire di essere di fronte a un lavoro eccellente, nonostante sia solo la prima versione (l’1.0, per precisione). Ebbene sì, l’ASR3 Series è davvero una mod stupenda, che merita chiaramente di essere provata. Ha tutte le carte in tavola per diventare una fra le più amate nel genere e su Assetto Corsa in particolare. Il motivo? Semplicemente perché è di qualità, diverte ed è più accessibile a tutti, anche per chi, come me, preferisce le ruote coperte all’aria aperta. È dettagliata sotto tutti gli aspetti, non è trascurata in nessun comparto e permette di cimentarsi in campionati mozzafiato e per nulla sconclusionati. È grezza, ma non nel senso negativo del termine; piuttosto lo è poiché priva di qualsiasi tecnologia impedente, che ne filtra le emozioni. Mi ha colpito e sono sicuro sappia fare lo stesso con tutti voi.

    Ora, dopo una dozzina di ore, un campionato offline di sette tappe (Imola, Barcellona, Monza, Nurburgring, RedBull Ring, Silverstone e Spa-Francorchamps) sono pronto a descrivervi nel dettaglio la bontà di questa mod, made in ASR Formula.

    Screenshot_asr_asr3series_ks_red_bull_ring_11-4-117-14-11-47.thumb.jpg.4a87551c7235288a479894e924752d56.jpg

    Grafica: come potrete notare nelle immagini scattate in game dal sottoscritto, la componente grafica dell’ASR3 è più che soddisfacente. L’utilizzo di shaders efficaci e texture di prim’ordine rende questa monoposto bella da vedere, in ciascuna delle colorazioni disponibili. I colori sgargianti poi sono da preferirsi giacché si addicono al carisma dell’auto e le danno un tocco di aggressività che non guasta mai. Un ottimo lavoro è stato fatto anche per quanto concerne l’interno dell’abitacolo, la “casa” del sim racer: il volante è curato nei minimi dettagli, funziona alla perfezione ed è veramente bello da vedere. L’unica differenza rispetto ai modelli originali Kunos sono le ombre, che qui sembrano un filo troppo piatte, ma l’effetto è comunque gradevole. Se poi, come me, utilizzate la visuale senza volante, resterete assolutamente soddisfatti dal lavoro svolto: questa è, infatti, probabilmente la visuale più comoda, soprattutto se si tiene il proprio volante a pochi centimetri dallo schermo. La caratteristica predominante è la lontananza dal corpo dell’abitacolo, rispetto alle altre mod; ciò significa che è più regolabile a proprio piacimento e inoltre, si riesce a vedere un particolare che di solito non si nota con quest’inquadratura: il mozzo del volante! E queste cose superflue ma carine ci piacciono sempre, ammettiamolo.

    Sound: il motore aspirato equipaggiato su queste vetture è un V6 3.4 L che fa molto casino. Nei box rimbomba ai bassi regimi, mentre l’auto è ferma; con l’impianto 5.1 fa tremare le pareti e l’immedesimazione è assicurata già in queste primissime fasi. Quando s’inserisce la marcia e si schiaccia a fondo sull’acceleratore sale di giri con cattiveria e il volume alto fa intorpidire i timpani. Bene. Durante tutte le sessioni ho notato che è molto ben curato, si tratta di un sound aggressivo e acuto, vibrante e pieno. Non è per niente scialbo e quando si corre con altre vetture, si assiste a quel caos che solo stando a bordo pista si può provare. Manca solo uno scricchiolio, quel rumore d’ingranaggi tipico di quando si cambia marcia. Una caratteristica però, che nemmeno la maggior parte delle auto ufficiali Kunos hanno. E’ implementato bene anche lo scoppio dovuto allo scalare marcia, udibile ovviamente solo dalla visuale più esterna. Tutto, però, concorre a rendere l’esperienza più viva e mai noiosa, questo è certo.

    Screenshot_asr_asr3series_ks_red_bull_ring_11-4-117-14-13-0.thumb.jpg.e2b6fee93efadf74dc63a4061854981b.jpg

    Fisica di guida: eccoci al punto cruciale della recensione, perché è vero che occhio e orecchie vogliono la loro parte, ma sul simulatore italiano le sensazioni, volante alla mano, sono il fiore all’occhiello dell’intera produzione. Se nei paragrafi precedenti ho parlato bene della mod ASR, qui il livello si alza ulteriormente: non siamo di fronte a un lavoro banale, al contrario, ogni aspetto della fisica è stato riprodotto egregiamente. Ci sono numerosi settaggi da modificare per ogni gusto e stile di guida; la possibilità di smanettare sul set up e passare ore alla ricerca del bilanciamento perfetto non manca, anche se in realtà, su circuiti pianeggianti, la vettura si comporta benissimo senza accorgimenti vari. Al contrario, su piste come Imola o Spa, trovare il set up perfetto è più ostico e richiede pazienza e tanti giri. Questo però è uno dei lati positivi della mod, che convince soprattutto per l’impegno che si deve mettere affinché sia possibile guidare senza commettere continui errori. Per quanto riguarda il force feedback bisognerebbe aprire un capitolo a parte: è semplicemente grandioso, godurioso. Non solo con volanti di fascia alta, ma persino con un vecchio Logitech G27. Solo che con quest’ultimo si deve quasi obbligatoriamente diminuire il valore del FFB, che di default è davvero troppo forte per il prodotto svizzero. Una volta trovato il valore ideale si sente perfettamente il terreno sotto le ruote e diventa più facile inserirsi in curva e mantenere in pista l’auto. L’aspetto su cui però vorrei porre maggiormente l’attenzione è il feeling che s’instaura fra pilota e monoposto dopo decine di giri. All’inizio, non essendo dotata di aiuti, l’ASR3 scoda parecchio e se ci si fida troppo, l’errore fatale è dietro l’angolo. Col passare del tempo, però, si iniziano a conoscere le varie sfumature e sfaccettature che caratterizzano la vettura. È veloce, ma non esageratamente da far impazzire i riflessi; è agile, scattante e precisa negli inserimenti come una formula maggiore, ma la mancanza di un’aerodinamica evoluta fa sì che si debba lavorare parecchio col volante nei lunghi curvoni. È un’esperienza diversa e questo ha fatto colpo su di me fin dal principio. Perché non siamo al volante di una monoposto che viaggia su dei binari, viceversa tocca al pilota sfoderare le capacità che servono per portarla al limite. Ed è proprio il “limite” che fa la differenza: oltre quella soglia impercettibile si commettono errori, si va in sovrasterzo se si accelera una frazione di secondo in anticipo oppure si finisce in sottosterzo e si deve correggere la traiettoria perdendo decimi importanti. È una specie di scuola guida per aspiranti sim racers di F1, parallelamente a come una vera GP3 sia un banco di prova per giovani talenti. In tutto questo la fisica non è scontata, abbozzata; è parte fondamentale della mod, di sicuro la parte più riuscita. Infatti, dopo anni di mod provate, si capisce quando una di queste è valida se per raggiungere l’apice, il feeling perfetto, servono ore di guida e continui miglioramenti. Il che denota due cose principalmente: da un lato il fatto che la mod diverte e coinvolge, dall’altro che non è semplificata ma serve impegno costante per sfruttare a pieno ogni sua caratteristica. 

    In conclusione, il lavoro fatto dal team ASR Formula ha catturato la mia attenzione e si è dimostrato essere all’altezza delle precedenti vetture più blasonate. Sia che la si guidi in pratica offline, sia che si corra un campionato intero online o contro la IA, resta sempre una mod fantastica, che trasmette quelle emozioni pure e genuine che solo vetture a ruote scoperte, senza controlli alcuni, sanno garantire. Raccoglie l’essenza della categoria cui s’ispira: è giovane e fresca, spensierata ma con quel giusto apporto di serietà e difficoltà. In attesa della nuova mod in lavorazione che riprende la GP2, questa piccola ma vivace ASR3 Series è promossa, e a pieni voti.

    Per dettagli, commenti e discussioni, fate riferimento al forum dedicato.

    A cura di Mauro Stefanoni

    DOWNLOAD(Previa donazione di 1,99€)

     




    User Feedback

    There are no reviews to display.


  • Who's Online   6 Members, 0 Anonymous, 129 Guests (See full list)

    • Giulio Scrinzi
    • Antony-Falco
    • aimons
    • fantocik
    • lukas1133
    • William


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.