DrivingItalia simulatori di guida Jump to content

Simracing Academy: per diventare vincenti!

L’idea è nata pensando a cosa possa tornare utile a quei piloti virtuali che hanno cominciato da poco con il simracing, o anche a quelli che vogliano approfondire... ecco quindi la nostra Simracing Academy!
Simracing Academy: per diventare vincenti!

Project CARS 3: com'è rispetto ai predecessori?

Dopo la nostra recensione completa, abbiamo pensato di confrontare Project CARS 3 direttamente con i suoi predecessori, il primo ed il secondo titolo...
Project CARS 3: com'è rispetto ai predecessori?

    (0 reviews)

    Lo sviluppo della Formula E passa dal simulatore

    • VELOCIPEDE
    • By VELOCIPEDE
    • 0 comments
    • 870 views

    Il numero di novembre del mensile Racecar Engineering ci propone un interessante articolo che spiega in quale modo i simulatori di guida saranno uno strumento strategico per lo sviluppo delle monoposto di Formula E di seconda generazione, grazie al contributo di Cruden Simulator e del team Mahindra Racing. D'altra parte, l'ascesa della Formula E e la sua rilevanza nello sviluppo della tecnologia dei veicoli elettrici hanno un profondo impatto sullo sviluppo, sugli strumenti e le pratiche di ingegneria nel motorsport, in particolare proprio per i simulatori di guida.

    La stagione 5 del campionato mondiale FIA completamente elettrico rappresenta il più grande balzo in avanti per la serie con auto di seconda generazione, completamente nuove, l'aggiunta di nuovissimi circuiti cittadini e l'arrivo di team ufficiali come BMW, Audi, Nissan, Porsche e Mercedes, che si uniscono a Jaguar, DS, NIO e Mahindra.

    Dennis Marcus, direttore commerciale, Automotive e Motorsport di Cruden Simulator, ci spiega: "Con le gare di Formula E che si svolgono sui circuiti cittadini, non c'è praticamente tempo per i team di testare la pista al di fuori della settimana di gara. Con i nuovi circuiti nel calendario per la Stagione 5, i team si affidano ancora più spesso ai simulatori per testare e convalidare la propria strategia di gestione energetica per una particolare gara. Non sono solo le piste nuove però, perché l'auto di seconda generazione sarà ora in grado di correre una gara intera con una singola carica".

    "A partire dalla stagione 5, le gare saranno limitate nel tempo, il che richiede una strategia di gara completamente diversa per la gestione dell'energia poiché il ritmo della gara è determinato dall'auto in testa alla gara. Un fattore chiave è che la squadra non può influenzare la sua vettura durante la gara. I piloti sono da soli e quindi, lo sviluppo e la preparazione pre-gara è essenziale. Gli ingegneri devono collaborare con il pilota per fornire loro gli strumenti migliori per gestire l'energia durante la gara. Quindi c'è molto lavoro da fare anche prima di valutare le nuove dinamiche e il comportamento della macchina!".

    Squadre come Mahindra Racing utilizzano un simulatore di Formula E su misura per lo sviluppo del set-up, la strategia di gara e l'ottimizzazione della gestione dell'energia, lo sviluppo dei sistemi di controllo e la formazione dei piloti. Il sistema Cruden del team viene fornito con il software di simulazione proprietario Panthera di Cruden, che consente al nuovo modello di veicolo Gen2 del team di corse, utilizzato anche per la simulazione del tempo del giro, da integrare e utilizzare come modello di simulazione driver in-the-loop in tempo reale (DIL ). Inoltre, ha accesso a una libreria completa di circuiti stradali di Formula E poiché Cruden produce riproduzioni accurate di tutti i tracciati, inclusi i nuovi circuiti, nel calendario della stagione 5.

    Marcus aggiunge: "Il coinvolgimento di Cruden in Formula E sta aiutando ad accelerare lo sviluppo dei simulatori stessi. Attraverso le nostre partnership, abbiamo sviluppato sistemi che offrono la visualizzazione di alta qualità e bassa latenza con i conducenti devono controllare l'auto nel simulatore come fanno con la macchina reale. Sulle piattaforme basate sul movimento, gli input e i movimenti dello sterzo si correlano direttamente con ciò che è stato mostrato sullo schermo. Gli ingegneri possono programmare e mettere a punto i parametri di gara con estrema precisione. Cruden sviluppa e fornisce anche tutti gli elementi del sistema di simulazione, fornendo supporto per l'integrazione di prodotti di terze parti come il volante e l'ECU del modello di veicolo."

    Il Dr. David Batterbee, Senior Simulation e Performance Engineer, Mahindra Racing, ha dichiarato: "Una delle caratteristiche più importanti di un simulatore di corse ad alte prestazioni è l'immersione del pilota. Per il massimo vantaggio, il pilota deve percepire la minima differenza tra il simulatore e l'auto reale. I fattori importanti includono una grafica di alta qualità, fornendo spunti precisi per sottosterzo / sovrasterzo / bloccaggio, con controlli del conducente che forniscono il feedback corretto (sterzo, freni, risposta dell'acceleratore, comandi al volante), utilizzando un modello ben correlato di veicoli e pneumatici e con una scansione di tracce ad alta risoluzione".

    "La modellazione accurata del flusso di energia della batteria e il comportamento termico sono anche particolarmente importanti per la Formula E. Ottenere tutti questi fattori massimizza le prestazioni che possono essere estratte dal simulatore e garantisce che i problemi da risolvere siano equivalenti a quelli sperimentati in pista. Con l'auto Gen2, il nostro simulatore ci consentirà di sviluppare e mappare il sistema di frenatura tramite cavo, esplorare la nuova piattaforma aerodinamica e la gestione termica ed energetica del nuovo pacchetto batterie."

    I simulatori hanno un ruolo sempre maggiore nello sviluppo degli sport motoristici e, di conseguenza, nella ricerca e nello sviluppo di autovetture, i simulatori sono ora molto più accessibili. Un tempo il simulatore era riservato ai soli team di Formula 1 con budget illimitati, ora invece stanno diventando sempre più disponibili. In linea con la strategia e la struttura pionieristica della Formula E, l'uso di simulatori garantisce che team più piccoli e indipendenti possano competere grazie a sistemi e software di integrazione forniti da Cruden e altri fornitori.

    Dennis Marcus spiega: "Costruire e gestire i simulatori erano progetti su misura fino a poco tempo fa, ma tale è il tasso di sviluppo e l'uso diffuso, specialmente in Formula E, che sono diventati strumenti di sviluppo che possono essere acquistati e utilizzati immediatamente e da tutti. Con l'accuratezza dei sistemi di oggi, il simulatore offre un modo più veloce e più agile per sviluppare e convalidare i prodotti e stiamo assistendo a un decentramento dello sviluppo grazie agli strumenti basati su cloud, che riduce i tempi di viaggio e i costi per gli ingegneri che devono essere presenti in un determinato luogo per i test. Fatto questo che sta avendo un effetto profondamente positivo sulla nuova generazione di ingegneri. Cruden fornisce una versione gratuita del suo software Panthera, che viene utilizzato dalle università per formare laureati sui simulatori in quanto la tecnologia diventa sempre più diffusa nel nostro settore. "

     




    User Feedback

    There are no reviews to display.


  • Who's Online   14 Members, 0 Anonymous, 157 Guests (See full list)

    • Giulio Scrinzi
    • Reventon
    • fbicio
    • Renanto merlo
    • carlos quesada
    • acciarri
    • Fdudo
    • Roberto Zedda
    • peppe104
    • Cpt Harlock
    • Roberto Lunardi
    • DiegoVisani
    • Eagle Driver
    • sellus85


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.