Jump to content

Simracing: qual'è il futuro della guida virtuale?

Un altro weekend nero per il simracing, nel quale la competizione e il divertimento sono stati sostituiti da sporchi trucchi e da un approccio in pista da video-game arcade di scarsa, scarsissima qualità. Il futuro del simracing è quindi decisamente buio?
Simracing: qual'è il futuro?

Quale PC per il simracing?

Chi vuole avvicinarsi al mondo simracing può farlo nel modo che preferisce, anche se il più versatile e completo, tuttavia, rimane sempre il PC. Ma quale può essere la configurazione migliore per un PC da Simracing, con un occhio di riguardo al proprio portafoglio? Scopriamolo insieme!
Quale PC per il Simracing?

Sim Race Components sponsor dei campionati DrivingItalia

Sim Race Components è lo sponsor ufficiale dei prossimi campionati di DrivingItalia.NET. Il GT Series Season 3 (con Assetto Corsa Competizione) e Formula Exos Championship (con Assetto Corsa), vi daranno la possibilità di vincere sconti incredibili per l'acquisto dei prodotti dell'azienda italiana leader nella progettazione e produzione di postazioni in profilati di alluminio e accessori per il simracing.
Sim Race Components sponsor dei campionati DrivingItalia
  • Sign in to follow this  

    (0 reviews)

    [Parte 6] Guida al setup nel simracing: gli ammortizzatori

    • Giulio Scrinzi
    • By Giulio Scrinzi
    • 0 comments
    • 984 views

     

    Cari piloti virtuali, ben ritrovati nella nostra guida a puntate sul processo di setup di una vettura da competizione nel mondo del simracing. Una settimana fa abbiamo proseguito a scavare nell'universo oscuro delle sospensioni, andando a coprire la loro componente interna: le molle. Oggi, invece, tratteremo di ciò che si vede all'esterno, ma che ha un impatto determinante sul funzionamento di tutto questo complicato sistema: gli ammortizzatori.

    Chiamati in inglese “dampers” o “shock absorbers”, hanno il compito di controllare il modo in cui l'energia è accumulata e rilasciata dalle molle delle sospensioni. Provate a pensarci un secondo: su una qualsiasi auto da corsa le molle devono essere in grado di gestire la forza che si esercita su di esse durante le fasi di accelerazione, frenata ma anche quando la vettura stessa passa sopra gli avvallamenti dell'asfalto o i cordoli.

    foto1.jpg.7a989d8c1065ddb7ab8f21557b5f0014.jpg

    La molla, quindi, accumulerà e rilascerà una certa quantità di energia durante ognuna di queste fasi, per cui in questo contesto serve una componente che faccia in modo che gestisca e permetta la giusta compressione e il giusto rilascio della molla stessa. Ecco, quindi, che entrano in gioco gli ammortizzatori: in parole più semplici, il loro ruolo è quello di moderare il movimento delle molle delle sospensioni, nella più ampia ottica di mantenere il corretto equilibrio della vettura facendola correre il più velocemente possibile sulla pista.

    AMMORTIZZATORI: COME FUNZIONANO?

    Gli ammortizzatori di una vettura da corsa funzionano genericamente in due modi: in compressione (bump) e in estensione (rebound). Il valore impostato per la compressione definisce quanto velocemente le molle si comprimono, per esempio quando la nostra auto passa sopra un avvallamento del nastro d'asfalto. Aumentando questo valore non facciamo altro che aumentare la resistenza della molla alla sua compressione, diminuendo di conseguenza la sua velocità.

    compressione.png.2432343d3ad6fe613f3e585fe05245cc.png

    Il lavoro in estensione, invece, controlla il comportamento della molla quando questa si “rilassa” dal suo stato compresso, che la porta verso la sua condizione normale. Aumentando il valore in estensione, otterremo più resistenza da parte della molla per cui questa rilascerà la sua energia molto più lentamente.

    estensione.png.272deaa0daf64c40c84933bf55cd3487.png

    Fatta questa prima distinzione, il lavoro in compressione e in estensione di come un ammortizzatore gestisce il lavoro delle sue molle interne può essere rispettivamente “lento” e “veloce”, per cui quando parliamo di questa componente dovremo considerare complessivamente quattro valori:

    1. Compressione lenta (slow bump)
    2. Compressione veloce (fast bump)
    3. Estensione lenta (slow rebound)
    4. Estensione veloce (fast rebound)

    Generalmente, il lavoro “lento” dell'ammortizzatore va ad influenzare il modo in cui la molla si comporta quando è compressa (oppure quando si estende) lentamente, per esempio durante le fasi di decelerazione, frenata e percorrenza di una curva. Il lavoro “veloce” dell'ammortizzatore, al contrario, va ad influenzare il modo in cui la molla si comporta quando è compressa (oppure quando si estende) velocemente, per esempio quando si passa sopra a una buca o a un cordolo.

    foto2.jpg.22e16603b03b3388ae666e683953ea8a.jpg

    AMMORTIZZATORI: COME MODIFICARLI?

    Ora che sappiamo come sono fatti e come lavorano i nostri ammortizzatori, andiamo a vedere come modificarne efficacemente le loro impostazioni. In linea generale, in ogni ammortizzatore i valori di estensione dovrebbe essere tenuti sempre più elevati di quelli relativi alla compressione. Il motivo? La molla interna deve essere in grado di comprimersi in un range di utilizzo più ampio di quello relativo alla sua estensione, senza quindi limitare eccessivamente la sua velocità di funzionamento.

    Detto questo, quali sono i valori da modificare in un ammortizzatore? La cosa migliore da fare è quella di effettuare qualche giro di prova con la nostra vettura preferita e “sentire” cosa ci comunica, magari utilizzando la funzione di replay fornita dal simulatore che stiamo utilizzando.

    foto3.jpg.7f82e62d9b6e4a987f75b16ae9d9bf5d.jpg

    Se la nostra auto, per esempio, rimbalza troppo sopra le buche oppure oscilla eccessivamente durante i trasferimenti di carico tra una curva e l'altra al punto da risultare tutt'altro che responsiva ai nostri comandi, il nostro consiglio è quello di aumentare progressivamente i vari settaggi dell'ammortizzatore. Al contrario, se il comportamento generale è molto “tagliente”, imprevedibile e difficilmente controllabile quando si realizzano i vari trasferimenti di carico, allora è il caso di ridurre le impostazioni nella schermata dedicata del nostro simulatore.

    foto4.jpg.e8360d3000f77376f38a052b8665b0dd.jpg

    Teniamo sempre presente che gli ammortizzatori riescono ad influenzare il modo in cui la nostra vettura corre in pista solamente quando le molle al loro interno si comprimono oppure rilasciano la loro energia, quindi sono degli ottimi strumenti che ci possono aiutare a gestire quanto velocemente si realizzano i vari trasferimenti di carico tra i cordoli. Più i valori degli ammortizzatori sono elevati, più rapidamente la nostra auto da corsa si stabilizzerà sulle sue sospensioni: una condizione sicuramente preferibile dall'avere un mezzo che oscilla come una nave in mare aperto! Tuttavia, questo ci fa andare incontro a un comportamento che, progressivamente, diventa sempre più difficile da controllare, per cui anche in questo caso è essenziale trovare il giusto compromesso per riuscire ad abbassare in maniera consistente i nostri tempi sul giro.

    foto5.jpg.018a436cd6e44227bedf025ca45c84d7.jpg

    CONCLUSIONE

    Anche per questa volta siamo giunti al termine della nostra puntata: dopo aver affrontato il tema delle molle, oggi abbiamo visto cosa sono e come funzionano gli ammortizzatori di una sospensione, i quali essenzialmente controllano la velocità secondo la quale le loro molle interne si comprimono oppure si “rilassano”. A seconda del luogo specifico in cui sentiamo di aver difficoltà a gestire la nostra vettura da corsa, gli ammortizzatori possono diventare un potente alleato per migliorare il nostro feeling al volante.

    In questo caso andremo a modificare le varie impostazioni che li definiscono, divise in compressione (lenta e veloce) ed estensione (lenta e veloce): ognuna di esse avrà un impatto non solo sulla nostra guida in pista, ma anche sulle altre componenti della nostra vettura. Di conseguenza l'imperativo prima di mettere mano agli ammortizzatori è quello di conoscere a fondo il comportamento del nostro mezzo e, successivamente, di effettuare una modifica alla volta e osservare quello che succede effettuando passo dopo passo dei giri di prova.

    foto6.jpg.f7bade2260009265d86f04c8430d8050.jpg

    Con questa puntata abbiamo concluso l'importante capitolo delle sospensioni: nella prossima, invece, andremo ad analizzare in maniera approfondita l'altezza da terra. Continuate a seguirci!


    Sign in to follow this  


    User Feedback

    There are no reviews to display.


  • Who's Online   25 Members, 0 Anonymous, 280 Guests (See full list)

    • Fabio Menghi
    • Angel Gamer19
    • icappe
    • olrac
    • Fuk17
    • Enzo Ortolani
    • Gennaro Saggese
    • Formula Gloria
    • Hell18
    • maviaggi
    • Masterblaster
    • robbyfc
    • Replica666
    • CC Gen
    • jaco_it
    • Alessandro Cattaneo
    • duracell
    • debianlinux82
    • vince.it
    • pexpe85
    • Lorys^DRM
    • Gambero
    • Vegatrux
    • pinosciotti
    • renatogdeo


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.