Jump to content

Benvenuto nel Simracing: registrati subito!

Dal 1999, la più seguita community di appassionati di simulatori di guida

  • Sign in to follow this  

    (0 reviews)

    La FIA si interessa seriamente al simracing esport...

    • VELOCIPEDE
    • By VELOCIPEDE
    • 1 comment
    • 1,292 views

     

    L'esport è una delle industrie con la crescita più rapida nel mondo, con vari studi che sostengono che supererà 1 miliardo di dollari di entrate già nel 2019 con un pubblico di 454 milioni di fans. Lo sport automobilistico virtuale farà certamente parte di questo business, con la FIA che ha deciso di posizionarsi in prima linea nella rivoluzione delle corse digitali, come ci dimostra ulteriormente questo lungo articolo pubblicato dalla Federazione Internazionale dell'Automobile.

    Quote

    Mentre i videogiochi di corse sono disponibili da un pò di tempo, è solo negli ultimi cinque anni che lo sport automobilistico digitale è davvero decollato all'interno dello sport automobilistico reale. Man mano che i giochi diventano più realistici e molto più vicini alle simulazioni, le linee tra il mondo reale e quello virtuale delle corse continuano a essere sfocate, alimentate dalla formazione di numerosi campionati di alto profilo.
    Dopo che sono stati fatti i primi passi per portare i giocatori dai loro divani in pista dalla GT Academy di Nissan più di un decennio fa, i simdrivers ora hanno un numero sempre più ampio e sempre più sofisticato di serie di gare disponibili in cui competere.

    La Formula 1 ha formato la propria serie Esports nel 2017, con la sua terza stagione che ha visto la partecipazione di tutte e 10 le squadre coinvolte nella categoria monoposto della FIA e con un montepremi di $ 500.000; McLaren ha istituito il proprio programma di corse digitali interno, McLaren Shadow Project, per aiutare a scoprire nuovi talenti in grado di supportare il suo team di simulatori; la FIA ha abbracciato l'Esports come attività sportiva sempre più valida attraverso i suoi campionati Gran Turismo Sport certificati FIA, lanciati nel 2018. L'interesse per questi campionati è stato significativo. Oltre mezzo milione di piloti hanno partecipato al Progetto Shadow della McLaren nel 2018. Più di 66.000 giocatori hanno preso parte alla F1 Esports Series, che ha attirato un pubblico globale di cinque milioni. E oltre l'80% degli spettatori della serie aveva meno di 35 anni, a dimostrazione del fascino dello sport automobilistico digitale, in particolare per le giovani generazioni.

    Per il Vice Presidente della FIA per lo sport Graham Stoker, lo stretto intreccio tra sport motoristico e corse digitali ha offerto alla Federazione un'opportunità unica per promuovere il suo coinvolgimento e aiutarne lo sviluppo. "I giochi simulati che coinvolgono la guida e gli sport motoristici sono ora così precisi che inizia ad avere serie implicazioni per noi", afferma Stoker.

    “Le competenze, insolitamente, sono direttamente trasferibili. Questo non è ovviamente il caso di molte altre serie di corse digitali. Pensi alla partita di calcio. Le persone che vincono non hanno le capacità per andare in campo e calciare una palla. Ma con lo sport automobilistico, è davvero abbastanza insolito: c'è un legame molto reale. E la FIA si trova in una posizione unica per usarlo come un modo per incoraggiare le persone a praticare sport motoristici. ”I campionati Gran Turismo Sport certificati FIA utilizzano il famosissimo gioco Gran Turismo Sport su PlayStation 4 e attraverso i corridori della piattaforma di tutto il mondo sono in grado di prendere parte online e tentare di qualificarsi per una serie di eventi dal vivo, in cui competono individualmente per la Coppa delle Nazioni e in squadre per la Serie Produttori.

    Il segretario generale dello Sport della FIA Peter Bayer ritiene che la collaborazione con Gran Turismo abbia cambiato la federazione, consentendole non solo di ampliare la partecipazione allo sport automobilistico, ma anche di scoprire nuovi talenti che altrimenti non potrebbero ottenere opportunità in pista nella vita reale.
    "Quando le persone di Gran Turismo si sono avvicinate alla FIA e hanno presentato l'idea di creare un campionato sportivo FIA all'interno del gioco, penso che sia stata una notizia davvero eccitante per noi", afferma Bayer. "Da un po 'di tempo cerchiamo di capire come potremmo impegnarci all'interno dell'intero lato degli sport motoristici digitali e questo è stato un ottimo punto di accesso. Per noi è un'enorme opportunità per far crescere lo sport, trovare nuovi talenti e tutto in un ambiente sicuro e abbastanza economico. Una volta che hai la tua console, un posto di guida e altri accessori a casa, il costo del gioco non è molto alto. "

    La natura economica dello sport automobilistico digitale è stata particolarmente efficace nei paesi senza una cultura delle corse di lunga data che sono alla ricerca di modi per far crescere lo sport automobilistico.
    "Ci sta aprendo nuovi mercati", spiega Bayer. "Abbiamo avuto un grande interesse da parte di paesi in cui lo sport automobilistico non è così sviluppato come potrebbe essere nei paesi europei, nordamericani o asiatici. E per quelle persone, offre una reale opportunità di interagire con un pubblico giovane, per ottenere nuovi potenziali piloti a bordo. Ci sono esempi famosi di bambini che guidano su simulatori e che escono nel mondo dei giochi, e poi li metti su una vera macchina e, dopo un paio di giorni, iniziano a vincere le gare. È una straordinaria opportunità.

    Due corridori che passano dal mondo virtuale a quello reale sono Igor Fraga e Brendon Leigh. Fraga è stato incoronato il primo campione della FIA Gran Turismo Nations Cup a Monaco lo scorso anno e ha vinto il concorso McLaren Shadow Project per entrare a far parte del suo team di F1, mentre Leigh è due volte campione della Serie Esports F1 e parte del team Mercedes degli Esports .

    Dopo aver visto la sua carriera in pista nello sport automobilistico a causa delle difficoltà di finanziamento - una sfida affrontata da molti giovani piloti - Fraga ha visto lo sport motoristico digitale come un modo per promuovere la sua carriera.
    "Mi sono reso conto che questo in realtà potrebbe darmi la possibilità di intensificare la mia carriera agonistica nella vita reale", dice il brasiliano, con il suo successo nel 2018 che gli ha permesso di ottenere un posto nel campionato europeo di Formula Europa in questa stagione, dove ha segnato due podi da cinque gare.

    Leigh è diventato il volto degli Esport di F1 con varie vittorie consecutive, portando al suo ingresso nella Race of Champions e nella Formula Ford 1600 Series nel Regno Unito nel 2019. “Sta dimostrando che le corse virtuali sono diventate più serie e stanno diventando una finestra di trasferimento per i driver del simulatore che vanno nel mondo reale ", afferma Leigh. "Se non hai il budget per andare a fare kart, forse salirai di livello e farai Esport in F1, costruirai la tua capacità e la conoscenza della guida dell'auto. Quindi puoi andare a provare una macchina e vedere se ce l'hai anche nel mondo reale ".

    Oltre a dare la possibilità ai piloti sim di muoversi nelle corse del mondo reale, lo sport automobilistico digitale sta diventando un'attività sportiva a sé stante, offrendo alcune azioni elettrizzanti che hanno catturato l'interesse degli spettatori di tutto il mondo.
    "Ogni appassionato di corse può sintonizzarsi su una gara di Esports e seguire quello che sta succedendo", afferma Julian Tan, responsabile degli sport e della crescita in Formula 1. “Tutte le nostre auto sono digitalizzate, il che crea corse più vicine. Le nostre gare rappresentano il 25% della corsa normale, quindi sono veloci con molta azione. E i conducenti stessi sono più disposti a correre rischi, il che crea un prodotto Esports emozionante dal punto di vista dello spettatore ".

    La FIA è ansiosa di promuovere lo sport motoristico digitale come attività parallela ai suoi campionati in pista e un gruppo di lavoro Digital Motorsport è stato formato per esplorare i suoi interessi nella disciplina. Lo sport motoristico digitale sarà anche una delle discipline agli inaugurali FIA Motorsport Games a Roma alla fine di quest'anno, insieme a corse GT, auto da turismo, Formula 4, drifting e kart.
    "Quando abbiamo avuto l'opportunità di selezionare le discipline che sarebbero entrate nei Giochi del Motorsport, è diventato rapidamente chiaro che dovevamo includere lo sport motoristico digitale nella line-up, in quanto dimostra il nostro impegno e la nostra convinzione per questa grande opportunità per lo sport motoristico , "Spiega Bayer.

    “I nostri ASN ci hanno chiesto supporto in questo settore. C'è un grande interesse tra i nostri club ed è stato probabilmente un passo logico affermare che abbiamo istituito i campionati sportivi Gran Turismo certificati FIA per metterli accanto alle nostre discipline di corsa tradizionali. ” Il tedesco ADAC è il più grande club automobilistico d'Europa e ha visto come lo sport automobilistico digitale può aiutare a far passare una nuova generazione di fan, oltre a dare a un gran numero di persone la possibilità di gareggiare in modo competitivo attraverso i campionati virtuali che ha organizzato.
    "Abbiamo portato il vecchio mondo dello sport automobilistico e i club nei villaggi nel mondo digitale attraverso le corse sim", afferma Marc Hennerici dell'ADAC. "Abbiamo circa 6.000 club in Germania e tutti questi club stanno iniziando a competere tra loro in simulatori di fascia alta.
    "Questo è stato un vero successo", aggiunge. “I club mi stanno dicendo che stanno guadagnando molti nuovi membri e tutti questi nuovi membri hanno tra i 14 e i 23 anni. Questo è qualcosa che non hanno vissuto dai tempi del successo di Michael Schumacher negli anni '90, con membri nuovi e giovani. "

    Per il Vice Presidente della FIA Stoker, è questo tipo di accessibilità che rende lo sport automobilistico digitale così importante per la FIA in futuro. "Tutto ciò che offre un'esperienza più ricca ai fan e incoraggia le persone a partecipare in qualche modo alle corse è una cosa grandiosa", afferma. “Quando vado a eventi come FIA Girls on Track o Dare to be Different, vedi i ragazzi di età compresa tra 8 e 18 anni fare la fila per provare questi simulatori.
    "Non importa dove finiranno in futuro nello sport motoristico, purché rimangano nello sport motoristico, sono contento", conclude. "Potrebbero essere ingegneri, potrebbero essere volontari, potrebbero essere piloti o potrebbero lavorare in team, ma qualunque sia la loro destinazione finale, l'idea di fare un'esperienza emozionante e pratica attraverso un simulatore che accende la tua immaginazione è una cosa grandiosa . È una prospettiva davvero eccitante. "

    Lo sport automobilistico digitale è diventato un veicolo per la FIA per aiutare a far crescere lo sport automobilistico in paesi che non hanno una cultura delle corse sviluppata, con una serie di sovvenzioni emesse nell'ambito del programma di sviluppo dello sport automobilistico.
    Negli ultimi due anni il programma di sviluppo dello sport automobilistico della FIA ha contribuito a finanziare progetti in Ruanda, Sudafrica, Bangladesh e Sri Lanka che stanno contribuendo a far crescere la partecipazione allo sport automobilistico attraverso le corse digitali. Il Rwandan Automobile Club ha collaborato con le scuole per istituire un campionato Gran Turismo Online, incoraggiando la partecipazione e cercando di convertire i piloti dalla guida virtuale a ottenere licenze di vita reale.
    Un programma simile è stato lanciato dall'MSA in Sudafrica, che sta cercando non solo di attirare nuovi partecipanti allo sport automobilistico, ma di identificare nuovi talenti a livello di base. Il progetto mira ad attrarre 200 partecipanti in ciascuna delle 12 sedi e rilasciare 50 licenze digitali nel suo primo anno. In Bangladesh è stato lanciato un programma di ricerca di talenti per portare più giovani alle corse e aiutare a sviluppare lo sport automobilistico nel paese, non solo attraverso la guida, ma anche officiando e ingegnerizzando. Gli eventi si svolgono in tutto il paese, portando a un finale nella capitale, Dhaka.
    Infine, il Ceylon Motor Sports Club dello Sri Lanka è stato premiato con una sovvenzione per Playseats, che gli ha permesso di sviluppare un campionato online nelle scuole usando gli impianti. Alla fine del programma si svolgerà una finale inter-scolastica con l'obiettivo di trasformare i vincitori in veri e propri sport motoristici.
    "Ci sono parti del mondo in cui esiste un enorme talento latente", afferma il vice presidente della FIA per lo sport Graham Stoker. "Pensa all'Africa, a tutti i talenti presenti, ma abbiamo grossi problemi nel far partecipare le persone alle corse. Ci sono circuiti? Ci sono veicoli disponibili?
    "Se fossimo in una posizione in cui potremmo coinvolgere le persone in questi moderni simulatori avanzati, allora potremmo essere coinvolti in alcuni entusiasmanti rilevamenti di talenti in tutto il mondo."

     


    Sign in to follow this  


    User Feedback

    There are no reviews to display.


  • Who's Online   26 Members, 0 Anonymous, 116 Guests (See full list)

    • AyrtonForever
    • salentino
    • uru
    • gius
    • OSTM Voxs
    • brico
    • Pol75
    • Cris_Ace
    • Salvatore Mele
    • oc_geek
    • Superbillox
    • kinobellic
    • gecervi
    • Maxo
    • Shocchino
    • Marvelous
    • bito
    • VELOCIPEDE
    • KANEMALEDETTO
    • zlatalexoby
    • Gianni Monaco
    • biucci
    • madmike34
    • Filodream
    • Laskokuz
    • marric


  • www.TuttiAutoPezzi.it


    www.Auto-Doc.IT


  • su questo sito
  • Categories

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.