DrivingItalia review: SRD-9c Series2 by Renovatio Development - Addons - DrivingItalia.NET simulatori di guida Jump to content

Guida alla telemetria nel simracing

Parte 2: analisi e confronto di due giri

Guida alla telemetria Parte 2

Guida al setup!

Una guida semplice, dettagliata e chiara

Fondamentale per migliorare le performance in pista!

Guida al setup

Discord DrivingItalia: chat testo e voce!

Social-app gratuita, chat testo e voce, via browser, tablet o smartphone.

Oltre 3400 utenti attivi, entra anche tu!

Discord

  • DrivingItalia review: SRD-9c Series2 by Renovatio Development

       (0 reviews)
    Cars soul By Cars soul, in Addons, , 0 comments, 1,531 views
     Share

    Ho passato le ultime due settimane testando a fondo l’ultimo accattivante prodotto di Renovatio Development, un display di alta qualità per sim racers di tutti i tipi. Nell’articolo che segue, troverete non solo le mie opinioni ma anche le caratteristiche oggettive del prodotto.

    Parto subito con il dirvi che il display in questione, denominato SRD-9C, è un gran bel gioiellino, in grado di soddisfare le esigenze di ogni tipo di giocatore, dal sim racer più esigente a chi invece si pone davanti allo schermo poche ore la settimana, ma vuole lo stesso migliorarsi giro dopo giro. Non vanta di uno schermo vero e proprio ma di alcuni led e tre piccoli “schermi” su cui compaiono le informazioni più importanti; tuttavia questo non è il top del top, ma una via di mezzo, e ciò giustifica le scelte fatte dalla Renovatio in merito alla componentistica. Dopo ore e ore a farmi da “vigile” per la pista, su diversi simulatori, sono riuscito a trarne delle conclusioni definitive.

    srd9c3.jpg.9d1a1668698f0b66100e1fe2a92e85c3.jpg

    Confezione: come su un sito di recensioni per smartphone, inizio anch’io con l’enunciarvi ciò che contiene la piccola scatola che arriva a casa propria (tramite corriere DHL molto veloce e affidabile). All’interno troviamo anzitutto il display, protetto da pellicole bianche adesive che evitano i graffi durante la fase di montaggio. Insieme ci sono due cavi micro-usb/usb (uno dei quali coiled ovvero a “bobina”)  che permettono di collegare direttamente il display al pc, più un altro cavo che a un’estremità presenta l’adattatore per usb, utile se il vostro pc è lontano dal volante più di un metro e mezzo. Poi troviamo viti, bulloni e il supporto per il display, che può essere sia per Logitech g27 sia per Fanatech (csr-csw v1/v2/v2.5); inoltre c’è anche la base per chi volesse tenerlo appoggiato sul tavolo e non sul volante. Infine c’è una breve guida sul prodotto, facilmente comprensibile ma che non spiega come installare il display sul volante.

    srd.thumb.jpg.89a919cd67f056731a841ffae833f2a6.jpg

    Installazione: da una parte basterà scaricare dal sito web renovatio-dev.com il plugin e quindi il successivo programma per far partire il software; dall’altra si dovrà procedere con un po’ di fantasia e manualità per agganciare il display al volante. Dico così perché purtroppo non ci sono spiegazioni e l’unica cosa su cui si può fare affidamento è una serie d’immagini di repertorio che trovate sul sito nella pagina dello shopping. Ad ogni modo, vi garantisco che il lavoro è semplice e richiede poco tempo: nel caso dei volanti Fanatech basta staccare la corona intera del volante e fissare il display fra essa e la base con le viti in dotazione; esso resterà poi fermo dietro al volante. Mentre nel caso dei Logitech, si devono svitare i bulloni presenti al centro della corona, toglierla facendo attenzione ai cavi collegati, (staccare il piccolo display a led nel caso del g27) e fissare con le viti il supporto. Il display è così incastrato all’interno del volante e di conseguenza gira con esso. L’ultimo passaggio consta di agganciare con due piccole viti il display al supporto e qui purtroppo l’amara sorpresa: uno dei due buchi era filettato in malo modo e ostruiva il passaggio della vite. Fortunatamente ho risolto con un paio di rondelle di metallo fatte su misura in officina, ma se non fosse possibile recuperarle autonomamente, si dovrebbe richiedere la sostituzione. Un peccato vista la qualità generale del prodotto.

    srd9c1.PNG.cc94cefb7530bc1d5ea562b320426ef5.PNG

    Software: nome in codice SRD-M3. Il software in questione, mette molta carne al fuoco e ogni sua parte è ben sviluppata. Una volta aperto il programma ci si trova di fronte ad una schermata semplice, con le varie opzioni da poter svolgere: si può configurare agevolmente il display per ogni gioco (la cui lista è davvero numerosa e contiene i principali simulatori e videogiochi del momento); si può studiare attentamente la telemetria oppure si può scegliere di aprire una dashboard in stile retrò molto accattivante e dalle dimensioni non troppo fastidiose. Per quanto riguarda la configurazione ci sono davvero tante opzioni disponibili e ogni parte luminosa del display è configurabile a piacimento (ci torneremo più tardi quando parlerò dettagliatamente del display). Anche per quanto riguarda la telemetria essa è chiara, permette di salvare in diretta i dati di gioco ed è divisa in due parti: in alto abbiamo il grafico generale che avanza secondo la velocità impostata da noi; in basso invece possiamo scegliere il parametro che più ci interessa e che vogliamo migliorare. Insomma, è davvero un bel software, completo sotto tutti i punti di vista e ben comprensibile; ha molte funzioni e ha anche la possibilità di aprire il gioco direttamente dall’app (una vera comodità).

    srd9c.PNG.cc487bbf4078cd7833a6d054b904e995.PNG

    Display: eccoci al punto clou dell’articolo, com’è questo display? E rispetto agli altri come si comporta? Sono queste le due domande che mi sono posto prima di testare il prodotto di Renovatio e ora che ho le risposte, cercherò di fare chiarezza su questi due punti fondamentali. Punto primo, il display, oggettivamente parlando, è davvero ben fatto, i materiali sono di ottima qualità, ben rifiniti e se non fosse stato per quel difetto di fabbrica, sarebbe stato da dieci su dieci, senza alcun dubbio. Entriamo ora nel dettaglio: nella parte superiore ci sono i classici led che indicano gli RPM, quindi sono d’aiuto nel cambiare marcia e si può scegliere con il configuratore fra diverse modalità, a proprio piacimento (per esempio dall’esterno all’interno o viceversa, ma anche a led alternati e così via). Sotto troviamo i tre piccoli schermi: a sinistra e destra ci sono quelli rettangolari in cui compaiono sia numeri sia simboli sia lettere ed è possibile impostare vari parametri come la velocità, il tempo sul giro, la temperatura dell’olio o dell’acqua, piuttosto che i giri completati o la posizione in gara. La cosa bella è la possibilità di scorrere fra un parametro e l’altro impostando nel menù di configurazione i tasti; comodo se si vuole tenere sott’occhio più informazioni in modo semplice e rapido. Nel centro abbiamo invece un normale rettangolino che indica esclusivamente le marce. Ognuno di questi tre schermi ha una qualità grafica ottima, sono perfettamente leggibili e la loro intensità luminosa può essere aumentata o diminuita in base alle necessità. Nella parte inferiore del display abbiamo invece quattro led di diversi colori (rosso, giallo, blu e verde); questi servono per indicare le bandiere durante una gara, si possono scegliere per indicare quando si è in riserva di carburante, oppure possono indicare l’attivazione del DRS o del TC. Anche in questo caso la personalizzazione è davvero elevata e per ogni gusto ed esigenza; così come la visibilità dei led è molto buona.

    IMG_20170727_164635.thumb.jpg.30da99486ecddcb0d0e15f1dad7416b2.jpg

    Come si pone rispetto ad altri display presenti sul mercato o artigianali?: la risposta non è semplice perché in gioco entrano vari fattori, ma da un punto di vista prettamente oggettivo (quindi tralasciando il costo) il display SRD-9C è di qualità leggermente superiore alla media di display provati. Indubbiamente è semplice come impostazione generale e chiunque sappia lavorare un minimo con led e cavi è in grado di realizzare un prodotto buono e concorrente, tuttavia ciò che distingue veramente questo SRD-9C dagli altri è proprio la qualità dei materiali impiegati, solidi, robusti, leggeri e belli al tatto; inoltre ogni led funziona alla perfezione e non ha mai dato segni d’indecisione. Unico appunto è il delta del tempo sul giro che impiega un secondo o poco più per comparire sul display; non è molto ma rispetto alle app in game è un po’ lento e fastidioso e se si è nel bel mezzo di una gara o una qualifica sarebbe meglio avere le informazioni subito.

    IMG_20170727_165900.thumb.jpg.c3758f5ed89a056a0d8284bbda64f9c1.jpg

    Come si comporta con i vari simulatori?: nel corso delle due settimane di prova ho potuto testare a fondo il display su Assetto Corsa, rFactor2 e Automobilista. L’integrazione con il simulatore italiano è ottima: una volta ai pit il display lampeggia, finché non s’inserisce la marcia e si da gas; ogni luce o scritta compare al momento corretto (per esempio la spia della riserva di carburante s’illumina quando in game compare l’icona arancione) e come detto in precedenza solo il delta appare con leggero ritardo. Da notare la particolarità della spia per il controllo di trazione che è sempre attiva, sia che si guidino auto con o senza TC, ma che “lampeggia” quando si perde trazione. Utile per capire se si sta oltrepassando il limite in pista. Anche per quel che riguarda rFactor2, non ci sono problemi e ogni led fa il suo dovere e persino le temperature di olio e acqua sono coerenti col gioco, così come la velocità e le marce; quindi ci si può fidare quasi ciecamente del display, senza dover cercare le varie informazioni sullo schermo. Quello che non mi ha convinto molto è invece il simulatore Reiza: in questo caso ho impostato i led inferiori in modo tale che mi avvisassero delle bandiere esposte in pista, ma purtroppo non è mai comparsa alcuna luce quando invece in game c’era un incidente o ero doppiato. Molto probabilmente questo è da imputare a una non corretta implementazione del gioco nel software, ma come promesso dagli sviluppatori di Renovatio, verrà aggiornato il più brevemente possibile.

    Conclusioni: l’SRD-9C Series2 è un display semplice ma curato in ogni aspetto, che ha davvero pochi difetti; è evidente l’ottima qualità grafica e dei materiali e buona è l’integrazione con molti dei più recenti videogiochi e simulatori presenti su pc. Il prezzo base (senza supporto per il volante) è di 130€, un po’ alto se paragonato ad altri display della stessa fascia ma come spiegato in precedenza, l’esclusività dei materiali lo fa lievitare giustificatamente. In definitiva, siamo di fronte ad un display che ben si adatta a ogni utilizzo e a ogni giocatore, sia professionista che non; anche se probabilmente un sim racer incallito potrebbe volere qualcosa in più. Se oggettivamente parlando, quindi, l’SRD-9C è davvero un buon prodotto, dal punto di vista soggettivo dipende molto da ciò che si cerca, ma se ci si accontenta di poche, essenziali ma fondamentali informazioni, allora è il display che si stava cercando.

    Per commenti e discussioni fate riferimento a questo topic del forum dedicato.

    Un ringraziamento speciale va alla Renovatio Development per aver concesso di testare il loro prodotto.

    A cura di Mauro Stefanoni

     

     

     Share


    User Feedback

    There are no reviews to display.


  • Who's Online   8 Members, 0 Anonymous, 114 Guests (See full list)

    • Matteo_Sim
    • ragsimthim
    • Walker™
    • enzo80
    • NitroGiux
    • Excernex
    • Franco Capparucci
    • ant5767


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.