Jump to content

Benvenuto nel Simracing Esport: registrati subito!

Dal 1999, la più importante e seguita community di appassionati di simulatori di guida

VELOCIPEDE

In arrivo LeanGP, il simulatore per le due ruote

Recommended Posts

VELOCIPEDE

LeanGP è una startup spagnola recentemente approdata su kickstarter per proporre il suo simulatore dedicato alle due ruote. La struttura, che vedete nei video, misura 120x70 cm per 70 cm in altezza, con un peso di 40 kg: in basso troviamo una base solida e richiudibile alla quale è fissato lo snodo principale regolabile in rigidità a seconda del peso e alle caratteristiche fisiche del videogiocatore, a seguire, pedane, telaio, serbatoi, sella ed un avantreno personalizzabile.

L'iniziativa su kickstarter si poneva come obiettivo una somma di 20.000 €, ampiamente superata (ad oggi siamo ad oltre 40.000 €). Il LeanGP è compatibile Plug&Play con le principali piattaforme, PC, PlayStation 4 e Xbox One e può essere abbinato ai moderni VR. Molti titoli vengono già indicati come compatibili, tra cui MotoGP17, Ride e Ride 2, MXGP 3, Valentino Rossi: the game e il nuovo TT Isle of Man: Ride on the Edge .

Il simulatore può essere ancora pre-ordinato al prezzo base di 899 €, con consegna del prototipo prevista per giugno 2018. Per maggiori dettagli ed altri video visitate la pagina LeanGP.it ed il relativo canale Youtube.

 

 

 

leangp_simulatore_1.jpg

leangp_simulatore_2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lele "NightRider" Albanes

Molto ma molto interessante. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
MarcoR1

Nel secondo video c'è qualcosa di molto sbagliato;

il "guidatore" cambia direzione della moto spostandola da destra a sinistra solo con il suo peso e non come si dovrebbe fare realmente (spingendo i semimanubri);

questo lo fa probabilmente perché il sistema è stato progettato proprio con questa mancanza.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lele "NightRider" Albanes
3 hours ago, MarcoR1 said:

Nel secondo video c'è qualcosa di molto sbagliato;

il "guidatore" cambia direzione della moto spostandola da destra a sinistra solo con il suo peso e non come si dovrebbe fare realmente (spingendo i semimanubri);

questo lo fa probabilmente perché il sistema è stato progettato proprio con questa mancanza.

 

Quello lo puoi fare solo se hai l'effetto giroscopico delle ruote ad assisterti.

In realtà in questo "simulatore" nella base ci sono delle molle che riportano il telaio in posizione quindi un aiuto col corpo serve.

Non è dinamico insomma,ma d'altra parte per 800€ circa a cui lo venderanno è anche comprensibile che sia statico.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lele "NightRider" Albanes
17 hours ago, MarcoR1 said:

Ah ok, allora ci sta; non avevo fatto caso al prezzo.

Il pledge da fare su Kickstarter è di circa 850€...direi che non è male,oltretutto i comandi al manubrio funzionano tutti.

Certo è che per allenarsi non è male visto il movimento che si deve fare per curvare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Black Box

Tutto "molto interessante" ma...
Si tratta di una SEMPLICE periferica (telaio in plastica, molla centrale e potenziometri per segnale) che permette il controllo dei vari GIOCHI di moto... Per 900 euro "ci sta"... ma per quel poco che ho visto è anche troppo. 
Per come funziona ha svariate mancanze: 
Spostamento (dal centro) non regolare con chiaro "scalino" al centro (odioso...)
Mancanza dell'effetto giroscopico (la moto sta in piedi e "resiste" alla piega in base alla velocità) - ps: questa cosa si può fare, ma necessita di dati in uscita che da quanto ne so nessun gioco ha ancora...

il "guidatore" cambia direzione della moto spostandola da destra a sinistra solo con il suo peso e non come si dovrebbe fare realmente (spingendo i semimanubri);
In realtà si "spinge sui semimanubri" per scendere in piega più velocemente, ma lo spostamento è dato dallo spostamento delle spalle - carico del peso sulle pedane.

Certo è che per allenarsi non è male visto il movimento che si deve fare per curvare.
Anche qui avrei da ridire, perchè mancando l'effetto GIROSCOPICO, mancando quindi la resistenza alla piega, le forze G (che ti tengono in sella) non si ha lo stesso affaticamento. Anzi, avendo "zero resistenza" in fase di piega, ai 200km/h la periferica in questione scenderà come se si fosse ai 50, mentre nel GIOCO la moto, per ovvi motivi, sarà molto più lenta, riscontrando quindi (forse) una differenza tra piega del "pilota reale" e gioco...

Ottimo come "giochino", ma confrontato con la realtà è come come confrontare Sega Rally (da sala giochi)  con RBR o altri SIMULATORI di guida. Questa è uguale alle periferiche da sala giochi (anni 90) dove la moto, con fulcro e molla) si spostava su pedana...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lele "NightRider" Albanes
2 hours ago, Black Box said:

Tutto "molto interessante" ma...
Si tratta di una SEMPLICE periferica (telaio in plastica, molla centrale e potenziometri per segnale) che permette il controllo dei vari GIOCHI di moto... Per 900 euro "ci sta"... ma per quel poco che ho visto è anche troppo. 
Per come funziona ha svariate mancanze: 
Spostamento (dal centro) non regolare con chiaro "scalino" al centro (odioso...)
Mancanza dell'effetto giroscopico (la moto sta in piedi e "resiste" alla piega in base alla velocità) - ps: questa cosa si può fare, ma necessita di dati in uscita che da quanto ne so nessun gioco ha ancora...

il "guidatore" cambia direzione della moto spostandola da destra a sinistra solo con il suo peso e non come si dovrebbe fare realmente (spingendo i semimanubri);
In realtà si "spinge sui semimanubri" per scendere in piega più velocemente, ma lo spostamento è dato dallo spostamento delle spalle - carico del peso sulle pedane.

Certo è che per allenarsi non è male visto il movimento che si deve fare per curvare.
Anche qui avrei da ridire, perchè mancando l'effetto GIROSCOPICO, mancando quindi la resistenza alla piega, le forze G (che ti tengono in sella) non si ha lo stesso affaticamento. Anzi, avendo "zero resistenza" in fase di piega, ai 200km/h la periferica in questione scenderà come se si fosse ai 50, mentre nel GIOCO la moto, per ovvi motivi, sarà molto più lenta, riscontrando quindi (forse) una differenza tra piega del "pilota reale" e gioco...

Ottimo come "giochino", ma confrontato con la realtà è come come confrontare Sega Rally (da sala giochi)  con RBR o altri SIMULATORI di guida. Questa è uguale alle periferiche da sala giochi (anni 90) dove la moto, con fulcro e molla) si spostava su pedana...

Beh,si...tra l'altro ricorda molto altri "simulatori" che avevo visto..uno era con la moto di Rossi(o meglio....parti della moto di Rossi) ed il funzionamento era simile.

Però questa è la prima volta che ne vedo uno da poter comprare e in confronto agli altri che avevo visto questo sembra meglio anche se il funzionamento è simile.

Lo "scalino" credo sia dovuto a molle progressive o doppia molla,la prima più morbida per le pieghe minori e quella dura per le grosse pieghe. 

Per quanto riguarda lo sforzo....fai meno fatica ad andare in piega ma poi sicuramente ne fai di più a tornare dritto dato che l'effetto giroscopico autoraddrizzante non c'è quindi alla fine più o meno siamo li.

Insomma..in un settore dove ci sono zero proposte questo è un inizio....certo che se fosse dinamico sarebbe meglio,ma quello dinamico che ho visto qualche tempo fa qui su DrivingItalia cosa come una moto vera......e non lo potevi di certo mettere in salotto. Insomma...è di sicuro limitato ma magari è anche divertente da usare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Black Box

Scusate, mi sono accorto dopo di non aver inserito correttamente le "citazoni" riprendendo i post precedenti...  

in ogni caso il discorso si è capito. Megli di niente! Certo! Vale sempre il "solito discorso" del Fai-da-te (che vale per tutto), dove se una persona ha un minimo di pazienza e dimestichezza con l'elettronica, in questo caso, va dallo sfasciacarrozze, porta a casa un telaio di una moto (cagiva mito) piegato, lo "replica" nel fissaggio di semimanubri e attacco pedane-sella-serbatoio, ci si mette un fulcro al centro con acceleratore e pompa freno-frizione, due molle e il simulatore, per come lo intendono loro, è bello e fatto. 

Quanto sopra ovviamente (soluzione fai-da-te) ha un prezzo in tempo-materiale che probabilmente si avvicina pericolosamente anche ai 900 euro, ma il mio discorso, da motociclista, è che in questi termini NON si può parlare di simulazione, bensì di intrattenimento ludico...e nient'altro (ahimè......). Anche a volerlo prendere per "buono" come base di partenza, ci sarà sempre il problema della mancanza di resistenza / dinamicitià della periferica.


Vuoi che te la dica "tutta"???...
Per come è fatto (telaietto dalla discutubile solidità) PER ME può essere usato da gente sotto i 60kg (io vedo che la moto "vibra" ed è imprecisa quando ritorna, forse a causa dell'instabilità del fulcro, sottodimensionato?), ragazzini curiosi - bambini, e basta. Il motociclista (anche il meno esperto e smaliziato) si troverebbe in difficoltà con i comandi (distribuzione del peso e inserimento in curva), e gli amanti dei giochi delle 2 ruote andrebbero più forte con il Joypad "classico", perchè più reattivo, meno faticoso e sopratutto senza "falso feedback"(piega della moto che, per chiari limiti hardware-software non è uguale a quella del gioco). 

Ottimo esperimento, ottima idea, ottimo modo per commercializzare un giochino e buono anche il prezzo... ma MOLTO migliorabile sotto tanti aspetti, pur mantenendo tutti i limiti del caso (quasi insormontabili, ad oggi). 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lele "NightRider" Albanes

Tra l'altro ho trovato il video di un tizio che lo prova ed il tutto non mi è sembrato molto funzionale....si notava un evidente ritardo fra i movimenti del pilota e quelli del gioco il che rendeva tutto molto complicato da gestire.

Inoltre ripescando nei "cassetti della memoria" ricordo su un vecchio Motosprint di qualcosa del genere costruito da Ezio Gianola ed il suo preparatore(parliamo di più di 20 anni fa..quindi niente elettronica) che serviva al pilota per allenarsi.

Per quanto riguarda la resistenza ho anche io i miei dubbi.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.