Formula 1 stagione 2015 - Page 3 - Formula 1 - DrivingItalia.NET simulatori di guida Jump to content

Formula 1 stagione 2015


VELOCIPEDE
 Share

Recommended Posts

  • Replies 123
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • VELOCIPEDE

    98

  • davide69

    2

  • Lu ManiaK

    10

  • Mambro Racing

    7

  • DrivingItalia.NET Crew

Melbourne – Prove Libere 1: Rosberg precede Hamilton
Nico Rosberg è il più veloce nelle prime prove libere del Gran Premio d’Australia, precedendo Lewis Hamilton di soli tre centesimi.

Melbourne – Prove Libere 2: doppietta per Rosberg al venerdì

Melbourne, Prove Libere 2 – Classifica
1) Nico Rosberg (Mercedes), 1:27.697 (29)
2) Lewis Hamilton (Mercedes), 1:27.797 (25)
3) Sebastian Vettel (Ferrari), 1:28.412 (33)
4) Kimi Raikkonen (Ferrari), 1;28.842 (33)
5) Valtteri Bottas (Williams-Mercedes), 1:29.265 (32)
6) Daniil Kvyat (Red Bull-Renault), 1:30.016 (27)
7) Carlos Sainz Jr. (Toro Rosso-Renault), 1:30.071 (41)
8) Pastor Maldonado (Lotus-Mercedes), 1:30.104 (11)
9) Romain Grosjean (Lotus-Mercedes), 1:30.205 (37)
10) Nico Hulkenberg (Force India-Mercedes) 1:30.473 (30)
11) Felipe Nasr (Sauber-Ferrari), 1:30.755 (33)
12) Sergio Perez (Force India-Mercedes), 1:30.980 (32)
13) Jenson Button (McLaren-Honda) 1:31.387 (21)
14) Max Verstappen (Toro Rosso-Renault), 1:31.395 (6)
15) Marcus Ericsson (Sauber-Ferrari), 1:32.303 (14)
16) Kevin Magnussen (McLaren-Honda), 1:33.289 (4)

Link to comment
Share on other sites

  • DrivingItalia.NET Crew

Il commento di Autosprint sulle prime libere -> http://autosprint.corrieredellosport.it/2015/03/13/vettel-ridosso-delle-mercedes/26558/
 
Una Ferrari bene equilibrata, che riesce a saltare su cordoli senza rimbalzare in pista, segno che le sospensioni lavorano. Che non blocca le ruote posteriori in fase di frenata, e che non perde trazione perché le ruote posteriori saltellano quando i piloti frenano bruscamente. Problema che lo scorso si verificava spesso.

Link to comment
Share on other sites

  • DrivingItalia.NET Crew

Lewis Hamilton conquista la pole position nel Gran Premio d’Australia, seguito dal tedesco Nico Rosberg

http://www.stopandgo.tv/news//f1/it/melbourne-qualifiche-la-prima-pole-position-a-hamilton.html

 

Melbourne, Qualifiche – Classifica

1) Lewis Hamilton (Mercedes), 1:26.327
2) Nico Rosberg (Mercedes), 1:26.921
3) Felipe Massa (Williams-Mercedes), 1:27.718
4) Sebastian Vettel (Ferrari), 1:27.757
5) Kimi Raikkonen (Ferrari), 1:27.790
6) Valtteri Bottas (Williams-Mercedes), 1:28.087
7) Daniel Ricciardo (Red Bull-Renault), 1:28.329
8) Carlos Sainz Jr. (Toro Rosso-Renault), 1:28.510
9) Romain Grosjean (Lotus-Mercedes), 1:28.560
10) Pastor Maldonado (Lotus-Mercedes), 1:29.480
Eliminati nella Q2
11) Felipe Nasr (Sauber-Ferrari), 1:28.800
12) Max Verstappen (Toro Rosso-Renault), 1:28.868
13) Daniil Kvyat (Red Bull-Renault), 1:29.070
14) Nico Hulkenberg (Force India-Mercedes), 1:29.208
15) Sergio Perez (Force India-Mercedes), 1:29.209
Eliminati nella Q1
16) Marcus Ericsson (Sauber-Ferrari), 1:31.376
17) Jenson Button (McLaren-Honda), 1:31.422
18) Kevin Magnussen (McLaren-Honda), 1:32.037

Link to comment
Share on other sites

  • DrivingItalia.NET Crew

Mercedes straordinaria, Hamilton fenomenale: il 2015 inizia così come era finito il 2014, con le frecce d’argento a dominare la scena ed il pilota inglese tra quelli in assoluto più in forma.
http://www.stopandgo.tv/news//f1/it/melbourne-gara-la-mercedes-e-ancora-imbattibile-hamilton-trionfa-in-australia.html

 

GP Australia, Gara – Classifica:
1. Lewis Hamilton – Mercedes – 1h31m54.067s
2. Nico Rosberg – Mercedes – +7.640
3. Sebastian Vettel – Ferrari – +25.523s
4. Felipe Massa – Williams/Mercedes – +29.196s
5. Felipe Nasr – Sauber/Ferrari – +1m26.149s
6. Daniel Ricciardo – Red Bull/Renault – +1 Giro
7. Nico Hulkenberg – Force India/Mercedes – +1 Giro
8. Marcus Ericsson – Sauber/Ferrari – +1 Giro
9. Carlos Sainz Jr. – Toro Rosso/Renault – +1 Giro
10. Sergio Perez – Force India/Mercedes – +1 Giro
11. Jenson Button – McLaren/Honda – +2 Giri

Sebastian Vettel, alla prima gara con Ferrari taglia il traguardo al terzo posto e conquista il podio. La gioia del pilota tedesco nel team radio alla squadra.

Link to comment
Share on other sites

Bom, primo GP concluso e mi rimane in bocca quel sapore amarognolo difficile da levare...

 

Aldilà di questo volevo lasciare un paio di considerazioni / domande:

 

Buona prova della Ferrari ed in particolare di Kimi, che se non fosse stato buttato fuori dal suo compagno (partito molto male) e se non avesse avuto tutte quelle sfighe sarebbe stato lui sul podio (meritatamente)...

E qui partono i primi dubbi!!!

 

1) se quel asino di Marchionne ha prontamente dichiarato che quest'auto sarebbe stata lenta e "nata male" perchè figlia  del precedente gruppo di persone a capo del reparto corse, come ci spieghiamo queste buone prestazioni? Sarebbe carino se ora facesse i complimenti al vecchio gruppo di lavoro....

 

2)Se questa Ferrari è stata in grado di portare Kimi in 5 posizione in quali, a pochi centesimi da Vettel, e di far si che facesse costantemente tempi migliori del suo compagno  anche in gara, qual'è il vero valore di Seb?????

Cioè stiamo parlando di un pilota che lo scorso anno prendeva anche 5-6 decimi da Alonso....

 

3) Dato per certo il punto 2, Alonso è così forte o questa ferrari è molto più facile da guidare tanto da annullare le differenze tecniche dei piloti? E in ogni caso mi sarebbe piaciuto vedere alla guida Alonso, se solo avesse un'altro carattere (sicuramente non merita di guidare la McLaren-Honda)

 

Concludo con un'analisi generale di questo mondo che stà implodendo su se stesso..... 13 auto al via dove 10 prendono punti, scuderie a rischio fallimento e senza i soldi per pagare l'albergo allo staff, spettacolo sempre più pietoso (a esclusione della magnifica gara di Kimi), un sacco di piloti lì solo per il nome  e per i soldi, alla faccia del talento...

 

Veramente squallido, sopratutto pensando al futuro di questo sport ... Speriamo bene............ :sad:  :sad:  :sad:  :sad:

Link to comment
Share on other sites

Ciao Mambro. Tutto molto interessante e logico ciò che dici. Provo a dire la mia.

 

1- Tempo fa sono rimasto stupefatto leggendo un intervista a Luca Marmorini, ex-motorista di spicco della rossa, rilasciata successivamente il suo siluramento. Dichiarava, in buona sostanza, che la PU da lui progettata, era sotto-dimensionata nelle dimensioni e per forza di cose meno potente per lasciare spazio ad un progetto aereodinamico arguto, e dietro specifica richiesta di tombazis; con i risultati che tutti sappiamo. E' bastato quest'anno dare il giusto spazio al motore coadiuvato da un aereodinamica decente e la macchina si è trasformata.

Seguendo il ragionamento di marchionne, evidentemente la macchina è sì figlia degli "altri", ma con pochi ma ovvi correttivi -vedi motore- ha iniziato con un passo decisamente diverso. Sono convinto che in questa rivoluzione la rossa abbia tagliato un motorista molto bravo, che ha accompagnato la rossa nei successi shumacheriani.

 

2- Raikko è notoriamente un pilota che soffre la macchina quando non è come vuole lui. Il dio del vento quando è tutto perfetto... un mezzo disastro quando c'è da soffrire e remare. Vedi l'anno scorso.

Evidentemente quest'anno sente molto bene la macchina e riesce a guidare come sa fare lui, cambiando

radicalmente il suo rendimento. Mi ricorda hakkinen, per il quale Agnelli stravedeva, un campione a metà.

Inutile dire che questa mia disamina si riferisce al raikko ferrarista, perchè quello visto in mclaren era tutt'un altro paio di maniche.

Nel complesso di una stagione non vale assolutamente alonso. E seb? è più fresco e grintoso, questo sì,

ma a parer mio è sulla stessa lunghezza d'onda di raikko: quando la macchina fa soffrire, incominciano a perdersi.

Alonso, da questo punto di vista, è di un altro pianeta.( almeno fino a prima del misterioso incidente..).

 

E quì si arriva al punto 3. La macchina è più filante e fluida rispetto all'anno scorso e loro possono esprimersi al meglio. E quando lo fanno diventano fortissimi.

 

Terminata l'era schumacheriana, io ho visto solo 2 piloti in f1 capaci di vincere e fare la differenza pur non avendo la macchina migliore: alonso ed hamilton. Il finlandese e sopratutto il crucco, ancora mi devono far vedere di esserne capaci.

 

Concludo dicendo che la mercedes sta spendendo MEZZO MILIARDO di dollari a stagione. Non sorprende che mezzo schieramento sia in crisi di money.

Edited by davide69
Link to comment
Share on other sites

Ciao Davide, ottima interpretazione, ma quello che mi lascia ancora perplesso è il discorso auto...(punto 1)

Lessi anch'io quell'intervista, e ci può stare, ma sai benissimo anche tu che modificare la dimensione del motore vuol dire ridisegnare la macchina da zero.... Telaio, baricentro, aerodinamica, larghezza pance e radiatori, uscita scarichi ecc,ecc...

 

Tutto questo non si fà in un mese, ma in un anno di lavoro...

Oltretutto la macchina di quest'anno ha il grosso vantaggio (da quello che ho potuto vedere) di riuscire a scaricare bene la potenza a terra, e questo era il grande difetto della scorsa stagione. la parola chiave è trazione, e con le nuove appendici aerodinamiche più piccole è in gran parte dovuta ad una buona meccanica delle sospensioni/bilanciamento vettura....

Aspetto che è alla base del progetto e che non si può stravolgere in qualche mese.

 

Altro dettaglio che convalida questa tesi è , specialmente notato nella guida di Kimi per il lungo soffermarsi della regia rai sui suoi duelli,  quanto possa aggredire i cordoli la nuova Ferrari. La scorsa stagione la ferrari doveva girare ben lontana dai cordoli onde evitare di innescare strani saltellamenti e perdita di trazione. Domenica Kimi riusciva a passare con mezza auto sul cordolo guadagnando terreno sui diretti avversari e senza scomporsi in uscita....

Quest'auto è proprio nata bene e Marchionne se è uomo (ne dubito) dovrebbe chiedere scusa a chi ha lavorato duramente per progettarla. 

Lui ha semplicemente voluto pararsi Il "cul#" anticipatamente (non capendo nulla di auto) definendola un progetto sbagliato della precedente gestione in modo da allontanare le critiche in caso di insuccesso.

 

Il classico uomo di beep che se va male la colpa è di altri, se va bene il merito è tutto suo...

 

PS, con quegli investimenti in Mercedes riescono comunque a far quadrare il bilancio, quindi il problema c'è ed è della F1 tutta... Si parla spesso di ridurre costi, investimenti, ecc,eccc e poi si concedono investimenti di questo tipo???

E sopratutto da dove arrivano questi fondi? vuol dire che i successi e sponsor dell'anno scorso hanno portato a coprire tutta la nuova stagione (tecnici,meccanici, trasferte, ecc) più quei 500 milioni di investimento tecnico???

Evidentemente c'è qualcosa che non và!?!?!?

Link to comment
Share on other sites

Concordo su tutto. 
Beh il discorso soldi in F1 è stato sempre mezzo tabù se parliamo di cifre dure e pure ma non è da scandalizzarsi quando ogni tanto escono fuori. Quegli investimenti (mezzo miliardo di €) li si facevano 15 anni fa senza battere ciglio. La stragrande maggioranza di questi fondi arriva dalla "24 ore" dei piloti. Una volta si chiamavano "piloti con la valigia" quelli che si proponevano ad un team con l'appoggio degli sponsor appunto perchè dalla valigia tiravano fuori contratti milionari destinati ai team. Da metà anni '90 tutti i piloti erano "piloti con la valigia". Quando Schumi arrivò in Ferrari, la Marlboro, versò sulle casse ferrariste 80 milioni di € per un anno (il primo e basta mentre nei successivi mi pare aumentò)...si parla di 1 sponsor...1 stramaledettisimo sponsor e basta. E' facile arrivare a introiti stratosferici. Allo stesso tempo è però possibile avere gravissime crisi finanziarie se sulle carene della vettura non c'è scritto praticamente nulla.

Il caso della Mercedes è però lievemente diverso. Loro non solo hanno investito mezzo miliardo ma sono in ATTIVO di 400 milioni di €. Sempre il tutto dovuto ai soldi degli sponsor se si vince. Oramai la F1 di oggi è questa. Avere la macchina vincente vuol dire vincere finchè non cambiano i regolamenti (vedi i motori turbo cosa hanno rappresentato per la Red Bull) o i piloti se sostituiti con altri indegni.

 

La politica del nazi-nano (Ecclestone), da buon inglese garagista, è sempre stata quella di avvantaggiare chi "gli stava più a cuore" e cioè le scuderie anglosassoni (garagisti come Williams e McLaren). Essendo tutti garagisti e non costruttori è nata la politica del risparmio in F1. Che poi, di risparmio in senso assoluto, non c'è traccia...è un palliativo per dare l'idea del risparmio a noi comuni mortali. Noi, per loro, siamo poveri idioti che fanno il ragionamento "non provo quindi risparmio". :asd:

Quando non vi è modo di provare è necessario fare e spendere per tutto il resto. Se non vi è modo di capire, mentre si costruisce l'auto, come saranno le prestazioni allora si presentano i problemi che vediamo oggi. I costi salgono perchè è necessario più gente, più ingegneri, più segretarie (con lavoro ibrido ovviamente), più spese in totale...20 anni fa si prenotava un circuito con tutte le scuderie, si testava e si mandavano i giudizi in sede. Semplice, economico e funzionale...tornando però al discorso di prima è stata una politica per mettere "nei guai" i costruttori per favorire i garagisti. Purtroppo per il nazi-nano, nel tempo, la cosa, si è rivelata un'arma a doppio taglio. Un costruttore avrà sempre più introiti del garagista anche se viene "penalizzato" con il non provare. Questo perchè il costruttore produce anche qualcos'altro tirando su soldi che in minima parte rientreranno comunque nell'ambito della F1. Mercedes, Ferrari, una volta la Renault e la Toyota...per loro la F1 è ed era (in tempi recenti), sopratutto, un business di sponsorizzazione per le vendite. Chi più chi meno reimmetteva certe dosi di guadagno del portafoglio per le spese di progettazione in F1. Capito perchè la McLaren ha fatto l'MP4-12 e la P1? Che necessità avevano per farle? Entrare nel mercato della Ferrari o delle AMG Merdeces? :asd:

In altre parole tutto questo è diventata una mazzata sui piedi dei garagisti cioè tutto il contrario di quello che voleva il nazista. Al punto che è capace di fare (gravi) dichiarazioni come quella di oggi. 

Edited by Lu ManiaK
Link to comment
Share on other sites

  • DrivingItalia.NET Crew

"La gente è triste quando non vince, è interessante vedere i loro commenti. Possono risolvere i problemi ingaggiando gente migliore”. Lewis Hamilton risponde così alla Red Bull che si era lamentata nel post Melbourne di un Mondiale noioso a causa del dominio Mercedes. Lamentele a cui aveva fatto seguito anche una minaccia di "abbandono del Mondiale"

"Hanno dominato la F1 per 4 stagioni, è molto tempo. Eppure non ci siamo lamentati”, la seconda parte dello sfogo del campione del mondo in carica, sempre più innamorato della sua vettura: ”Questa è la miglior monoposto che ho guidato fino ad ora. Noi ingaggiamo gente incredibile e facciamo un lavoro incredibile”.

Aria più distesa invece tra Mercedes e Ferrari, con Nico Rosberg che già a fine del GP d'Australia aveva invitato Sebastian Vettel a farsi un giretto nel suo box per prendere appunti. "Caro Sebastian, questo è un invito ufficiale. Vieni al nostro debrief a Sepang, alle 16 di venerdì. Ci vediamo lì, non dimenticare il blocco per gli appunti. Ho parlato con Toto (Wolff, ndr) e Paddy (Lowe, ndr) dell’invito per Sebastian. Per loro non c’è nessun problema...". I due si saranno fatti una bella risata.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share




×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.