Sim3Pedal V2 by FREX - Pedaliere - Pedals - DrivingItalia.NET simulatori di guida Jump to content

Parte 3 Simracing Academy: tecniche di frenata

Dopo aver esaminato i fondamentali della guida in pista e le traiettorie più appropriate, oggi è arrivato il momento di parlare di una delle skills più difficili da allenare per un pilota: la frenata.
Parte 3 Simracing Academy

Annunciato il Campionato Italiano Gran Turismo ESport 2021

ACI ESport prosegue il suo cammino nel mondo simracing, lanciando il nuovo torneo con la versione PC di Assetto Corsa Competizione: il Campionato Italiano Gran Turismo ESport 2021
Campionato Italiano Gran Turismo ESport

Simracing Academy: l'intervento di Aristotelis Vasilakos

Il mitico Aris ci ha parlato naturalmente di dinamica del veicolo, ma non sono mancati i suoi consigli, svelando qualche piccolo segreto rispondendo alle domande degli allievi...
L'intervento di Aris Vasilakos

F1 2020: guida al circuito di Imola

Il Mondiale F1 2020, dopo 14 anni di assenza, torna sul mitico Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, per il Gran Premio dell’Emilia-Romagna.... Scopriamo tutti i segreti del glorioso tracciato sulle rive del Santerno.
Guida al circuito di Imola

Sim3Pedal V2 by FREX


VELOCIPEDE

Recommended Posts

  • DrivingItalia.NET Crew

La giapponese FrexGP ci presenta oggi il suo nuovo modello di pedaliera professionale per il simracing: la Sim3Pedal V2 offre caratteristiche decisamente gustose per ogni simdriver davvero appassionato, come il freno idraulico con sensore di pressione, sensori Hall lineari per gas e frizione, vibrazione al pedale, svariate regolazioni e molto altro ancora. Il prezzo della versione a tre pedali, grazie al cambio molto favorevole attualmente con lo Yen, è particolarmente interessante, visto che si aggira sugli 800 Euro.

FREX Sim3PEDAL V2
FREX's 2013 new Hi-End Assembled 3 pedals unit

Aluminum strong stiff and durable construction
Hydraulic Brake system with real hydraulic pressure sensor
Newly developed Liner Contactless Hall effect sensor on Throttle and Clutch
Brake maximum foot pressure can be set up to 100kg foot force
Vibration brake at setup pressure
Clutch diafram spring simulated clutch feel
Adjustable spring tensions
Adjustable free play distance of brake pad against rotor
Adjustable brake feel street to race
Adjustable height of pedal
Adjustable pedal travel
Adjustable pedal angle
Adjustable pedal to pedal distance
Auto fill brake fluid from reservoir

Comes with Standalone 4096 steps USB controller for PC

Size:
Width 320mm
Length 400mm (bolt hole to bolt hole) 560mm with box
Height 310mm - 330mm
Weight: 10kg

acquisto diretto allo shop

modello a 3 pedali http://frex.xsrv.jp/gpshop/catalog/product_info.php?products_id=189

modello a 2 pedali http://frex.xsrv.jp/gpshop/catalog/product_info.php?products_id=190

post-2-0-62224100-1359840994_thumb.jpg post-2-0-12747800-1359841000_thumb.jpg



This post has been promoted to an article
Link to post
Share on other sites

Bel prezzo, consigli?

In che senso? Se ne vale la pena? Io ho la pedaliera Frex V1 e sono molto contento. Vorrei una Manu Factory (mi sono lasciato sfuggire scioccamente una) perché da chi ce l'ha ed ha provato quanto d'altro c'è sul mercato la sua opinione è che è "reale". Questa nuova V2 mi da un'ottima impressione e potendo settare la pressione del freno fino a 100 Kg con tanto di pompa Brembo credo che possa essere molto simile alla Manu. In poche parole penso proprio che sarà mia. :dribble:

Posseggo sia la SCM che il Sim wheel e sono veramente molto soddisfatto. Della Frex mi fido. :thumbsup:

Link to post
Share on other sites

:shutup::wtf:

A me sembra la realizzazione di un progetto DIY...


Voglio dire:

I pedali sono fatti con 2 flange di alluminio affiancati e fissati con dei distanziali (e fin qui...potevano usare dei profilati a C come nella V1...???...)

La base è fatta con dei profilati quadrati in alluminio, e i pedali sono fissati alla base con delle flangette di acciaio quadrate (profilati e flangette reperibili in quasi ogni negozio di bricolage).

Personalmente dubito seriamente che, con una simile struttura, si possa arrivare a spingere 100 kg AL PEDALE... Boh, a guardarla mi sembra seriamente un progetto DIY (come quasi tutte le periferiche Frex dopotutto. Vedi cambio etc etc...)

Secondo me FREX (o chi c'è dietro) sta dormendo sugli allori, potendo contare su un certo seguito e una certa "fama". Con questa periferica non si sta proponendo niente di realmente "innovativo" o differente dalla solita minestra riscaldata, o almeno, a giudicare dai sistemi e dall'uso di pezzi reperibili in ferramenta, potrei dire che non si è manco sprecato nel progettare una struttura di base adeguata (come invece fanno molti altri artigiani, che si sbattono per fare sistemi solidi e stabili adatti ad un pubblico particolarmente esigente)

Passando poi al sistema di "frenata", mi sto chiedendo a che serva installare una pompa brembo per poi usare un tubicino in silicone...o simile... Se la memoria non mi inganna per supportare un certo tipo di pressione servono dei tubi resistenti (tubi in treccia), perchè l'eccessiva pressione rischia di dilatarli troppo, perdendo pressione, quindi precisione, senza contare che se "spanciano" poi bisogna sostituirli e procedere a manutenzione anticipata

.

Sopratutto...A che serve mettere una pompa ad olio e relativo pistoncino se poi tutta la pressione viene "scaricata" su una molla e un gommino!!!??!?!???.... :doh:

La stessa critica andrebbe fatta alle modifiche che fanno nelle TILTON et similia (usando pompe ad olio che alla fine scaricano su gommini e molle.......). A che serve?!? A mantenere la struttura originale della tilton?!

OK, bene, ma a parte la "comodità" di poter regolare tramite una valvolina il passaggio dell'olio e avere la possibilità di rilevare la pressione all'interno del circuito, la frenata (il feeling della frenata), secondo un semplice ragionamento logico, dovrebbe risultare IDENTICO a quello che si otterrebbe attaccando la molla e il gommino direttamente dietro al pedale!.... GIUSTO!?

E' grazie al passaggio dell'olio e relativa valvola di chiusura, o la piccola percentuale di dilatazione di 30 cm di tubo (????...), che la frenata risulta leggermente più pastosa???

Pagare una cifra simile "solo" per un sistema che si avvale di un circuito ad olio (con tutti i CONTRO del caso) "solo" per poter contare sul rilevamento della pressione dell'impianto, mi sembra un po assurdo (PER ME.........)

Felice di essere smentito, o di leggere qualche cosa che mi faccia cambiare idea... Io stavo solo facendo un ragionamento logico/matematico ;)

Non avendo provato nessuna frex ne la pedaliera manufactory o Tilton modificata non posso avanzare critiche di nessun tipo, solamente sollevare dubbi che, a rigor di logica, non trovano risposta.


Il post di cui sopra elencava, a suo modo, una serie di dubbi sull'efficacia di certi sistemi considerati ad oggi "tra i migliori" in fatto di feeling.

Dove sbaglio!?.. Sembro essere l'unico controcorrente, e credetemi, la cosa non è piacevole, ma proprio non riesco a capire come possa essere "migliore"

Edited by Mattia.Curtarello
Link to post
Share on other sites

La scelta costruttiva può essere opinabile, ma così come la vedo per me è più facile da metterci le mani. La versione V1, proprio per le sue caratteristiche, ha regolazioni non tanto ampie. Il fissaggio sul profilo in alluminio è già collaudato dall'utilizzo sulle altre periferiche della casa e permette regolazioni millimetriche.

La Frex originariamente utilizzava per il circuito un tubo intrecciato da 150 cm. E' passato a quello in silicone per poter vedere le bolle d'aria e così farle uscire. Al suo interno non utilizza olio normale ma un olio molto liquido (sembra quasi acqua). Non saprei assolutamente dire quanta deformazione subisca, ma lungo tale distanza forse è davvero minima. E a tal proposito Shige sostiene che questa cosa va a "simulare" il percorso dell'olio in un circuito reale che è molto più lungo e di conseguenza con tolleranze. Non saprei come spiegare la cosa ma così l'ho capita io da una sua risposta in inglese che ho da qualche parte.

Tu Mattia sei molto tecnico e la cosa a me piace molto ed infatti ti ammiro. Io non avrei argomenti per controbattere. Solo quelli dettati dal feeling. Io sono partito da una pedaliera G25 poi moddata Mekkanik ed è stata una miglioria notevole. Successivamente è arrivata la Mod di Pastore e sono salito di un gradino. Quindi ho preso la Frex e per me è stato, e lo è tutt'ora, un balzo in alto notevole. Il feeling è veramente bello. Riesco a dosare la frenata come mai prima. La Pastore era solo dura, purtroppo. Ho poi avuto modo di provare un freno con pistoni ad aria e rispetto al feeling di quella a olio per me non c'è confronto. E' stato come avere un'evoluzione della mod Mekkanik.

Ovviamente non voglio convincere nessuno. Anzi, sono pronto a cambiare idea ma per ora mi ispira molto proprio perché di alternative idrauliche non ce n'è. Ho messo un Cerco Manu Factory ma non ne saltano fuori. E quella nuova costa molto molto di più.

Link to post
Share on other sites

Scusate l a ignoranza, ma io non vedo nessuna pompa Brembo, ma solo un pistoncino in ottone e un bicchierino di espansione o rabbocco con coperchietto marchiato Brembo, per i 100 Kg la vedo dura, i perni nel alluminio senza materiale duro si ovalizzerebbero dopo poco uso, usando una cella penso che il carico sia su quella non tenendo conto dei leverismi !

Comunque un certo impatto visivo lo fa, ma ad oggi la gente cerca sempre piu sostanza!

Edited by stef176
Link to post
Share on other sites

Molle regolabili, gommini intercambiabili e tubicini in silicone di lunghezza variabile hanno proprio lo scopo di ridare la senzazione della parte di circuito frenante mancante rispetto ad un'auto reale, in particolare l'accostamento delle pastiglie e le inevitabili perdite di efficenza del sistema per deformazioni, pedite di carico idrauliche, attriti etc. Il tubicino è corto ed in un materiale più elastico di quelli utilizzati in auto da corsa per "simulare" le maggiori perdite di pressione dovute alla maggior lunghezza e complessità dei circuiti freno presenti su un'auto vera.

Naturalmente il tutto deve essere "calibrato" con lunghe sessioni di prove empiriche a suon di cicli prova, correggi, riprova fino a che il feeling è buono. Meglio ancora se possibile rendere la perdita di pressione regolabile, così da poterlo adattare anche alla macchina simulata oltre che ai propri gusti.

Addirittura nelle prime realizzazioni DIY di pedaliere di questo genere si era arrivati a collegare a valle della pompa un pezzo (relativamente corto) di tubo da freni in normale silicone che finiva in una pinza completa e funzionante che andava a chiudere le pastiglie su una lastra di acciaio dello spessore del freno a disco. Anzi da qualche parte mi sembra di avere visto uno di quei simulatori professionali che ancora oggi realizzano così il freno.

Con la sola pompa non si riesce a replicare il vero feeling di un impianto frenante, anzi si rischia di ricadere nel problema che ha sperimentato uru sulla modifica Pastore quando dice "era solo duro". Certo meglio del potenziometro proporzionale alla rotazione, ma ancora non ideale.

Per poi poter dire che questo sia stato reso in modo efficace sulla Frex V2 bisognerebbe provarla.

Edited by marcocale
Link to post
Share on other sites

Ecco, gli ultimi 3 post sopra hanno risposto ad una serie di dubbi ;)

In particolar modo ho trovato la conferma che cercavo riguardante la "deformazione voluta" del tubo che dovrebbe appunto simulare la deformazione di X metri di tubo nelle auto vere.


Certo, è MOLTO empirica come soluzione, nel senso che la vedo molto poco duratura e facilmente "scalibrabile", visto che il tubo in silicone tenderà a deformarsi sempre più nel tempo (credo......!??!?!).

Certo...efficace (a suo modo), ma parlando di affidabilità affiancato al valore nominale di 100 kg... rimango scettico.

Non l'ho provata personalmente, e magari provandola mi innamoro...chissà. Certo è che, trattandosi di parecchi soldini, potevano proporre una struttura migliore, o cmq un sistema più affidabile.


Mi ricordo le critiche mosse alla CST-F1 (freno con molla che scaricava su normalissimo gommino tornito). Dopo qualche tempo il gommino "spanciava" e il feeling sul pedale risultava inspiegabilmente "brutto" (e stiamo parlando sempre di una periferica da 1000 euro).
Questa FREX non sembra fare eccezione, visto che basa il suo sistema di "progressione della frenata" su un gommino e sulla deformazione di un tubo in silicone.

FUNZIONA....ok... per quanto!?

Io sono abbastanza ignorante in materia (specialmente quando si parla di hardware complesso...non è il caso di frex), ma....

Mi ricordo la mod di Mekkanik sul pedale del logitech, e devo ammettere che è stata GENIALE... (funzionava divinamente).

Sulla falsa riga di quella mod ricordo anche la soluzione del pistone ad aria "economico" riempito in minima parte di olio e con le uscite tappate. (altra mod eccezionale secondo me, e che costava 1:10 della frex)

Dovessi valutare di "comprare" questa "nuova" frex...........direi che sarebbe il caso di imparare a fare bricolage... :whistle:

Edited by Mattia.Curtarello
Link to post
Share on other sites

E di mettere mano ad una base così: http://www.demon-tweeks.co.uk/motorsport/pedal-box-assemblies-balance-bars/optimum-balance-products-universal-bulkhead-fit-pro-race-floor-mounted-3-pedal-assembly?

Mi sembra di capire che arrivi nuda e cruda. Bisognerebbe aggiungere l'elettronica per farla dialogare con il pc. E trovare una buona soluzione per il freno.

Link to post
Share on other sites

E di mettere mano ad una base così: http://www.demon-tweeks.co.uk/motorsport/pedal-box-assemblies-balance-bars/optimum-balance-products-universal-bulkhead-fit-pro-race-floor-mounted-3-pedal-assembly?

Mi sembra di capire che arrivi nuda e cruda. Bisognerebbe aggiungere l'elettronica per farla dialogare con il pc. E trovare una buona soluzione per il freno.

L'elettronica -FORSE- è il problema minore.

Guardando quà, non mi mi sembra una grossa difficoltà.

E' "solo" una staffa della giusta misura per attaccarci il potenziometro.

Le schede elettroniche dove collegare il tutto si trovano già fatte in commercio (... anche dai signori a cui "ho preso in prestito la foto" :up: )

Il problema è il freno !!

Bisognerebbe riuscire a contattare il buon Mekkanic; se non ricordo male già in passato aveva costruito una pedaliera recuperando il circuito frenante di un'auto vera.

Secondo me, visto il prezzo di partenza di una pedaliera da corsa come quella che hai linkato.

Con la consulenza di una persona che conosca BENE il funzionamento di un impianto frenante e COSA escogitare per simularlo nel migliore dei modi possibile.

Si potrebbe davvero pensare di costruirsi LA PEDALIERA PROFESSIONALE :sticazzi:

Chissà se riusciamo a costruire un post "tecnico", dove raccogliere le idee. :specchi:

Link to post
Share on other sites
  • VELOCIPEDE unpinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.