DrivingItalia.NET fa parte del network di

Search the Community

Showing results for tags 'simracing'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Auto, moto e..
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Virtual Grand Prix 3
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing
    • Driving Simulation Center
    • Gare
    • DrivingItalia Champs & Races

Calendars

  • DrivingItalia.NET Calendar

Categories

  • KUNOS SIMULAZIONI
    • Assetto Corsa
    • netKar PRO
  • Simulatori by ISI
    • rFactor2
    • rFactor
  • Simulatori by SIMBIN
    • Race ON - Race 07 - GTR Evolution
    • GT Legends
    • GTR 2
  • Simulatori by Reiza Studios
    • Automobilista
    • Game Stock Car
  • F1 by Codemasters
    • F1 2014
    • F1 2013
    • F1 2012
    • F1 2011
    • F1 2010
  • Project CARS
    • Mods
    • Car Skin
  • Need for Speed Shift 2
    • Official files
    • Patch & addons
    • Skins & Cars
    • Tracks
  • Simulatori by PiBoSo
    • Kart Racing Pro
    • GP Bikes
    • World Racing Series
  • Culmone Addons
    • GT Legends Addons
    • GTR2 Addons
    • GTR Evolution Addons
    • Grand Prix Legends Addons
    • netKar Pro Addons
    • rFactor Addons
  • Simulatori RALLY
    • Dirty Rally
    • DiRT 3 Codemasters
    • Richard Burns Rally
    • WRC 3
  • GRAND PRIX LEGENDS
    • Cars & Skins
    • Tracks
    • Patch, Addons, Utility
    • Setups
    • Track Update
  • Varie
    • Demo
    • Fantec Drivers
    • Thrustmaster Drivers
    • OLD

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Marker Groups

  • Members

Location


Interests


GTR 2002 Rank


GPL Rank


Nascar Rank


Come hai trovato DrivingItalia.NET?

Found 37 results

  1. Prosegue a ritmo serrato anche in primavera la stagione delle gare e tornei online con Assetto Corsa gestiti direttamente da DrivingItalia, con il supporto delle dirette in streaming curate dal nostro partner PitlaneTV. I due campionati con la Lotus Evora GTC e la Formula 4 Abarth sono ormai giunti alle ultime battute: le monoposto Tatuus saranno in pista il 29 marzo per l'ultima gara di campionato al Paul Ricard, con Giovanni De Salvo ormai campione, ma con grande lotta per le altre posizioni di classifica; il campionato Lotus andrà invece in pista il 22 marzo a Barcellona e chiuderà la stagione il 5 aprile a Laguna Seca, con una situazione di classifica attuale che vede in testa Maurizio Naselli e grande lotta fra diversi piloti molto vicini come punteggio. Se volete partecipare alle gare dei 2 campionati potete farlo sfruttando alcuni posti disponibili. Non mancano però le cosidette gare "fun", ovvero quelle al di fuori di campionati, pensate per correre online e divertirsi tutti assieme in modo organizzato: il 23 marzo a Brands Hatch andranno in pista le spettacolari Lotus 72D, il 30 marzo sarà il turno delle 500 SS stradali nella divertente Brands Hatch Indy, mentre il 6 aprile si cambia completamente, con le spettacolari Formula 3 Dallara a Laguna Seca ! Per iscrivervi alle singole "fun" vi basta correre sugli appositi topic dedicati. Invece, per i piloti virtuali veramente "folli", abbiamo organizzato la tremenda 3 ORE del Nordschleife con le vetture GT3 ! Non dimentichiamoci infine del prossimo campionato che sarà dedicato alle possenti Porsche 911 GT3 Cup...
  2. Mercoledi 25 gennaio, a partire dalle ore 21, si accendono i motori del DrivingItalia.NET GTC Cup, il torneo virtuale dedicato alla divertente e maneggevole Lotus Evora GTC GT4 di Assetto Corsa. Dopo una settimana di prequalifiche serratissime, in pista troveremo 22 velocissimi piloti, fra i quali esperti simdriver, come Maurizio Naselli, autore del best lap, Roberto Olivetti, Manlio Liguori e persino alcuni piloti reali, come ad esempio Gaetano Trivilino, pilota karting. Potrete seguire l'intero evento in diretta streaming web sul canale dedicato di PitlaneTV, che, a partire dalle ore 21, ci farà accomodare comodamente sulla tribuna dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, con la telecronaca di Renato Vigliotti e Mariano Calò!
  3. Questa sera, mercoledi 18 gennaio, a partire dalle ore 21, si accendono i motori del DrivingItalia.NET Tatuus Challenge, il torneo virtuale dedicato alla divertente e velenosa Formula 4 Abarth di Assetto Corsa. Dopo una settimana di prequalifiche serratissime, in pista troveremo 22 velocissimi piloti, fra i quali esperti simdriver, come Giovanni De Salvo, autore del best lap, Filippo Volpe, Maurizio Naselli e persino alcuni piloti reali, come ad esempio Roland Kummer, driver del campionato Formula 4 tedesco, Gaetano Trivilino, pilota karting ed Emanuele Fanci del Polimarche Racing Team! Potrete seguire l'intero evento in diretta streaming web sul canale dedicato di PitlaneTV, che, a partire dalle ore 21, ci farà accomodare comodamente sulla tribuna di Brand Hatch con la telecronaca di Renato Vigliotti e Mariano Calò! https://www.youtube.com/watch?v=KiVusvwP_ME
  4. Mentre proseguono con successo i due campionati dedicati alla Formula 4 Abarth ed alla Lotus Evora GTC, giunti ormai alla penultima gara della stagione, ed un buon riscontro ottiene in questi giorni anche l'evento "fun" F1 Vintage Glory (iscrizioni ancora aperte) del 23 marzo con la mitica Lotus 72D a Brands Hatch, DrivingItalia ha pensato di accontentare anche gli appassionati delle monoposto più storiche del passato, con un nuovo evento di puro divertimento F1 Vintage Glory, che si disputerà il prossimo 30 marzo con la Lotus 25 di Assetto Corsa sul circuito di Silverstone 1967! Per tutti i dettagli e per effettuare l'iscrizione (i posti sono limitati) correte a questo link del forum
  5. sparco

    Quando alla vigilia di Natale, leggendo il comunicato stampa, ho scoperto che un'azienda leader nel settore motorsport dal 1977 come Sparco aveva deciso di entrare con una linea di prodotti specifici anche nel mondo gaming ed in particolare racing (anzi SIMracing), la mia curiosità è stata davvero enorme, con decine di domande annesse... La presentazione ufficiale a Volpiano (TO) della nuova linea di prodotti Sparco Gaming è stata quindi un'occasione imperdibile per dare risposta alle mie domande e scoprire anche da vicino tutti i "segreti" di un'azienda ormai nota in tutto il mondo e considerata sinonimo di racing e motorsport. Potremo definire in futuro Sparco anche sinonimo di simracing ? Andiamo avanti con ordine, cominciando dal chi è Sparco: Appena arrivato nel parcheggio, dopo aver lottato contro la tipica nebbia del mattino piemontese, ho capito di trovarmi in un posto molto interessante, notando un paio di macchinine decisamente sport, ovviamente caratterizzate dal tipico colore blu Sparco... Dopo aver espletato la registrazione di rito, noto subito il fornitissimo Sparco Shop, praticamente un piccolo paradiso per ogni appassionato. Sono presenti tutte le linee Sparco, dal karting all'automobilismo, naturalmente non manca l'abbigliamento. Un giro attento mi da modo di apprezzare anche i nuovissimi prodotti 2017, come ad esempio le spettacolari tute personalizzabili. Attira la mia attenzione una tuta decisamente vintage che mi sembra di conoscere... ed infatti si tratta della tuta originale utilizzata da Stefano Accorsi (con autografo) nel bellissimo film Veloce come il vento ! Poi sono passato a visitare l'azienda vera e propria, che progetta, sviluppa e realizza praticamente tutto in casa. Ero preparato alla maestosità degli ambienti e dell'organizzazione lavorativa, ma quello che mi ha davvero stupito è l'estrema cura del dettaglio in casa Sparco, con una importanza notevole della manodopera artigianale e specializzata. Credevo insomma di trovarmi di fronte tanti robot, invece erano al lavoro tantissimi professionisti, grafici, tecnici, ma anche sarti, artigiani veri e propri, che svolgevano i loro compiti con grande passione, dedizione e competenza, con estrema cura nei dettagli. In pausa pranzo, con un gustoso catering allestito per l'occasione all'interno dello shop, ho persino capito il vero motivo nascosto dietro la collaborazione tra Sparco e Kunos Simulazioni, che ho voluto opportunamente riassumere in questa foto... Il grande business di Sparco è rappresentato in particolare da sedili e tute. Entrambe lavorati in gran parte in modo artigianale: è stato emozionante vedere un esperto professionista montare la seduta, allestire la pelle e le imbottiture di un sedile di una Bugatti da 2,5 milioni di euro ! Mi è stato spiegato che, proprio grazie alla produzione artigianale, è praticamente possibile personalizzare a piacere il proprio sedile (comprese le sedute da ufficio): ho notato per esempio una poltroncina racing con tanto di logo e nome di un imprenditore ricamati sulla testata. Alla mia domanda su quale fosse stata la personalizzazione più particolare, mi hanno raccontato del sedile per una Bugatti Veyron realizzato per una ricca americana interamente in pelle rosa con ricami particolari, al modico prezzo di una Fiat Panda ! Un fremito invece mi ha persorso quando ci hanno mostrato la nuovissima tuta che utilizzerà Fernando Alonso in McLaren nella prossima stagione 2017. Ovviamente anche le tute sono personalizzabili ed è stato impressionante notare le differenze fra la tuta di Alonso e quelle invece in produzione per i piloti della Nascar: la prima, a doppio strato, solo 600 grammi di peso, semplice nello stile e nei colori, con pochi marchi e loghi, mentre quelle americane sembravano in confronto dei pigiamoni, spesse, oltre 1,2 kg di peso, coloratissime e piene di loghi. Praticamente due mondi all'apposto! Sempre a proposito di tute, sono tutte da ammirare quelle storiche inserite in teche di vetro ed appese alle pareti in più parti dell'azienda: mitica quella di Schumacher in Benetton, da nostalgia quella di Alboreto o Alesi in Ferrari, impressionante poi la differenza con le tute degli anni '70 ! Vi mostro invece in anteprima (foto qui sopra) la nuovissima seduta dedicata al DiRT Rally di Codemasters, acquistabile dallo shop Sparco: la poltrona, derivata dal famosissimo modello racing di Sparco, si distingue nettamente per i tipici colori del simulatore rallystico della software house inglese, abbinati alla consueta comodità e corretta postura che consentono di restare comodi per ore ed ore senza il minimo affaticamento o sforzo. E' presente naturalmente la regolazione lombare e comodi braccioli. Tornando alla visita in Sparco, arriva nel pomeriggio, finalmente, il momento tanto atteso, con la presentazione ufficiale dei nuovi prodotti Sparco Gaming: la postazione di guida, diverse tipologie di sedute (fra le quali appunto quella DiRT), i guanti tecnici e la maglietta tecnica personalizzabile. Non dovete fare altro che attendere la prossima puntata di Inside Sparco [Gaming] per scoprire tutti i dettagli, naturalmente in anteprima, qui su DrivingItalia.NET. A cura di Nicola "Velocipede" Trivilino
  6. Pur se ancora in fase beta, vi segnalo l'interessante servizio offerto a tutti i piloti di iRacing dal portale di Virtual Racing School. In sostanza si tratta di un pacchetto pensato specificatamente per la crescita tecnica e sportiva di un pilota virtuale, con supporto diretto che parte dall'analisi di una telemetria dettagliata creata ad hoc ed integrata nel software. Grazie all'opzione Casual, che è gratuita, è possibile provare le funzionalità di base che in futuro saranno estese anche ad altri simulatori di guida, qualora ci sia richiesta da parte degli utenti. Commenti sul forum. Modern racing simulation technology by iRacing.com is giving users an unparalleled and unprecedented experience which closely replicates on track racing. As such, drivers are able to develop their skills from the comfort of their own homes. However, without any guidance, their practice is not as efficient as it could be. Virtual Racing School offers the technology and the support network that will enable a new generation of drivers to develop their skills using online racing simulators. Our mission is to first Create the Next Generation of iRacing Champions and ultimately to Create the Next Generation of Motorsports Champions.
  7. Pur se ancora in fase beta, vi segnalo l'interessante servizio offerto a tutti i piloti di iRacing dal portale di Virtual Racing School. In sostanza si tratta di un pacchetto pensato specificatamente per la crescita tecnica e sportiva di un pilota virtuale, con supporto diretto che parte dall'analisi di una telemetria dettagliata creata ad hoc ed integrata nel software. Grazie all'opzione Casual, che è gratuita, è possibile provare le funzionalità di base che in futuro saranno estese anche ad altri simulatori di guida, qualora ci sia richiesta da parte degli utenti. Modern racing simulation technology by iRacing.com is giving users an unparalleled and unprecedented experience which closely replicates on track racing. As such, drivers are able to develop their skills from the comfort of their own homes. However, without any guidance, their practice is not as efficient as it could be. Virtual Racing School offers the technology and the support network that will enable a new generation of drivers to develop their skills using online racing simulators. Our mission is to first Create the Next Generation of iRacing Champions and ultimately to Create the Next Generation of Motorsports Champions. https://virtualracingschool.com/
  8. Passato ormai in archivio l'evento della Visa Vegas eRace, che abbiamo analizzato e commentato a questo link, dopo aver premiato con alcuni giri in pista (vera) il bravo Bono Huis, la Formula E prosegue la sua marcia promozionale in collaborazione con gli eventi simracing. Nel video qui sotto infatti potrete vedere cosa è successo a Puerto Madero, sede della tappa Formula E di questa settimana: una divertente gara virtuale fra 9 piloti reali ed un fortunato fans! Per la cronaca, sarà Lucas Di Grassi a partire in pole nella gara di domani.
  9. Gaming fair SimRacing Expo to be run for the 4th time in September Virtual motorsport enthusiasts have a reason to celebrate in September: The freebie gaming fair SimRacing Expo takes place from 16 - 17 September 2017 at Nürburgring. The tradeshow for virtual motorsport provides a unique chance for visitors to not only get the latest update on simracing and gaming trends but also test them. Entrance is for free. Last year the world’s best pilots as well as 15,000 visitors made their way to the event at Nürburgring. For this year the promoters promised even more quality as they planned some more new features. Marc Hennerici from ADAC Mittelrhein e.V., who organizes and manages the SimRacing Expo, explains them in the interview: As the SimRacing EXPO is being held for the 4th time this year, the tradeshow is already quite well established in this rather young environment of virtual motorsport. What motivated you back then to set up an event like this? Hennerici: We‘re currently experiencing a real boom of e-sport worldwide. Virtual motorsport is actually the only sport that is a little lagging behind. Although the communities are very active and highly committed since the early 2000s, the capacities and resources in the background were lacking in order to set up an appealing event. Then, since we are the promoter of the Blancpain GT Series at Nürburgring, we had the idea of utilizing the Nürburgring Boulevard and give Simracing a good start in a historic motorsport environment. Ever since then the visitor numbers of SimRacing Expo have been increasing. Can this also be taken as a sign for an ever increasing quality of the event? Hennerici: Of course we had to go through a learning curve, that at some point requires nothing else but “Trial & Error“. But together with our partners we’ve always drawn the right conclusions and continuously improved the event’s quality. Last year’s event has convinced all partners and participants completely. This now enables us to say that we found the basic orientation after year 3. But this doesn’t mean at the same time that we’re resting. Quite the contrary, this year we will continue working on further details. What do the visitors have to look forward to this year? Will there be any changes with regard to the past SimRacing Expo tradeshows? Hennerici: One of the novelties will be that beside the ADAC SimRacing Trophy a new virtual competition will be held that the world’s best simracers will be taking part in. At this point I don’t want to reveal too much. All that I can say is that it will be team based and inspired by real endurance races. Moreover, we are very happy to welcome the RCCO with their electrically driven slotcars for the first time this year. I guess every spectator that owned a slotcar track can identify and instantly indulges in reminiscences and childhood memories. Also the RC cars (radio controlled) will make their contribution to the visitors‘ entertainment. They have been participating since the very beginning ot the event and it’s always great to see them passionately organizing such an impressive racing weekend every year. So far the highlight of each SimRacing Expo has been the ADAC SimRacing Trophy that is held onsite. What makes the participation so special? And how can one participate? Hennerici: The appeal is definitely the hard knock-out mode. This always bears some surprises and garantuees equal opportunities for everyone as completely identical simulators are provided. Additionally, the best simracers are competing against each other here. Among others the stars that have dominated the so far biggest and best dotated virtual racing event (Formula E Event in Las Vegas). The participation is made via online qualification. The conditions of participation will be available on our website soon: www.simracingexpo.de E-sport is becoming ever more popular. Even soccer clubs such as FC Schalke 04 have their own e-sport teams. SimRacing EXPO has been the first tradeshow that is entirely dedicated to virtual motorsport. Where does the journey lead to? In how far are the borders blurring between real and virtual sport? Hennerici: Hardly any young professional race driver can afford nowadays doing their race preparation without a simulator. I think that this is one main indicator how close simulations are to reality. Also, professional race drivers do compete in races set up by simracing communities in their spare time. SimRacing Expo surely was an additional catalyst for this development in 2014. Beside its competition SimRacing Expo is well known for its exhibitors that offer high quality products for virtual motorsport. Many of the race drivers that were - only a couple of meters away - racing in the Blancpain GT Series found their way to our event, got infected with the “Virus Simracing“ and own a race simulator now. We are proud to see that other promoters like the Formula E are adopting the concept. As the technology is getting better and better, we are convinced that this trend is continuing. The venue of the SimRacing Expo is also an inherent part of the event: the Nürburgring. What makes the location so special? Hennerici: Virtual motorsport meets a worldwide unique history. The Nürburgring is the most legendary race circuit of the world, but shows itself in such a young and fresh manner when everything a real motorsport fan’s heart longs for is provided only within a few meters. This year again, the Nürburgring will host the Blancpain GT Series on 16/17 September. More than 50 GT3 cars with the world’s best GT race drivers deliver an unbelievable spectacle to spectators. Many simracers are visiting a race circuit for the very first time and are fascinated by the infernal sound. The SimRacing Expo, where all motorsport hobbies are presented, takes places only few steps away from the grand stands. One can say that the complete range of motorsport is shown on that weekend and that the various communities are a part of the big motorsport family!
  10. I campionati online targati DrivingItalia, il Tatuus Challenge con la Formula 4 Abarth ed il GTC Cup con la Lotus Evora GT4 di Assetto Corsa, hanno archiviato entrambe la prima gara. Le dirette di PitlaneTV (che potete rivedere integralmente) da Brands Hatch (Tatuus) e da Imola (Evora) hanno mostrato agli appassionati un grande spettacolo e numerosi colpi di scena. Maurizio Naselli ha vinto meritatamente in terra inglese, portando la sua F4 davanti a quella del velocissimo Giovanni De Salvo, con Laurent Resende a completare il podio. Sempre Naselli è riuscito a portare a casa una doppia vittoria anche sulle rive del Santerno imolese, con la sua Lotus che ha preceduto prima Gianpaolo Quadri e De Salvo in gara 1, poi De Salvo e Domenico Ciccone in gara 2. Per i risultati completi e le classifiche dirigetevi a questo link. La Tatuus torna in pista mercoledi prossimo 1 febbraio sul mitico tracciato di Silverstone, mentre le Lotus saranno in gara mercoledi 8 febbraio all'Autodromo di Monza. Visti i valori in campo, lo show non mancherà neppure per gli spettatori!
  11. Mercoledi 25 gennaio, a partire dalle ore 21, si accendono i motori del DrivingItalia.NET GTC Cup, il torneo virtuale dedicato alla divertente e maneggevole Lotus Evora GTC GT4 di Assetto Corsa. Dopo una settimana di prequalifiche serratissime, in pista troveremo 22 velocissimi piloti, fra i quali esperti simdriver, come Maurizio Naselli, autore del best lap, Roberto Olivetti, Manlio Liguori e persino alcuni piloti reali, come ad esempio Gaetano Trivilino, pilota karting. Potrete seguire l'intero evento in diretta streaming web sul canale dedicato di PitlaneTV, che, a partire dalle ore 21, ci farà accomodare comodamente sulla tribuna dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, con la telecronaca di Renato Vigliotti e Mariano Calò!
  12. Our first major team endurance race of the year - the 2017 iRacing 24 Hours of Daytona - kicks off tomorrow around 13:30 GMT (8:30AM EST). Watch our broadcast of the top split LIVE here on Facebook or on iRacing.com/live, with coverage from RaceSpot, Global SimRacing Channel, and v8sonline.
  13. Questa sera, mercoledi 18 gennaio, a partire dalle ore 21, si accendono i motori del DrivingItalia.NET Tatuus Challenge, il torneo virtuale dedicato alla divertente e velenosa Formula 4 Abarth di Assetto Corsa. Dopo una settimana di prequalifiche serratissime, in pista troveremo 22 velocissimi piloti, fra i quali esperti simdriver, come Giovanni De Salvo, autore del best lap, Filippo Volpe, Maurizio Naselli e persino alcuni piloti reali, come ad esempio Roland Kummer, driver del campionato Formula 4 tedesco, Gaetano Trivilino, pilota karting ed Emanuele Fanci del Polimarche Racing Team! Potrete seguire l'intero evento in diretta streaming web sul canale dedicato di PitlaneTV, che, a partire dalle ore 21, ci farà accomodare comodamente sulla tribuna di Brand Hatch con la telecronaca di Renato Vigliotti e Mariano Calò! https://www.youtube.com/watch?v=KiVusvwP_ME
  14. Mentre si stanno già preparando i piloti di Assetto Corsa per la prima gara di test del torneo Lotus GTC Cup ed i drivers del campionato Tatuus Challenge scaldano i motori per le prequalifiche della prima gara ufficiale a Brands Hatch, abbiamo pensato di chiedere la vostra opinione sulle vetture preferite del simulatore Kunos, cosi da organizzare i prossimi eventi online seguendo le preferenze di chi dovrà correre! Correte a questo link per votare.
  15. L'emozione più grande per un appassionato di simracing è certamente quella di correre online contro altri avversari umani. Partendo dal presupposto che il nostro simulatore preferito abbia una buona modalità multiplayer, dobbiamo assicurarci che anche la nostra connessione al server di gioco, quindi alla rete, sia di buon livello, per evitare fastidiosi problemi (per esempio la disconnessione dal server quando siamo primi ad un giro dalla fine della gara!), se non addirittura danni ai nostri avversari (contatti fra le vetture rilevati in modo errato causa latenza). Vediamo quindi come prepararci al meglio a livello tecnico per il nostro online racing... Il nostro primo problema è ovviamente il provider, ovvero l'operatore telefonico che ci fornirà la linea internet. Valutiamo, nella nostra zona, quale sembra essere quello migliore, che solitamente ci offrirà anche un suo modem brandizzato per l'accesso a internet, spesso di qualità piuttosto modesta e mancante delle tecnologie più avanzate soprattutto sotto il profilo della connettività Wi-Fi. E' bene valutare quindi, se procedere all'acquisto di un modem/router di qualità più alta, che permetterà di gestire la connessione alla linea telefonica, le porte LAN per una rete cablata e il Wi-Fi per quella senza fili. Ricordiamo che è molto importante avere una connessione internet stabile e veloce, che minimizzi il ping nelle gare online, per questo motivo l'ideale sarebbe avere PC e console connesse via cavo direttamente al router o al modem/router, anche se si trovano ormai soluzioni Wi-Fi di fascia alta altrettanto performanti in termini di velocità di trasmissione dei dati. Rete delle mie brame... La vostra ADSL è estremamente lenta? Può dipendere dall’operatore, ma molte volte dipende dalla distanza troppo elevata dalla centrale telecom, da dove parte la linea. Più vicini siamo, meglio andrà la connessione che sarà più stabile e veloce. Per scoprire la distanza dalla centrale basta accedere alla pagina di configurazione del modem adsl (solitamente 192.168.1.1), effettuare l’accesso e leggere i due valori che ci interessano: Attenuazione (Attenuation) e Margine di Rumore SNR (Noise Margin), che di solito si trovano sulle impostazioni avanzate o sotto la voce “statistiche”. Numeri alla mano, basta confrontarli con la tabella qui sotto: LINEA FINO A 8Mbps: SNR fino a 6 dB: segnale assente/intermittente 7 – 10 dB: pessima qualità, difficile avere una connessione stabile 11 – 15 dB: segnale sul livello di soglia, controllare impianto telefonico e filtri 16 – 20 dB: segnale pulito, nessuna anomalia 20 – 28 dB: segnale ottimo oltre 28 dB: eccellente Attenuazione fino a 20 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: eccellente 30 – 40 dB: molto buono 40 – 50 dB: buono/discreto 50 – 60 dB: appena sufficiente, si possono verificare disconnessioni oltre 60 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. LINEA FINO A 24Mbps (ADSL2+): SNR fino a 4 db: segnale assente o intermittente 5 – 7 dB: valore nella norma 8 – 11 dB: valore molto buono 12 – 14 dB: segnale ottimo oltre 15 dB: segnale eccellente Attenuazione fino a 10 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: buono 30 – 40 dB: discreto 40 – 55 dB: scarso oltre 55 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. Per calcolare i km che vi separano dalla centrale potete usare questo semplice tool web. Appare chiaro che, tanto più ci si distanzia dalla centrale, più il segnale diminuisce e diventa più difficile ricevere una buona linea adsl. In genere, fino ai 2100 metri è possibile avere una buona adsl 8Mbps, oltre invece si avrà un calo di prestazione, fino ad arrivare alla soglia dei 5km oltre la quale sarà difficile persino agganciare la linea. Ci piace la velocità! I test di velocità della linea adsl sono numerosi, vi consigliamo il famosissimo Speedtest, che è bene effettuare più volte e su diversi servers, sempre vicino a voi. Un altro test ottimo è quello NGI. Altro valore importante è il ping, ovvero il tempo impiegato da un pacchetto di dati spedito da un client, a raggiungere un altro computer collegato alla rete (il server) e a tornare indietro. E’ espresso in millesimi di secondo (ms). Avere un ping basso significa avere meno lag (latenza, micro interruzioni), il che è indispensabile nel caso di videogiochi online. In una connessione adsl tipica varia da 30 a 80-90 ms. Per controllare il ping si può utilizzare Speedtest. Un ping ottimo è 0-30ms, mentre sufficiente 60-80ms, sopra i 150ms si cominciano ad avere problemi... E' possibile ridurre il ping facendosi settare l’adsl in fast, oppure attivando un’opzione telecom italia come internet play. Per verificare se è attivo il fastpath si può usare un comodo tool per windows: OrbMT modem tool. L'ideale sarebbe poi avere una linea ULL, ovvero essere coperti dalla rete proprietaria dell’operatore col quale abbiamo l'abbonamento, potendo quindi anche attivare il profilo fast. Per scoprire se la nostra linea è ULL basta seguire questo link. Connessione via cavo Gli standard per la velocità delle porte di Local Area Network (LAN) sono attualmente due: l'Ethernet viaggia a un massimo di 100 megabit per secondo, mentre la più recente Gigabit Ethernet arriva a 1 gigabit per secondo. La seconda soluzione è ovviamente migliore della prima, ma per poter essere utilizzata tutti i dispositivi connessi alla rete devono supportarla: non solo il router quindi, ma anche i PC o le console collegati. L'aspetto è particolarmente importante per quelli che godono di una connessione in fibra ottica, ma se avete una connessione a banda larga avere un modem con porta Gigabit Ethernet è pressoché inutile. Da non dimenticare che, con la Gigabit Ethernet, il trasferimento di file all'interno della nostra rete LAN sarà estremamente rapido. In genere sono quattro le porte LAN da collegare ad altrettanti dispositivi. L'utilizzo del cavo garantisce sempre la massima velocità di connessione disponibile eliminando il problema della qualità del segnale proprio delle reti senza fili. Per risolvere il problema del limite di quattro porte LAN si possono utilizzare degli hub ethernet o degli switch, anche se si tratta di una soluzione complicata per un'ambiente domestico. Come videogiocatori sarebbe sempre ottimo avere PC e console connessi direttamente al router via cavo in modo tale da ridurre al minimo problemi di ping e massimizzare la velocità di download e upload di dati, relegando invece al wi-fi tutti gli altri dispositivi (smartphone, tablet ecc.). Connessione senza fili Con il wi-fi risolviamo il problema del numero di dispositivi da connettere alla rete, ma dovremo preoccuparci della copertura del segnale, eventuali ostacoli o zone morte. Il segnale Wi-Fi può avere due frequenze differenti: 2,4 GHz e la nuova e più performante 5 GHz (i router di ultima generazione le incorporano entrambe, quindi vengono detti dual-band). La banda 5GHz offre una maggiore velocità di trasmissione dei dati, mentre quella a 2,4GHz ha una maggiore copertura e una migliore ricezione. Se non ci sono tante reti Wi-Fi nelle vicinanze un buon router da 2,4 GHz è sufficiente, mentre se la zona è sovraffolata, un dual-band può essere la scelta migliore. Ovviamente, per la trasmissione dati a 5 GHz, è necessario che anche i dispositivi connessi supportino tale tecnologia. Per esempio i primi modelli di PlayStation 4 e Xbox One sono compatibili solo con i 2,4 GHz. Attenzione anche alla velocità della connessione e il range di copertura della rete: i più diffusi sono l'802.11n (Wireless-N) e il nuovo 802.11ac. Il primo è attivo dal 2009 ed ha la possibilità di implementare la tecnologia MIMO (multiple-input multiple-output) che permette di utilizzare più antenne per trasmettere e più antenne per ricevere. Lo standard 802.11ac è invece attivo dal 2014 e opera solamente su frequenze di 5 GHz. Da tener presente però che la quantità di banda richiesta per giocare in internet è in realtà esigua, quindi di fatto non sfrutteremo appieno il dual band, che però diventa molto importante quando vorremo effettuare live streaming (per esempio di una nostra gara online). Come si sa, la rete senza fili ha il problema della copertura del segnale, quando incontra ostacoli. Una soluzione è quella di un access point, ovvero un device che fornisce un segnale Wi-Fi aggiuntivo, ma ormai tutti i modem montano un access point integrato. L'access point si può utilizzare per ampliare il segnale Wi-Fi e migliorare la copertura del router, sul mercato si trovano dei ripetitori che al costo di qualche decina di euro aumentano il range grazie alle antenne incorporate. Una seconda possiblità sono le power line (costo massimo 50 euro), dispositivi che fondamentalmente convertono i cavi dell'energia elettrica in cavi di rete attraverso i quali scorrono i dati. Le power line vanno utilizzate a coppia: una alla presa di corrente in prossimità del modem con cui andrà collegato tramite cavo Ethernet, e l'altra in una presa di corrente in prossimità del dispositivo che necessita di una connessione. Con i modelli più recenti AV2 si possono connettere ad ogni power line fino a 16 device e garantire una velocità di connessione che è all'incirca la metà di una gigabit Ethernet.
  16. Già sabato prossimo, 7 gennaio, l'annata parte con il botto, grazie all'ormai ben nota gara da 1 milione di dollari che, con le virtuali Formula E su rFactor 2, vedrà sfidarsi 10 piloti reali e 10 fra i più veloci simdrivers del mondo. Il famigerato eSports (lo sport elettronico), che muove ormai milioni di dollari, si interessa finalmente anche al simracing. Sarà giunto il momento di considerare i nostri amati sim come un vero e proprio sport? In realtà resto personalmente sempre dell'idea che il vero sport sia un'altra cosa. Una corsa vera, anche solo in kart, non è come un Grand Prix online, per quanto si tratti di realtà simili e chi corre per davvero ha già compreso il mio pensiero... Il fattore importante dell'eSport, che noi tutti appassionati piloti virtuali dovremmo focalizzare, non è in realtà quello di preoccuparci ad eleggere come "sport" una guida con un volante attaccato ad una scrivania, bensi quello che in realtà muove il tutto: i soldi! Non dimentichiamoci infatti che il grosso problema della nostra passione sono proprio i numeri molto ridotti, una nicchia di appassionati e se non ci sono i numeri, non ci sono interessi, investimenti, quindi non c'è crescita, non si va avanti. Il grande vantaggio dell'eSport è appunto quello di dare una grande visibilità, quindi attirare l'attenzione dei media, del pubblico, degli sponsors e cosi via. Al simracing serve questo, bisogna crescere. Una grossa mano fra l'altro ce la stanno dando anche tutti quei titoli che, nati su PC, spopolano ormai anche su consoles, come Assetto Corsa e Project CARS, mentre un'altro aiuto alla diffusione è venuto dall'utilizzo del sistema digitale Steam, usato ormai da tutti i racing sims. Non è di certo un caso se Andy Tudor degli Slightly Mad Studios ha già affermato che il prossimo Project CARS 2 porrà grande attenzione sin dal lancio proprio sul eSports, cosi come del resto farà anche il Gran Turismo Sport del colosso Polyphony e probabilmente il futuro Forza Motorsport 7 dei Turn 10. Negli ultimi mesi s'è fatto poi un gran parlare del marchio Porsche, lungamente atteso dai fans bel comparto simracing. Innanzitutto per la licenza di Assetto Corsa con relativo triplo pacchetto di contenuti, ma anche perchè, una volta decaduta l'esclusiva di Electronic Arts che ne impediva di fatto la diffusione, dovremmo ora poter gustare le vetture della casa di Stoccarda in diversi titoli nel corso del 2017, partendo proprio dall'appena annunciata licenza in iRacing, con l'imminente disponibilità della Porsche 911 GT3 Cup. Non dimentichiamoci poi che questo sarà l'anno del già accennato Project CARS 2, che dovrebbe vedere la luce in settembre. Il nuovo titolo targato Slightly Mad Studios avrà, fra le altre, anche le licenze Porsche e Lamborghini, per un totale di oltre 200 auto e 50 tracciati, con varie discipline, rally compreso. Dopo averci offerto notte e meteo, SMS sta lavorando... sulle stagioni! "Con il primo Project CARS abbiamo avuto la possibilità di attuare una simulazione del ciclo luce di 24 ore; ora ci stiamo occupando di simulare le stagioni. Vedrete la neve in inverno o foglie di diverso colore per l'autunno e sarà possibile impostare il tutto in modo dinamico, per passare letteralmente attraverso le stagioni. Tutto ciò ha impatto sulle gare, per le temperature, visibilità e per capire gli effetti che si hanno sulla vettura." Dal canto suo, la Kunos Simulazioni non starà di certo a guardare, con tante novità che arriveranno per Assetto Corsa sin dai primi mesi dell'anno, a cominciare dalla pista misteriosa apparsa negli screens di questi giorni: un circuito di fantasia ambientato in Scozia, creato in partnership con la Nvidia e Sparco. Senza dimenticare lo sviluppo sul circuito di Laguna Seca, il prossimo ed atteso update su consoles con le lobbies private, un nuovo DLC gratuito “British Pack” e persino l'arrivo in corso d'anno del merchandise targato AC ! Dopo i primi timori iniziali, ci sta invece stupendo positivamente, lo sviluppo in corso di rFactor 2 da parte del nuovo Studio 397, che ha preso in mano la situazione proprio dal team ISI. Sia l'ultima build rilasciata, che gli aggiornamenti costanti sullo stato dei lavori, fanno ben sperare tutti i fans di rFactor 2, un titolo che negli ultimi tempi con gli ISI, si trascinava stancamente, mentre ora sembra aver ritrovato nuovo vigore simulativo. Infine, il 2017 dovrebbe essere l'anno del nuovo Gran Turismo Sport, la creatura di quel folletto giapponese che risponde al nome di Yamauchi che, nelle intenzioni di Polyphony, dovrebbe rivoluzionare non solo il modo di concepire il divertimento guidato (partendo dalla spettacolare grafica 4K e HDR), ma anche fornire il collegamento diretto ed ufficiale fra le competizioni motoristiche FIA e la guida virtuale. Sarà solo un sogno?...
  17. Dopo avercela presentata nei giorni scorsi, il team Sector 3 rilascia oggi per il suo RaceRoom Racing Experience l'impegnativa e divertente KTM X-Bow RR, che vedete protagonista dei video e screens che seguono. Con il rilascio della vettura, viene anche lanciato un torneo online denominato eSport Trophy, che prevede come premio finale uno spettacolare track day con l'auto reale sul circuito del Red Bull Ring! The KTM X-BOW is now available ➤http://bit.ly/KTM_XBow_RR Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring! KTM X-Bow RR While you may already be familiar with the KTM X-Bow R, the "RR" makes its simracing debut in RaceRoom. Compared to its little sister the X-Bow R, the RR is recognizable at first glance thanks to its additional aerodynamic parts. Then once you get in, you realize that all the features of the road-legal version have been removed, in order to reduce the weight. Also the monocoque is made completely of composite carbon fibre material. The overall result is a race machine weighing just under 800kg equipped with an Audi 2.0 TFSI delivering 360bhp! Car Data:​ Mid-engine open two seater Carbon composite monocoque Audi 2.0 TFSI. Turbo-charged 4-cylinder. 360hp @ 6800rpm 500Nm @ 3600 rpm 6 speed manual Redline @ 7500rpm Shiftpoint @ 6800-7000rpm 40 liter fuel cell 790kg (dry weight) 37/63 weight distribution 250 kg+ downforce at 200 kph 200/610-17 & 240/640-18 slicks Steering defaults are 792 degrees of rotation with a 25 degrees steerlock We've had the pleasure to work on this car with an overwhelming amount of data provided by KTM that allowed @Karsten Borchers to create a highly accurate model of the car while also bringing more insight on suspension models and tyres that will benefit future productions. Here are some notes shared by Karsten to the betatesters during development: Karsten Borchers said: More work went into the Suspension Model, as we have added additional support for the very specific chassis of the X-Bow. 30 liveries will be available for the KTM X-Bow RR, giving you a good taste of the X-Bow Battle, KTM's own one-make Series. ​RaceRoom and KTM are very proud to break new ground, and set you up with the chance to win a unique and exclusive motorsport experience. Win the KTM X-Bow #eSport Trophy, and you'll be the guest of #KTM in Austria, all expenses paid. Thats a nice trip in itself, but the kicker is that your final destination is the Red Bull Ring in Spielberg where you will be gifted with a full track day in the awesome KTM X-Bow. There are very special prizes for the Trophy podium finishers AND for randomly picked entries. You do not have to be the fastest racer out there to walk away with a handsome reward. For more information read the full rules and regulations on our portal: http://game.raceroom.com/championships/6 Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring!​ Good Luck! Hannes Tribelnig, Licensing Manager at KTM commented: "We are excited to be a partner of RaceRoom and look forward to seeing players getting in touch with our KTM X-Bow RR. The fastest will get a chance to prove their skills not only in the virtual- but also in the real world. Have fun and we hope to meet you soon." This post has been promoted to an article
  18. L'emozione più grande per un appassionato di simracing è certamente quella di correre online contro altri avversari umani. Partendo dal presupposto che il nostro simulatore preferito abbia una buona modalità multiplayer, dobbiamo assicurarci che anche la nostra connessione al server di gioco, quindi alla rete, sia di buon livello, per evitare fastidiosi problemi (per esempio la disconnessione dal server quando siamo primi ad un giro dalla fine della gara!), se non addirittura danni ai nostri avversari (contatti fra le vetture rilevati in modo errato causa latenza). Vediamo quindi come prepararci al meglio a livello tecnico per il nostro online racing... Il nostro primo problema è ovviamente il provider, ovvero l'operatore telefonico che ci fornirà la linea internet. Valutiamo, nella nostra zona, quale sembra essere quello migliore, che solitamente ci offrirà anche un suo modem brandizzato per l'accesso a internet, spesso di qualità piuttosto modesta e mancante delle tecnologie più avanzate soprattutto sotto il profilo della connettività Wi-Fi. E' bene valutare quindi, se procedere all'acquisto di un modem/router di qualità più alta, che permetterà di gestire la connessione alla linea telefonica, le porte LAN per una rete cablata e il Wi-Fi per quella senza fili. Ricordiamo che è molto importante avere una connessione internet stabile e veloce, che minimizzi il ping nelle gare online, per questo motivo l'ideale sarebbe avere PC e console connesse via cavo direttamente al router o al modem/router, anche se si trovano ormai soluzioni Wi-Fi di fascia alta altrettanto performanti in termini di velocità di trasmissione dei dati. Rete delle mie brame... La vostra ADSL è estremamente lenta? Può dipendere dall’operatore, ma molte volte dipende dalla distanza troppo elevata dalla centrale telecom, da dove parte la linea. Più vicini siamo, meglio andrà la connessione che sarà più stabile e veloce. Per scoprire la distanza dalla centrale basta accedere alla pagina di configurazione del modem adsl (solitamente 192.168.1.1), effettuare l’accesso e leggere i due valori che ci interessano: Attenuazione (Attenuation) e Margine di Rumore SNR (Noise Margin), che di solito si trovano sulle impostazioni avanzate o sotto la voce “statistiche”. Numeri alla mano, basta confrontarli con la tabella qui sotto: LINEA FINO A 8Mbps: SNR fino a 6 dB: segnale assente/intermittente 7 – 10 dB: pessima qualità, difficile avere una connessione stabile 11 – 15 dB: segnale sul livello di soglia, controllare impianto telefonico e filtri 16 – 20 dB: segnale pulito, nessuna anomalia 20 – 28 dB: segnale ottimo oltre 28 dB: eccellente Attenuazione fino a 20 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: eccellente 30 – 40 dB: molto buono 40 – 50 dB: buono/discreto 50 – 60 dB: appena sufficiente, si possono verificare disconnessioni oltre 60 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. LINEA FINO A 24Mbps (ADSL2+): SNR fino a 4 db: segnale assente o intermittente 5 – 7 dB: valore nella norma 8 – 11 dB: valore molto buono 12 – 14 dB: segnale ottimo oltre 15 dB: segnale eccellente Attenuazione fino a 10 dB: perfetto, non si può ottenere di meglio 20 – 30 dB: buono 30 – 40 dB: discreto 40 – 55 dB: scarso oltre 55 dB: pessimo, disconnessioni frequenti. Per calcolare i km che vi separano dalla centrale potete usare questo semplice tool web. Appare chiaro che, tanto più ci si distanzia dalla centrale, più il segnale diminuisce e diventa più difficile ricevere una buona linea adsl. In genere, fino ai 2100 metri è possibile avere una buona adsl 8Mbps, oltre invece si avrà un calo di prestazione, fino ad arrivare alla soglia dei 5km oltre la quale sarà difficile persino agganciare la linea. Ci piace la velocità! I test di velocità della linea adsl sono numerosi, vi consigliamo il famosissimo Speedtest, che è bene effettuare più volte e su diversi servers, sempre vicino a voi. Un altro test ottimo è quello NGI. Altro valore importante è il ping, ovvero il tempo impiegato da un pacchetto di dati spedito da un client, a raggiungere un altro computer collegato alla rete (il server) e a tornare indietro. E’ espresso in millesimi di secondo (ms). Avere un ping basso significa avere meno lag (latenza, micro interruzioni), il che è indispensabile nel caso di videogiochi online. In una connessione adsl tipica varia da 30 a 80-90 ms. Per controllare il ping si può utilizzare Speedtest. Un ping ottimo è 0-30ms, mentre sufficiente 60-80ms, sopra i 150ms si cominciano ad avere problemi... E' possibile ridurre il ping facendosi settare l’adsl in fast, oppure attivando un’opzione telecom italia come internet play. Per verificare se è attivo il fastpath si può usare un comodo tool per windows: OrbMT modem tool. L'ideale sarebbe poi avere una linea ULL, ovvero essere coperti dalla rete proprietaria dell’operatore col quale abbiamo l'abbonamento, potendo quindi anche attivare il profilo fast. Per scoprire se la nostra linea è ULL basta seguire questo link. Connessione via cavo Gli standard per la velocità delle porte di Local Area Network (LAN) sono attualmente due: l'Ethernet viaggia a un massimo di 100 megabit per secondo, mentre la più recente Gigabit Ethernet arriva a 1 gigabit per secondo. La seconda soluzione è ovviamente migliore della prima, ma per poter essere utilizzata tutti i dispositivi connessi alla rete devono supportarla: non solo il router quindi, ma anche i PC o le console collegati. L'aspetto è particolarmente importante per quelli che godono di una connessione in fibra ottica, ma se avete una connessione a banda larga avere un modem con porta Gigabit Ethernet è pressoché inutile. Da non dimenticare che, con la Gigabit Ethernet, il trasferimento di file all'interno della nostra rete LAN sarà estremamente rapido. In genere sono quattro le porte LAN da collegare ad altrettanti dispositivi. L'utilizzo del cavo garantisce sempre la massima velocità di connessione disponibile eliminando il problema della qualità del segnale proprio delle reti senza fili. Per risolvere il problema del limite di quattro porte LAN si possono utilizzare degli hub ethernet o degli switch, anche se si tratta di una soluzione complicata per un'ambiente domestico. Come videogiocatori sarebbe sempre ottimo avere PC e console connessi direttamente al router via cavo in modo tale da ridurre al minimo problemi di ping e massimizzare la velocità di download e upload di dati, relegando invece al wi-fi tutti gli altri dispositivi (smartphone, tablet ecc.). Connessione senza fili Con il wi-fi risolviamo il problema del numero di dispositivi da connettere alla rete, ma dovremo preoccuparci della copertura del segnale, eventuali ostacoli o zone morte. Il segnale Wi-Fi può avere due frequenze differenti: 2,4 GHz e la nuova e più performante 5 GHz (i router di ultima generazione le incorporano entrambe, quindi vengono detti dual-band). La banda 5GHz offre una maggiore velocità di trasmissione dei dati, mentre quella a 2,4GHz ha una maggiore copertura e una migliore ricezione. Se non ci sono tante reti Wi-Fi nelle vicinanze un buon router da 2,4 GHz è sufficiente, mentre se la zona è sovraffolata, un dual-band può essere la scelta migliore. Ovviamente, per la trasmissione dati a 5 GHz, è necessario che anche i dispositivi connessi supportino tale tecnologia. Per esempio i primi modelli di PlayStation 4 e Xbox One sono compatibili solo con i 2,4 GHz. Attenzione anche alla velocità della connessione e il range di copertura della rete: i più diffusi sono l'802.11n (Wireless-N) e il nuovo 802.11ac. Il primo è attivo dal 2009 ed ha la possibilità di implementare la tecnologia MIMO (multiple-input multiple-output) che permette di utilizzare più antenne per trasmettere e più antenne per ricevere. Lo standard 802.11ac è invece attivo dal 2014 e opera solamente su frequenze di 5 GHz. Da tener presente però che la quantità di banda richiesta per giocare in internet è in realtà esigua, quindi di fatto non sfrutteremo appieno il dual band, che però diventa molto importante quando vorremo effettuare live streaming (per esempio di una nostra gara online). Come si sa, la rete senza fili ha il problema della copertura del segnale, quando incontra ostacoli. Una soluzione è quella di un access point, ovvero un device che fornisce un segnale Wi-Fi aggiuntivo, ma ormai tutti i modem montano un access point integrato. L'access point si può utilizzare per ampliare il segnale Wi-Fi e migliorare la copertura del router, sul mercato si trovano dei ripetitori che al costo di qualche decina di euro aumentano il range grazie alle antenne incorporate. Una seconda possiblità sono le power line (costo massimo 50 euro), dispositivi che fondamentalmente convertono i cavi dell'energia elettrica in cavi di rete attraverso i quali scorrono i dati. Le power line vanno utilizzate a coppia: una alla presa di corrente in prossimità del modem con cui andrà collegato tramite cavo Ethernet, e l'altra in una presa di corrente in prossimità del dispositivo che necessita di una connessione. Con i modelli più recenti AV2 si possono connettere ad ogni power line fino a 16 device e garantire una velocità di connessione che è all'incirca la metà di una gigabit Ethernet. This post has been promoted to an article
  19. E' arrivato l'inverno, quindi il periodo preferito per tutti i simdrivers! DrivingItalia fornisce da tempo a tutti gli appassionati il servizio FORS, per correre online e divertirsi insieme, ma dal mese di Gennaio vogliamo offrire ancora più emozioni a tutti gli appassionati di Assetto Corsa, grazie al supporto dell'amico Alessandro "Gambero" Gamberini. Partiamo con 2 tornei, pensati anche per i piloti virtuali principianti, o alle prime esperienze di online racing. Ricordiamo che è possibile partecipare ai tornei (sempre senza costi di iscrizione) anche dai simulatori dinamici professionali del Driving Simulation Center ! Campionato DrivingItalia.NET Tatuus Challenge con Formula Abarth - regolamento e calendario a questo link del forum - iscrizione a questo link del forum (massimo 48 piloti) - 18-01-2017 prima gara test - 01-02-2017 prima gara di campionato (5 gare totali) . Campionato DrivingItalia.NET GTC Cup con Lotus Evora GTC - regolamento e calendario a questo link del forum - iscrizione a questo link del forum (massimo 48 piloti) - 11-01-2017 prima gara test - 25-01-2017 prima gara di campionato (5 gare totali) E mi raccomando: ricordate di votare il SIM sondaggio !
  20. The KTM X-BOW is now available ➤http://bit.ly/KTM_XBow_RR Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring! KTM X-Bow RR While you may already be familiar with the KTM X-Bow R, the "RR" makes its simracing debut in RaceRoom. Compared to its little sister the X-Bow R, the RR is recognizable at first glance thanks to its additional aerodynamic parts. Then once you get in, you realize that all the features of the road-legal version have been removed, in order to reduce the weight. Also the monocoque is made completely of composite carbon fibre material. The overall result is a race machine weighing just under 800kg equipped with an Audi 2.0 TFSI delivering 360bhp! Car Data:​ Mid-engine open two seater Carbon composite monocoque Audi 2.0 TFSI. Turbo-charged 4-cylinder. 360hp @ 6800rpm 500Nm @ 3600 rpm 6 speed manual Redline @ 7500rpm Shiftpoint @ 6800-7000rpm 40 liter fuel cell 790kg (dry weight) 37/63 weight distribution 250 kg+ downforce at 200 kph 200/610-17 & 240/640-18 slicks Steering defaults are 792 degrees of rotation with a 25 degrees steerlock Karsten Borchers said: Suspension: You have the option between 3 springs. 70, 80, 90 in the front, and 100, 120, 140 in the rear. Add to that 5 Anti-Roll bar settings, front and rear. The default damper settings are set to KTM specs. You have the usual camber and toe adjustments accessible. Transmission: It is using actual gear-ratios, except we had to cheat a little for the 5th and 6th gears so they use a final ratio rather than a dynamic solution where both can use different finals. The differential is not adjustable. Aerodynamics: Regarding downforce, you have 3 options for that small wing in your back. The lowest setting will allow you to reach the top speed of 249kph while the highest setting will reduce your top speed to 241kph. Shifting: The engine has very strong low end torque, and its shift point is around 6800-7000. The Shift light comes on at 6800. That means you will not be using the first two gears very often but instead make the high torque work for you. Tires: The compound used by KTM in the X-Battle is a very hard one, and you will not be getting much wear from them. It is common to use a single set of tires for a full week-end. Good to note that we're using a new heating / cooling model for this one. It is slightly more friction based now, and if your tires run cold, you just aren't going quick enough. If the front is going hot and the rear cold, you should look into adjusting your driving and stop ploughing into the corners and instead shift the weight around some more. You will notice that on some tracks it will be hard to get temperatures up while on others you will struggle to keep them low enough. Brakes: A lot of work went into the brakes, changing the way we have been doing them in the past. They now bite a lot more, and dont cool/heat as fast as you're used to. Default pressure is now 90%, and you can go down to 75% if you wish. Now do not panic about that. You are free to run 100%, but you will have to modulate the brakes a lot more, and you cant just slam them, because they will lock instantly. The brake bias can be adjusted in 0.5 increments, and you can go as far as 55% rear, if you so desire. The brakefade range has been increased a lot. Optimal temperature is 450 celcius, and at 50c or 850c you will only have 89% braking power. You might find that on some tracks, like Norisring, you cannot just keep braking at the minimum brake distance lap after lap. They will run hot quite fast! Click to expand... More work went into the Suspension Model, as we have added additional support for the very specific chassis of the X-Bow. 30 liveries will be available for the KTM X-Bow RR, giving you a good taste of the X-Bow Battle, KTM's own one-make Series. ​ We've had the pleasure to work on this car with an overwhelming amount of data provided by KTM that allowed @Karsten Borchers to create a highly accurate model of the car while also bringing more insight on suspension models and tyres that will benefit future productions. Here are some notes shared by Karsten to the betatesters during development: RaceRoom and KTM are very proud to break new ground, and set you up with the chance to win a unique and exclusive motorsport experience. Win the KTM X-Bow #eSport Trophy, and you'll be the guest of #KTM in Austria, all expenses paid. Thats a nice trip in itself, but the kicker is that your final destination is the Red Bull Ring in Spielberg where you will be gifted with a full track day in the awesome KTM X-Bow. There are very special prizes for the Trophy podium finishers AND for randomly picked entries. You do not have to be the fastest racer out there to walk away with a handsome reward. For more information read the full rules and regulations on our portal: http://game.raceroom.com/championships/6 Enter the KTM X-Bow eSport Trophy ➤http://bit.ly/KTM_X-Bow_eSport_Trophy And win a track day in the real car at the Red Bull Ring!​ Good Luck! Hannes Tribelnig, Licensing Manager at KTM commented: "We are excited to be a partner of RaceRoom and look forward to seeing players getting in touch with our KTM X-Bow RR. The fastest will get a chance to prove their skills not only in the virtual- but also in the real world. Have fun and we hope to meet you soon."
  21. Carroll was given the opportunity to drive the Spark SRT_01E after winning the Long Beach round of the Road to Vegas Challenge, the Cloud Sport-run competition to find the 10 sim racers who will challenge the 20 Formula E drivers in the million-dollar Vegas eRace. The 26-year-old Edinburgh-based sim expert is no bedroom racer. In fact, was a handy real world driver – winning the Scottish Formula Ford Championship in 2007 and then clutch of national titles the following season. But with the next rung of the ladder requiring a budget of £100k+ it was simply beyond his means. But the love of racing persisted and sim racing offered a competitive – and cost effective – alternative. But don’t think these are just glorified computer games. The world of sim racing is every bit as competitive as its real-world cousin, with the drivers having commercial sponsorship and teams spending hours honing the ultimate set-up, not just of the car, but of the peripherals like the pedals and steering wheel too. “Some of the guys I am racing against are the best sim racers in the world,” he reveals. “Some are 30-40 years old and have been doing it for 20 years, using games that were about before I was born! I’m not here to get beat by these guys. I just need a bit more knowledge about the simulator itself and the computers and so on. Because those guys are sponsored by the wheel manufacturers and so on, so the company tells them the perfect settings to use. We’re not at a disadvantage, we can test all these things, but we’re up against some stiff competition. The Road to Vegas Challenge using rFactor software, but there are a variety of sim racing title like iRacing and Assetto Corsa where whole communities of ultra-competitive drivers compete on a regular basis. Equipment doesn’t come cheap, with wheels costing upwards of £1000, which anything less than a top-spec PC is going to leave you floundering. Such has been the attention to detail Graham has spent on sim racing, he even credits it with allowing him to make a winning return to the track, when he took a great victory in the prestigious Walter Hayes Trophy in 2015. “When I came back and won the Walter Hayes Trophy last year after been absent since 2008, I would never have won it without iRacing, I can say that 100 per cent. If I didn’t use that and changing the set-up and feeling what it’s doing and keeping my mind on track, I would never have won, so it’s a massive thing.” A good result in this weekend’s Berlin round of the Road to Vegas will mean that Carroll is assured of a place in the Vegas eRace – and guaranteed a minimum of $20,000 in prize money, not that he’s even remotely settling for that. “I want to go there not to think about winning $20,000, but $200,000,” he says, referring to the prize for winning outright. “I know some guys out there are really good on set-up work and bits and bobs in that department and maybe try to do some work with them. There’s a guy I know in Germany who I want to spend a couple of days testing with and if we can work on the set up and tweak the dampers and really just prepare like crazy for Vegas. “If we can have a good qualification this weekend. I go into London with no pressure, all I want to do is win that and keep the momentum up. Every track is different, so we’ll probably find some new stuff in the set-up that works there. So when we get to Vegas we’ll have data from Long Beach, Paris, Berlin and London, so four set-ups and maybe we’ll just combine these together to create something. There are just so many things you can do, that’s really the thing, just keep going where we are going and full steam ahead. The opportunities that could come from it are just crazy.” Such is the level of the sim racers taking part in the Road to Vegas, there is the very real possibility that they will sweep all of the top 10 places. Carroll offers a glimpse as to why this is likely to be the case. “I get up at nine in the morning and dodge about until 12 and from then I can be on it until six, eight or sometimes 10 at night,” he states. “It can vary, it’s not every single day. It’s until I feel happy and confident.” So after spending all this time in the sim, how did it feel when he swapped the triple-screen set-up at home and donned a crash helmet and drove the car for real? “Obviously it had five gears, which was the same as on the simulator,” he says. “The biggest thing was the brakes. I spoke to Dario Franchitti last weekend at Silverstone and the first thing he told was that the carbon brakes take a while to heat up and you need to have all the regain settings just right. “When I was in car I wasn’t even driving at 40 per cent, because it’s not worth crashing and making me look like an arse. And if I do well and I bring it home and there’s no damage and everyone’s happy maybe I’ll get another shot. To really feel the differences, I’d love to go to Silverstone or somewhere and get a couple of the guys to do a few laps and see how far I was off them because it’s like a big go kart, there’s left and right and go and stop. I know it gets harder the more you climb the ladder, but I’d love to know how far I was off in a real test against these guys.” But now Graham needs to put memories of testing the car to the back of his mind and focus on ensuring that he qualifies for the Vegas eRace this weekend. You can see him in action through the live streaming of the heats and finals, which is available on Cloud Sport’s YouTube Channel: https://www.youtube.com/channel/UCaPiHbF2FkqfpreJLTXHRIw For more information about the Road to Vegas Challenge, click here: http://roadtovegas.cloudsport.club/index.aspx
  22. A questo link sono indicate le modalità di partecipazione e il link di accesso all'aula: https://drive.google.com/file/d/0B72xZZoXQ1kWbGIwVDE3UWR3cmc/view Qui di seguito trovate un promo per capire come funzionano questi tipi di incontri:
  23. http://www.simracingexpo.de/simracingexpo_en.html This is the third edition of an event unique of its kind; it is a combination of virtual and real racing. While the inaugural GT race cars compete at the Nürburgring race circuit, a virtual competition and trade fair takes place at the °boulevard, the SimRacing Expo, at the same time. Good news for all fans of virtual motorsport: The SimRacing EXPO will be held again this year in September. From September 17 to 18 visitors get updated not only about the latest SimRacing and gaming trends, but can also test them on the spot. What’s special: At the same time and at the same place the GT500 race, the season finale of the Blancpain GT Series Endurance Cup, takes place. The Blancpain GT Series Endurance Cup is the world’s biggest GT3 race series with a grid of more than 50 competitors showing motorsport at its best on the just more than 5 km long Grand Prix track. Legendary sports cars and dream sports cars such as Porsche, Lamborghini, McLaren, Audi, Aston Martin, AMG or BMW will enchant the fans. In the 3 hours endurance race race professionals will be fighting for the deciding points of the championship. This way the SimRacing EXPO together with Blancpain GT Series Endurance Cup delivers the perfect combination of virtual and real motorsport. “With the venue directly at Nürburgring we create a very special atmosphere for our visitors as they have the chance to experience thrilling motorsport first-hand only a couple of meters away“, explains Marc Hennerici from ADAC Mittelrhein e.V., who is organizing and managing the SimRacing EXPO. The doers of the SimRacing EXPO expect again numerous renowned exhibitors from the virtual racing scene for this year. The event is supposed to grow in 2016 in terms of quantity and quality. From the newest game to the matching accessory, there is something for everybody, for the gaming newby as well as for the professional. Hennerici considers the SimRacing EXPO to be on a good way: „The close interaction between audience and companies as well as the special atmosphere of the location at Nürburgring makes the SimRacing EXPO a highlight for gaming fans and exhibitors.“ The enormous popularity among visitors has been proven in the past two years. The uniqueness of the format has been spread even far beyond national borders. Hennerici: “We are looking forward to welcome international visitors again this year.“ On September 17th and 18th the SimRacing EXPO will be staged already for the third time. No less than 8,800 sqm will make the heart of every SimRacing fan beat faster as this is the extensive area numerous exhibitors will present their latest SimRacing trends at. With Vesaro, Evotek and Actoracer STL three simulation technology heavy weights will be showing their newest racing simulators. At SimRacing EXPO it’s all about virtual motorsport. Visitors not only get free access to the exhibition and will be provided with a world full of the cutting-edge trends of SimRacing and gaming, but do also have the chance to test those hottest trends right away. Vesaro is based in Kent in the UK and is one of the leading brands in the field of simulators. Vesaro‘s core product is a worldwide unique modular system that offers a never before seen flexibility. It allows to individualize the simulator – from the steering to the sound system – exactly to the requirements of the player. Evotek has developed the currently lightest race simulator on the market. With more than 20 years of experience the Italian company is a pioneer in terms of simulator design. The flagship of the Evotek simulators is a perfect interplay between software and hardware that results in the perfect racing experience. Experiencing a realistic body sensation is the benefit of the STL Actoracer that will also be exhibiting at SimRacing EXPO. The equipment, consisting of three screens surrounding the race driver nearly in a 180° angle and special headphones with 5.1 sound system embracing him acoustically, ensures that the pilot will get a deep dive into racing. Actoracer will be offering test rides again this year at SimRacing Expo. As SimRacing fans are having a strong connection to real racing and real race cars a special highlight awaits all visitors: The season finale of the Blancpain GT Endurance Cup, will be hosted at the same time at the same place. Showing a grid of more than 50 race cars the biggest GT3 race series of the world will perform motorsport at its best on the just over 5 km long Grand Prix track. Legendary sports cars and dream sports cars such as Porsche, Lamborghini, McLaren, Audi, Aston Martin, AMG or BMW will enchant the fans at the Blancpain GT Series Endurance Cup. In the 3 hours endurance race professionals will be fighting for the deciding points of the championship. This way the SimRacing EXPO together with Blancpain GT Series Endurance Cup delivers the perfect combination of virtual and real motorsport.
  24. Il neonato Studio 397, dopo aver inglobato parte del team ISI ed aver preso in mano lo sviluppo di rFactor 2 (i dettagli qui), dimostra di partire da subito col piede giusto: ha annunciato oggi, con il promo trailer disponibile qui sotto, il lancio, ad inizio 2017, di un vero e proprio film dal titolo "Closing the Gap" dedicato in pratica al mondo del simracing. Il film ci mostrerà un pilota virtuale del Revolution Racing team, impegnato nella 24 Ore di Le Mans del Virtual Endurance Championship, da poco disputata. Ed Trevelyan-Johnson, regista del film, ha commentato cosi l'idea: "At its core, Closing the Gap is a human interest story. Through what is, in essence, a computer game, I got to know a bunch of fairly weird and wonderful people smattered across Europe, who I'm sure I would have never met otherwise. The biggest motivation to make the film was the predicament of familiarity without a face, which I find fascinating. It's interesting to see how a simulation which is the absolute ultimate in technical sophistication can get people together into something very closely related to a real motorsport team." 'Closing the Gap' covers the travels of a race simulation driver as he meets members of his racing team in person for the first time, during the lead up to the Virtual Endurance Championship's 24 Hours of Le Mans'. This post has been promoted to an article