Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'simracing'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Due ruote
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing
    • Pilota Virtuale: la rubrica TV sul simracing esport!
    • Driving Simulation Center
    • Gare
    • DrivingItalia Champs & Races

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • F1 2017 Codemasters
    • mods & addons
    • patch
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 91 results

  1. Il simpatico Scott "Driver61" Mansell ha intervistato nel video qui sotto Jamie Chadwick, giovane pilota che corre nell'impegnativo campionato inglese di Formula 3 e che si allena costantemente al simulatore di guida. Jamie spiega come utilizza il mondo virtuale delle corse ed in quale misura il simracing la aiuta nelle competizioni reali.
  2. Gaming fair SimRacing Expo to be run for the 4th time in September Virtual motorsport enthusiasts have a reason to celebrate in September: The freebie gaming fair SimRacing Expo takes place from 16 - 17 September 2017 at Nürburgring. The tradeshow for virtual motorsport provides a unique chance for visitors to not only get the latest update on simracing and gaming trends but also test them. Entrance is for free. Last year the world’s best pilots as well as 15,000 visitors made their way to the event at Nürburgring. For this year the promoters promised even more quality as they planned some more new features. Marc Hennerici from ADAC Mittelrhein e.V., who organizes and manages the SimRacing Expo, explains them in the interview: As the SimRacing EXPO is being held for the 4th time this year, the tradeshow is already quite well established in this rather young environment of virtual motorsport. What motivated you back then to set up an event like this? Hennerici: We‘re currently experiencing a real boom of e-sport worldwide. Virtual motorsport is actually the only sport that is a little lagging behind. Although the communities are very active and highly committed since the early 2000s, the capacities and resources in the background were lacking in order to set up an appealing event. Then, since we are the promoter of the Blancpain GT Series at Nürburgring, we had the idea of utilizing the Nürburgring Boulevard and give Simracing a good start in a historic motorsport environment. Ever since then the visitor numbers of SimRacing Expo have been increasing. Can this also be taken as a sign for an ever increasing quality of the event? Hennerici: Of course we had to go through a learning curve, that at some point requires nothing else but “Trial & Error“. But together with our partners we’ve always drawn the right conclusions and continuously improved the event’s quality. Last year’s event has convinced all partners and participants completely. This now enables us to say that we found the basic orientation after year 3. But this doesn’t mean at the same time that we’re resting. Quite the contrary, this year we will continue working on further details. What do the visitors have to look forward to this year? Will there be any changes with regard to the past SimRacing Expo tradeshows? Hennerici: One of the novelties will be that beside the ADAC SimRacing Trophy a new virtual competition will be held that the world’s best simracers will be taking part in. At this point I don’t want to reveal too much. All that I can say is that it will be team based and inspired by real endurance races. Moreover, we are very happy to welcome the RCCO with their electrically driven slotcars for the first time this year. I guess every spectator that owned a slotcar track can identify and instantly indulges in reminiscences and childhood memories. Also the RC cars (radio controlled) will make their contribution to the visitors‘ entertainment. They have been participating since the very beginning ot the event and it’s always great to see them passionately organizing such an impressive racing weekend every year. So far the highlight of each SimRacing Expo has been the ADAC SimRacing Trophy that is held onsite. What makes the participation so special? And how can one participate? Hennerici: The appeal is definitely the hard knock-out mode. This always bears some surprises and garantuees equal opportunities for everyone as completely identical simulators are provided. Additionally, the best simracers are competing against each other here. Among others the stars that have dominated the so far biggest and best dotated virtual racing event (Formula E Event in Las Vegas). The participation is made via online qualification. The conditions of participation will be available on our website soon: www.simracingexpo.de E-sport is becoming ever more popular. Even soccer clubs such as FC Schalke 04 have their own e-sport teams. SimRacing EXPO has been the first tradeshow that is entirely dedicated to virtual motorsport. Where does the journey lead to? In how far are the borders blurring between real and virtual sport? Hennerici: Hardly any young professional race driver can afford nowadays doing their race preparation without a simulator. I think that this is one main indicator how close simulations are to reality. Also, professional race drivers do compete in races set up by simracing communities in their spare time. SimRacing Expo surely was an additional catalyst for this development in 2014. Beside its competition SimRacing Expo is well known for its exhibitors that offer high quality products for virtual motorsport. Many of the race drivers that were - only a couple of meters away - racing in the Blancpain GT Series found their way to our event, got infected with the “Virus Simracing“ and own a race simulator now. We are proud to see that other promoters like the Formula E are adopting the concept. As the technology is getting better and better, we are convinced that this trend is continuing. The venue of the SimRacing Expo is also an inherent part of the event: the Nürburgring. What makes the location so special? Hennerici: Virtual motorsport meets a worldwide unique history. The Nürburgring is the most legendary race circuit of the world, but shows itself in such a young and fresh manner when everything a real motorsport fan’s heart longs for is provided only within a few meters. This year again, the Nürburgring will host the Blancpain GT Series on 16/17 September. More than 50 GT3 cars with the world’s best GT race drivers deliver an unbelievable spectacle to spectators. Many simracers are visiting a race circuit for the very first time and are fascinated by the infernal sound. The SimRacing Expo, where all motorsport hobbies are presented, takes places only few steps away from the grand stands. One can say that the complete range of motorsport is shown on that weekend and that the various communities are a part of the big motorsport family!
  3. Graham Carroll e Domino Duhan del noto team virtuale Redline (nel quale troviamo persino un certo Max Verstappen), spiegano a Red Bull Games quali sono i 5 motivi per i quali il simracing è in grado di trasformarci in piloti migliori. Sintetizzando in italiano il discorso, i motivi sono essenzialmente: è possibile fare molta esperienza in pista (virtuale) si guadagna consistenza, concentrazione e ritmo si sperimentano diverse tecniche in pista (vedi filmato sotto) dopo aver acquistato software ed hardware, è praticamente gratis è possibile girare senza alcun limite The technology used to model tracks on racing sims is extremely advanced these days. Laser scanning of tracks, as used in sims like iRacing and rFactor 2, has meant that every bump, camber change and kerb can be replicated in the game exactly as it is in real life. And that means that drivers can head into the real-life first practice session of a race weekend knowing exactly where they can gain an advantage.
  4. Che cos’è la simulazione? Quante volte ci è stato chiesto quale fosse il nostro hobby principale e abbiamo risposto fieri e innocenti: guidare auto virtuali? Bene, ad oggi daremmo quasi certamente risposte diverse perché il simracing non è più ormai solo un hobby, è pura passione e in alcuni casi pure un lavoro. Spiegarlo però resta difficile e farlo capire ancor di più; questo è quindi lo scopo di portare ad eventi motoristici come il Blancpain, postazioni e simulatori: far avvicinare più gente possibile al mondo virtuale. In questo articolo, scaveremo a fondo nel significato di simulazione e lanceremo un segnale a chiunque osservi ancora con distanza suddetto mondo. A voi una buona lettura! Circa un mese fa si è concluso il primo week-end del Blancpain Endurance GT Series, un campionato mozzafiato che anche quest’anno non ha tradito le attese; tuttavia, non siamo qui per parlare della gara (per quello esistono altre testate giornalistiche più accreditate). L’evento in questione vuole essere, infatti, il punto di partenza per un articolo più serio e, si spera, più costruttivo, sul mondo della simulazione e di come grande la passione per questa, sia. Perché col sottoscritto c’erano tanti altri ragazzi appassionati di sim e insieme abbiamo condiviso per una volta dal vivo, la passione che ci accomuna e cioè quella per la simulazione, appunto. È stato un fantastico ed emozionante week end, quello del 20-22 Aprile all’Autodromo di Monza. Certo, potrei raccontarvi nei dettagli la giornata di sabato, quella più intensa, in cui ho fatto una foto con Chris Harris; ho assistito a un’ecatombe di Lamborghini, in prima variante, nella gara uno del Super Trofeo; ho scattato tante foto a una moltitudine di supercar e ho persino bevuto un energy drink di dubbio gusto (lime e menta) offerto dallo stand del Blancpain GT Sports Club. La cosa più bella e importante però, è che ho potuto finalmente conoscere dal vivo alcuni ragazzi che condividono ogni giorno la passione per le auto attraverso la simulazione. Niente più chat o teamspeak allora, ma parole vere e sguardi veri. È stata quindi un’occasione pregiata: ci si è scambiati opinioni sui vari sim, sulle postazioni usate, sulle gare in corso così come sulle auto più in generale o proprio nei sim. Insomma, da qui vorrei partire per fare un discorso di più ampio spettro, e toccare tasti anche dolenti se vogliamo, per parlare del rapporto che unisce la simulazione alla realtà e di come noi, appassionati di sim da sempre, viviamo entrambi i mondi, quello reale e quello virtuale. Perché la simulazione non è solo un hobby, non è un vezzo; la simulazione è per molti di noi, Passione con la P maiuscola. Ecco allora, quale miglior esempio da cui partire se non quello di un evento motoristico importante (e alquanto sponsorizzato quest’anno dalla Kunos Simulazioni stessa) per parlare di passione e simulazione. Perché, in definitiva, chi come il sottoscritto è andato all’autodromo a vedere le gare l’ha fatto in primis perché sfegatato di auto; ma è proprio questa passione sfrenata per le auto vere, che poi porta a vivere grandissime emozioni sugli schermi delle nostre case (e anche in VR, per carità). Secondo me, la prima cosa che bisogna far capire a tutti, soprattutto a chi non sa o non capisca cosa significhi e rappresenti per noi la simulazione, è proprio questa: la nostra Passione nasce da qui, dagli autodromi, dove andiamo a guardare decine di auto e piloti che si scontrano come fossero i gladiatori dell’antica Roma. Forse è un paragone un po' forzato, ma davvero c’è un legame indissolubile fra le due cose: noi siamo appassionati di auto e la simulazione è un modo per vivere in tutta tranquillità, fra le mura di casa o in ufficio o in sale apposite, l’adrenalina e le emozioni che solo veicoli dotati di motori sanno trasmettere. Vero anche, che per molti tutto è nato in modo contrario o parallelo, se pensiamo che da piccoli è stato grazie a molti videogiochi che ci si è potuti avvicinare al mondo delle quattro ruote. Anche questo, però, ci fa capire quanto intrinseco e intrecciato il rapporto fra i due mondi sia. E oggi più che mai quest’affermazione è vera, giacché la simulazione, con la S maiuscola, sta prendendo sempre più piede nel mondo delle corse. Sono sempre più le case automobilistiche, infatti, che si stanno attrezzando e affidando al digitale per sviluppare vetture da portare in pista (e anche in strada). Ma allora, che cos’è questa simulazione? Beh, semplicemente la simulazione consta di due lati: da una parte è qualcosa di serio e concreto, è una professione, diciamo; dall’altra, invece, è una fonte di divertimento ed emozioni. Entrambi i lati però sono mossi dalla stessa cosa: la Passione. Quella stessa passione che ho percepito concretamente parlando con i ragazzi del The Rollovers Club, i quali organizzano ogni anno, più volte l’anno, degli avvincenti e sportivi campionati online. Tra i vari argomenti che sono usciti a caso nel pomeriggio, uno dei più grossi è di sicuro il fatto che, come in tanti altri campi, molta gente non riesce a capire perché si spendano soldi per ricreare condizioni che ci permettono di assaporare (ovviamente non del tutto) l’emozione di correre in pista con altri piloti. Altre persone, invece, chiedono cosa ci sia di bello nel girare un volante finto guardando la tv; beh, quello che non capiscono è che la simulazione va oltre il mero guidare su di una postazione. Si tratta di emozionarsi per una vittoria sudata, per un’auto che ci fa divertire da matti o per l’aver provato un sorpasso impiccato che manco Ricciardo… insomma, è un insieme di sentimenti e pensieri e ormoni che difficilmente si riescono a spiegare a parole. Si tratta, in sostanza, di immedesimarsi nelle gesta di un pilota vero, di catapultarsi in una realtà alternativa che offre la possibilità di guidare auto vere, il tutto senza il rischio lapalissiano di distruggere milioni in euro di acciaio e carbonio e soprattutto senza torcersi alcun capello. Simulazione però, è anche prendersi un impegno: basti pensare ai numerosi campionati ai quali si può partecipare. Il sistema offre l’opportunità di correre contro chiunque ma è giusto che, come per ogni cosa, anche per questa grandissima passione, si mantenga l’impegno preso. Si deve quindi capire che la simulazione con la S maiuscola non è solo svago ma ha anche un aspetto serio (iRacing in questo è l’esempio più azzeccato). Tutto ciò l’ho sentito a pelle proprio dialogando con questi simpaticissimi ragazzi: ogni movimento che faceva una GT3 in pista pensavamo a come lo facessimo noi su AC o su rF2; ci confrontavamo sui punti di staccata dopo il lungo rettifilo di Monza; dopo ogni incidente pensavamo a quanti ne abbiamo subiti o provocati noi… E’ stato bello perché si riusciva a capire a pelle, appunto, quanto fosse viva la nostra passione e soprattutto quanto essa sia vicina al mondo reale. È vero, i sim non riusciranno mai a proporre nei minimi dettagli ciò che succede in un’auto vera per ovvi motivi (salvo che non ci impiantino dei microchip nel cervello) ma noi appassionati ce ne freghiamo; anzi, godiamo di quello che ci è offerto e cerchiamo di simulare i comportamenti delle auto vere per decifrare e vivere le stesse emozioni. Non perché siamo dei poveracci senza soldi da investire in auto reali o che non si possono permettere un giro in pista (che poi si possono benissimo fare entrambe le cose, sia chiaro), ma perché sentiamo questa passione virtuale come motore, come fuoco ardente, della Passione per le auto vere. Ovviamente fra le tante altre cose che ci si è detti, una fra tutte è stata la fisica dei sim: un argomento che da sempre (e sempre sarà così) anima infiniti dibattiti. C’è chi preferisce il feeling dell’uno, chi apprezza la resa degli pneumatici di un altro, ma la cosa bella è che non si è accesa l’ennesima discussione atroce: al contrario, si è giunti pacificamente alla conclusione più saggia. Qualunque sim si usi, l’importante è che ci faccia provare sensazioni credibili volante alla mano e che dia delle gran belle soddisfazioni. Ecco, anche questo punto, che può sembrare banale, rivela invece un aspetto nascosto molto interessante: confrontandoci dal vivo, nel bel mezzo di un evento fantastico e adrenalinico come il Blancpain GT, anche un hot topic come quello precedente ha lasciato spazio alla passione che è trasudata letteralmente e ha permesso di condividere pensieri, senza escalation ideologiche. Anche questa è l’importanza del vivere sempre più vicino al mondo reale la simulazione; permettere ai grandi sponsor di far avvicinare i sim racer ai piloti duri e crudi, quelli da pista vera, fa sì che si mettano da parte i pregiudizi e le convinzioni, con lo scopo finale di divertirsi e condividere, una volta di più, la propria Passione. Ancora oggi siamo un po' lontani affinché ciò accada regolarmente (non basta qualche simulatore da 10€ per tre minuti); serve un impegno da entrambi i lati e noi di DrivingItalia siamo in prima linea per questo, per sdoganare finalmente il sim racing, quello serio però, quello sportivo. D’altro canto, serve anche un grande sforzo da parte degli organizzatori di questi eventi e da parte di team e piloti: solo così la passione per le auto vere e la simulazione si fonderanno e diverranno l’una, parte integrante dell’altra. Il tutto senza snaturarsi e darsi fastidio a vicenda, ovviamente. È bene, infatti, che la gente che segue il motorsport da ere, venga a conoscenza di un e-sport fatto di passione e amore per le auto (o moto o camion o quel che sia) e viceversa che tutti i sim racers partecipino a questi eventi motoristici portando con sé una passione di un’altra realtà, quella virtuale. L’avrò ripetuta milioni di volte, ne sono certo, ma questo è il punto di partenza e spero sia il punto di arrivo: la simulazione, così come il motorsport, è una Passione, punto. Ed è anche grazie a questi eventi che si riesce in parte, un po' di più, ad apprezzarne il valore vero. Con la speranza di non aver tediato esageratamente i vostri intelletti, ringrazio in prima istanza tutti i ragazzi che sono venuti al week end del Blancpain GT Series a Monza, in particolar modo chi ha condiviso il pomeriggio col sottoscritto. Un ringraziamento speciale va anche a Federico Sciarra di Automoto.it, che ha avuto la brillante idea di raccogliere più sim racer possibili nelle varie giornate; ma anche alla Kunos che ha magistralmente sponsorizzato e pubblicizzato l’evento. L’augurio è che l’anno prossimo, nella stessa data, il sim racing abbia preso ancor più piede nella manifestazione suddetta e che ci si possa trovare ancor più numerosi, per condividere una Passione vera, pura come poche ce ne sono. Ora posso urlarlo a gran voce: Simulazione, che Passione! A cura di Mauro Stefanoni
  5. A grande richiesta ecco disponibile anche in video la prima puntata di Aprile della nuova rubrica Pilota Virtuale! Fate riferimento al forum per domande e commenti. Buona visione.
  6. Lunedi 30 Aprile alle ore 20,30 tutti sintonizzati su Sportitalia TV (canale 60 DDT) per non perdere la prima puntata di Pilota Virtuale ! Vi ricordo che Sportitalia è visibile anche in streaming web a questo link www.sportitalia.com (click su diretta)
  7. Pilota Virtuale il motorsport, per tutti ! La prima rubrica TV dedicata a simracing esport e simulatori di guida Milano, 29/03/2018 - DrivingItalia.NET e Car Man Simulatori, con la collaborazione dei rispettivi brand Driving Simulation Center e Sim Speed Room, con il supporto della produzione televisiva della GO-TV production, annunciano il lancio della nuova rubrica TV denominata "Pilota Virtuale". "Pilota Virtuale" è la prima trasmissione televisiva interamente dedicata al mondo dei simulatori di guida e dello spettacolare simracing eSport! E' una vetrina, un contenitore, una rubrica aperta a tutti e disponibile per dare voce a tutti quelli che si occupano di simulazione di guida nei modi più diversi, per far conoscere il simracing al grande pubblico. "Pilota Virtuale" andrà in onda a partire da fine Aprile con una puntata di 30 minuti al mese (2 dall'autunno), in prima serata su SPORTITALIA (canale 60 digitale terrestre) e su SKY (canale 225 in tutta Europa), visibile anche all'indirizzo www.sportitalia.com ed in replica sul canale Youtube dedicato, per una visibilità totale di oltre 510 passaggi al mese. Aggiungendo le repliche, possiamo affermare che "Pilota Virtuale" avrà una visibilità settimanale di 650.000 telespettatori medi! "Pilota Virtuale" è registrata presso gli studi televisivi di Sportitalia, ma non mancheranno puntate "live" con riprese in esterna per eventi speciali. E' possibile partecipare gratuitamente come ospite alla trasmissione "Pilota Virtuale", mentre nel caso di aziende o realtà commerciali, è possibile fare pubblicità o partecipare come sponsor con diverse opzioni pensate specificatamente per i partners. Il commento di Nicola Trivilino, responsabile DrivingItalia.NET e Driving Simulation Center: "Lavoriamo da quasi 20 anni con il simracing, i simulatori di guida e, com'è ormai ben noto oggi, l'eSport. Negli ultimi anni tutto il settore della simulazione ha iniziato ad essere considerato con l'attenzione che merita, non solo dagli appassionati, ma soprattutto in ambito professionale e motorsport. Restava quindi da compiere l'ultimo passo, per far crescere ulteriormente i numeri di piloti virtuali e spettatori del mondo dei motori simulato, mostrando tutto al grande pubblico: approdare in televisione, a livello nazionale, con un programma come Pilota Virtuale, sogno divenuto possibile grazie alla collaborazione ed entusiasmo dell'amico Luigi Carro, oltre che al supporto di Riccardo Scarlato. Pilota Virtuale darà spazio e visibilità all'intero settore simracing, dimostrando che spesso il virtuale è persino più emozionante della pista vera! Pilota Virtuale sarete VOI appassionati". Il commento di Luigi Carro, responsabile Car Man Simulatori e Sim Speed Room: "Sono felice ed entusiasta di questa novità e di condividere con Nicola le rispettive passioni, progetti, ideali oltre alle varie iniziative che stiamo portando avanti. La mission di Pilota Virtuale è quella di voler dare una vera “visuale” al simracing, a chi lavora dietro alle mod, alle piste, all’organizzazione di gare e quant’altro, a far conoscere i vari Virtual Team, gruppi di appassionati, community e non ultimo il potenziale di aggregazione e competizione che questa disciplina riscuote. Ne Vedrete delle belle, visuali e non solo!". Il commento di Riccardo Scarlato, responsabile GO-TV production: "Il progetto televisivo “pilota virtuale” mi affascina molto. Sono molto soddisfatto di questa collaborazione. Per la prima volta, grazie a esperti del settore, si parlerà del Mondo sim-racer al grande pubblico. Sono molto felice di ospitare nei miei format televisivi questa rivoluzionaria rubrica". Contatti: Web www.pilotavirtuale.it - e-mail info@pilotavirtuale.it pagina Facebook www.facebook.com/pilotavirtuale/ forum ufficiale su DrivingItalia
  8. Nell’ormai lontanissimo 1985, dopo karting e Formula Junior, ho dovuto precocemente abbandonare il mio sogno di pilota, a causa di una brutta malattia. Immaginate come la prese un ragazzino di allora 15 anni... Mio padre, probabilmente più per consolarmi che credendoci realmente, mi disse che avrei avuto altre occasioni. Aveva ragione invece. La mia nuova “occasione” arrivò appena 2 anni dopo, nel 1987: si chiamava REVS, un gioco di guida per l’allora mitico Commodore 64 (addirittura 64 kylobite di memoria!), creato da Geoff Crammond, un programmatore inglese che ancora oggi viene considerato un guru del motorsport virtuale. Successivamente infatti, dal 1989 al 2002, con Stunt Car Racer prima e con la saga di Grand Prix poi (all’inizio su Amiga quindi su PC), Crammond rivoluzionò praticamente il settore dei racing games, attivando di fatto una metamorfosi che avrebbe portato alla guida virtuale, aprendo la strada ad altre software house e titoli simulativi che avrebbero in seguito rivoluzionato il mercato. Già nei primi anni 90 i titoli di Crammond potevano definirsi “simulatori”, considerando ovviamente gli enormi limiti, connessi all’hardware e software di allora. Quando provai REVS ed ancor di più Stunt Car Racer e Grand Prix rimasi stregato, nonostante usassi la tastiera all'epoca (i volanti non esistevano ancora...): potevo tornare a guidare, quasi come un pilota vero! Quella sarebbe stata la più grande passione della mia vita, ma non avrei mai immaginato che sarebbe diventata persino un lavoro ! Dal 1995 in poi, in particolare verso la fine degli anni 90, iniziò la vorticosa crescita della rete: internet iniziava allora a cambiare le cose ed avrebbe avuto un incredibile impatto anche sulla guida virtuale. Una sera pensai: chissà quanti altri appassionati come me che guidavano al computer c'erano in giro per il mondo, che avrebbero potuto scambiarsi idee, consigli, vivere insieme una passione comune, ma avevano bisogno di un luogo di ritrovo, dove casomai scaricare anche qualche file utile. Già allora nascevano i primi "mod" (modification, cioè migliorie, modifiche e novità per i giochi originali), che oggi sono ormai una realtà consolidata ed una prerogativa irrinunciabile: verso la fine degli anni 90 si trovavano in giro sparsi per il web mod e patch di ogni tipo, spesso molto elementari, con grafiche nuove, prestazioni per i piloti ed altro ancora. Io stesso avevo realizzato con tanto lavoro e meticolosità una patch performance per i piloti di Grand Prix 3, che successivamente ha avuto anche un gran successo (ancora oggi la trovate qui). Trovai quindi molto strano, facendo delle ricerche in rete limitate all'Italia, il fatto che nessuno avesse pensato di creare un sito web dedicato agli appassionati dei giochi di guida di Formula 1 (allora c’era quasi solo quella...). Naturalmente la seconda idea fu quella di pensarci io! Dopo giorni e giorni di lavoro, perchè allora il web era molto più complicato, nacque finalmente il mio piccolo sito in uno dei vari hosting gratuiti: mi occupavo dei giochi F1 di allora (GP 2 e 3 e i primi F1 EA Sports), con notizie, qualche articolo e files da scaricare (pensate che i forums come li conosciamo oggi non esistevano ancora). Ricordo ancora oggi la grande gioia nel vedere il contatore delle visite (allora un must tecnologico) che cresceva di alcune decine di utenti giorno dopo giorno... La preistoria del mondo simracing cresceva nel frattempo molto lentamente ma inesorabilmente. Leggendarie resteranno le diatribe dell'epoca fra gli appassionati dei titoli di Crammond contrapposti ai titoli F1 della Electronic Arts, mentre nel 1998 faceva la sua apparizione il leggendario Grand Prix Legends dei Papyrus... Quasi mi commuovo oggi ripensando a quelle serate in 30 persone collegate nella chat di VROC (che supportava GPL) per decidere su quale server entrare e poi discutere di assetti ed ascoltare in religioso silenzio i consigli di piloti virtuali entrati nella storia come Leonardo Grandis, GenlyAI, Matteo Calestani o Aris Vasilakos (si, lo stesso che oggi è in Kunos Simulazioni!). Ovviamente la simulazione di guida era allora una nicchia minuscola di fans, i numeri erano ridicoli, il business inesistente, era impossibile fare previsioni di qualsiasi tipo. Tant'è vero che poi la Papyrus fallì. Ma stava per succedere di nuovo... Alla fine del 1999 ricevetti una email da un'altro ragazzo che aveva avuto la mia stessa idea con il suo piccolo sito, dedicandosi però alle due ruote, ma era un grande appassionato anche di auto: perchè non mettere insieme i nostri due siti per creare un portale più grande e mettere in piedi una vera e propria community? Quel ragazzo, che era un pò più giovane di me, si chiamava Luca Casarotto, ma tutti lo conoscevano come "Schummy1"... L'idea mi stuzzicò all'istante. Diventare "grande". Certo i problemi che mi facevano pensare erano tanti: avevo già 29 anni, lavoravo da anni, il tempo libero era poco, mi ero appena sposato, ma il muro che vedevo realmente insormontabile erano le difficoltà tecniche ed i soldi necessari, perchè allora il web era molto più costoso di oggi. Luca però aveva una soluzione per quel muro: era in contatto con un sito di videogames che poteva fornirci tutto il necessario, su nostre specifiche e gratuitamente, noi avremmo dovuto solo gestire la nostra creatura, senza essere stipendiati naturalmente e lasciando a loro gli introiti della pubblicità. Una follia praticamente (per noi, ma non potevamo immaginarlo), ma eravamo al settimo cielo ! Nei primi mesi del 2000 nacque DrivingItalia.com. Fu subito boom. Passammo in pochi mesi da qualche decina, poi centinaia, infine migliaia di utenti ed allora la rete non era cosi diffusa come oggi. Immenso lavoro, praticamente full time, grandi soddisfazioni, dopo qualche anno la nostra "casetta" iniziò ad andarci stretta, anche perchè eravamo comunque limitati nelle scelte e decisioni, volevamo essere liberi. L'incontro e l'amicizia con Marco Massarutto (si, quello della Kunos Simulazioni), diede a me e a Luca la forza, la convinzione, il coraggio di provarci ancora una volta: tutti e tre insieme (con il supporto grafico proprio di Aris Vasilakos) creammo nel Maggio del 2003 quella che, seppur profondamente cambiata, potete navigare ancora oggi, DrivingItalia.NET. Da quel Maggio di 15 anni fa è passata naturalmente tantissima acqua sotto i ponti, rivoluzioni grandi e piccole, problemi immensi (persino in tribunale per difenderci da chi voleva "rubarci" il brand!), ma anche tantissime soddisfazioni: allora compravamo i giochi per recensirli, oggi le aziende ci inviano i loro prodotti chiedendoci la cortesia di un articolo... Peccato che Luca oggi lavori in un settore totalmente diverso (ma non dispero nel riuscire prima o poi a farlo tornare almeno un pò!), mentre Marco e Aris sono protagonisti di quella realtà straordinaria che si chiama Kunos Simulazioni. Io invece, con i miei capelli bianchi, sono ancora qua, insieme a nuovi straordinari collaboratori. Si, ce l'ho fatta: ho trasformato una passione, un divertimento, in un lavoro vero. E dire che negli ultimi 20 anni siamo passati dalla prima fase del "sei ancora lì a giocare col volantino davanti al monitor", poi l'attenzione delle grandi software house con la produzione di titoli sempre più curati, il modding che cresceva vorticosamente, con ragazzi talmente bravi da essere assunti a tempo pieno, quindi piloti, tecnici e scuderie che finalmente (in parte per forza, visto il numero limitato di test in pista) si sono resi conto che il simulatore è uno strumento valido ed indispensabile di supporto al motorsport, infine le grandi multinazionali che hanno aperto gli occhi sulle straordinarie possibilità di simracing ed eSport come veicolo promozionale e pubblicitario! Non tutto è al momento rose e fiori e soprattutto in ambito eSport connesso al simracing c'è ancora del lavoro da fare, ma di certo fino a qualche anno fa le parole di Jean-Francois Chardon, producer e content manager del Sector3 Studios (che sviluppa il software online RaceRoom), sarebbero state impensabili: Chardon in un'intervista ci parla di cosa si muove dietro le quinte della simulazione di guida, un settore che ultimamente, ha conosciuto una enorme espansione e valorizzazione, come testimoniano ad esempio in Italia realtà come il Driving Simulation Center. Il Sim Racing va a gonfie vele, - dice Jean - ma non solo per i giocatori: i team e i piloti utilizzano i Sim per lo sviluppo di componenti aerodinamici, percorsi di apprendimento, ecc. Il numero sempre crescente di piloti che corrono insieme ai loro fan nei vari simulatori ampiamente disponibili è prima di tutto una questione generazionale. Tutti quei piloti sono stati in contatto con i giochi mentre crescevano. È un ottimo modo per mantenere viva la stagione agonistica anche dopo che i veri motori sono stati spenti, per esercitarsi nella concentrazione e rimanere in contatto con i propri fan. I piloti li usano anche per imparare le piste nei simulatori prima delle gare reali, sia perché non hanno mai corso lì, o anche perché hanno solo bisogno di fare qualche giro come pratica. Ad esempio, Bruno Spengler, un pilota DTM per la BMW, lo utilizza come strumento per esercitarsi a mantenere la concentrazione, mentre Robb Holland lo utilizza per fare pratica e più giri in pista". Il simracing e la simulazione di guida godono ormai di grande attenzione anche da parte dei media tradizionali, non ci stupisce per esempio questo articolo di Sky che spiega come la guida virtuale possa essere in concreto una valida alternativa al costoso motorsport reale. La storia è quella di Miguel Faisca, velocissimo simdriver che nel 2013 ha battuto 900.000 persone provenienti da tutta Europa fino ad essere incoronato il migliore nel videogame Gran Turismo 6. Vincere il torneo lo ha aiutato a procurarsi un lavoro con le vetture reali e lui stesso spiega che c'è molto in comune tra le due industrie. "Possiamo imparare molto con le corse virtuali", ha detto Miguel a Sky News. "Oggi tutti i simulatori utilizzano il laser per scansionare le piste, rendendole più realistiche. Si può imparare il circuito usando la simulazione. La sensazione di guidare l'auto virtuale sta avvicinandosi sempre di più alla realtà". La simulazione di guida fornisce un punto di ingresso molto più economico nello sport, secondo Graham Carroll, che è uno dei concorrenti del torneo World Fastest Gamer organizzato nel 2017 addirittura dalla McLaren. "Sono cresciuto facendo kart dai sette anni e a 16 ho iniziato a fare Formula Ford, diventando Campione nel 2008", ha detto. "Ma allora avevo bisogno di 200.000 sterline per andare a correre e tutto si è fermato lì. Non ho avuto i soldi o gli sponsor per farlo così ho cercato la cosa più vicina possibile, che era il sim racing". E questo è proprio il punto di forza più interessante della guida virtuale: rispetto al motorsport reale, praticamente non costa nulla! Fra l'altro oltre ai contratti di gara, i tornei di racing eSports offrono anche premi in denaro significativi, come il recente torneo di Las Vegas che vantava un premio di 1 milione di dollari! Gli appassionati più attenti ricorderanno Glenn McGee, il primo pilota virtuale che, grazie alle vittorie con il software iRacing, è riuscito a fare il grande salto nell'automobilismo reale nell'impegnativo campionato americano della Battery Tender Global Mazda MX-5 Cup. Anche a fine 2017 Glenn ha raggiunto con merito la finalissima, che si è svolta a Laguna Seca. Bradley Philpot, giovane pilota inglese che corre nel difficile campionato VLN Endurance Championship, ci racconta nel suo blog in quale modo ed in quale misura l'allenamento con il simulatore di guida (Bradley preferisce iRacing) lo abbia aiutato per una durissima gara al Nürburgring. In particolare Bradley analizza in dettaglio fattori connessi al simracing come l'allenamento fisico, la concentrazione, la memoria (per esempio per i comandi sul volante) e, forse il fattore più importante, l'accrescimento della fiducia in sè stessi, nelle proprie capacita e nei limiti del mezzo. L'amico Raimondo Ricci, campione italiano TCR Series 2017 in categoria TCS, mi ha ad esempio spiegato: "Per me i videogiochi sono sempre stati sinonimo di divertimento e spensieratezza, i pomeriggi d’inverno dopo i compiti o quando invitavi gli amici a casa tua, era un modo per estraniarsi dal mondo reale. Tutto questo fino a quando non ho provato per la prima volta Grand Prix Legends, era il 1998, già il fatto che non si poteva “giocare” con la tastiera mi fece capire che non era piú una cosa da fare in totale spensieratezza…tutt’altro! Come un fulmine a ciel sereno fui attratto da quel “guidare con attenzione”, un aspetto sconosciuto nei videogiochi delle console, capii ben presto che per poter guidare non bastava accellerare ma si doveva avere nozioni base come cambiare con la frizione, scalare con doppietta ecc…, per andare forte invece… Questo cambió molto il mio approccio agli ormai sim, ero cauto, riflettevo, non sono mai uscito dai box a tavoletta e dritto nelle recinzioni alla prima curva per capirsi, ho girato, girato fino a capire che per fare un giro pulito senza errori serviva sudore!" E se tutto quello che avete letto finora vi ha sorpreso, sappiate che, dopo un 2017 scoppiettante, il bello verrà proprio in questo 2018 ! Senza dimenticare che l'anno scorso è partito con la Vegas eRace di Formula E, poi il trionfo italiano nel MotoGP eSport, il grande successo del torneo World Fastest Gamer organizzato dalla McLaren e il fatto che si è parlato di eSport persino al Parlamento Europeo, nel nuovo anno appena cominciato hanno già iniziato a rullare i tamburi: la NASCAR si prepara a lanciare un torneo eSport ufficiale, la WRC pensa già in grande per il mondiale virtuale del 2018, il team virtuale FA Racing G2 di Fernando Alonso lancia un torneo con GT Sport che supera i mille iscritti, tutto questo in poche settimane! Del resto anche noi su DrivingItalia, dopo il grande successo nel 2017 con il torneo Sparco TopDriver Challenge, siamo già in griglia di partenza con i primi due campionati online del 2018 ! Mentre dal punto di vista software cosa dobbiamo aspettarci da questi prossimi 11 mesi ? Sicuramente molto atteso dagli appassionati di rally è il nuovo gRally, titolo che si presenta come simulatore di guida duro e puro dedicato al mondo della derapata, creato proprio da appassionati per gli appassionati. Il lavoro di sviluppo procede secondo i piani, con il gioco attualmente in mano ai beta testers. Speriamo che gRally riesca in toto a mantenere le sue ottime premesse, con una fisica e temperatura delle gomme real time, il salvataggio della telemetria, la compatibilità e supporto al VR, il sistema della fisica dedicata al bagnato. Continueranno invece ad essere aggiornati e migliorati ulteriormente titoli di successo già disponibili nel 2017 appena passato, come rFactor 2 targato Studio 397, che ha rilasciato da poco una nuova build, il Project CARS 2 degli Slightly Mad Studios, per il quale si attendono a breve patch, migliorie e anche contenuti extra in DLC come il recente Fun Pack. Le novità più attese di questo 2018 saranno però quasi certamente tre: come prima cosa il prossimo F1 2018 di Codemasters. Il titolo con licenza ufficiale Formula 1 non è stato ancora annunciato e neppure velatamente segnalato, ma sappiamo già che arriverà, anche perchè, dopo il successo del torneo eSports F1 Series, sarà ovviamente la nuova piattaforma di gioco per gli aspiranti piloti virtuali F1 di quest'anno. Altro titolo che ormai gli appassionati si sognano di notte è il fantomatico GTR 3 dei risorti Simbin. Si è iniziato a parlare di GTR 3 a febbraio - marzo del 2017, con spettacolari immagini, scattate a Spa, che mostrano in azione il potente motore grafico Unreal 4 Engine che equipaggerà il gioco. Oltre a mostrare gli screens e confermare il rilascio di GTR 3 nel corso del 2018 (ma potrebbe anche essere a Natale!), Simbin ha inaugurato il suo nuovo sito web ufficiale, annunciando anche di essere alla ricerca di personale e di essersi trasferito a Manchester. Infine, la Kunos Simulazioni, che anche quest'anno ha saputo stupire tutti gli appassionati con l'annuncio del nuovissimo Assetto Corsa Competizione, il simulatore ufficiale dello spettacolare campionato Blancpain GT3 ! Non perdetevi in proposito la nostra intervista fatta a Marco Massarutto. E ricordate che il virtuale ed il reale sono diversi, ma incredibilmente complementari. Fidatevi: ne vedrete - e guiderete - delle belle... E' proprio vero: la passione per le auto mantiene sempre giovani!
  9. Vi presentiamo in anteprima la sigla di Pilota Virtuale, splendidamente realizzata dall'espertissimo ddn tube, che ringraziamo infinitamente perchè ci piace da impazzire... ed a voi? La prima puntata della trasmissione sarà in onda DOMANI (lunedi 30 Aprile) alle ore 20,30 su Sportitalia TV, canale 60 DDT e 225 di Sky. Vi aspettiamo! La sigla vi piace? Ditecelo sul forum ! www.pilotavirtuale.it
  10. Lunedi 30 Aprile alle ore 20,30 tutti sintonizzati su Sportitalia TV (canale 60 DDT) per non perdere la prima puntata di Pilota Virtuale ! Vi ricordo che Sportitalia è visibile anche in streaming web a questo link www.sportitalia.com (click su diretta) Per commenti e domande correte a questo link del forum !
  11. Ormai il freddo e la neve li abbiamo superati e ci avviamo verso una bella primavera che sarà all'insegna del simracing online ! Sono già pronti infatti su DrivingItalia due diversi campionati online che si disputeranno con Assetto Corsa e che ci faranno compagnia fino alle porte dell'estate. Il campionato Formula 3 DrivingItalia Cup è dedicato agli appassionati delle monoposto, si svolgerà su sei appuntamenti al martedi con gare da 40 minuti ed ha già raccolto 10 piloti iscritti: ISCRIZIONI QUI Regole e calendario Il campionato GT3 Series Challenge è dedicato agli appassionati delle possenti GT3, si svolgerà su sei appuntamenti al martedi con gare da 50 minuti ed ha già raccolto addirittura 52 piloti iscritti: ISCRIZIONI QUI Regole e calendario
  12. Siamo ormai alla vigilia della tappa italiana del campionato FIA Formula E, che il 14 aprile vedrà 20 monoposto elettriche correre per la prima volta sulle strade di Roma. Ecco quindi in video il primo test simulato del circuito cittadino dell’EUR, visibile qui di seguito: il tracciato sarà percorso per 33 giri, conta 21 curve e 2.860 metri, con numerosi saliscendi. La partenza è in Piazza Marconi, a ridosso del celebre Obelisco, quindi si passa su Via Cristoforo Colombo, poi attorno al Roma Convention Center, dove la pista si restringe, quindi una doppia chicane prima di percorrere il circuito attorno al Palazzo dei Congressi. Qui la pista è più ampia, con alla fine una curva veloce in discesa lungo il parco del Ninfeo e il Luneur Park, prima di risalire in direzione del Palazzo della Civiltà Italiana e ricongiungersi con una ultima chicane su Via Cristoforo Colombo. Nella Gaming Zone all’interno dell’Allianz E-Village, i tifosi potranno provare i simulatori di Formula E durante tutta la giornata e vivere le emozioni del circuito cittadino dell’EUR grazie a Real Racing 3, videogioco targato EA Games, partner di Formula E. I quattro tifosi che faranno segnare i tempi più veloci potranno sfidare in una gara virtuale quattro piloti reali, con l'evento che sarà trasmesso in diretta sull’account Facebook di Formula E dopo la sessione di qualifiche del sabato mattina.
  13. Il nostro vecchio amico Alberto "Naska" Fontana ci racconta cosa succede quando si vuole passare dal simracing al motorsport reale, grazie al supporto della Simracingzone Motorsport e della loro monoposto Predators PC 08. La Simracing Motorsport, la nuova Associazione Sportiva fondata dallo staff del Portale Simracingzone.net, è lieta di annunciare che l'iscrizione alla Formula X Series 2018, nella categoria Predator's Challange, è stata ufficializzata con l'iscrizione di due vetture. Lo Staff del portale metterà in gioco tutte le proprie potenzialità per poter esprimere in breve tempo risultati soddisfacenti dopo un lungo e forzato stop, e per far questo potrà contare in pista sull'esperienza di Palmiro Incerti, oltre che di due meccanici aggiuntivi a lavoro sulle monoposto, ai quali si dovrebbe aggiungere una vecchia conoscenza della community, il campione italiano rF2 e laureando in Ingegneria meccanica Matteo Vecchioni, nel ruolo di Ingegnere di pista, Matteo Sorgiacomo alle comunicazioni e Nello Pastorino alle riprese. Sarà questo il gruppo che esordirà a Varano de Melegari nel week-end del 14-15 Aprile, esattamente 5 anni dopo la doppia vittoria assoluta del nostro Team con il simdriver David Greco su questo stesso asfalto. Due doppie vittorie assolute di una PC008, la nostra, sotto il diluvio, evento mai più realizzato da nessun altro.
  14. Come ormai sappiamo, il mondo della simulazione di guida è ottimamente considerato anche nell'ambito del motorsport reale, persino come palestra virtuale per la ricerca di autentici talenti da portare in pista, più di una volta è accaduto che piloti virtuali stupissero gli addetti ai lavori una volta calatisi in un abitacolo vero. Non tutti i professionisti del motorsport però, considerano positivamente il simracing ed anzi alcuni lo denigrano apertamente in modo molto chiaro e diretto. E' il caso per esempio di Uwe Alzen, pilota tedesco molto noto in Germania che, nel corso della recente diretta della gara VLN (video qui sotto), senza peli sulla lingua, ha dichiarato che il simracing "non è per gli uomini, ma per le femminucce". La rabbia del buon Uwe è nata da alcune precedenti discussioni con alcuni professionisti del motorsport, i quali sostenevano invece che un simulatore potesse preparare in modo valido a correre su una vera GT3. Uwe ovviamente non era assolutamente d'accordo. Dopo la diretta del VLN e l'affermazione di Alzen, non sono mancate ovviamente le polemiche, quindi Uwe ha voluto precisare in questi termini: "Caro sim racer. Sfortunatamente, la mia intervista è stata sbagliata durante l'ultima gara VLN. Non voglio avvicinarmi troppo a nessun sim racer o attaccarlo personalmente. Al contrario, sono contento che tutti abbiano il proprio hobby o lavoro. Io stesso mi muovo nel motorsport e la mia intervista dovrebbe essere rivolta alle persone con cui ho avuto molte discussioni di recente. Piloti o team del mondo delle corse automobilistiche che in parte credono che qualcuno seduto nel simulatore sia già pronto per un veicolo della classe GT3. Io stesso ho avuto l'opportunità di testare ampiamente due simulatori di un amico. Questi erano simulatori allo stato dell'arte. E posso sicuramente dirti che guidare sul simulatore ha poco a che vedere con le corse reali. Il miglior esempio: se guido nel simulatore, dopo soli 45 minuti di prove girerò sul miglior tempo di Sebastian Vettel a Hockenheim, e questo non può essere vero. In realtà, non sono stato in una macchina di Formula 1, ma in fondo il simulatore è divertimento e un bel passatempo. Se avrò tempo, visiterò il Sim Racing Expo di Marc Hennerici quest'anno. Grazie, caro Marc, per l'invito. È fantastico come hai lavorato per me negli ultimi giorni. I migliori saluti e buona pasqua, il tuo Uwe". E voi cosa ne pensate?
  15. La prima rubrica TV dedicata a simracing esport e simulatori di guida Milano, 29/03/2018 - DrivingItalia.NET e Car Man Simulatori, con la collaborazione dei rispettivi brand Driving Simulation Center e Sim Speed Room, con il supporto della produzione televisiva della GO-TV production, annunciano il lancio della nuova rubrica TV denominata "Pilota Virtuale". "Pilota Virtuale" è la prima trasmissione televisiva interamente dedicata al mondo dei simulatori di guida e dello spettacolare simracing eSport! E' una vetrina, un contenitore, una rubrica aperta a tutti e disponibile per dare voce a tutti quelli che si occupano di simulazione di guida nei modi più diversi, per far conoscere il simracing al grande pubblico. "Pilota Virtuale" andrà in onda a partire da fine Aprile con una puntata di 30 minuti al mese (2 dall'autunno), in prima serata su SPORTITALIA (canale 60 digitale terrestre) e su SKY (canale 225 in tutta Europa), visibile anche all'indirizzo www.sportitalia.com ed in replica sul canale Youtube dedicato, per una visibilità totale di oltre 510 passaggi al mese. Aggiungendo le repliche, possiamo affermare che "Pilota Virtuale" avrà una visibilità settimanale di 650.000 telespettatori medi! "Pilota Virtuale" è registrata presso gli studi televisivi di Sportitalia, ma non mancheranno puntate "live" con riprese in esterna per eventi speciali. E' possibile partecipare gratuitamente come ospite alla trasmissione "Pilota Virtuale", mentre nel caso di aziende o realtà commerciali, è possibile fare pubblicità o partecipare come sponsor con diverse opzioni pensate specificatamente per i partners. Il commento di Nicola Trivilino, responsabile DrivingItalia.NET e Driving Simulation Center: "Lavoriamo da quasi 20 anni con il simracing, i simulatori di guida e, com'è ormai ben noto oggi, l'eSport. Negli ultimi anni tutto il settore della simulazione ha iniziato ad essere considerato con l'attenzione che merita, non solo dagli appassionati, ma soprattutto in ambito professionale e motorsport. Restava quindi da compiere l'ultimo passo, per far crescere ulteriormente i numeri di piloti virtuali e spettatori del mondo dei motori simulato, mostrando tutto al grande pubblico: approdare in televisione, a livello nazionale, con un programma come Pilota Virtuale, sogno divenuto possibile grazie alla collaborazione ed entusiasmo dell'amico Luigi Carro, oltre che al supporto di Riccardo Scarlato. Pilota Virtuale darà spazio e visibilità all'intero settore simracing, dimostrando che spesso il virtuale è persino più emozionante della pista vera! Pilota Virtuale sarete VOI appassionati". Il commento di Luigi Carro, responsabile Car Man Simulatori e Sim Speed Room: "Sono felice ed entusiasta di questa novità e di condividere con Nicola le rispettive passioni, progetti, ideali oltre alle varie iniziative che stiamo portando avanti. La mission di Pilota Virtuale è quella di voler dare una vera “visuale” al simracing, a chi lavora dietro alle mod, alle piste, all’organizzazione di gare e quant’altro, a far conoscere i vari Virtual Team, gruppi di appassionati, community e non ultimo il potenziale di aggregazione e competizione che questa disciplina riscuote. Ne Vedrete delle belle, visuali e non solo!". Il commento di Riccardo Scarlato, responsabile GO-TV production: "Il progetto televisivo “pilota virtuale” mi affascina molto. Sono molto soddisfatto di questa collaborazione. Per la prima volta, grazie a esperti del settore, si parlerà del Mondo sim-racer al grande pubblico. Sono molto felice di ospitare nei miei format televisivi questa rivoluzionaria rubrica". Contatti: Web www.pilotavirtuale.it - e-mail info@pilotavirtuale.it pagina Facebook www.facebook.com/pilotavirtuale/ forum ufficiale su DrivingItalia
  16. Nel video che potete ammirare qui sotto, Empty Box ci spiega in modo molto chiaro, semplice e dettagliato tutto quello che c'è da sapere sul diritto di traiettoria ed ingresso in curva, anche connesso alle bandiere blu, che troppo spesso anche in virtuale vengono ignorate. Consigliamo a tutti i piloti virtuali, non solo ai meno esperti, di seguire con attenzione questi 10 utili minuti...
  17. E' disponibile la quinta puntata del podcast di Motorsport Republic+, l'ormai ben noto motorsport blog gestito dall'inarrestabile Marco Della Monica, e si continua a parlare di sim racing. Questa volta è il turno di Nicola Trivilino, responsabile di una delle community più importanti e attive del panorama italiano: drivingitalia.net . Parleremo di piattaforme, numeri e, sopratutto, della sempre più fedeltà simulativa dell'e-motorsport. Dalle 15 di giovedì #staytuned su motorsportrepublic.com Per ascoltare il podcast in mobilità cercate sui siti o sulle app di spreacker.com castbox.fm o su iTunes "il podcast di motorsport republic+" potete ascoltare ogni puntata in streaming o scaricarla. Dopo la puntata dedicata al nuovo Assetto Corsa Competizione e alla partnership esclusiva con il Blancpain GT, ecco di nuovo immergerci nel mondo della simulazione di guida con uno dei testimoni più importanti di questo settore. Nicola Trivilino è a capo di un sito, DrivingItalia.net che, con i suoi oltre cinque milioni di utenti/mese, rappresenta una fonte importante per parlare delle tendenze di un universo sempre più considerato non solo un passatempo ludico, ma una vera e propria piattaforma dedicata alla formazione e alla costruzione di un pilota da corsa.
  18. Il portale di DrivingItalia.NET e la Car Man Simulatori annunciano oggi con reciproca soddisfazione la firma di un importante accordo di collaborazione per lavorare insieme, ciascuno con le proprie competenze, allo sviluppo dell'intero mondo della simulazione di guida, per fornire un ulteriore e positivo impulso a tutto ciò che è "simracing", eSport, campionati online, modding, centri di simulazione ed in generale passione per il motorsport virtuale! Saranno naturalmente importanti pilastri della partnership anche i rispettivi asset strategici del Driving Simulation Center di DrivingItalia e della Sim Speed Room di Car Man, per occuparsi di tutto ciò che riguarda il centro di simulazione inteso come business, ma anche come professionalità, allenamento e naturalmente divertimento. Il commento di Nicola Trivilino, responsabile DrivingItalia e Driving Simulation Center: "Conosco Luigi da tempo e l'ho sempre stimato ed apprezzato per l'estrema correttezza, serietà, professionalità ed immensa passione in ogni sua iniziativa. La stessa passione che muove me ormai da quasi 20 anni in questo settore. Un giorno ci siamo chiesti: ma perchè non lavoriamo insieme, visto che le follie fatte in due vengono sempre meglio che da soli !? In poco tempo ci siamo resi conto di avere tante cose in comune (oltre all'età...), di lavorare sulla stessa lunghezza d'onda e di avere tante belle idee da poter attuare proprio in sinergia, per offrire sempre di più e meglio agli appassionati di simracing ! Per adesso non vi anticipo nulla, ma.... ne VEDRETE delle belle...". Il commento di Luigi Carro, responsabile Car Man e Sim Speed Room: "Sono felice ed entusiasta di questa partnership e di condividere con Nicola le rispettive passioni, progetti, ideali oltre alle varie iniziative e possibilità che stiamo analizzando; Nicola è un vero pioniere nel simracing. Con Nicola ci conosciamo da diversi anni, diciamo una amicizia “virtuale” nata dai miei primi passi di utente sul portale di DrivingItalia, dove Nicola si è sempre reso disponibile ad aiutarmi nelle varie esigenze e necessità da neofita e man mano col tempo a farmi conoscere ed apprezzare il mondo del simracing. Ringrazio e contraccambio le parole usate da Nicola, sono onorato di poter avere cotanto partner ed interlocutore a questo nuovo ed ambizioso progetto, a cui devo dire grazie anche a delle straordinarie e consolidate amicizie, come Alessandro Micali, Leonardo Bacciosi, Mauro Musella e non ultimo Alessio Cicolari e via via tanti altri. Vero la comune età e la follia che ci accomuna, ma di più ci accomuna la visione nel voler dare una vera “visuale” al simracing, a chi lavora dietro alle mod, alle piste, all’organizzazione di gare e quant’altro, a far conoscere i vari Virtual Team, gruppi di appassionati, community e non ultimo il potenziale di aggregazione e competizione che questa disciplina riscuote. Ok, ok, Nicola, basta finisco qui..!! non vado oltre e come giustamente detto.. Ne Vedrete delle belle, visuali e non solo!"
  19. Negli ultimi tempi i simulatori di guida, il cosidetto "simracing", hanno visto crescere enormemente la propria popolarità. Sono sempre più numerosi i piloti reali che ormai utilizzano il proprio sim preferito, se non addirittura un centro di simulazione attrezzato, non solo per divertirsi, ma anche per allenarsi con metodo praticamente identico a quello della pista. Ma rispetto alla pista vera, quanto è "reale" il simracing ? Prendendo spunto da un'analisi fatta da Paradigm Shift Racing, vediamo quindi di porre l'attenzione proprio sullo strumento di allenamento che può fornire la simulazione, per contribuire a colmare il divario con la realtà della pista. Partiamo proprio da questa. La pista reale e quella simulata I circuiti simulati realizzati fino a qualche tempo fa non erano altro che realizzazioni "artistiche". Ugualmente utili per imparare le traiettorie ed il layout della pista, ma prive quasi totalmente di dettagli. I cordoli, gli avvallamenti, i dossi, le pendenze e cosi via della pista vera erano generalmente diversi, a volte in misura minure, altre decisamente tutt'altra cosa. Quando hanno iniziato ad essere prodotte piste con tecnologia laser scan, il realismo ha fatto un grande balzo in avanti. Su una pista creata in laser scan si riescono a percepire persino i dettagli nella superficie della pista, persino il tipo di asfalto, sembrando tutto più reale. Invece di una superficie irregolare ripetitiva, si sentono le ondulazioni varie del vero asfalto. Io stesso ho potuto verificare l'incredibile realismo di un tracciato creato in laser scan, quando, dopo aver girato a lungo sulla Vallelunga di Assetto Corsa, ho potuto girare sullo stesso circuito romano anche nella realtà: non solo le sensazioni erano le stesse, ma da subito ho avuto confidenza con ogni curva, cordolo e pendenza come se ci avessi già fatto decine e decine di giri. Vuol dire avere da subito una grandissima sicurezza al volante ed una maggiore consapevolezza dei propri limiti. Un altro grande sviluppo verso il realismo nel guidare in pista al simulatore è arrivato quando hanno iniziato ad incorporare la possibilità di bloccare la vista virtuale sull'orizzonte anziché sull'auto. L'opzione, nota come "orizzonte bloccato", imita il modo in cui il cervello vede un circuito nella realtà e consente al pilota una guida più naturale. I dettagli della questione li abbiamo analizzati in questo articolo. Un ulteriore grande passo in avanti verso realismo ed immedesimazione è arrivato dal supporto alla realtà virtuale, la ormai famosissima VR offerta da hardware come Oculus Rift o HTC Vive. Per qualsiasi pilota virtuale infatti, passare dall'ambiente 3D del mondo reale a uno schermo piatto era sempre un po sconcertante e richiedeva un periodo di adattamento, con la realtà virtuale invece la transizione è diventata naturale. Un altro fattore di grandissima importanza nella guida simulata, spesso purtroppo sottovalutato, è la corretta impostazione del campo visivo (il cosidetto FOV). La maggior parte delle impostazioni predefinite in game sono troppo elevate e, mentre un'impostazione realistica potrebbe inizialmente sembrare claustrofobica (perchè molto "vicina" al volante virtuale), consente al guidatore di vedere meglio i cambiamenti nella velocità, che è molto importante per il controllo della vettura. Per regolare al meglio il vostro FOV vi consigliamo la lettura di questo articolo. Vetture e pneumatici Premessa ovvia: anche il miglior simulatore del mondo non potrà mai replicare la sensazione di dover affrontare una curva a 120 km/h sentendo una strana vibrazione, che non si capisce se arriva da un pneumatico o da un bullone della sospensione che sta per spaccarsi... Dove però il simulatore eccelle davvero è nella libertà di poter sperimentare senza alcuna conseguenza. Al simulatore di guida si capisce immediatamente il ruolo cruciale dei pneumatici, non solo per le prestazioni generali della vettura, ma anche per quello che sono in grado di farti capire alla guida. Le gomme non sono solo una parte fondamentale di questa equazione, ma anche la più difficile da simulare. La maggior parte degli aspetti della simulazione del telaio, infatti, sono ormai ben compresi e modellati accuratamente da quasi tutti i titoli, persino quelli considerati sim-arcade come Gran Turismo e Forza Motorsport, che però in genere hanno solo un modello di pneumatici decisamente semplificato e tollerante. I modelli di pneumatici possono variare notevolmente ed anche i modelli più avanzati sono comunque in continua evoluzione. Alcuni piloti reali della vettura americana Ford Racer Spec, dopo aver provato la sua controparte virtuale in iRacing, hanno segnalato alcuni comportamenti strani (ad esempio un'asimmetria nel bilanciamento del veicolo), ma hanno anche confermato le caratteristiche di base della vettura. Il modello di pneumatico in evoluzione, tuttavia, ha saputo offrire sempre quel "qualcosa in più" ad ogni aggiornamento fornito da iRacing. Persino un modello di pneumatico vecchio di qualche anno fa (ed i progressi ultimamente sono stati notevolissimi!) offriva comunque un valido allenamento, perché, anche se alcuni pneumatici simulati potrebbero non corrispondere esattamente alla controparte reale, si comportano comunque come un pneumatico e seguono le leggi fondamentali della fisica. Di conseguenza le tecniche corrette di guida avranno comunque un buon risultato. E' una buona idea in proposito quella di allenarsi con simulatori diversi, ovvero con modelli di pneumatici differenti, imparando ad essere veloce in ogni situazione, per imparare ad adattarsi. Simulazione dinamica Dal momento che ovviamente il mondo reale segue le leggi della fisica, se le tecniche appropriate di guida vengono apprese in un simulatore, queste competenze verranno trasferite con naturalezza anche nella realtà. Non sorprende che i piloti di simulatore che passano alle corse reali spesso raggiungono il top in pista molto rapidamente. La ragione per cui esiste una così alta trasferibilità delle competenze dalla simulazione alla realtà è dovuta al fatto che i migliori drivers stanno reagendo principalmente ai segnali visivi mentre guidano. Replicare i segnali visivi è ciò che i simulatori fanno quasi alla perfezione. Mentre gli stimoli della dinamicità, della forza g e la sensazione del "sentire l'auto col sedere" sono in genere completamente nuovi. Per certi versi la mancanza di forze G in una simulazione può essere vista come una forma di allenamento deficitario. Quando perdiamo un senso, affiniamo sempre gli altri. La maggior parte dei piloti riferisce infatti che quando raggiunge la pista reale con i segnali della G-Force, tutto sembra un pò più semplice. D'altra parte dopo che il pilota virtuale ha imparato a concentrarsi principalmente sui segnali visivi durante l'allenamento, tutti i miglioramenti apportati al controllo della macchina simulata saranno immediatamente evidenti anche nella realtà. Questo perchè i segnali visivi e quelli della forza g stanno fornendo le stesse identiche informazioni, anche se in modi diversi. Benefici dell'allenamento al simulatore Avere accesso all'allenamento visivo giornaliero è solo uno dei vantaggi del simracing. Anche se un pilota avesse un accesso quasi illimitato a una pista reale, l'uso del simulatore è consigliabile in ogni caso, perché ti permette di fare cose che sono poco pratiche o semplicemente impossibili nella vita reale. Uno degli aspetti meno ovvi, ma probabilmente più importanti dell'addestramento simulato, è la possibilità di impostare condizioni statiche per monitorare con precisione i progressi. Nella pista vera, una volta raggiunto il livello di prestazione prefissato, può essere abbastanza difficile valutare da cosa è stato influenzato: sono mezzo secondo più veloce perché sto guidando meglio o sono le gomme, la pista, il tempo o un numero qualsiasi di altre variabili? Mentre la maggior parte dei moderni simulatori ti permettono di impostare condizioni meteorologiche e di pista diverse, ti permettono anche di impostare le condizioni statiche e ti offrono un'auto assolutamente identica ogni volta. Il simracing permette di eliminare tutte le variabili, oppure implementare solo quelle da considerare come parametro, mentre nella realtà è semplicemente impossibile. Confrontare il simulatore con la realtà è un argomento abbastanza ampio e questa è stata naturalmente solo una breve panoramica, ma speriamo sia servita come importante spunto di riflessione anche per quei piloti che considerano ancora il simracing come il "giochino col volante"....
  20. Verba Volant è la nuova voce - rubrica che utilizza il comodissimo e gratuito canale chat audio disponibile sul nostro server Discord: in ogni puntata, che durerà almeno 1 ora, all'interno del canale audio Verba Volant troverete un ospite sempre diverso, legato al mondo del simracing o anche motorsport, con il quale fare una bella chiacchierata, porre le vostre domande, chiedere un consiglio o un parere e, perchè no, soddisfare qualche curiosità particolare. Il secondo appuntamento con Verba Volant è per Venerdi 9 Marzo alle 21,30: parleremo di simracing con Alessio Rovera, pilota reale e campione Porsche Carrera Cup 2017! Partecipate anche voi gratis nel nostro canale Discord a questo link. Per i commenti dopo la chat audio utilizzate questo topic del forum. I prossimi appuntamenti di Verba Volant: Verba Volant puntata #2 ore 21,30 - Venerdi 9 Marzo ospite: Alessio Rovera (pilota reale e campione Porsche Carrera Cup 2017) Verba Volant puntata #3 ore 22 - Lunedi 12 Marzo ospite: Raimondo Ricci @travaglino (pilota reale e campione TCR Series 2017 in categoria TCT) Verba Volant puntata #4 ore 22 - Lunedi 19 Marzo ospite: Luca "Schummy1" Casarotto (simdriver e cofondatore di Drivingitalia.com e .net) Verba Volant puntata #5 ore 22 - Lunedi 26 Marzo ospite: Yoss Apex (fondatore del Apex Modding Team che lavora su rFactor 2) Tutte le informazioni sull'utilizzo di Discord sono a questo link. Per entrare gratuitamente nei canali Discord DrivingItalia non dovete fare altro che fare click su CONNECT nella colonna a destra del sito oppure, ancora più semplice, accettare il nostro INVITO facendo click qui https://discord.gg/jfC5hgV
  21. Il sogno di ogni appassionato di motori è quello di diventare un pilota, partire dal karting, approdare nelle varie categorie dell'automobilismo sportivo ed arrivare al grande circus della Formula 1. Come abbiamo già visto, si tratta di un sogno in realtà molto, ma molto costoso, vicino ai 6 milioni di euro. Anche per questo motivo, sono sempre più numerosi gli appassionati che quindi si "accontentano" di una carriera da pilota virtuale, che fra l'altro, negli ultimi tempi, grazie all'attenzione dei media, degli sponsors, all'E-Sport, ha comunque permesso ad alcuni piloti virtuali particolarmente capaci di entrare persino nell'abitacolo della vettura reale. Esattamente come la carriera nel motorsport, anche quella da simdriver, visti i livelli di competizione di oggi, richiede la gavetta nelle varie categorie minori e grandissimo impegno e dedizione. La differenza rispetto alla realtà sta nel fatto che non è assolutamente necessario iniziare con la guida virtuale sin da piccoli, ma si può correre anche con qualche annetto in più sulle spalle, in quanto lo stress fisico nel simracing non è cosi accentuato come nell'abitacolo reale. Per fortuna la carriera nella guida virtuale è di gran lunga meno costosa rispetto al motorsport, un buon simdriver dovrà spendere molto meno per raggiungere l'olimpo della notorietà nel simracing e casomai riuscire anche a catturare attenzioni importanti, tali da mettersi in luce, vincere importanti tornei ed aspirare alla pista vera. Il dettaglio della spesa nel simracing è quasi ridicolo rispetto al motorsport, ma certamente qualcosa vi stupirà... Per un appassionato aspirante pilota virtuale il modo migliore per cominciare, anche per rendersi conto se la sua passione è davvero cosi elevata, è quello di optare per una scelta semplice e poco costosa: una console ed un racing game sono l'opzione perfetta per un novello "pilotino". L'accoppiata, ad esempio, Playstation 4, da circa 250 euro, con un buon titolo racing da 30/50 euro (Assetto Corsa, Project CARS 2, Forza Motorsport 7 o GT Sport per citare i più noti), ci permette già di andare decentemente in pista virtuale con un investimento di appena 300 euro. Certo, guidare un'auto con un joystick non è proprio il massimo... se quindi inizia a piacerci per davvero, il passo successivo sarà quello di dotarci di un volante e pedaliera. Il consiglio spassionato è quello di acquistare un prodotto di buona qualità, dotato del fondamentale force feedback (altrimenti tanto vale restare col pad!), facendo attenzione alla compatibilità anche con il PC, che un domani potrebbe tornare utile: una buona scelta può essere per esempio il Thrustmaster T150, che si trova a circa 160 euro. Il nostro pilota ha speso finora all'incirca 450 euro. Una opzione alternativa può essere quella di investire da subito in un volante - pedaliera di ottima qualità, per esempio un Thrustmaster T300 o un Logitech G29, ma in questo caso la spesa raddoppia e sarà di circa 300 euro. Ricordate comunque che i prodotti simracing, soprattutto quelli di buona qualità, possono essere facilmente rivenduti come usati, recuperando almeno in parte la spesa, come potete verificare dal nostro seguitissimo forum mercatino. A questo punto la tentazione di comprare un volante e pedaliera migliori sarà molto alta, soprattutto se la guida virtuale inizia a piacerci per davvero... non fatelo ! Con una console non vale la pena, per vari motivi, di utilizzare un volante e pedaliera al top. Il passo successivo può esere quindi quello di passare all'amato (ed odiato) PC. Il primo punto positivo sarà quello di recuperare il nostro volante - pedaliera (da 160 o 300 euro), in quanto compatibile anche con il computer. Il lato negativo sarà l'acquisto del PC, che costa decisamente di più di una console. Come prima cosa valutate bene prima come volete configurarlo, perchè talune scelte sarebbe meglio farle subito, in quanto possono si far salire il prezzo della macchina, ma vi eviteranno di dover ricomprare un nuovo PC dopo qualche tempo: per un simdriver per esempio, l'opzione triplo schermo può essere molto utile, se non addirittura l'uso dei visori VR, ma richiede schede video specifiche. Ragionate quindi con molta attenzione sull'uso e configurazione del vostro PC prima di comprarlo, casomai spenderete qualcosina in più subito, ma eviterete spese maggiori successive. Un buon modo di procedere è quello di assemblarsi da soli il proprio PC o rivolgersi ad aziende specializzate nella produzione di PC pensati apposta per il gaming. State assolutamente lontani dai computer in vendita nei centri commerciali o simili, in genere di pessima qualità e molto scarsi come performance. In media, la spesa per il vostro computer da simulazione si aggirerà sui 1200,00 euro. Adesso abbiamo bisogno del software però: su PC la scelta è più ampia in ambito simracing, praticamente tutti i titoli sono disponibili comodamente via Steam, spesso con delle offerte davvero incredibili, che possono far risparmiare un sacco di soldi. In media, sconti esclusi, spenderemo sui 50 euro. Il budget complessivo è quindi arrivato a circa 1700,00 euro (1850 nel caso del volante più costoso). A questo punto iniziamo ad essere dei piloti "seri": un buon PC, un bel simulatore di guida, un ottimo volante e pedaliera, inoltre il simracing su computer presenta l'enorme valore aggiunto del modding, con decine di piste ed auto aggiuntive realizzate in modo impeccabile e spesso disponibili gratuitamente. Dopo un pò di allenamento ci renderemo conto di una mancanza: abbiamo bisogno di una postazione di guida, sia perchè la sedia alla scrivania è scomodissima, sia perchè c'è l'esigenza di sistemare in modo preciso proprio sterzo e pedali. Avendo tempo ed un minimo di manualità, una soluzione di grande soddisfazione ed ottima resa, è quella di costruirsi da soli la propria postazione, seguendo i tanti consigli disponibili sul forum dedicato, come per esempio il progetto del cockpit in profilati di alluminio. Con la postazione fai da te si possono ottenere come detto risultati straordinari, ma soprattutto si va a spendere davvero poco, anche meno di 300 euro ! In alternativa, la scelta fra le postazioni di guida di varie aziende è ormai molto ampia, anche se naturalmente i costi salgono e possono arrivare anche oltre i 1000 euro. Fate molta attenzione a scegliere un cockpit molto solido, stabile e che non abbia flessioni o vibrazioni nella sua struttura, fattore questo che potrà diventare molto importante in futuro ed alcune postazioni, anche costose, sono in realtà solo dei bei giocattoloni. Se abbiamo una postazione degna di questo nome ed abbiamo ormai macinato centinaia di kilometri virtuali, con le performance che migliorano, inizierà probabilmente ad andarci "stretto" il nostro volante... Fino a questo momento la nostra spesa si aggira sui 2000 - 3000 euro, 3500 al massimo, a seconda del volante e postazione che abbiamo scelto. Con i volanti e pedaliere di livello alto o altissimo, entriamo praticamente in un mondo davvero ampio e variegato. Partiamo dai modelli di fascia medio - alta, con prezzi intorno ai 600 euro (per esempio il Thrustmaster TS-XW Sparco), per passare alla fascia alta che si aggira sui 1600 euro (per esempio i bundle Fanatec), fino ad arrivare al comparto altissimo dei volanti davvero al top, per esempio i direct drive da diverse migliaia di euro, o le pedaliere idrauliche replica di quelle reali, da quasi 2000 mila euro! A parte il fattore estetico che dipende dai gusti è non è indispensabile ai fini pratici, serve davvero a un simdriver spendere cosi tanto per simili periferiche? La funzione di un volante e di una pedaliera è sempre la stessa, ma un prodotto di alta qualità sarà in grado di garantire un feedback, quindi delle sensazioni e di conseguenza delle prestazioni in pista decisamente superiori rispetto ad una periferica di qualità media. I fattori che dovete però ricordare bene prima di valutare ed acquistare un volante - periferica di fascia superiore sono due e molto importanti: come prima cosa è necessaria una postazione seria sulla quale montare le periferiche, che altrimenti risulteranno inutilizzabili (per questo abbiamo detto prima di curare da subito la solidità e rigidezza del nostro cockpit), in secondo luogo il pilota deve avere una esperienza di guida virtuale medio lunga, con tanti giri alle spalle, per poter apprezzare le finezze qualitative di un prodotto al top e sfruttarlo al 100%, altrimenti saranno soldi buttati al vento... Per rispondere alla domanda di prima quindi: prodotti al top diventano necessari e fanno grande differenza quando il pilota ha una sostanziosa esperienza ed è in grado di sfruttarli. I numeri dicono, per esempio, che un freno idraulico con sensore di pressione, usato alla perfezione, può far guadagnare anche 4 decimi al giro! A questo punto perciò, dopo almeno 4-5 anni di esperienza in pista virtuale, il nostro pilota può ragionevolmente affrontare l'investimento per delle periferiche al top di gamma, la sua spesa quindi raggiungerà tranquillamente i 6000 euro, se non oltre. Con un ottimo PC, una postazione funzionale e periferiche al top, ci sono ancora due investimenti da poter fare. Il primo è la VR, la realtà virtuale di un visore come l'Oculus Rift, che fa nettamente la differenza in ambito simracing. Non solo ci fa "entrare" nell'abitacolo con un livello di immersività senza pari, ma aiuta terribilmente il senso di profondità e prospettiva, quindi per esempio l'ingresso in curva sarà più preciso, inoltre rende tutto terribilmente naturale, quando ci troviamo in bagarre, con altre vetture di fianco e possiamo buttare un'occhiata di lato per vedere dove si trovano. Un visore VR si aggira oggi sui 600 euro. Un altro accessorio che fa la differenza è un buon sistema dinamico: un simulatore di guida che si muove offre un feedback ulteriore al corpo molto importante, a condizione che la dinamica sia regolata in modo corretto, oltre a rappresentare anche un valido allenamento fisico. I sistemi dinamici sono generalmente a 2 o 3 assi (2DOF e 3DOF) e utilizzano pistoni posteriori o pedane di movimento sulle quali montare la postazione intera, sistema che consiglio per varie ragioni. Non mancano i 4DOF, ma costano cifre molto alte e offrono a conti fatti poco di più di un buon 3DOF. I prezzi, anche a seconda degli assi, variano dai 1500 ai 4000 euro. Con l'aggiunta di VR e dinamica, il nostro amato pilota virtuale può arrivare alla ragguardevole cifra di DIECIMILA Euro ! Che è comunque molto meno di una stagione in kart in categoria 60 Mini ! Non dobbiamo dimenticare, come possibili costi annuali, gli eventuali abbonamenti a vari servizi software (per esempio il simulatore iRacing che, se usato con continuità, fa la differenza, ma non costa di certo poco), oppure per l'acquisto di alcuni mods a pagamento (in genere non arrivano mai oltre i 15 euro), o l'iscrizione ad alcuni tornei e campionati (qualche decina di euro). Incidono anche, in particolare dopo un anno o due, le spese per l'aggiornamento del nostro PC (scheda video nuova, un disco rigido più veloce ecc...). Infine da non dimenticare il periodico acquisto del nuovo simulatore del momento, anche se, per fortuna, la vita media di un simulatore di guida è molto più lunga di qualsiasi altro videogioco, arrivando spesso a vari anni di divertimento. Questi costi annuali possiamo quantificarli in alcune centinaia di euro, ovvero poco più di 1 euro al giorno. Se non vi basta ancora ed avete un budget importante, potete sempre comprarvi e mettere in salotto un bel Evotek Sym da quasi 50mila euro ! Ricordate però sempre che tutti questi acquisti ed investimenti non fanno in realtà il pilota veloce e vincente: non sarà un volante da tremila euro a farvi vincere, ma la vostra capacità, costanza, concentrazione... Indipendentemente da cosa e come guiderete, la prima regola è sempre la stessa: dovete GIRARE in pista, tanto, tanto e ancora tanto! E quando sarete simdriver famosi, sarete pagati da un bel team virtuale per correre e vincerete milioni di euro di premi in vari tornei, ricordatevi di me che vi ho dato questi consigli !
  22. Il sogno di ogni appassionato di motori è quello di diventare un pilota, partire dal karting, approdare nelle varie categorie dell'automobilismo sportivo ed arrivare al grande circus della Formula 1. Com'è facile immaginare si tratta di un sogno in realtà molto, ma molto costoso. Anche per questo motivo, sono sempre più numerosi gli appassionati che quindi si "accontentano" di una carriera da pilota virtuale, che fra l'altro, negli ultimi tempi, ha comunque permesso ad alcuni simdrivers particolarmente capaci di entrare persino nell'abitacolo della vettura reale. Come ha spiegato Business & Sport in un'analisi completa, poi dettagliata anche da Circus F1, la scalata verso l’olimpo della Formula 1 richiede un investimento notevole, che oscilla fra i 5/6 milioni di euro. Come prima cosa, visti i tempi e i livelli di competizione di oggi è fondamentale cominciare a correre molto giovani, fare la gavetta nelle varie categorie minori e impegnarsi con grande dedizione. Come si sa, la carriera di tutti i piloti parte dai go-kart, cominciando a competere a livello agonistico all’età di nove anni, ma si può iniziare a girare molto prima in pista. Max Verstappen, per esempio, è solo l'ultimo caso: campione del mondo nella categoria regina KZ1 nel 2013, dopo vari anni in karting sin da piccolino, l’olandese ha poi corso solamente un anno in Formula 3 per poi passare direttamente alla Formula 1 con la Toro Rosso nel 2015, ma il suo è stato ovviamente un caso raro e particolare, nel quale il supporto del padre Jos ha giocato un ruolo non indifferente. Il percorso dal kart alla Formula 1 più consueto, considerato appunto da Business & Sport, prevede l’inizio della carriera di un pilota a sette anni, con un investimento per la prima stagione di 20.000 euro. Dai sette ai dodici anni il nostro pilota corre in karting, ma già per la seconda stagione l’investimento sale a 25.000 euro e per le quattro stagioni successive sarà di 40.000 ciascuna. Per capire questa crescita esponenziale nei costi, se non si conosce il mondo del karting, bisogna considerare che un 60cc Mini Kart (da bambino), costa intorno ai 2500 euro, ai quali bisogna aggiungere il costo del motore che è sui 2.000. Il problema maggiore arriva però dopo l'acquisto, con i costi di gestione e mantenimento (benzina, gomme, pastiglie dei freni, parti del motore ecc.). Solitamente sono necessari due go-kart completi a disposizione per ogni gara, la cifra perciò va raddoppiata. Senza dimenticare i possibili incidenti o danni, oppure la necessità di acquistare materiale nuovo perchè migliore di quello già nostro, casomai preso due mesi prima... Per competere a certi livelli, soprattutto se si vuole vincere, è necessario essere seguiti da un team professionista. L’assistenza di un top team con un pacchetto completo (che include il noleggio del materiale ma esclude eventuali danni o rotture), in 60 Mini costa sui 5.000 euro. Facendo due semplici conticini, considerando 4/5 gare in un anno, arriviamo quindi ad un budget di 20.000 euro. Poi però ci sono le giornate di allenamento, in genere 2 a settimana per un pilota di kart che corre a un certo livello e vuole competere per la vittoria, con un costo approssimativo di 600 euro a giornata. Sia per motivi tecnici che per allenamento fisico, le pause possibili sono molto poche. Ipotizzando un numero totale di 50 giornate di allenamento in un anno, il budget richiesto per coprire solamente i test è di 30.000 euro! Siccome però è importante fare più gare possibili, perché si impara di più nel confronto diretto con gli altri, un pilotino di kart dovrà fare in un anno almeno otto gare, alzando così l’investimento fino ai 60.000 euro. Una gara nazionale costa meno di una internazionale, ma le differenze non sono poi cosi elevate. Dai tredici ai quindici anni la carriera del pilota prosegue nei campionati internazionali karting CIK FIA. L’investimento stimato per la settima stagione è di 60.000 euro, per l’ottava 72.000 e per la nona 75.000. Già a 13 anni, il nostro pilota utilizza un kart monomarcia 125cc, prima in categoria OK Junior, poi OK, dai quattordici anni in poi. Un telaio costa sui 4.000 euro, un motore intorno ai 2.600 euro. I costi ullteriori visti in Mini ci sono anche qui, ovviamente maggiori. In queste categorie aumenta anche il numero e la qualità delle gare (persino europee e mondiali), arrivando ad un investimento tra i 170.000 e i 255.000 euro, sempre senza considerare gli allenamenti o i danni. Una giornata di allenamento in queste categorie costa circa 800 euro, perciò il budget per i test in una stagione è di 52.000 euro. Stando alle stime di Business & Sport, al termine dei primi 7/8 anni di carriera in kart, l’investimento ammonta già a 412.000 euro, se non ancora maggiore! A questo punto, all’età di 16 anni, il pilota debutta in monoposto, in Formula 4. Il budget necessario è naturalmente superiore a quello del kart ed anche qui, se si vuole essere competitivi, bisogna spendere sempre di più. L’investimento stimato da Business & Sport in questo caso è vicino ai 180.000 euro. L’anno dopo si passa alla Formula 3 Open e i budget richiesti aumentano fino ai 475.000 euro. Nella dodicesima stagione, a 18 anni, si passa alla GP3, con l'investimento che arriva a 795.000 euro, con il totale complessivo giunto ormai vicino a 1.900.000 euro ! Nei due anni seguenti il pilota corre in Formula 2, con la cifra necessaria per una singola stagione che giunge alla bellezza di 2.000.000 di euro e sale l'anno dopo a 2.115.000. Quindi, all’età di 20 anni, il pilota è teoricamente pronto per approdare in F1. Fino a questo momento sono stati investiti quasi 6 milioni di euro... Per fortuna la carriera nella guida virtuale è di gran lunga meno costosa, un buon simdriver dovrà spendere molto meno per raggiungere l'olimpo della notorietà nel simracing e casomai riuscire anche a catturare attenzioni importanti, tali da mettersi in luce, vincere importanti tornei ed aspirare persino ad andare in pista con vetture reali. Nella prossima puntata vedremo il dettaglio degli investimenti nel simracing, con cifre e voci di spesa che, vedrete, vi stupiranno! Nell'attesa, iniziate a mettere da parte qualche spicciolo...
  23. Su DrivingItalia iniziano ad accendersi i motori virtuali già in questo primo mese del 2018, perchè partiamo a fine Gennaio con i nuovi campionati Formula Exos e Porsche Cup, sempre con Assetto Corsa! Il Porsche GT3 Cup ha raggiunto la cifra record di 50 iscritti ed i piloti, dopo una fase di pre qualifica, sono tutti pronti a scendere in pista in due servers. Le gare del primo gruppo, con i piloti più veloci, saranno trasmesse in diretta su Youtube grazie al supporto di SimRacingZone. Il Formula Exos Championship conta invece al momento 15 piloti iscritti, sono quindi ancora 5 i posti disponibili: per le iscrizioni potete dirigervi a questo link del forum. Per tutti e due i tornei sono in fase di definizione i premi...
  24. Il famosissimo brand karting di CRG organizza una spettacolare gara di 24 ore sul circuito di Adria per il prossimo 24/25 Marzo 2018. La nostra idea è quella di iscrivere un "DrivingItalia.NET SimRacing Team", formato ovviamente solo da piloti virtuali, per dimostrare che i virtual drivers sono capaci di andare forte anche sulle piste vere! Le iscrizioni all'evento apriranno il 15 Gennaio, quindi il nostro team deve essere pronto entro tale data per effettuare l'iscrizione che ha un costo di 2560 euro da dividere fra i piloti e la squadra: il numero massimo di piloti ammessi è di 10, al quale aggiungeremmo il team manager, di conseguenza l'importo di iscrizione sarebbe di euro 232. Correte subito a questo link del forum per partecipare e per qualsiasi informazione. PREVIEW: CRG WILL ORGANIZE A 24 HOURS KARTING IN ADRIA On March 24th and 25th 2018 the CRG 390cc Centurion karts will be protagonists of a must-attend event at the Adria Raceway. The CRG management and the Adria raceway circuit have made official the organization of the 24 Hours Karting of Italy, an event that is going to become the new reference point in the Endurance races field and it’s going to take place on March 24th-25th 2018 with the CRG Centurion karts managed by the CRG Racing Team technicians. Two leaders in the respective fields will join to create a top event, both from the technical point of view, considering that CRG will provide a brand new fleet of 40 Centurion karts, and the logistic point of view, thanks to the futuristic services provided by the Adria circuit. The structure of the track is able to provide the teams with real boxes with sliding doors similar to the F1, screens to follow the race in live timing and all the comforts inside. Moreover, the circuit provides the best illumination system at European level, a modern video room for the race direction’s control and hotel rooms that overlook the karting track, that can be used by the teams for their rest periods during the event. The Adria track hosted the European Karting Championship, Italian Championship and many WSK events and it is one of the most technical and modern ones in international karting. With this event, CRG proves once again its will to complete its offer in the rental karting sector in a big way, placing the 24 Hours together with the Endurance Kart Cup (championship on 3 rounds of 4h each) and the Rental Kart World Contest, the event that will take place in October, a challenge among the best teams selected from the CRG tracks in the world. The team winner of the 24 Hours will also directly qualify for the Rental Kart World Contest, besides winning a brand new CRG FS4 of the Briggs Kart Championship series. About the regulation, the information currently available are the following: the teams will have a kart assigned by lottery that they will have to manage for all the race (without kart changes); there will be ballasts to balance the different weight of the drivers; the starting procedure will be in “Le Mans style” and the driving turns will last 30’. After making official the date on the last weekend of March, CRG will present the complete regulation and the official logo by the end of December, called 24 Hours Karting of Italy. It is a charming event open to everyone: from the most experienced drivers and teams (also international teams), to the petrolheads and beginners. 38 teams will be admitted and the registrations will open on January 15th 2018; the entry fee will be Euro 2.560,00 (taxes included), placing the event at the top for price performance (new CRG karts managed by the racing team and services of the new Adria raceway). For further information, you can contact the CRG’s Endurance division office writing an e-mail to info@endurancekartcup.it or calling the CRG office at +39.331.6305745 24 Hours Karting of Italy in a nutshell: Location: Adria karting circuit Date: 24th-25th March Kart: CRG Centurion 390cc managed by the CRG racing team Format: 1h30’ of free practice – qualifying practice – 24 Hours race with driver change every 30’ Team: from 4 to 10 drivers Entry fee: Euro 2.560,00 (taxes included) Registration opening: on www.kartcrg.com on January 15th 2018 Prizes: for the team winner: participation for free to the Rental Kart World Contest and 1 CRG FS4. For the 2nd place: participation for free to the 1stround of the Endurance Kart Cup. For the 3rd place: voucher of € 500,00 for the registration to the Endurance Kart Cup (to be spent for the 1st race or for the championship registration).
  25. Sin dalla fine degli anni 90 e ancora di più con il nuovo millennio, l'eterno confronto e dibattito fra realtà e simulazione è stato sempre molto discusso, nei modi più svariati. Oggi vi segnaliamo l'interessante video realizzato da Scott Mansell che prova a dare una risposta al dilemma. Scott, che ha una notevole esperienza anche nella pista reale, avendo guidato Porsche Carrera Cup, Superleague Formula, Indy Pro Series e Radical Masters, ci spega in quale modo e misura i due mondi si differenziano o si sovrappongono, analizzando anche come il simracing può essere di grande aiuto ai piloti reali. Scott Mansell (born 1 October 1985 in Birmingham, England) is a British racing driver. An alumnus of Bishop Vesey's Grammar School in Sutton Coldfield, Mansell was the 2004 EuroBOSS champion. He has not competed a full series championship since. Scott was a 2004 McLaren Autosport BRDC Award nominee, losing out to eventual winner Paul di Resta. He is not related to the 1992 Formula One world champion, Nigel Mansell. In 2009 he was the replacement for Duncan Tappy in the Superleague Formula for Galatasaray. This was his first race since the 2006 United States Grand Prix-supporting round of the Indy Pro Series. Mansell set a lap record for the Brands Hatch Indy circuit; 38.032 seconds during the 2004 EuroBOSS season. As well as the Brands Hatch record, Mansell has also broken lap records at Silverstone, Donington Park, Lausitzring and Zolder in 2004. In the same year Mansell won the BBC Midlands Young Sportsperson of the Year as well as being nominated for the Autosport Club Driver of the Year Award.
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.