Jump to content
DrivingItalia.NET fa parte del network di

Search the Community

Showing results for tags 'iracing'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Generale
    • Annunci Staff
    • OT - Di Tutto Di Piu'
    • Vendo Compro Scambio!
    • Hardware - Software
    • Modellismo
    • Multimedia
  • Real Racing
    • Real Motorsport Forum
    • Due ruote
    • Segnalazione Eventi - Raduni
  • Simulazioni Di Guida
    • Sezione DOWNLOAD
    • Setup Public Library
    • Generale
    • Simulatori by KUNOS SIMULAZIONI
    • Simulatori by ISI
    • Simulatori by Reiza Studios
    • Simulatori by Sector3 - Simbin
    • Simulatori by Slightly Mad Studios
    • Formula 1 by Codemasters
    • iRacing Motorsport Simulations
    • Simulatori Karting
    • Rally
    • Serie Papyrus: GPL, Nascar 2003...
    • Live for Speed
    • Serie GPX by Crammond
    • Due ruote: GP Bikes, SBK, GP500 e altri...
    • Console Corner
    • Simulazione Manageriale
  • Online & Live SimRacing
    • Driving Simulation Center
    • Gare
    • DrivingItalia Champs & Races

Calendars

  • DrivingItalia.NET Calendar

Categories

  • Assetto Corsa
    • APPS
    • Open Wheelers Mods
    • Cover Wheelers Mods
    • Cars Skins
    • Miscellaneous
    • Sound
    • Template
    • Track
  • Automobilista
    • Cars
    • Tracks
    • Patch & addon
  • F1 2017 Codemasters
    • mods & addons
    • patch
  • GP Bikes
    • Skins
    • Tracks
  • GTR 2
    • Car Skin
    • Cover wheel Mods
    • Open wheel Mods
    • Patch & addons
    • Setups
    • Sound
    • Tracks
  • Kart Racing Pro
    • Tracks
    • Graphic Skins
    • Setups
  • netKar PRO
    • Tracks
    • Patch & addons
    • Setups
    • Track Update
    • Cars & Skin
  • rFactor2
    • Official ISI Files
    • CarSkin
    • Cover Wheel Mod
    • Open Wheel Mod
    • Patch & addons
    • Setup
    • Sound
    • Tracks

Categories

  • Software
  • Hardware
  • Modding
  • Addons
  • Web
  • Champs & Races
  • Sport
  • Live events

Marker Groups

  • Members

Location


Interests


GTR 2002 Rank


GPL Rank


Nascar Rank


Come hai trovato DrivingItalia.NET?

Found 131 results

  1. Il team di iRacing ha annunciato la nuova partnership con il campionato Red Bull Global Rallycross, che permetterà quindi di riprodurre la versione virtuale del campionato nel simulatore americano. Qui di seguito i dettagli nel comunicato stampa, con immagini e trailer di anteprima. Il Red Bull GRC sarà disponibile in iRacing entro la fine del 2017. Commenti sul forum. iRacing and Red Bull Global Rallycross today announced a partnership that will bring official Red Bull GRC racing to the premier online eSport racing game. Rallycross’s unique style of combined dirt and asphalt racing and tight, fender-to-fender racing will complement iRacing’s vast offering of motorsport formats including NASCAR, IndyCar, sportscars, dirt oval and more. Expected to be available later this year, iRacing’s Red Bull GRC will debut with multiple cars and tracks as well as an exciting new race format – heat racing. Just as in the real world series, the heat format combines multiple short races where competitors battle to qualify for the final. iRacing previously announced that the Volkswagen Beetle GRC car will be available in iRacing – free to all members. In addition to the VW, iRacing has also licensed and built the Ford Fiesta RS WRC racecar which will be available for purchase when Rallycross becomes available in the online racing service. Initially there will be four GRC tracks with five separate configurations available to iRacing members – Daytona International Raceway (x2), Iowa Speedway, Gateway Motorsports Park and Lucas Oil Raceway. These purpose built tracks replicate the challenges Red Bull Rallycross drivers face – multiple track surfaces, jumps, hairpin turns and more. iRacing’s dynamic tracks surfaces change lap after lap, just like in the real world and the dirt surface model replicates the ever changing conditions of a rallycross track. “This is a really exciting announcement for iRacing fans all around the world,” said Steve Myers, executive vice president and executive producer. “Being able to combine dirt and asphalt racing, plus the changing tracks conditions is something we have been working on for quite a while now and to see it come alive with Red Bull Global Rallycross is amazing.” “We have been working with iRacing for some time now, collaborating to develop the tracks and working with drivers to ensure the cars perform just as they do in the real world,” said Chip Pankow, founder and COO, Red Bull Global Rallycross. “iRacing will be a great way for our fans to experience Red Bull Global Rallycross in way they have never before – getting on track and racing. I know our fans will love it!” A number of top Red Bull Global Rallycross drivers are already iRacing members and have collaborated to help develop the project. Multi-time Supercar champion Scott Speed was an integral part of the development process, offering feedback to developers to help refine the simulation. Red Bull GRC drivers have competed in numerous top-tier iRacing events, including the iRacing.com World Championship Grand Prix Series and the iRacing Pro Race of Champions. iRacing and Red Bull Global Rallycross also plan to make full use of the partnership and development tools iRacing has available. Designing, setting up and testing course configurations in iRacing will be a useful tool that will save both time and money for the series in the coming years. iRacing plans to release Red Bull Global Rallycross later this year.
  2. iRacing: pit crew animati in arrivo....

    A quanto pare, finalmente, anche i box di iRacing stanno per prendere vita...
  3. Tutti gli appassionati ricorderanno Glenn McGee, il primo pilota virtuale che, grazie alle vittorie con iRacing, è riuscito a fare il grande salto nell'automobilismo reale nell'impegnativo campionato americano della Battery Tender Global Mazda MX-5 Cup. Anche quest'anno Glenn ha raggiunto con merito la finalissima, che si svolgerà il prossimo 15 Ottobre a Laguna Seca. In questo blog McGee ci racconta le ultime gare disputate e la preparazione per un evento che potrebbe cambiargli, ancora di più, la vita, visto che il primo premio è di ben $75,000... iRacing Sim-Driver turned Mazda Pro-Driver Racing for $75k 2017 Race Report: The Mazda iRacing ‘Virtual-2-Reality’ Driver™, Glenn McGee - Mazda Raceway Laguna Seca, Global Mazda MX-5 Cup, Rounds 11 & 12 Hard to believe it’s been a year since going from ‘Sim-to-Real’; from the digital-based, iRacing Mazda MX-5 Cup Championship; to the ‘real-world’, Battery Tender Global Mazda MX-5 Cup, presented by BFGoodrich Tires; and thanks to iRacing and my partner’s support, I continue my Pro-Racing career competing in the Mazda Global Challenge (Oct. 12-15) for a $110,000 prize purse [$75,000 to the winner] against some of the best up-n-coming drivers in the world!
  4. Dopo l'annuncio riguardante lo sviluppo delle nuove Porsche ed Audi LMP1, il presidente di iRacing Tony Gardner ci racconta cosa dobbiamo aspettarci per i prossimi mesi nel simulatore americano, con l'arrivo dell'atteso Rally Cross previsto "nei prossimi mesi, entro l'anno". Just an update. Our Rally Cross project is still coming along nicely. It is looking like the initial launch will be two cars and three or four circuits. Not sure on the exact timing but it should be this year. Probably within about a month, we can give a better window for the release. We also are making good progress on the much-requested feature, new license capability. For example, adding both a dirt oval and dirt road (rally cross) license including iRating & Safety Rating etc. It has taken a while as our whole system, database, license and skill structure was hard-coded for just road and oval licenses. However a good shot we will have the new licenses (dirt oval & dirt road) in our next season build. We also are working on heat racing functionality for both official racing and hosted racing. Much more on this soon but this new functionality also has a good chance of rolling out this year. We are ideally rolling this capability out with Rally Cross racing for example. We would also set up some dirt oval and short track pavement series with this new functionality! (When the timing is right, for example at the start of a new season). Although each series does things a little differently, heat racing generally would work very similar to the way it works in the real world and includes some nice functional flexibility. Heat racing, for those not familiar, is short races leading up to the main feature race (A-Main) or the consolation race (B-Main). In iRacing, the mini-tournament would all be part of a single session and the whole thing might last for example 45 minutes. For official racing, it would still be part of an overall series. There also are much more really great projects in development obviously (more on those later) besides the LMP1 Cars we announced today but I thought I would update on rally cross and a couple projects that are related.
  5. iRacing: Audi e Porsche LMP1 in arrivo!

    Con il breve ma intrigante filmato che potete ammirare qui sotto, il team di iRacing conferma lo sviluppo delle spettacolari vetture prototipo di classe LMP1 di marchio Porsche ed Audi. Come dice il video, "la rivalità nel motorsport continua... in virtuale"! Commenti sul forum.
  6. Con il breve ma intrigante filmato che potete ammirare qui sotto, il team di iRacing conferma lo sviluppo delle spettacolari vetture prototipo di classe LMP1 di marchio Porsche ed Audi. Come dice il video, "la rivalità nel motorsport continua... in virtuale"!
  7. Prende il via da oggi la fase del torneo Worlds Fastest Gamer che si disputerà fino al 9 ottobre con la McLaren F1 di iRacing. Qui di seguito tutti i dettagli ed un trailer di lancio dell'iniziativa. McLaren has become the first Formula 1 team to enter the esports arena, announcing World’s Fastest Gamer – the world’s most intense and demanding competition for virtual racers. It’s a contest that will see the winner offered the best job in esports – a role with the Formula 1 team as one of its official simulator drivers. McLaren is partnering with iRacing to host a four-week online series featuring the McLaren MP4-30 Formula 1 car where the winner will earn an invitation to the World’s Fastest Gamer Finals to be held in November at the McLaren Technology Centre in Woking, Surrey, UK. Thanks to the unprecedented access to McLaren’s CAD files and data, iRacing’s digital McLaren MP4-30 incorporates current Formula One technology at a level never before seen in sim racing. As a result, iRacing redesigned its engine model to incorporate the ERS and MGU as well as the accompanying energy “storage” and “depletion”. As well, implementing the DRS necessitated the creation of overtaking zones based on a competitor’s proximity to the car ahead. In short, iRacing’s McLaren MP4-30 is the most sophisticated digital race car yet created and represents an exciting new frontier for sim racing. Suzuka Circuit September 12 – 18 One of the world’s truly great race tracks, Suzuka has been the home of the Japanese Grand Prix since the 1980s and its flowing layout regularly puts the circuit at or near the top of the list of most Formula One drivers’ favorites. As if that weren’t enough, Suzuka boats three different configurations – Suzuka East, Suzuka West and Suzuka Full, the latter two featuring a rare figure eight layout where the back straightaway crosses the front section track on an overpass. Circuit of the Americas September 19 – 25 It can fairly be said that American road racing entered the 21st century with the debut of Circuit of the Americas as host of the 2012 U.S. Grand Prix. The first facility in the United States designed specifically for Formula One, CoTA (as it is familiarly known), was conceived by promoter Tavo Hellmund and World Motorcycle Champion Kevin Schwantz and designed with the assistance of noted race circuit architect Hermann Tilke. Autodromo Nazionale Monza September 26 – October 2 Known to racing aficionados and car buffs alike simply as “Monza,” the Autodromo Nazionale Monza is among the most fabled motor racing circuits in all the world. Constructed in Monza’s Royal Villa park in the early 1920s, the circuit has hosted the Italian Grand Prix Formula One race every year but one since the series’ inception and holds the record for the fastest (153.842mph/247.585kph) and closest finish (.18s covering the top four) in Formula One history in 2003 and 1971, respectively. Autódromo José Carlos Pace October 3 – 9 Interlagos (or as it is officially known, Autódromo José Carlos Pace in memory of the Brazilian driver who perished in a 1977 plane crash) is among the most celebrated of all Formula One circuits. Known for its serpentine layout and dramatic elevation changes, the circuit has been the home of the Brazilian Grand Prix since 1973 but for the period from 1978-1989. Sign up on iRacing today and join over 65,000 simracers in the world’s premier online racing game. Purchase a one year membership plus the car and tracks you need for the competition for 70% off! Offer expires September 19, 2017. Valid for new accounts only.
  8. Il team di iRacing ha rilasciato la nuova build Season 4 2017 del simulatore americano. Questa volta si tratta di un update realmente molto ricco di novità ed interessante: troviamo infatti la nuova "macchinina" da dirt di classe UMP Modified, l'ovale sterrato di Lanier National Speedway, la splendida Ferrari 488 GT3, l'implementazione ulteriore della modalità time attack e persino il nuovo tracciato di Snetterton! This season release features a wide array of new content including a pair of cars, a pair of tracks, and a hearty dose of updates all around. Some highlights include: • Dirt U.M.P. Modified • Ferrari 488 GT3 • Lanier National Speedway (Dirt config) • Snetterton Circuit • Race Sessions can now include up to six different vehicles • Fixed a significant Dynamic Track update issue occuring after Lone Qualifying • Dirt Track Initialization v2.0 • Improvements to the event-based audio system • An update to the New iRacing UI Preview and Time Attack
  9. Il team di Virtual2Reality ha tentato un esperimento molto particolare: portare un pilota virtuale di iRacing come il 17enne Alex Bergeron, in una gara vera su una World Sprint Car reale! Correte a questo link per scoprire com'è andata a finire... We learned that there is a tremendous value for virtual racing as it has taught Alex so much about Race Craft. This was very important as the 1500 or so races online, combined with countless practice laps have placed Alex in many situations that could and would occur on the real race tracks. In one of the videos tagged in this you’ll see how Alex instinctively used the throttle to avoid a wreck instead of the panic brake option. This came from avoiding so many incidents online and it was a second nature reaction. He came in with so much awareness about every aspect of racing than your normal rookie. His understanding of the car’s handling tendencies was far beyond anyone’s knowledge who would be climbing into a race car for their first time. This same set of knowledge was also applicable to changing the driving style or turn entry to be able to roll the chassis to the outside drive wheel.
  10. Come ormai sapete bene, sono tantissimi i video pubblicati per i vari simulatori disponibili per la visione nei rispettivi forum. Stasera ve ne segnaliamo alcuni molto interessanti: il confronto con la Porsche fra Assetto Corsa ed iRacing, o il paragone con la Ferrari F2004 fra Assetto Corsa e F1 2017, o i numerosi confronti diretti fra F1 2017 e la realtà!
  11. Bradley Philpot, giovane pilota inglese che corre nel difficile campionato VLN Endurance Championship, ci racconta nel suo blog in quale modo ed in quale misura l'allenamento con il simulatore di guida (Bradley preferisce iRacing) lo abbia aiutato per una durissima gara al Nürburgring. In particolare Bradley analizza in dettaglio fattori connessi al simracing come l'allenamento fisico, la concentrazione, la memoria (per esempio per i comandi sul volante) e, forse il fattore più importante, l'accrescimento della fiducia in sè stessi, nelle proprie capacita e nei limiti del mezzo. In short, I believe that simulator practice is a fantastic way to prepare before a race weekend. It carries a great number of benefits with it, it can be extremely fun–and it’s so much more than simply ‘playing a game’. In my opinion, any serious driver who doesn’t already utilise this tool is missing out. By the way, I’ve chosen the tyre pressures, and the session starts in five minutes.
  12. Con lo spettacolare video di anteprima che potete ammirare qui sotto, il team di iRacing ci presenta la nuova Ferrari 488 GT3 che sarà presente nella prossima build di settembre del simulatore americano.
  13. Con il promo trailer che vedete qui sotto, il team di iRacing ci presenta 2 delle novità che saranno disponibili con la build di settembre del simulatore americano: si tratta della nuova "macchinina" da dirt di classe UMP Modified e del nuovo ovale sterrato di Lanier National Speedway. Introducing the DIRTcar UMP Modified AND Lanier National Speedway's dirt track - coming to iRacing next month. Lanier National Speedway - originally built as a dirt track from 1982-1987 - will be iRacing's first 3/8 mile dirt track. The track is FREE for all our members.
  14. Con il promo trailer che vedete qui sotto, il team di iRacing ci presenta 2 delle novità che saranno disponibili con la build di settembre del simulatore americano: si tratta della nuova "macchinina" da dirt di classe UMP Modified e del nuovo ovale sterrato di Lanier National Speedway. Introducing the DIRTcar UMP Modified AND Lanier National Speedway's dirt track - coming to iRacing next month. Lanier National Speedway - originally built as a dirt track from 1982-1987 - will be iRacing's first 3/8 mile dirt track. The track is FREE for all our members.
  15. Nell’ultimo mese abbiamo verificato in che condizioni fossero i tre big della simulazione, attraverso tre articoli che hanno avuto un grande successo: dopo la prima parte dello speciale The Big Three, dedicato ad Assetto Corsa, il secondo articolo della serie focalizzato invece su rFactor 2 e l'ultima parte dedicata all'americano iRacing, ora è il momento più atteso, quello del verdetto finale. Continuate a leggere e lo scoprirete. In un mondo così ricco e variegato è sempre piuttosto difficile poter scegliere, in qualsiasi ambito, dagli smartphone ai videogiochi. Ebbene, anche nel più ristretto universo dei simulatori di auto, oggi ci troviamo di fronte agli stessi problemi e non è quasi mai facile venirne a capo, soprattutto quando gli interessi personali non sono ben definiti. Lo scopo di quest’ultimo articolo è proprio quello di riassumere con chiarezza e precisione le caratteristiche positive e negative dei tre big della simulazione e aiutarvi a capire quale possa essere il migliore per ciascun videogiocatore. Partiamo dall’ultimo analizzato, nonché il più longevo di tutti: l’inarrestabile iRacing. PRO: dalla sua sicuramente c'è il gran numero di auto e ancor più di circuiti ma la vera star di questo simulatore, quello che fa propendere migliaia di appassionati verso di esso è senza alcun dubbio la parte online. Decine di campionati, serie e leghe ufficiali, alcune di esse anche sponsorizzate da veri marchi dell’automotive e un sistema di ranking assodato e soprattutto ben bilanciato, che permette a chiunque di potersi addentrare nell’intricato ed esaltante mondo online. Questi sono i veri punti a favore di iRacing: un simulatore nato con lo scopo di regalare a tutti i fan di auto l’opportunità di gareggiare tra essi senza limitazioni alcune, facilitando il tutto, tenendo sotto controllo l’azione e garantendo in modo continuo aggiornamenti e novità. CONTRO: d’altro canto però c’è un grosso lato negativo ed è il prezzo: non stiamo parlando di un pagamento definitivo ma di un abbonamento che può essere nell’ordine dei mesi o anni (al massimo due), i cui costi non sono proprio accessibili a tutti. A ciò dobbiamo aggiungere il caro prezzo di auto e circuiti nuovi, qualora le quindici vetture e altrettanti circuiti compresi nell’abbonamento iniziale non fossero più di gradimento; insomma, c’è da pagare eccome, ma se si ama la sfida con altre persone, non c’è simulatore migliore da questo punto di vista. Il discorso cambia quando invece andiamo a scomodare un altro dei grandi di sempre, in altre parole il mitico rFactor, in particolare la seconda generazione. rFactor2, infatti, si pone come il titolo più simulativo di tutti e non vuole lasciare scampo a nessuno da questo punto di vista... e come dargli torto. PRO: ha il modello fisico più complesso e completo in circolazione, è il sim più ricco di features relative alle auto in sé e di conseguenza offre un grado d’immersione per gli appassionati più esigenti, senza paragoni. Si parla di un Tyre Model avanzatissimo, in grado di gestire temperature, condizioni atmosferiche e stress diversi; ci sono algoritmi complicati per le sospensioni e in generale per quello che riguarda l’handling delle vetture; senza tralasciare la possibilità di gestire contemporaneamente e liberamente auto con più di quattro ruote (vedesi Tyrrel P34). Tutto qui? Assolutamente no, perché non solo si tratta del sim più “fedele” alla realtà, almeno sulla carta, ma è anche quello più aperto al mondo delle mod, anima imprescindibile dell’esperienza ludica. Di fatti, rFactor2 permette di sbizzarrirsi nella creazione di vetture di ogni tipo, andando a colmare il gap dato dalla mancanza di contenuti ufficiali. CONTRO: sono proprio i contenuti uno dei fattori negativi che hanno allontanato gran parte della gente, insieme ad una grafica e UI non all’altezza dei rivali. Ne vale, quindi, la pena di spendere una trentina di euro per un simulatore povero di contenuti? La risposta paradossalmente è: sì. Perché da quando è sotto le redini della Studio-397, rFactor2 sta vivendo un lungo e grande processo di ringiovanimento che lo porterà, si spera, a essere di nuovo il chiodo fisso per tutti gli appassionati di sim di auto. Gli aggiornamenti sono continui e importanti, mai sottovalutati e pian piano stanno riuscendo nel compito di riportare in auge un titolo che merita di stare nell’Olimpo dei sim. Infine c’è il simulatore made in Kunos, vero e proprio orgoglio italiano, stiamo parlando di Assetto Corsa. A oggi è il più utilizzato dalla community di videogiocatori e nonostante sia ormai in pista da oltre quattro anni (da quando è giunto in early access su Steam) riesce ancora ad offrire un’esperienza valida e interessante. PRO: merito dei numerosi contenuti rilasciati nel tempo; ma soprattutto è grazie al modello fisico genuino e intuitivo che AC ha fatto breccia nel cuore di milioni di appassionati. Non siamo ai livelli di rFactor ma il livello simulativo resta comunque elevato e tramite un Force Feedback d’eccellenza il simulatore italiano permette di guidare decine di auto trasmettendo sensazioni uniche, appaganti e dirette. Si sente nettamente lo spostamento di peso del veicolo, la gestione delle trazioni è ottima, così come il comportamento degli pneumatici è credibile nella maggior parte delle situazioni. Con Assetto Corsa si percepiscono i comportamenti delle auto, in particolar modo quelle da corsa o quelle storiche, vero fiore all’occhiello della produzione italiana. Le piste inoltre sono riprodotte fedelmente e permettono di cimentarsi in lunghe sessioni on e offline soddisfacenti e divertenti, al termine delle quali si riesce a percepire la fatica di un vero pilota. CONTRO: purtroppo manca una componente multiplayer accattivante e ben gestita come su iRacing ma dopo numerosi aggiornamenti ora è tutto più stabile e notevolmente fruibile (anche su console). Sì, perché il sim italiano è l’unico, finora, a essere sbarcato anche su Playstation e Xbox, avvicinando così, un pubblico diverso che poco conosceva il mondo della simulazione. Assetto Corsa è, infatti, fra i tre big, quello più bilanciato, quello che non esalta drasticamente una caratteristica principale a discapito di altre ma cerca di accontentare più videogiocatori possibili; lima tutto ciò che è pensabile limare affinché si abbia tra le mani un prodotto soddisfacente sotto quasi ogni punto di vista. Grafica, sonoro e UI sono belli, appariscenti, intuitivi e immersivi; le mod sono tantissime (solo su PC) e i contenuti ufficiali anche (precisando che molte auto sono dei DLC a pagamento che non possono essere provati prima dell’acquisto); infine la fisica delle auto: “semplice” e appagante quando si guida, tosta ed emozionante quando si spinge al limite. VERDETTO FINALE: cosa dire in definitiva di questi tre grandi, immensi simulatori? Quale scegliere se si è indecisi? Beh, cari miei lettori, la risposta non è per niente semplice perché come già accennato più volte, dipende al 90% dagli interessi personali. Tuttavia ciò che mi sento di aggiungere è che ognuno di questi Big Three ha almeno un punto a suo favore e altrettanti punti negativi. Assetto Corsa è il più accessibile, diverte, emoziona... è semplicemente l’anticamera del paradiso per i petrolhead che amano la simulazione, in attesa di un futuro “sequel” che sconvolga nuovamente il mondo dei sim. rFactor2, d’altro canto, è un titolo serio, che richiede tempo per essere digerito completamente ma offre un livello di simulazione senza eguali ed è in continuo aggiornamento, cosa non di poco conto. Infine c’è iRacing, che con la sua maestosa galassia di eventi online e il suo quasi perfetto sistema di gare non delude chi vuole sfidare persone di tutto il mondo, seriamente e con la coscienza di dover impegnare tanto tempo e soldi. Alla luce di queste parole spetta a voi scegliere, ma sappiate che ognuno di questi tre Big non vi deluderà: basta semplicemente lasciarsi immergere totalmente dal loro essere unici e viverli come stimolano a essere vissuti. È un buon momento questo per essere appassionati di sim racing, meglio approfittarne finché si è in tempo! A cura di Mauro Stefanoni
  16. Mentre è in corso la fase del torneo dedicata ad rFactor 2, e nella prima gara di Silverstone le cose sono andata davvero male per i nostri piloti italiani, la McLaren ha annunciato una nuova fase del suo torneo Worlds Fastest Gamer, che si disputerà dal 12 settembre con la McLaren F1 di iRacing. Qui di seguito tutti i dettagli ed un trailer di lancio dell'iniziativa. iRacing and McLaren have announced a partnership in the World’s Fastest Gamer competition. iRacing, the world’s leading online racing simulation, will host a four week series featuring the McLaren MP4-30 Formula One car where the winner will earn an invitation to the World’s Fastest Gamer finals to be held in November at the McLaren Technology Center in Woking, Surry, UK. The iRacing qualification series will begin on Tuesday, September 12 and run through October 9. Featuring races in the McLaren MP4-30 the series will have multiple races each day allowing iRacing members ample opportunity to qualify for an invitation to the finals and the ultimate prize – to be named the McLaren F1 simulator driver. Get complete details on this competition here: http://www.iracing.com/wfg/
  17. Dopo il successo della prima parte dello speciale The Big Three, dedicato ad Assetto Corsa, il secondo articolo della serie focalizzato invece su rFactor 2, è tempo di dedicarsi all’ultimo contendente, niente meno che iRacing. Pronti per scoprire quali sono pro e contro di questo gigante della simulazione? Allora non vi resta che continuare a leggere. È un’estate rovente per chi come noi è appassionato di racing games: i continui rumors riguardanti Forza, PCars e perché no, anche l’hype attorno al nuovo F1 2017 sembrano farla da padrona, tuttavia il mondo della simulazione non è da meno e quindi anche il famosissimo iRacing vuole farsi sentire urlando ad alta voce <<Presente!>>. Sì, perché nonostante sia un prodotto definibile “di nicchia” rispetto ad altri sim come Assetto, riesce lo stesso a fare capolino nei cuori e nelle menti di molti sim racers, in particolare quelli più votati all’online. So che dovrei lasciar questo giudizio alla fine, ma penso sia cosa nota affermare che iRacing sia il punto di riferimento più alto in termini di competizione online, seria e ragguardevole. Lo è sempre stato, è nato con quest’obiettivo e si è affermato come tale nonostante un aspetto rilevante quale il metodo di pagamento. Su questo però ci torneremo più avanti nell’articolo. Ora, è il momento, invece, di fare il punto della situazione sul suo sviluppo, perché alla iRacing.com Motorsport Simulation, non hanno pensato un attimo di adagiarsi sugli allori; al contrario, da quando è uscito nel lontano 2008 iRacing è stato capace di innovarsi, completarsi con svariate vetture e circuiti ma soprattutto migliorando quel sistema di competizione online per cui è invidiato in tutto il mondo. Senza addentrarci nei meandri della sua storia, iRacing ora offre una serie di campionati ufficiali nei quali partecipare, che vanno dall’IMSA al Blancpain GT Series, passando per Indycar e la NASCAR. Nell’ultimo periodo, in particolare, sono state aggiunte molte cose, dando una sterzata decisa al titolo, che per poco non rischiava di addormentarsi un po’ troppo. Ecco quindi l’arrivo a sorpresa della licenza per i campionati americani di World of Outlaws e USAC Racing, due serie poco famose nel vecchio continente ma che sono importanti perché hanno dato il benvenuto su iRacing al mondo delle quattro ruote su sterrato. Non solo più asfalto, quindi, ma anche gare per gli amanti del “dirt”. Continuando con quest’argomento come non citare l’arrivo prossimo della Volkswagen Beetle da RallyCross, che si porta dietro non solo qualche circuito ma soprattutto la licenza ufficiale per il campionato stesso (aspettiamoci quindi altre novità in futuro a riguardo). Se però delle gare online su sterrato non siete interessati ecco che il simulatore americano ha ufficializzato l’approdo delle sportivissime Porsche, per ora inserendo soltanto la 911 GT3 Cup 2017, un’auto potente, divertente ma non così semplice da portare al limite e che permette di affrontare campionati mozzafiato. Altra interessantissima novità è data da due ulteriori vetture da corsa, stiamo parlando della Ferrari 488 GTE (il cavallino rampante fa così il debutto su questo sim) e della sua acerrima rivale, la Ford GT LM 2016. Due bestie per la pista, pronte ad affrontarsi a suon di sportellate e giri al cardiopalma sui circuiti più famosi del mondo (La Sarthe compreso) che iRacing offre. Le novità, però, non sono finite qui: negli ultimi mesi sono stati fatti passi avanti con il Tyre Model, croce e delizia di questo pregiato simulatore; ora la sensazione di scivolamento che caratterizzava le auto in condizioni estreme è migliorata, lasciando spazio a un feeling decisamente più realistico. Per quanto riguarda le piste, dobbiamo per forza ricordare (soprattutto per gli appassionati di NASCAR) due nuovi ovali quali il Myrtle Beach Speedway e il Bullring di Las Vegas. Quello che però ha lasciato di stucco i giocatori, dopo anni di richieste, è l’annuncio ufficioso del ciclo giorno-notte, una feature dannatamente importante soprattutto per affrontare con quel pizzico di realismo in più, le gare di endurance proposte dal simulatore. Tuttavia c’è un “forse” grande come una casa, perché dal video pubblicato qualche giorno fa, non si vede chiaramente la transizione tra giorno e notte fonda, ma sembrerebbe piuttosto partire dall’alba e giungere fino alla sera. Bisognerà aspettare, quindi, altre notizie ma ad ogni modo, sarà divertente poter gareggiare finalmente con cambi d’illuminazione. Insomma, se vi eravate allontanati per qualche periodo dal simulatore in questione, sappiate che aggiornamenti, miglioramenti e novità ce ne sono ampiamente stati, per tutti i gusti. Ora è giunto il momento di addentrarci nella giungla dei pro e dei contro, anche se nel caso di iRacing, si tratta di aspetti concentrici, nel senso che un fattore negativo può nascondere un lato positivo e viceversa. Inizierei da una caratteristica che esprime al meglio il mio concetto ovvero il force feedback: se siete abituati a sim come Assetto Corsa piuttosto che rFactor vi troverete dinanzi ad un ritorno di forza diverso, che può far storcere il naso ma che dopo ore di abitudine non pregiudica in alcun modo il divertimento e l’immersione. Quest’aspetto è sempre stato un po’ critico per il simulatore americano: certi comportamenti della vettura, purché veritieri, non sono trasmessi con precisione come invece accade in altri casi. Il lato positivo si riscontra però nel fatto che, nonostante non sia un FF magistralmente definito, si ha comunque la percezione di ciò che accade perché il modello fisico e dinamico delle auto è realistico e non delude le attese. Un altro esempio del ragionamento è dato dai contenuti che come sappiamo, sono quelli che attraggono la maggior parte del pubblico. Nel caso di iRacing ci troviamo di fronte a decine di auto e tracciati diversi, ma che nella gran parte dei casi sono appartenenti a classi e campionati americani, con poca varietà di vetture europee (una dozzina o poco più). È questo un punto cruciale e molti appassionati potrebbero storcere il naso di fronte a tale caratteristica. Tuttavia il discorso cambia se si parla di circuiti, poiché iRacing è in assoluto il simulatore con più piste ufficiali laser scannerizzate in circolazione; un numero che si avvicina al centinaio, incredibile, senza contare le varie configurazioni, ma la cosa più importante è che ha alcune esclusive d’eccezione: fra tutte citerei La Sarthe, Suzuka, Bathurst, Sonoma, Watkins Glen, Montreal, Motegi e Donington. Ce n’è veramente per tutti i gusti ed è davvero piacevole poter svolgere gare entusiasmanti su circuiti così famosi e ben realizzati. Collegato a questo discorso, però ve n’è uno ancor più importante e che non è possibile saltare: il costo. Sì, cari lettori, iRacing vive di rendita, se così possiamo dire, perché non solo bisogna pagare una quota d’iscrizione mensile o annuale (meglio propendere per la seconda, più conveniente) ma fa pagare ogni auto o pista in più che si desidera provare. E il prezzo pro auto/circuito non è dei più bassi: si parla di circa 10/15 € per singolo pezzo e questo, ahimè, tiene ancora lontane molte persone che invece vorrebbero gustare il magnifico online e le stupende piste offerte. Da qui potrebbe nascere un dibattito infinito sui pro e contro della decisione di iRacing nel far pagare ogni contenuto aggiuntivo, ma la verità è che bisogna tenere sempre bene in mente qual è l’obiettivo di questo simulatore: prendere parte a uno o più campionati, in modo serio, come fosse un’impresa vera e non solo virtuale. Non è nel DNA del sim guidare in maniera superficiale o senza impegni, no: con iRacing ci si deve mettere in testa di spendere in primis soldi, ma poi soprattutto ore alla guida anche solo di una vettura, per ricevere in cambio soddisfazioni che derivano da vittorie certificate e premiate, in base al campionato e al livello di appartenenza. Si va quindi oltre il mero divertimento. iRacing è, infatti, il punto di congiunzione fra la stanza con pc e postazione guida e la pista vera e propria, è un mondo a se stante e per essere ciò che è, purtroppo fa pagare (a caro prezzo) i suoi contenuti esclusivi. Da qui, io introdurrei l’ultima caratteristica che però in questo caso è solo un unico e grande pro: il multiplayer. Che siano stanze private, pubbliche o campionati ufficiali, iRacing è in grado di donare ai suoi utenti un’esperienza pressoché perfetta nel mondo delle sfide online. Certo non mancano problemini vari, ma in generale ogni dettaglio è studiato per garantire più aspetti cruciali: anzitutto uniformità tra i giocatori (esiste, infatti, un sistema di ranking avanzato che suddivide in classi i piloti e man mano che si procede, senza ovviamente incappare in ban o sanzioni, si sale di livello); tutto questo per far sì che nei campionati più seri, non ci siano giocatori inesperti che potrebbero “rallentare” l’esperienza di chi invece è più che un semplice amatore. In realtà il sistema è un po’ più complicato di quanto non vi abbia spiegato, ma il succo è quello. Altro aspetto chiave è la possibilità di partecipare in eventi organizzati da brand o addirittura federazioni ufficiali, con premi in denaro che in base all’importanza vanno dalle centinaia fino alle migliaia di euro. Per garantire quest’aspetto gli sviluppatori hanno, nel tempo, evoluto il loro sistema di gestione dei server e hanno limato ogni dettaglio del simulatore: dalle qualifiche ai GP, dalle bandiere in pista ai pit stop, dalla possibilità di fare gare multi-classe a quelle endurance, dai telecronisti agli spettatori (quindi eventi live in streaming), fino all’implementazione di una delle VR più interessanti e meglio riuscite nel panorama dei simulatori; il tutto nel tentativo di creare un mondo unico nel suo genere. Quello di iRacing è appunto un mondo diverso, che attrae molti sim racer ma che allo stesso tempo non ne avvicina a sufficienza molti altri; è un simulatore ricco di tanti contenuti ma per usufruirne bisogna fare un piccolo grande investimento secondo ciò che si desidera provare. Il consiglio è di testarlo almeno una volta nella vita, e prima di buttarsi a capofitto, fare un lungo respiro, controllare la carta di credito e poi soprattutto ricavare del tempo per dedicare anima e corpo a uno dei simulatori più famosi, soddisfacenti e coinvolgenti presenti su pc. Anche in questo caso, il discorso finale è simile ai precedenti articoli: iRacing è un sim particolare, unico nel suo genere, votato all’online e basta, ma per questo non deve essere snobbato ma piuttosto va vissuto alla sua maniera e per farlo serve addentrarsi nella foresta variopinta dei campionati online che esso offre con raziocinio. Commenti e discussioni sul forum A cura di Mauro Stefanoni
  18. Il team di iRacing ha annunciato con il breve filmato visibile qui sotto, di essere al lavoro sullo sviluppo del ciclo completo di transizione fra giorno e notte. In contemporanea gli sviluppatori americani sono al lavoro anche sulle nubi volumetriche, esposizione diniamica ed altro ancora. You asked for it! Day/Night Transitions are in development on iRacing. Please note: this video displays only a partial implementation with a focus on a clear day sky model. We are still working on volumetric clouds, dynamic exposure, etc!
  19. Il team di iRacing ha annunciato con il breve filmato visibile qui sotto, di essere al lavoro sullo sviluppo del ciclo completo di transizione fra giorno e notte. In contemporanea gli sviluppatori americani sono al lavoro anche sulle nubi volumetriche, esposizione diniamica ed altro ancora. You asked for it! Day/Night Transitions are in development on iRacing. Please note: this video displays only a partial implementation with a focus on a clear day sky model. We are still working on volumetric clouds, dynamic exposure, etc!
  20. iRacing ci mostra il rallycross in video

    Dopo aver annunciato ad inizio giugno l'arrivo in autunno, come contenuto gratuito, della divertente Volkswagen Beetle GRC in versione rallycross, il team di iRacing ci mostra oggi un breve filmato di anteprima che ci permette di apprezzare la vettura in azione proprio in ambito rallycross.
  21. ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Turns: 19 Length: 4.35mi - 7km Pit Speed Limit: 37mph - 60kph --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Race Sat, July 22nd @ 13:00GMT / 9amET --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Setup Shop: http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3481076.page Teams Topic (Blancpain): http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3325516.page Teams Topic (IMSA): http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3319720.page Setup Shop: http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3481075.page Teams Topic (Blancpain): http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3325516.page Teams Topic (IMSA): http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3319720.page Setup Shop: http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3481078.page Teams Topic: http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3325516.page Setup Shop: http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3481080.page Teams Topic (Blancpain): http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3325516.page Setup Guide: http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3472373.page Setup Shop: http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3481077.page Teams Topic (Blancpain): http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3325516.page Teams Topic (IMSA): http://members.iracing.com/jforum/posts/list/3319720.page --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Format: Solo Misc. Info: These sessions determine the overall weekly qualifying order, which is used to set the starting order, or grid, for each race session. Qualifying times are valid for the entire race week, and drivers may attempt to improve their time as often as they like during the race week. Incidents are recorded during qualifying sessions and factored into each driver's Safety Rating calculation. Starts: Rolling Time of Day: Afternoon Field size: 60 Cars Race length: 24 Hours (1440 minutes) Weather (Default): - Temperature: 78° F - Wind Speed: N @ 2 MPH - Atmosphere: 55 RH, 0% Fog Cover - Skies: Partly Cloudy License Requirements: D 4.0 and above Warm-Up: 1 hour Incident Limit: None iRating in effect: No Safety Rating in effect: Yes Fast Repairs: None Splits Info: Splits will be set by iRating. Note that in team races only the iRating of the team driver(s) registered when the race session launches are included in this calculation of team iRating Driver Limits: 2-16 drivers required Team Racing FAQ: http://faq.iracing.com/article.php?id=216 Looking for a Team? --- Streaming the Race? --- Post your Paint! --- Which car are you running? --- fonte iRacing forum
  22. L’estate è arrivata ed è ora di tirare le somme per quanto riguarda i tre simulatori più in voga degli ultimi anni. Un’occasione per fare il punto della situazione, per paragonarli e vedere quanto sono diversi o uguali l'uno dall'altro. Che il 2017 sia un anno speciale per gli appassionati di racing games è ormai chiaro e quindi, in attesa di provare le novità che ci aspettano, mi è parso giusto fare un confronto fra quei tre titoli che a oggi primeggiano nella simulazione, vale a dire Assetto Corsa, rFactor 2 e iRacing. Ognuno di questi ha dei punti a suo favore, caratteristiche che lo portano a essere apprezzato dalla community di simracers e anche da chi invece della simulazione poco se ne intende. D’altro canto però, questi tre videogiochi hanno anche delle caratteristiche che possono far pendere la scelta sull’uno piuttosto che sull’altro. Conscio dei rischi del mestiere, in questa serie di articoli, scaverò a fondo per capire a che punto del loro sviluppo sono i Big Three e cercherò di descrivere con oggettività i pro e i contro che li caratterizzano. Iniziamo quindi dal prodotto made in Italy, più precisamente made in Vallelunga, in altre parole l’amatissimo Assetto Corsa. Giunto su pc alla versione 1.14.4 il simulatore Kunos è più florido e accattivante che mai, complice un parco auto degno di nota e tante piccole migliorie che l’hanno reso uno dei punti di riferimento tra gli appassionati d’auto e videogiochi. Procediamo ora con ordine: con quest’ultimo aggiornamento, infatti, AC ha ricevuto alcune novità interessanti tra cui spicca su tutte l’implementazione del vento. Se dal lato meteo dinamico e ciclo giorno/notte ci sarà da aspettare un futuro secondo capitolo, finalmente il simulatore italiano ha ricevuto una feature di grande interesse, quale appunto il bene amato vento. Esso può essere impostato in quattro differenti modalità: random, debole, medio e forte. Contemporaneamente è possibile stabilire la direzione secondo le coordinate oppure semplicemente lasciandolo casuale, che se vogliamo, è la scelta più realistica. In realtà sulle auto stradali questo effetto non è granché percepibile. È invece sulle vetture da competizione che l’effetto si fa sempre sentire e ciò avviene in maniera forte e anche improvvisa; in generale garantisce sicuramente maggior coinvolgimento e realismo. Altra novità, che è passata più in sordina, è il rinnovamento dell’algoritmo che gestisce la fisica e simulazione degli assi in una decina di auto: quindi se eravate abituati a guidare una vettura prima di quest’aggiornamento vi consiglio di farci un giro per carpire gli effetti della novità. Soprattutto sulle auto storiche che ora sono ancora più soddisfacenti da guidare. Anche il famigerato Tyre Model, ora alla versione 10, è molto migliorato ed è in continuo sviluppo come del resto l’intero gioco. Sul lato multiplayer invece, sono stati fatti passi avanti negli ultimi mesi: ora è, infatti, di solito possibile fare gare con la certezza di terminarle senza problemi di lag estremo o legati al netcode e siccome la maggior parte dei simracers ama guidare online, era assolutamente necessario che migliorassero questo fondamentale aspetto del gioco. Anche il numero delle auto è cresciuto ulteriormente: nel mese di marzo sono state aggiunte gratuitamente la Mazda MX5 NA e la famosissima 787B; ma soprattutto non possiamo dimenticare la serie di circuiti denominata Highlands, che ha fatto il debutto su pc a Febbraio, insieme ad un mostro sacro del rally quale l’Audi Sport Quattro S1. Per chi avesse già acquistato lo scorso anno il terzo e ultimo Porsche Pack, è stata introdotta nel mese di Marzo la nuovissima 911 RSR 2017. Questo è Assetto Corsa oggi su pc: un simulatore che nonostante gli anni sulle spalle continua a evolversi e lo fa in meglio, apportando non solo numerose auto e qualche circuito, ma introducendo migliorie varie che rendono la simulazione ancora più coinvolgente. Diversa è invece la sorte del franchise su console dove gli aggiornamenti procedono più a rilento; se su PS4 il simulatore italiano è quasi al passo della controparte per pc, lo stesso non si può dire della versione Xbox One che è a oggi ancora in attesa di ricevere l’aggiornamento 1.14. Un vero peccato per i fan di questo gioco sulla piattaforma di Microsoft, perché ormai da un mese su PS4 è già possibile correre online nelle lobby private, che finalmente hanno fatto il loro debutto. E come si suol dire... meglio tardi che mai! Infatti, nonostante molti fan si siano spazientiti (cosa per altro comprensibile) ora possono usufruire di una delle feature più richieste da sempre e possono mettersi alla guida delle stesse auto e degli stessi circuiti presenti su pc; fatta eccezione per il "Ready to race" DLC che dovrebbe arrivare su PS4 e si spera anche su Xbox, quest’estate. Per finire la carrellata di notizie non resta che citare l’annuncio di qualche giorno fa del futuro “Ferrari 70th Anniversary Celebration Pack”, che conterrà sette auto del cavallino rampante, di cui una scelta dalla community stessa. E se non lo aveste ancora fatto, potete cliccare qui per votare la Ferrari che volete sia aggiunta nel gioco quest’autunno. Passiamo ora al fulcro di quest’articolo ovvero gli aspetti positivi e negativi che caratterizzano il simulatore Kunos. Di sicuro la cosa che fa più piacere ad un videogiocatore è il fatto che un titolo non venga abbandonato a se stesso e in questo Assetto Corsa non delude mai; da quando è uscito nell’ormai lontano 2013 ha ricevuto tantissimi update, è migliorato e continuerà ad essere così anche quando l’attenzione andrà a cadere su un suo eventuale successore, parola di Massarutto. Come detto in precedenza, il numero di auto presenti nel gioco è aumentato parecchio dall’inizio (si parla di 162 auto compreso l’ultimo DLC) il che, per tutti i petrolhead e amanti delle auto, non può che essere un pro, pensando soprattutto al fatto che ogni auto è assolutamente riprodotta con fedeltà dal punto di vista fisico e dinamico. Se a questo poi aggiungiamo che su pc esistono le cosiddette mod, beh, potete solo immaginare quanto sia ipoteticamente infinito questo aspetto chiave del gioco. Proprio le mod sono un altro punto importantissimo: esse sono, infatti, il centro di AC. L’anima buona e cattiva del gioco; sì perché alcune sono davvero ben fatte, dei piccoli gioiellini quasi al pari dei prodotti originali Kunos, tuttavia molte auto, forse la maggior parte di esse, sono semplici copia e incolla di vetture di altri giochi, con una fisica abbozzata e niente più. Ciò non toglie che molte persone vogliano lo stesso provare la loro auto dei sogni oppure quel circuito nel quale hanno guidato nella realtà e quindi avere a disposizione letteralmente migliaia di mod (sia auto che circuiti, ma anche livree e interi campionati), è senza dubbio una caratteristica più che positiva. Cambiando discorso, sul lato tecnico Assetto Corsa è diventato di gran lunga uno dei migliori sulla piazza: visivamente è accattivante e gradevole agli occhi, complice un ottimo motore grafico ma anche una buona scalabilità che lo rende fruibile per pc di qualsiasi fascia. Inoltre l’implementazione definitiva della VR (leggesi virtual reality o realtà virtuale) è stata accolta positivamente e nonostante non l’abbia ancora provata con i miei occhi, sembra veramente essere una bellissima esperienza aggiuntiva. Il vero e proprio capolavoro che ha fatto la Kunos è però il modo in cui è stato reso veritiero e realistico e coinvolgente il Force Feedback: con qualsiasi volante si guidi è una gioia per le mani e per il cervello; le sensazioni che passano attraverso la periferica di gioco sono eccezionali, ogni asperità del tracciato si fa sentire, l’auto è viva e non è un semplice mezzo da spostare a destra e a manca. Da questo punto di vista AC è e rimane un piccolo grande capolavoro, nel mondo dei racing games. Come ci siano riusciti a me non è noto ma oggettivamente bisogna fare i complimenti ai ragazzi Kunos perché questo è davvero ciò che contraddistingue Assetto da tutti gli altri sim in circolazione. Il punto di svolta tra pro e contro lo abbiamo con i circuiti. Perché se da una parte sono quasi tutti riprodotti con l’uso della tecnica del laser scan (fatta eccezione per Zandvoort, Trento-Bondone e ovviamente le piste antiche), la quale permette di riportare in game ogni piccola imperfezione dell’asfalto, dall’altra il loro numero è piuttosto inferiore rispetto alla media e manca di alcune chicche come il Circuit de LaSarthe o Suzuka o Bathurst, giusto per citarne alcuni. Certamente nel corso del tempo sono stati aggiunti e perfezionati parecchi circuiti famosi e leggendari (vedesi Nordschleife e Spa) e in futuro è certo che vedremo approdare il mitico cavatappi di Laguna seca ma resta comunque il fatto che alla lunga, se non fosse per le già citate mod, la mancanza di una varietà di tracciati si fa sentire. Altro punto in parte dolente del simulatore italiano è il comparto sonoro e qui il discorso è simile a quello dei circuiti: molte auto hanno un audio ottimo, a volte eccezionale (penso alla Porsche 919 LMP1 2016) ma per altre vetture non è così purtroppo. Pesa soprattutto il fatto che in certi casi il rumore è artificioso, soprattutto per quanto riguarda il campionamento dall’abitacolo, nonostante gli aggiornamenti abbiano migliorato la situazione rispetto ai primi tempi. Volendo essere pignoli mancano inoltre la temperatura dell’acqua e dell’olio e su alcune auto da corsa si può intervenire su dei parametri generali mentre ne mancano degli altri e alcuni sono fissi e non possono essere cambiati; insomma, piccole cose che su altri titoli (rFactor2 su tutti) troviamo ma che, seguendo la filosofia della Kunos, verranno certamente implementati in futuro, qui o su un eventuale AC 2.0. Gli ultimi tre grandi aspetti di cui voglio parlare sono rispettivamente la mancanza di pioggia e notte, una gestione dei danni non sempre efficiente e un sistema di gare online non proprio perfetto. Per quanto riguarda il primo punto, esso è una semplice e totale mancanza e come specificato più e più volte da Massarutto, dipende dal motore grafico e fisico adottato, che non è in grado di reggere queste due importanti features. Lo stesso potrebbe valere per i danni, i quali esteticamente sono irrisori mentre meccanicamente esistono ma alle volte tendono ad essere troppo leggeri o troppo esagerati, insomma, sono ancora squilibrati e dovranno di certo essere migliorati col tempo. Diverso è il discorso multiplayer: tutti vorremmo un sistema come quello di iRacing, ma non sarà mai possibile semplicemente perché iRacing è nato per quello, ospitare gare ufficiali fra giocatori di tutto il mondo, punto e stop. Da un lato quindi Assetto Corsa offre tutt’ora, dopo anni di sforzi, dei server privati ottimi e ben regolamentati, dall’altro invece abbiamo però dei server pubblici in cui per la maggior parte del tempo si è speronati o peggio ancora spinti fuori pista. Del resto, Assetto Corsa nasce come simulatore individuale, un mezzo col quale poter guidare auto meravigliose e provare sensazioni estreme nel farlo; poi fortunatamente ha risolto problemi concernenti il mondo online ma ancora ad oggi se si cerca un titolo con cui gareggiare seriamente, non è proprio il punto di riferimento. Assetto corsa è, in definitiva, un bellissimo videogioco, un fantastico simulatore che ci permette di essere fieri del made in Italy, che nel corso di pochi anni ha saputo conquistare milioni e milioni di giocatori e appassionati di auto di tutto il pianeta, me compreso. È in grado di regalare sensazioni ed emozioni impareggiabili, volante alla mano ma anche tramite pad o mouse; è un titolo per tutti ma necessita impegno e dedizione se si vogliono ottenere risultati e se si vuole godere appieno delle sue potenzialità. Potenzialità che risiedono nel motore fisico, nell’ampio parco auto, degno di accontentare chiunque ma soprattutto nel force feedback praticamente perfetto. È vero, ha dei difetti, alcuni più rilevanti di altri; tuttavia grazie alla sua intuitività, grazie ai suoi continui e costanti aggiornamenti mai scontati, grazie all’essere molto aperto alle mod, grazie alle emozioni che sa regalare, grazie alla mentalità dei ragazzi che lavorano e lo rendono quell’ottimo prodotto che è, AC ora è diventato un caposaldo nel panorama dei simulatori di auto e diventerà, se non l’ha già fatto, un vero e proprio must have, come lo sono stati in passato altri titoli blasonati. Grazie per la lettura e alla prossima puntata, dove si parlerà nel dettaglio del boss dei simulatori, ovvero rFactor2, che finalmente, dopo anni di travaglio, sta risorgendo dalle ceneri grazie alla dedizione del team Studio-397. Commenti e discussioni sul forum A cura di Mauro Stefanoni
  23. Il trailer che vedete qui sotto ci presenta in modo dettagliato la nuova interfaccia utente di iRacing. Il team americano ha rilasciato nella notte una nuova build del software contenente appunto la UI aggiornata ed anche la nuova modalità Time Attack. Commenti e discussioni a questo link del forum. Today we are releasing our new Time Attack feature along with a preview of iRacing's new User Interface. Time Attack is a single car, hot lapping competition that ranks your fastest lap times against those of other iRacers in selected official series without regard to license levels, iRatings or Safety Ratings. Your single fastest laps for each track in the series will be added up and, based on how your total elapsed time compares with other members, you will be ranked from novice and challenger all the way to expert, pro and - finally - world champion. The new User Interface preview offers a look at the new and improved iRacing "hub" that will be launched in the coming weeks. Among its many advantages, the new UI will enable you to see race results much faster, seamlessly jump from one race to the next and, with the preview, experience the new Time Attack feature. "It's a complete overhaul of the User Interface," says Chris Page, iRacing's senior vice president of technology. "The good news is this is a whole new infrastructure so we'll be able to release it in parallel with the existing UI; you'll still be able to use the Member Site you're comfortable with but also fire up the new application and get the new experience. "We're looking forward to getting this out, because we've been working on it a really long time. But we're super excited about where we are going, because this is only the beginning."
  24. Il vulcanico e divertente Shaun Cole di The SimPit ritorna con un interessantissimo video tutorial: in "The pursuit of speed" (la ricerca della velocità), Shaun ci spiega e ci dimostra in modo chiaro e sintetico, utilizzando il software iRacing con la Mazda MX5 Cup, quanto siano importanti tutti i piccoli dettagli di guida, traiettoria, frenata e cosi via, quando si tratta di limare anche pochi decimi che possono fare però enorme differenza in qualifica e gara.
  25. Il Campionato Italiano Nascar nasce nel 2002 utilizzando "Nascar Racing 2002", nel corso degli anni si è evoluto continuando a vivere sotto il portale Lisgo e successivamente su GTitalia. Oggi dopo anni di assenza nasce nuovamente il suo portale dedicato e grazie alla passione di alcuni dei "reduci del CIN 2002" è ripartita la nostra community utiliazzando il simulatore di iRacing. Il Campionato Italiano Nascar edizione 2017, partirà da Settembre, in questo thread troverete tutte le informazioni su questo campionato. Simulatore Usato http://www.iracing.com/ Vetture: Le vetture selezionate per il campionato sono le seguenti: NASCAR XFINITY Toyota Camry NASCAR XFINITY Ford Mustang NASCAR XFINITY Chevrolet Camaro Queste vetture sono state selezionate dopo un'accurata scelta e molte ore di pratica in pista. Regole: Per la serie si applica lo Sporting Code di iRacing e, finita ogni gara, ci sarà un incontro fra tutti i piloti su TeamSpeak (obbligatorio per partecipare al campionato), per discutere e analizzare accuratamente tutti gli incidenti avvenuti in gara, questo incontro è chiamato terzo tempo. Regolamento http://www.i-cin.it/sito/Regolamento.pdf Calendario: http://www.i-cin.it/sito/calendario.php Giorni di gara: Come giorni di gara, dopo un'attenta valutazione, si sono scelti il Lunedì e il Venerdì: il Lunedì sarà il vero e proprio giorno di gara, mentre il Venerdì sarà utilizzato come giorno di pratica, nel quale tutti i piloti potranno allenarsi e creare i propri setup per la gara del Lunedì successivo. Gli orari sono ancora da perfezionare, ma per dare un'idea i server apriranno circa alle 21.00 con alcuni minuti di pratica, per dare tempo a tutti di entrare. La sessione di qualifica partirà circa alle 21.45/22.00, e non finiremo oltre la 00.00! Setup: Il setup per il campionato sarà aperto, nonostante questo, molto probabilmente, in ogni gara, nella sezione dei setup condivisi, verrà inserito un setup, che ogni pilota sarà libero di utilizzare e/o modificare a suo piacimento.
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.