DrivingItalia.NET fa parte del network di
  • Announcements

  • News

    News - articles

    Al via la DrivingItalia GTC Cup in diretta su PitlaneTV

    Mercoledi 25 gennaio, a partire dalle ore 21, si accendono i motori del DrivingItalia.NET GTC Cup, il torneo virtuale dedicato alla divertente e maneggevole Lotus Evora GTC GT4 di Assetto Corsa. Dopo una settimana di prequalifiche serratissime, in pista troveremo 22 velocissimi piloti, fra i quali esperti simdriver, come Maurizio Naselli, autore del best lap, Roberto Olivetti, Manlio Liguori e persino alcuni piloti reali, come ad esempio Gaetano Trivilino, pilota karting. Potrete seguire l'intero evento in diretta streaming web sul canale dedicato di PitlaneTV, che, a partire dalle ore 21, ci farà accomodare comodamente sulla tribuna dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, con la telecronaca di Renato Vigliotti e Mariano Calò!
     

    SRZTV, torna la mandria dell'ACF2!

    Per i protagonisti del Campionato Italiano ACF2 è già il momento di tornare in pista. All'Hungaroring, un altro tracciato particolarmente ostico e difficile da interpretare, gli iscritti dovranno dare davvero il meglio di se stessi. I fenomeni del Fast & Aged e del Fast & Aged Speed Demons si riconfermeranno davanti a tutti? Chi riuscirà questa volta a issarsi in top10? I tanti outsiders regaleranno certamente una serata di fuoco... da seguire in diretta, sul canale YouTube della SRZTV, a partire dalle 21:00 di oggi, lunedì 23 gennaio. Non mancate! Maggiori dettagli sono disponibili QUI.

    Automobilista: Clio Cup e circuiti extra

    La produzione e la qualità dei mods per l'ultimo Automobilista targato Reiza inizia ad essere particolarmente interessante: vi segnaliamo oggi la disponibilità del nuovo Clio Cup 2013 v1.3, per simulare l'omonimo e combattuto monomarca della casa francese e l'imperdibile update 1.2 del Track Megapack, un pacchettone suddiviso in due files che installa in un colpo solo oltre 20 circuiti aggiuntivi fra i più importanti, come Monza, Silverstone, Nurburgring e Laguna Seca.

    Il Formula 3 Champ ha acceso i motori

    Si e' conclusa la prima settimana del campionato RSR Formula 3 su SRS. 120 piloti si sono affrontati a Donington National. 7 gare mozzafiato, 6 gare settimanali e ieri la gara principale. Un'unica gara secca, piu' lunga ed emozionante. Tanti piloti, server pieni ogni sera, e battaglie serrate, anche se non senza incidenti. La classifica vede Fulvio Genova e Jaap Wagenwoort con lo stesso punteggio in prima posizione. Tutte le gare sono state seguite in streaming. Prossimo appuntamento: Spa Francorchamps. Il campionato e' aperto a tutti, e si puo' entrare anche a campionato in corso. Tutti i dettagli a questo link del forum.

    Automobilista: F1 1975 Season v1.1

    Da non perdere, per tutti gli appassionati della Formula 1 storica, il nuovo F1 1975 mod in versione 1.1 appena rilasciato per Automobilista. Convertito dal rispettivo mod creato originariamente per rFactor, torna ad emozionare gli appassionati del sim made in Reiza per rivivere la mitica stagione 1975 che vide il trionfo di Niki Lauda con la Ferrari.
    Potete scaricare il mod direttamente dalla nostra sezione download, mentre per commenti e discussioni in merito fate riferimento all'apposito topic del forum.
    La stagione 1975 del Campionato mondiale FIA di Formula 1 è stata, nella storia della categoria, la 26° ad assegnare il Campionato Piloti e la 18° ad assegnare il Campionato Costruttori. È iniziata il 12 gennaio e terminata il 5 ottobre, dopo 14 gare, una in meno rispetto alla stagione precedente. Il titolo dei piloti è andato per la prima volta a Niki Lauda e il titolo costruttori per la terza volta alla Scuderia Ferrari.
    Tutte le vetture impiegarono pneumatici della Goodyear. Solo la nipponica Maki annunciò l'utilizzo di pneumatici Firestone nei gran premi del Belgio e di Svezia, a cui non partecipò a causa dell'indisponibilità della vettura.
    La Hill impiegò nella prima fase della stagione un telaio costruito dalla Lola, come avvenuto nel 1974. Tutte le scuderie utilizzarono quale propulsore il Ford Cosworth DFV, tranne la Ferrari e la BRM, che costruirono il motore in proprio. La Shadow impiegò nel Gran Premio d'Austria e nel Gran Premio d'Italia, su una delle vetture, il modello Shadow DN7, un propulsore della Matra.[5] La casa francese fece così il suo rientro in F1 dopo tre anni; l'ultima partecipazione risaliva al Gran Premio degli Stati Uniti, in cui montava il motore su una propria vettura. La casa francese aveva già partecipato, come motorista, a 44 gran premi, esordendo nel 1968, ottenendo due pole; come costruttore aveva fatto il suo esordio nel 1967, e aveva vinto il titolo piloti con Jackie Stewart nel 1969, su una vettura però motorizzata Ford Cosworth.
    Era dal Gran Premio di Gran Bretagna 1973 che non si verificava che ben quattro diversi motoristi fossero presenti al via di un Gran Premio valido per il mondiale (oltre alla Matra, erano presenti in Austria anche Ford-Cosworth, Ferrari e BRM).
     

    DrivingItalia.NET Members Map: quanto siamo lontani?

    Abbiamo appena attivato su DrivingItalia.NET la straordinaria Members Map (raggiungibile dal menu a tendina Contents -> Member map): fai click su My Location, inserisci la tua posizione e vediamo sulla mappa quanto sono vicini (o lontani) tutti gli appassionati di simracing del pianeta ! Una community davvero... VISIBILE!
    Correte a questo topic del forum per tutte le ultime novità, le vostre domande e commenti.

    Digital Bros acquista Kunos Simulazioni

    Con un lungo e dettagliato comunicato stampa riportato qui di seguito, il gruppo Digital Bros annuncia l'acquisizione del 100% della Kunos Simulazioni. Una grande soddisfazione ed un grande riconoscimento per la "piccola" società Kunos di Stefano Casillo e Marco Massarutto. Commenti e discussioni sul forum dedicato.
    Digital Bros acquisterà il 100% di Kunos Simulazioni
    Il Consiglio di Amministrazione della Digital Bros, quotata al segmento Star di Borsa Italiana e attiva nel settore del digital entertainment, riunitosi in data odierna ha approvato la sottoscrizione di un accordo di investimento avente per oggetto l'acquisizione del 100% del capitale della Kunos Simulazioni.
    Il Consiglio di Amministrazione della Digital Bros, quotata al segmento Star di Borsa Italiana e attiva nel settore del digital entertainment, riunitosi in data odierna ha approvato la sottoscrizione di un accordo di investimento avente per oggetto l'acquisizione del 100% del capitale della Kunos Simulazioni S.r.l., sviluppatore italiano di Assetto Corsa. Nella stessa seduta sono stati individuati altresì i beneficiari delle opzioni del "Piano di stock option 2016-2026" (il "Piano"), recentemente approvato dall'Assemblea degli Azionisti, i quantitativi delle opzioni assegnate, le finestre di esercizio ed il prezzo unitario di sottoscrizione.
    Acquisizione del 100% Kunos Simulazioni S.r.l.
    Kunos Simulazioni S.r.l. è una società italiana con sede a Formello (RM) che vanta un'esperienza pluriennale all'avanguardia nella realizzazione di simulatori per le principali aziende automobilistiche italiane. A seguito di quest'esperienza ha sviluppato e lanciato sul mercato nel corso del 2014 Assetto Corsa, un videogioco che ha riscosso grande successo di critica e pubblico nelle versioni PC Steam, Sony Playstation 4 e Microsoft Xbox One, con oltre 1,4 milioni di copie vendute nel mondo ad oggi. 505 Games, la divisione del Gruppo Digital Bros che si occupa di publishing internazionale di videogiochi, ha nel corso del 2015 siglato un accordo di edizione delle versioni console. Assetto Corsa mette a disposizione dei giocatori 150 vetture, riprodotte in ogni aspetto, provenienti dai marchi più prestigiosi dell'automotive mondiale come Alfa Romeo, Audi, BMW, Ferrari, Porsche e molti altri. Grazie all'utilizzo della tecnologia Laser Scan, ogni singolo dettaglio dei più famosi tracciati del mondo è stato riprodotto con il massimo del livello di precisione rendendo il videogioco una vera e propria simulazione di guida sportiva. Con questa acquisizione il Gruppo Digital Bros intende crescere sempre di più come editore e sviluppatore di giochi in grado di riscuotere successo a livello mondiale e di essere sempre pronto a soddisfare le richieste di un pubblico sempre più esigente. L'acquisizione permette il controllo integrale della proprietà intellettuale e la possibilità per il Gruppo di investire sui futuri sviluppi di nuove versioni dei Assetto Corsa beneficiando di un marchio estremamente ben posizionato nel mercato mondiale dei videogiochi. Il fatto che il Gruppo detenga già i diritti di edizione di Assetto Corsa per la versione console comporta altresì delle sinergie in tema di posizionamento del marchio ed ottimizzazione degli investimenti pubblicitari nel momento in cui i diritti vengano ad essere detenuti interamente dal Gruppo.
    L'operazione prevede l'acquisizione da parte di Digital Bros S.p.A. del 100% delle quote della società Kunos Simulazioni S.r.l., detenute dai due soci fondatori Stefano Casillo e Marco Massarutto in via paritetica, per un prezzo nominale complessivo pari a Euro 4.341.500 euro che verranno corrisposte secondo le seguenti modalità:
    Euro 1.375.000 interamente in denaro alla data di esecuzione;
    Euro 1.375.000 interamente in denaro entro un anno dalla data di esecuzione;
    Euro 1.591.500 mediante l'emissione di nuove 150.000 azioni ordinarie Digital Bros ad un prezzo unitario di 10,61 Euro pari alla media aritmetica dei prezzi di riferimento delle azioni Digital Bros degli ultimi sei mesi. L'emissione sarà soggetta all'approvazione dell'Assemblea degli Azionisti che sarà convocata per il prossimo 13 marzo.
    In assenza di dati finanziari della Kunos Simulazioni S.r.l. al 31 dicembre 2016, la determinazione del prezzo è stata effettuata ipotizzando un patrimonio netto alla stessa data pari a 10.000 Euro, eventuali variazioni rispetto a tale valore costituiranno una variazione in aumento o diminuzione della seconda rata di pagamento in contanti. Kunos Simulazioni S.r.l. ha realizzato nel corso dell'esercizio al 31 dicembre 2015, ultimo bilancio d'esercizio disponibile, ricavi per 3,3 milioni di Euro ed un utile netto di 1,7 milioni di Euro. Il patrimonio netto al 31 dicembre 2015 era pari a 3,1 milioni di Euro. Nessuna particolare forma di finanziamento è stata prevista per l'operazione che verrà pertanto finanziata attraverso le esistenti linee di credito e la cui data di esecuzione è prevista entro il 30 aprile 2017. L'accordo è vincolante tra le parti ed è sottoposto a condizione sospensiva per effetto di eventuali rilievi significativi che potranno emergere dal processo di due diligence che sarà messo in atto non appena i dati finanziari al 31 dicembre 2016 saranno disponibili nonché alla delibera positiva dell'Assemblea degli Azionisti di Digital Bros. La azioni che saranno emesse a favore dei due soci venditori saranno interamente disponibili nel momento in cui il Consiglio di Amministrazione della Digital Bros avrà completato gli adempimenti previsti dall'art. 2343-quater del Codice Civile. Si prevede che l'acquisizione non influenzerà significativamente i dati previsionali del Gruppo diffusi in precedenza.
    "Piano di Stock option 2016-2026" ("il Piano")
    Il Consiglio di Amministrazione, dando seguito al mandato attribuitogli dall'Assemblea degli Azionisti avvenuta in data 11 gennaio 2017, ha deliberato l'assegnazione di 744.000 opzioni a 14 beneficiari del Piano, i quantitativi delle opzioni assegnate, le finestre di esercizio ed il prezzo unitario di sottoscrizione. Il Piano ha durata fino al 30 giugno 2026 e a seguito dell'assegnazione potranno essere sottoscritte 744.000 azioni ordinarie Digital Bros al prezzo di Euro 10,61 per azione, così ripartite:
    - n. 223.200 azioni a partire dal 1luglio 2019;
    - n. 223.200 azioni a partire dal 1 luglio 2022;
    - n. 297.600 azioni a partire dal 1 luglio 2025.
    La sottoscrizione avverrà con il pagamento di 10,61 Euro per azione, pari alla media aritmetica dei prezzi di riferimento delle azioni Digital Bros dei sei mesi antecedenti la data odierna. Gli assegnatari dei diritti delle opzioni sono:
    - il Presidente del Consiglio di Amministrazione Abramo Galante al quale sono attribuite 200.000 opzioni;
    - l'Amministratore Delegato Raffaele Galante al quale sono attribuite 200.000 opzioni;
    - il Consigliere Esecutivo Stefano Salbe al quale sono attribuite 120.000 opzioni;
    - il Consigliere Esecutivo Dario Treves al quale sono attribuite 50.000 opzioni;
    - 10 dipendenti del Gruppo Digital Bros ai quali sono state assegnate 174.000 opzioni.
    Raffaele Galante, Amministratore Delegato di Digital Bros S.p.A. commenta – "Queste due operazioni sottolineano in maniera chiara qual è l'orientamento che il Gruppo intende perseguire in una prospettiva di lungo termine, ossia quella di essere sempre presenti, competitivi e professionalmente preparati in un settore, quello del videogame, che è costantemente in evoluzione. Da un lato infatti riteniamo che il Piano di stock option costituisca il principale strumento di incentivazione a lungo termine attraverso il quale il Gruppo intende preservare il capitale umano di cui dispone. Dall'altro, l'acquisizione di Kunos rafforza il portafoglio delle IP (Intellectual Properties) detenute dal Gruppo, e siamo sicuri che grazie anche alle figure professionali di indubbio e provato talento che formano il team di Kunos raggiungeremo grandi traguardi".
     

    Video tributo: Stefan Bellof

    Il nostro amico Pinor ritorna con un altro dei suoi spettacolari video artistici dedicati ad Assetto Corsa: questa volta il trailer è un omaggio al compianto Stefan Bellof, campione del mondo Endurance nel 1984, che il primo settembre 1985 partecipò alla 1000 km di Spa con la Porsche 956B ed in un tentativo di sorpasso al leader della gara Jacky Ickx sulla Porsche 962C ufficiale, che da alcuni giri gli resisteva tenacemente, venne chiuso da Ickx al Raidillon e si schiantò frontalmente, a circa 260 km/h, contro il muretto di cemento all'esterno della curva, non lasciandogli scampo.
    Stefan Bellof, un giovane grande talento che certamente tanto altro avrebbe dato al motorsport ma che purtroppo ci ha lasciato in maniera tragica e prematura nel 1985. Ci sono record che rimangono li' a ricordare i Grandi campioni e il suo in particolare sul Nordschleife con una Porsche 956 e' ancora oggi imbattuto ed impressionante.
     
     

    DrivingItalia.NET diventa... CLUB !

    Come avrete già notato visitando la nostra home page, abbiamo cambiato "vestito". Mentre il nuovo layout aggiornato del sito era già attivo da qualche giorno, oggi abbiamo pubblicato anche la nostra nuova veste grafica, che abbiamo denominato CLUB (creata dal bravissimo IPBHero) Noi ce ne siamo già innamorati, ma se a voi non piace non c'è problema: la grafica tradizionale bianca e azzurra è sempre disponibile, basta selezionarla dal menu "Theme" che si trova in fondo al sito. Fateci sapere però cosa ne pensate e segnalateci eventuali problemi nell'apposito topic del forum.

    Las Vegas eRace: si doveva fare meglio...

    Sono passate quasi 2 settimane e si sono ormai spenti i riflettori a Las Vegas sull'evento della Visa Vegas eRace, la gara "simracing" con 10 piloti reali della Formula E ed altrettanti piloti virtuali, con spettacolo e polemiche che non sono mancate. Bono Huis ha trionfato con merito, dopo la decisione dei commissari di gara di penalizzare Olli Pahkala, primo sul traguardo. Bravi con l'amaro in bocca i simdrivers italiani: David Greco, 5° in qualifica, dopo un incidente, si deve accontentare del 15° posto, ma con la soddisfazione del giro più veloce in gara, mentre Enzo Bonito, partito 9°, giunge ottimo 4° al traguardo. Fin qui la breve cronaca, per una gara che, a tratti, è stata anche emozionante.
    In questi giorni però, in tantissimi mi hanno fatto la stessa domanda: "Tu che sei nel simracing da 20 anni, cosa ne pensi?". Riflettendo sul fatto che forse, a quasi 50 anni suonati, inizio ad essere troppo vecchio per certe cose... mi permetto di scrivere due righe, più che altro perchè forse la mia opinione potrebbe servire come punto di partenza per alcune riflessioni. Io penso che si doveva e poteva fare meglio. Mi spiego...

    La fase preparatoria ed organizzativa iniziale dell'intero torneo "Road to Vegas" era partita benissimo, con grande pubblicità, attenzione dei media, sponsors, grande interesse da parte di tutti i piloti virtuali e la naturale soddisfazione nell'ambiente simracing nel pensare "finalmente si sono accorti di noi!". La dura realtà, a ben vedere, è stata poi un'altra: chi davvero ci ha guadagnato, a cominciare da una grandissima visibilità che sopratutto in certi ambienti non aveva, è stato proprio il campionato di Formula E (e tutto quello che gli gira intorno) che, a mio avviso, è semplicemente un grande show ben confezionato, per muovere un tot di milioni di dollari, di certo non si tratta di motorsport. La Formula E voleva attirare l'attenzione e curiosità di una certa parte di pubblico e fans, soprattutto i giovani, è riuscita pienamente nell'intento. Il simracing invece, ha recitato quasi una parte da comprimario, in talune circostanze recitando persino male.

    La scelta di utilizzare rFactor 2 come simulatore base per quello che di fatto era un mod dedicato alla Formula E, poteva presentare alcune problematiche, che immancabilmente hanno fatto la loro comparsa. rFactor 2, pur essendo un ottimo sim, con caratteristiche molto interessanti, è di fatto ancora oggi un software in fase di sviluppo, non certo completo, affidabile al 100% e, cosa assai importante visto che doveva far girare un mod, compreso e sfruttato in pieno proprio dai modders. Infatti Olli Pahkala è giunto primo sul traguardo approfittando proprio di un bug del software: il turbo boost (tipico della Formula E) ha inspiegabilmente spinto il buon Olli per 6 giri invece che sei secondi, per la serie "mi piace vincere facile"....
    Lo stesso Olli Pahkala ha fatto una pessima figura, avendo "barato" sapendo di farlo, visto che il pulsantino magico lo premeva lui. Basta guardare del resto cosa è successo alla cerimonia di premiazione, prima dell'intervento dei giudici con la penalità: Huis era infuriato e non voleva neppure salire sul podio, mentre Olli si comportava come se nulla fosse successo! Ma i simdriver, a tale livello poi, non devono essere tutti STRAcorretti? Il team Redline, del quale fanno parte sia Olli che Bono, si è affrettato a buttare acqua sul fuoco, resta il fatto che non si è fatta una bella figura di correttezza e professionalità.


    Nella fase eliminatoria di qualificazione, precedente alla finalissima di Las Vegas, svoltasi anche online, non sono mancati i problemi tecnici, con sconnessioni dei clients, contatti fra le monoposto rilevati male o non rilevati affatto e cosi via. Voi starete pensando che si tratta del nostro pane quotidiano, verissimo, ma sono situazioni non accettabili in eventi di questo livello!

    Siccome poi non posso pensare che, con 1 milione di dollari di montepremi, si sia risparmiato sulla qualità software, è evidente che chi si è occupato della creazione del mod Formula E con relative piste, abbia fatto un lavoro a dir poco grossolano e frettoloso, oltre che di scarsa qualità persino grafica: se guardate lo streaming della finale di Las Vegas, avrete forse la sensazione di guardare il mitico Grand Prix di Crammond ! Sappiamo invece che rFactor 2, pur non potendo raggiungere i livelli di un Project CARS o Assetto Corsa, può però offrire sotto questo aspetto molto di più di quello che abbiamo visto. Invece ha fatto una brutta figura.
    Per non parlare poi del fatto che, per un simile evento, con 20 piloti in pista tutti aggueritissimi, gli organizzatori hanno pensato bene di utilizzare delle postazioni con monitor singolo, mentre il triplo monitor non solo sarebbe stato molto più scenografico, ma avrebbe offerto una visuale più ampia e laterale ai piloti, che per esempio avrebbe potuto evitare il crash di David Greco. E non venitemi a raccontare che 3 monitor x 20 postazioni avrebbero occupato troppo spazio: erano al CES di Las Vegas, lo spazio c'era!
    Anche a livello prettamente tecnico non sono mancati i guai: la corsa è stata costretta ad una riduzione della lunghezza a 20 giri (e non si è capito perchè), mentre il povero Lucas Di Grassi non è riuscito neppure a prendere il via a causa di una avaria al suo simulatore...

    La diretta streaming dell'evento, molto importante per promozionare un evento cosi nuovo per la massa, è stata un mezzo fiasco: tempi morti lunghissimi, pessima qualità video, sovraimpressioni con classifiche e distacchi assenti o poco chiare, cronaca noiosa, mancanza di una inquadratura live sul pilota in postazione. In confronto, i nostri amici di PitlaneTV sono Sky F1 !

    La classifica finale ha visto ben cinque simdrivers (sui dieci presenti) classificati nelle prime sei posizioni, con solo Felix Rosenqvist capace di inserirsi al 3° posto. Come accennato, dopo il podio, Bonito 4°, poi Aleksi Uusi-Jaakola ed il tanto atteso Greger Huttu che invece ha sostanzialmente deluso le aspettative, visto che non ha mai brillato. Settimo il tre volte campione del mondo turismo José María López, poi il pilota Ferrari GT che a fine mese sarà al via a Daytona Sam Bird, il pilota Audi Daniel Abt ed il campione della prima stagione Formula E ed ex F.1 "Nelsinho" Piquet. Verrebbe da chiedersi: possibile che dei piloti reali siano cosi schiappe al simulatore? E' possibile che non abbiamo dimestichezza con il virtuale, ma allora perchè non si sono allenati? Secondo me la realtà è che i piloti reali hanno preso l'evento nel modo che noi simdrivers non accetteremmo mai di definire: un GIOCO. Non si sono impegnati più di tanto insomma, pur essendosi divertiti. Basta guardare l'espressione di Rosenqvist in gara: lui sudava, gli altri no... Come ho già detto: uno show in stile tipicamente USA.
    Alejandro Agag, Fondatore & CEO della Formula E, ha commentato: “Questa prima eRace a Las Vegas è stato un grande successo. È esaltante l'aver portato la Formula E al CES - il più grande ed importante evento tecnologico al mondo. Credo questo possa essere il primo nel grande futuro della Formula E nelle gare di auto negli eSports. Continueremo ad inseguire nuovi ed innovativi modi per far crescere la nostra presenza in questo mondo che sta crescendo così velocemente, mentre cercheremo di mantenere il coinvolgimento dei fan all'avanguardia di tutte le nostre iniziative.”
    Alejandro ci ha detto tutto, facciamo in modo, la prossima volta, di fargli vedere anche noi cosa siamo capaci di fare. Commenti e discussioni sul forum.