Jump to content

Logo

Search Articles




latest topics


Recent Comments


Sport



Nuova avventura per Pantano!

Apr 15 2014 08:00 AM | giopan in Sport

Cari amici, eccoci pronti per una nuova stagione, si parte domani, destinazione Francia, dopo la vittoria dei 2 titoli nel GT Open, saremo impegnati nel combattutissimo campionato Blancpain GT Series. Sarà una stagione emozionante, tante auto e piloti competitivi di talento, ovviamente io correrò con l’auto che tante soddisfazioni mi ha dato: la McLaren MP4-12C GT3, con il team Bhai Tech. Un ringraziamento a tutti i tifosi che quotidianamente mi sono vicini, dandomi sempre la carica per ottenere grandi risultati, vi terrò aggiornati, grazie ancora, a presto.

Giorgio Pantano

Per commenti e domande correte sul forum dedicato.

Read story →    0 comments    -----

"Naska" Fontana VS Arturo Merzario

Mar 04 2014 11:51 PM | naska in Sport

Alberto Fontana, per gli amici "Naska", è stato uno degli esempi più evidenti di pilota che passa dalle gare virtuali a quelle reali. Dopo 6 anni di simulazioni di guida su rFactor, infatti, nel 2012 vince il talent show Make It Your Race organizzato dalla Abarth, in seguito al quale ottiene di correre una stagione intera come pilota ufficiale Abarth nel trofeo benelux disputato nel 2013. A stagione finita, Alberto ha deciso di raccontare la sua stagione gara dopo gara e oggi ci propone il resoconto della sua gara corsa sulla pista di Zandvoort. Cos'ha di speciale questa gara? Il fatto che Alberto si è ritrovato a dover lottare per il podio nientemeno che con una leggenda vivente della Formula 1: il grande Arturo Merzario. Ecco il video con gli highlights della gara, commentato da Alberto Fontana in persona. Potrete, inoltre, visualizzare tutti i risultati di Alberto Fontana sulla sua pagina ufficiale di Racebooking.net.




Read story →    0 comments    -----

Dal sim alla realtà: Mardenborough in GP3!

Feb 17 2014 05:20 PM | VELOCIPEDE in Sport

Jann Mardenborough ingaggiato dalla Arden!
Dai videogiochi alla realtà. Continua la scalata ai vertici del motorsport per il britannico Jann Mardenborough, confermato oggi dalla scuderia Arden di GP3 come pilota ufficiale per la stagione 2014.

- 2011 GT Academy winner to compete in GP3 with Arden International after just two seasons of racing
- Mardenborough joins intensive driver development programme with Infiniti Red Bull Racing
- Nissan PlayStation GT Academy now confirmed as a genuine alternative route into professional motorsport

Jann Mardenborough will compete in Formula One feeder series, GP3, in 2014 with the championship-winning Arden International team. The 2011 GT Academy winner also joins an intensive driver development programme with Infiniti Red Bull Racing, the most successful Formula One team of recent times.
In the last two seasons Mardenborough has competed and excelled in GT cars, Le Mans Prototypes and single-seaters, his most recent efforts earning him the runner-up spot in the New Zealand-based TRS single-seater championship. His podium finish at Le Mans in 2013 came two years to the day after he reached the final stages of GT Academy in 2011.

Arden International was selected for its championship-winning pedigree. The team's most recent success story is that of Russian racer Daniil Kyvat who won the GP3 title with Arden in 2013 and will now race in F1 with Toro Rosso in 2014.
A crucial element of GT Academy is Nissan's driver development programme, which helps the winners switch from the virtual world of gaming to the reality of the race track. This is where Jann learnt his craft. He will now add on a bespoke development programme with Infiniti Red Bull Racing to push his talent as far as it will go.

"We're delighted to welcome Jann onto our programme," said Andy Damerum, Red Bull Racing's driver development manager. "We have been tracking Nissan's innovative approach to motorsport and in particular GT Academy that challenges the status quo of motorsport. The traditional route to F1 of karting and single-seaters is a tried and tested success but Nissan and PlayStation have gone down a very different road and started to find some very talented drivers who have been doing all their practicing on a games console. I'm very interested to see how Jann fares on our programme and in GP3 this season and I look forward to taking him under the Infiniti Red Bull Racing wing to further progress his career. "

The mentor for the UK finalists of GT Academy 2011 was none other than Johnny Herbert, who has kept a close eye on Jann ever since.
"I have been mightily impressed with what Jann has achieved since winning GT Academy," said Herbert. "For someone with Jann's experience doing so well is very rare to see. Last year he raced in the European F3 series which is hell of a tough challenge during your first season; the fact that it was Jann's first season in any kind of single-seaters is incredible. Whilst he has had a very successful first year in GT racing and he has now got an amazing result at Le Mans 24 Hours under his belt, he is competing against drivers that have grown up with seasons of karting and single-seater experience behind them.

His talent has not only impressed me, but has now got experienced figureheads in motorsport talking about what Jann, Nissan and GT Academy is achieving," continued Herbert. "The world of motorsport is recognising that GT Academy is helping bring talented young blood into the sport. The success of Jann and other GT Academy winners is also inspiring a new legion of gaming and motorsport fans by giving them a new route to becoming a professional racing driver. The only question that remains unanswered is 'Can a gamer make it all the way to F1?'"

"Jann's progress is just the tip of the iceberg for the success of the graduates of GT Academy," said Nissan's Director of Global Motosport, Darren Cox. "Last year we took 41 podiums around the world including Le Mans, the Spa 24 hours and the Dubai 24 hours and won two championships in the GT-R Nismo. The innovation is now obvious to everyone who looks into the detail, however like most innovations this was not the case when we kicked the programme off six years ago. Nissan and Playstation have bought motorsport to a new generation of digital fans and now we are expanding even further geographically. Recent additions to our core markets of Europe, Russia and USA are India and the Middle East and more new markets will be announced in the coming weeks."




Read story →    0 comments    -----

Intervista ad Allan McNish

Feb 09 2014 03:35 PM | VELOCIPEDE in Sport

Il team di RaceDepartment ha avuto l'occasione di intervistare lo scozzese Allan McNish, pilota vero veterano del motorismo da competizione. Oltre a parlare della sua lunga carriera, Allan ha risposto anche ad alcune domande relative al simracing, considerando anche la sua ben nota collaborazione con il team di Simraceway.

I think (sim racing) is an interesting part of the future for driver development and the culture of motorsport – right now the future is with the people that are actually online in sim [games] as opposed to the ones that are trying to cut it in other ways because the little kids [who are racing online] are just one big head-start away from the opposition and that’s what we always want in racing.

Read story →    0 comments    -----

Dal sim alla realtà: Atze Kerkhof

Jan 30 2014 03:45 PM | VELOCIPEDE in Sport

Il team di BSimRacing ci racconta la storia di Atze Kerkhof: un velocissimo pilota virtuale, della scuderia Team Redline, classificatosi addirittura al secondo posto nel iRacing Formula 1 World Championship 2013, che ora sta accarezzando il sogno di correre nella realtà nel campionato tedesco di Formula 3. Il problema maggiore è quello di mettere assieme il budget necessario per una stagione: ben €400.000... Voi cosa ne pensate ?

“The first thing that struck me, or rather surprised me, was the physical aspect. While I’m very used to physical demands, after my first 10 laps I was broken.Nothing prepared me for the forces that are experienced in the car. Yet, as the day progressed, the more I got the feeling that I knew from the racing sim, it was becoming easier.”

Read story →    1 comments    -----

Formula 1: ecco la Ferrari F14-T

Jan 25 2014 02:00 PM | VELOCIPEDE in Sport

Telaio
Gli appassionati che seguono la Scuderia saranno in grado di osservare sulla F14 T delle soluzioni tecniche sviluppate nelle monoposto precedenti e alcune aree di continuità come le sospensioni a tirante, sia sull’anteriore che sul posteriore. Peraltro, al di là di questi elementi facilmente identificabili, sono davvero pochi i punti di collegamento tra la vettura 2014 e quelle che l’hanno preceduta.
Esternamente la vettura è molto diversa dalle monoposto viste negli ultimi anni: le modifiche regolamentari hanno obbligato i progettisti ad abbassare per motivi di sicurezza sia il telaio che il musetto, dando alla F14 T un aspetto molto diverso dalla F138. Una delle numerose sfide tecniche affrontate in questo progetto è stata quella del riposizionamento della sospensione anteriore in una scocca molto più bassa rispetto a quella precedente.
L’ala posteriore non ripropone invece alcun particolare simile alle precedenti versioni. I nuovi regolamenti hanno imposto tre modifiche rispetto allo scorso anno, richiedendo una corsa più ampia del sistema DRS, una minore profondità dell’ala posteriore e, infine, la rimozione del profilo alare inferiore. Quest’ultima modifica ha richiesto la realizzazione di una struttura in posizione centrale per sostenere il profilo principale dell’ala. Per regolamento, l’ala anteriore è stata ridotta di 75 millimetri su entrambi i lati, al fine di renderla meno vulnerabile alle collisioni con altri veicoli o con le barriere a bordo pista. Questo cambiamento, probabilmente uno dei meno percepiti nel confronto con una monoposto 2013, ha avuto un profondo effetto sull’aerodinamica del veicolo. Le ali anteriori utilizzate a partire dal 2009 erano state ideate e realizzate per arrivare a coprire la superficie davanti agli pneumatici anteriori, al fine di massimizzare il carico aerodinamico. Il cambiamento del regolamento 2014, anche se di appena 75 millimetri, ha reso quindi necessaria una revisione completa dell’ala anteriore.

Integrazione
Le novità visibili ad occhio nudo sono di per se già sorprendenti, ma gli aspetti della F14 T che contengono il maggior numero di cambiamenti sono rigorosamente sotto la carrozzeria. La nuova vettura ha necessità di raffreddamento completamente diverse rispetto alla precedente e ha richiesto profondi studi. I radiatori dedicati ad acqua e olio-motore sono di dimensioni ridotte rispetto al passato, come richiesto dalle minori esigenze di raffreddamento del motore termico V6 posto all’interno del motopropulsore. Ai progettisti è stato anche richiesto di collocare nella vettura l’intercooler per il nuovo sistema turbo-compressore e di gestire lo smaltimento del calore delle componenti dell’ERS, molto maggiore rispetto al precedente sistema di recupero dell’energia cinetica. Una maggiore capacità di raffreddamento equivale a disporre di potenza superiore ma il tutto va a scapito del carico aerodinamico: i progettisti hanno dovuto pertanto trovare il giusto compromesso tra livello di raffreddamento e carico aerodinamico. Questa è stata una delle fasi nella quale il vantaggio di progettare insieme sotto lo stesso tetto sia il motopropulsore che il telaio e i sistemi della monoposto si è rivelato un beneficio. Dopo aver deliberato l’ideale livello complessivo di raffreddamento, è stato dedicato molto tempo alla collocazione delle varie componenti nella vettura e ai flussi d’aria destinati alla gestione delle loro temperature d’esercizio.

Freni
Il sistema frenante è stato completamente riprogettato per adattare la macchina ai cambiamenti del regolamento tecnico. Uno degli obiettivi principali da raggiungere è stato l’incremento della capacità frenante sull’asse anteriore, mentre, in stretta collaborazione con la Brembo, si sta ancora lavorando per ridurre le dimensioni delle pinze idrauliche posteriori. Si tratta di un cambiamento reso possibile dal maggiore effetto frenante che viene garantito dal motore ERS. Inoltre, come consentito dal regolamento, la monoposto di Formula 1 avrà un sistema brake-by-wire, un dispositivo che consente di ottimizzare la modulazione del pedale e il bilanciamento durante le operazioni di frenata, grazie anche alla forza frenante offerta nelle diverse fasi di gestione dell’ERS. Oltre alle innumerevoli modifiche hardware, i regolamenti 2014 hanno richiesto un corposo aggiornamento ed ampliamento del software. Tra le varie funzioni sulla nuova monoposto, c’è anche quella di garantire la massima efficienza della vettura rapportata alla disponibilità del carburante.

Trasmissione
Il motopropulsore 2014 produrrà picchi di potenza maggiori rispetto ai propulsori 2013, garantendo un valore di coppia superiore ad un numero di giri inferiore. Il regolamento in vigore da questa stagione impone inoltre di fissare una scelta di soli otto rapporti da utilizzare per tutta la durata del campionato. Un obbligo che ha avuto un impatto importante sui sistemi di trasmissione, risultati molto differenti rispetto alle precedenti generazioni. La trasmissione della F14 T è stata progettata con l’obiettivo di assicurare una buona efficienza e, soprattutto, un alto livello di affidabilità.

Peso e pneumatici
La complessità dei regolamenti 2014 ha reso ancor più difficile realizzare un progetto che rimanesse sotto il limite imposto in termini di peso minimo (691 kg). Il controllo di questo aspetto e la conseguente capacità di avere maggiore o minore zavorra, necessaria per gestire e sviluppare la vettura durante la stagione, è stata una delle sfide più importanti del progetto. Un’altra, altrettanto significativa, è rappresentata dall’integrazione con i nuovi pneumatici che la Pirelli introduce a partire da quest’anno. La capacità della F14 T di sfruttarne al meglio le caratteristiche sarà una delle chiavi di volta per capire se i nostri sforzi porteranno i frutti sperati.

Read story →    0 comments    -----

F1: Raikkonen si allena al simulatore

Jan 18 2014 03:00 PM | VELOCIPEDE in Sport

Quando mancano due mesi al via del Mondiale 2014 di Formula 1, il clima inizia ad essere già caldo, non solo grazie ai nuovi motori Turbo... Come sappiamo, i cambiamenti della prossima stagione saranno numerosi ed importanti, l'uso dei simulatori sarà quindi probabilmente ancora più incisivo, ma mentre Luca di Montezemolo non sembra apprezzarli del tutto, il nuovo pilota della Rossa numero 7, Kimi Raikkonen, ha lavorato per tutta la settimana proprio al simulatore di Maranello:

"Con questa squadra possiamo ambire alla vittoria del Mondiale. E' bello essere tornati e rivedere tutte quelle persone che erano già qui l'ultima volta. Finora è stato tutto molto positivo ed emozionante. Ho iniziato a lavorare al simulatore, è utile soprattutto per imparare e adattarsi alle nuove procedure e ai vari pulsanti".
In merito alle novità introdotte in vista della prossima stagione: "Non credo che influenzeranno molto la guida di noi piloti. Ci sono nuovi pulsanti e nuove cose da seguire, ma aspettiamo. Sarà più facile dire qualcosa dopo le prime prove. Il problema sarà per i meccanici, alle prese con un nuovo motore e un nuovo cambio".



Read story →    0 comments    -----

Montezemolo: "Il simulatore F1 è una barzel...

Dec 26 2013 05:40 PM | VELOCIPEDE in Sport

In merito al problema relativo ai costi della Formula 1 si continua a discutere animatamente. Oggi è arrivata una dichiarazione di Luca Cordero di Montezemolo che ha però preso di mira anche l’uso dei simulatori e chi non ha le risorse per i test. “E’ una barzelletta - ha detto durante i festeggiamenti di Natale a Maranello - siamo stati costretti ad investire un sacco di soldi in queste macchine terribili invece che provare a Fiorano e al Mugello. Se qualcuno non ha soldi per provare, vada a correre in GP2, nei kart o a giocare a basket. Prima di tutto bisognerebbe provare per dare ai nuovi piloti la possibilità di girare e fare esperienza.”
Montezemolo ha anche indicato il pubblico come possibile parte in causa. “Bisogna dare più opportunità al pubblico perché tra una gara e l’altra c’è il silenzio e può essere anche importante per gli sponsor. I test non sono più costosi che sviluppare ogni mese il terribile simulatore. Dovremmo intervenire anche su questo”. Che la responsabilità della situazione attuale in F.1 sia anche del “mostro” simulatore? Commenti e discussioni sul forum.

[Fonte Autosport]

Read story →    0 comments    -----

L'importanza della simulazione per un pilota

Dec 07 2013 08:55 AM | VELOCIPEDE in Sport

"The Importance of Simulation for Race Drivers", ovvero l'importanza della simulazione di guida per un pilota, è il titolo di un articolo molto interessante pubblicato su iRacing News, che ci parla di quanto sia stato utile l'allenamento virtuale con iRacing per Michael Epps, un giovane pilota nord americano che corre nel campionato Cooper Tires USF2000.

So I definitely think there is a correlation between a driver’s results and how much time they spend in the simulator, hence why those drivers at the top of this sport use ones provided by their teams. It’s much cheaper than actually testing, and with the right gear (as in equipment) you can actually get more out of a day on the sim than in real life, especially since you can control the conditions. I guarantee that most of the drivers at the sharp end of any competitive grid have used or are using simulation to their advantage, and if you are competing in a series and not using some form of simulator I would definitely suggest looking into it. It could turn out to be budget well spent.

Read story →    0 comments    -----

Chelsea (V8 Supercar) si allena con iRacing

Nov 23 2013 09:00 AM | VELOCIPEDE in Sport

Non è ormai più un mistero il fatto che tantissimi piloti reali usino i simulatori per allenarsi ed imparare i circuiti, ma la notizia particolare di oggi è che il pilota in questione è anche una bella ragazza, che risponde al nome di Chelsea Angelo e che anche grazie ad iRacing ha avuto modo di iniziare la sua carriera nel campionato V8 Supercar! Dettagli e commenti sul forum.
It’s an understatement to say February 27 figures to be a big day in the life of Chelsea Angelo. That’s when Angelo is slated to make her debut for Evans Motorsport in the 2014 Dunlop V8 Supercar Series opener at Adelaide. The development series for the V8 Supercar Series itself, the Dunlop V8 Supercar Series propelled 2012 champion Scott T McLaughlin into the 2013 V8 Supercar Series...
“iRacing has been the best thing that has happened to me, Not only is it fun, it’s very realistic which is why it helps me a lot whenever I jump in my car to do a test day or race. iRacing definitely helped me to adapt to my Formula Ford. It’s helped me again with race craft. But not only that; it’s helped me being smooth in a car which I think is very important for a racer. For a long time Phillip Island was the only current Australia track on the service, but it’s very helpful for me to adapt to the race track and help me to learn new lines that I haven’t tried before. It’s also good to do different things like braking later into a corner or getting on the throttle earlier since there’s no cost in iRacing Posted Image

Read story →    0 comments    -----